Storia puramente erotica: non è una giornata come le altre

di | 22 de Febbraio, 2024

Mi sono sempre piaciute le ragazze paffute con grandi tette, culi grandi e un atteggiamento birichino; Da questo punto di vista alla mia età non si può perdere nessuna occasione ed è per questo che ogni volta che si presenta qualcosa cerco di coglierla e approfittarne. Recentemente ho dovuto fare degli affari in centro città e ho scelto di usare la mia tessera senior per prendere la metropolitana; Ecco perché, di prima mattina, ho lasciato l’auto in un parcheggio e sono salita su un treno diretto a destinazione. Durante il viaggio qualcosa attirò la mia attenzione; Era una ragazza paffuta con grossi seni gonfi in canottiera, seduta su una panchina laterale, impegnata con il cellulare; Indossava pantaloncini attillati che mettevano in mostra le sue gambe grosse, creando qualcosa di ancora più interessante.

Dato che non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso, non le ci volle molto per notare le mie molestie visive; Dapprima mi guardò con una certa serietà sul volto, che presto si addolcì fino a diventare un po’ allegro; Ho pensato che si sentisse visivamente elogiata e sicuramente meritasse la mia attenzione; Abbiamo fatto questo piccolo gioco di scambio di sguardi e quando finalmente ho sentito abbastanza coraggio per avvicinarmi e avvicinarmi a lei, è stata annunciata la stazione successiva e lei si è alzata e si è diretta verso la porta di uscita.

Non appena le porte si aprirono, il flusso di persone diretto verso le scale mobili continuò; Rimasi lì a guardarla allontanarsi e odiando la mia mancanza di iniziativa e la perdita di opportunità; All’improvviso volse lo sguardo verso il treno, guardandomi e agitando la mano; Ho ricambiato il gesto e lei mi ha salutato nuovamente, ma questa volta invitandomi a scendere dal treno per parlare. E ancora una volta il destino ha voluto lasciarmi nostalgico quando le porte del treno si sono chiuse e ha suonato il fischio per riprendere il viaggio. Aveva un’espressione di rammarico mentre alzava le braccia in aria in segno di pietà per l’occasione perduta.

Pensando alle immagini nella mia mente, sono sceso dalla metropolitana e ho iniziato a risolvere i miei compiti e a cercare le soluzioni desiderate, e non importa quanto ci provassi, non potevo dimenticare quella ragazza paffuta ed è una fortuna che non l’abbia fatto . Voglio andare a incontrarlo. Ci ho messo più tempo del previsto e quando sono tornata sul treno mi aspettavo di rivedere quella ragazza paffuta, ma non è stato così! Una volta a casa, ho riflettuto sulla perdita di questa occasione così speciale di flirtare con il passeggero della metropolitana e ho dovuto accettare la mia sfortuna. E i giorni passavano e la mia emozione cresceva immensamente, chiedendomi di cercare un po’ di sollievo.

Durante questo andirivieni ho conosciuto una giovane donna nera che viveva nel quartiere e che chiedeva donazioni per sé e per le sue sorelle; Era una donna nera paffuta, con i capelli corti, un’espressione maliziosa, sempre vestita con un’ampia camicetta di maglia consumata, pantaloncini di jeans molto sfilacciati e un paio di infradito Havaianas sull’orlo dell’esaurimento; Quando mi passò accanto mi fece la solita domanda: se avessi qualcosa da dare. “Dipende! Cosa ricevo in cambio?”, chiesi non credendo alla mia audacia e lei mi guardò con un’espressione curiosa, pensando a quello che stavo per dire.

-Dipende da cosa hai da dare! – rispose con tono enfatico e espressione maliziosa.

Gli ho mostrato dove abitavo e gli ho chiesto di tornare più tardi e mi sono voltato, continuando per la mia strada e cercando di controllare il respiro e il battito cardiaco. Divenni ancora più ansioso quando, qualche ora dopo, suonò il campanello; Ho guardato fuori dalla finestra e ho visto che era la ragazza paffuta; Ho attivato il dispositivo elettrico che apriva il cancello facendogli cenno di entrare; In soggiorno abbiamo parlato un po’ e lei mi ha chiesto un bicchiere d’acqua; Andammo in cucina e mentre lei beveva l’acqua, separai alcuni pacchetti di biscotti e dolciumi. “Ho dei vestiti usati giù in garage… vuoi vederli?” ho chiesto subito dopo aver consegnato i regali. Ha detto che il suo nome era Elza quando le ho chiesto come si chiamava mentre scendevamo le scale fino al garage. Ho aperto la porta della stanza laterale e ho mostrato i sacchi di vestiti da donare; Elza si è occupata di svuotare i sacchetti, separando ciò che le interessava e io gliene ho fornito un altro per riporre quelli che aveva prenotato.

-Pronto! Ora dimmi cosa vuoi in cambio? – chiese, considerando che la mia parte era già stata fatta.

-Puoi iniziare spogliandomi e mostrandomi le tue tettone – risposi indicando uno sgabello accanto a te – puoi sederti qui più tardi.

Con gesti noncuranti, Elza si tolse la camicetta, rivelando i suoi enormi meloni leggermente cadenti, coronati da capezzoli piatti che facevano accapponare la pelle quando venivano scoperti; Si è tolta anche i pantaloncini e le mutandine, che sembravano troppo grandi e un po’ scomode, rivelando una figa ricoperta di peli ricci. “Ora puoi succhiarmi il cazzo!” le ho chiesto, avvicinandomi a lei con i pantaloni abbassati, esponendo il mio cazzo duro; Ho notato il suo sguardo avido mentre allungava la mano, impugnava la pistola e iniziava una masturbazione ritmica. Mostrando una certa esperienza, Elza ha afferrato il bruto, ricompensandomi con un pompino vorace, versandogli addosso molta saliva.

Con mia sorpresa, lo succhiò a lungo e poi se lo inserì tra i seni, simulando una ragazza spagnola che sembrava giocare anche lei con eccellente abilità; Di tanto in tanto interrompeva i suoi movimenti abbassando la testa fino a raggiungere con la lingua il glande, che leccava avidamente; Per molto tempo alternò questi gesti. “Vuoi scopare anche me?” » chiese con voce ovattata senza perdere il ritmo della manovra e delle leccate. Per la prima volta mi sono sentita sopraffatta dal moralismo tardivo e ho risposto che avrei preferito non finire con le sculacciate o l’allattamento al seno. Elza ha intensificato i suoi movimenti e ho avuto appena il tempo di avvisarla dello sperma caldo, ricco e denso che le copriva le ginocchia e il viso.

Gli ho indicato il bagno perché potesse lavarsi e vestirsi; Quando tornammo in soggiorno, lei aveva in mano la borsa dei vestiti e cercò di prendere il resto; Mi ha ringraziato dicendomi che se avesse avuto più cose da dare, sarebbe venuta una volta alla settimana. Dopo che se ne fu andato, crollai sul divano, estremamente preoccupata per quello che avevo appena fatto: avevo portato uno sconosciuto a casa mia in una strada piena di telecamere di sicurezza e vicini in agguato con la terribile abitudine di preoccuparsi della vita degli altri. ; Tutto a causa di una ragazza paffuta che potrei non rivedere mai più! Ad ogni modo, ho premuto il pulsante “FUCK YOU” e sono andato avanti.

Altre storie erotiche  Lo do a Rafael e a mio marito.

Ma come disse Forrest Gump: “La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai cosa troverai…”, qualche settimana dopo, al ritorno da un lavoro di persona, guardando l’autobus che era in l’esclusiva pista da ballo accanto a me, accanto a me ho notato un passeggero familiare; Ho subito visto che si trattava della ragazza paffuta che avevo conosciuto in metropolitana qualche tempo prima; Sono rimasto sorpreso, non sapendo davvero cosa fare, il mio primo impulso è stato quello di bloccare l’autobus e gridare per lei; Naturalmente non avrebbe avuto il coraggio di farlo e sperava che lei sentisse i colpi di clacson insistenti che stava cominciando a dare.

Sebbene fosse impegnata con il cellulare, la donna accanto a lei le diede una gomitata e mi mostrò l’autobus; Quando mi vide, mi fece un grande sorriso e mi salutò con la mano; Le ho fatto cenno di scendere alla fermata successiva e lei, dopo aver capito la mia intenzione, mi ha salutato, alzandosi dal suo posto e dirigendosi verso la porta di uscita dell’autobus; Un po’ più avanti, subito dopo la discesa, ho svoltato per una strada e gli sono andato incontro. Ci siamo salutati formalmente continuando a sorridermi e io l’ho invitata a camminare.

Una volta saliti in macchina, abbiamo provato a presentarci cambiando nome; Ha detto che il suo nome era Karina, ma sospettavo che fosse sbagliato; Durante il viaggio e senza che io chiedessi la destinazione, ci siamo conosciuti meglio e abbiamo riso di questo primo incontro casuale dopo il nostro disaccordo in metropolitana; Ad un certo punto della nostra conversazione è stata un po’ più obiettiva, sorprendendomi addirittura.

-Sei sposato, vero? – mi chiese, indicando l’anulare della mano sinistra – non c’è crisi perché sono anche sposata!

-E dov’è il marito che lascia camminare da sola una donna così sexy? – chiesi in tono malizioso, guardando la sua faccia maliziosa.

-Ha viaggiato per lavoro…, fa il muratore – rispose lei con un’espressione annoiata – Mi ha lasciata qui, sola ed emozionata! …, sospetto che quel bastardo ne abbia uno più giovane ed è per questo che mi ha lasciato a bocca asciutta! …, e non è la prima volta che lo fa!

Non ho nascosto il mio stupore per la sua presunta obiettività, ma non ho mancato il punto essenziale. Il momento era giusto e ho subito immaginato che avesse un’intenzione in quel primo incontro. “Quindi siamo in due nella feroce siccità!” » commentai con una punta di libidinosa insinuazione.

-Lo stesso! È molto carino! – rispose con sfrenata effusione – Se adesso ce l’hai volta, possiamo andare a casa mia…, che ne dici?

-Sarebbe fantastico, ma ho ancora un impegno professionale – risposi, osservando l’espressione di disappunto apparsa sul volto di Karina – Ma, se potesse essere domani…, domani mattina…

-Che ora sarebbe? – Lo interruppe lei in tono più impaziente.

-Dimmi qual è il momento migliore per questo – ho risposto senza esitazione.

Karina sembrava pensierosa, cercando nella sua mente una soluzione a quello che sembrava un vicolo cieco. “Ecco, ti indico dove puoi lasciarmi oggi e ne approfitteremo per scambiarci i numeri di cellulare… ok?” suggerì dopo una pausa; Annuii in completo accordo con il suggerimento; Ci fermammo in una piazza e ci scambiammo i numeri.

-Domani ti chiamo verso le nove del mattino e ci vediamo qui! – disse deciso – Abito non molto lontano…, ok?

Sono rimasto ancora una volta sorpreso quando ha lasciato intendere che saremmo andati a casa sua per fare sesso, ma sono rimasto ignaro di questo dettaglio e ho preso un accordo con lei. “Bene! Ma… dimmi una cosa… sei asciutto da molto tempo?”, chiese con tono malizioso, mettendo già la mano sul mio inguine, il cui rigonfiamento già rispondeva alla tua domanda. Karina si guardò attorno mentre lei era occupato ad aprirmi i pantaloni, a tirargli fuori il pene, a fargli una sega, il tutto mentre spiava la situazione intorno a noi. Senza preavviso, si è chinato fino a quando la mia pistola è stata a portata della sua bocca, permettendogli di dargli qualche lungo lecca, lasciandomi con le allucinazioni e la pelle d’oca

Quando me ne sono accorto, la porca aveva già afferrato l’attrezzo, facendo un pompino tipico di chi non provava il cazzo duro da molto tempo; La poppata era sempre accompagnata da un massaggio con le palle, da una leccata di cappello e da una semplice sega; Ben presto fu sorpreso dalla mia resistenza allo sperma e dopo aver visto che tutta la sua dedizione non sarebbe stata sufficiente, decise di finirmi semplicemente con una sega; Sono venuto deliziosamente con tutto il mio corpo che vibrava mentre getti di sperma si lanciavano nell’aria e atterravano sul mio basso addome, coprendo anche la sua mano. Alla fine si è messa la mano in bocca, leccando lo sperma, guardandomi con un’espressione molto sfacciata.

-Ciao ciao! Aspetta il mio messaggio domani, ok? – avvertì, aprendo la portiera della macchina – e non prendermi in giro, ok? Sto aspettando per voi!

Ho aspettato che partisse e ho messo in moto la macchina per tornare a casa; La sera ho mandato un WhatsApp al mio capo per dirgli che avrei lavorato da casa nel pomeriggio del giorno dopo e lui ha accettato; Ho fatto una doccia per rinfrescarmi e pulire i segni lasciati da Karina; Ho mangiato frutta e ho navigato in Internet finché non ho avuto sonno. A letto continuavo a immaginare questa ragazza nuda e perversa pronta per una bella scopata e con ciò mi è venuta un’erezione che mi ha costretto a masturbarmi fino a tardi dopodiché mi sono addormentato.

Era appena l’alba ed ero già sveglio ed emozionato! Ho preso un caffè e dopo qualche difficoltà mi sono preparato ad aspettare la chiamata di Karina; Ammetto che dubitavo addirittura che avrebbe chiamato davvero; e lei non ha chiamato, ma ha inviato un messaggio. “Ciao! Vado in questa piazza e ti aspetto lì. Non fare troppo tardi!”, scrisse, facendomi saltare giù dal divano e correre verso la macchina; appena attraversata la piazza , potevo vederla aspettarmi vestita con una canottiera e pantaloncini attillati; quando salii in macchina, potei vedere che i miei seni erano liberi, leggeri e sciolti dentro la maglietta, cosa che provocò in me una nuova stimolazione. sbrigati, mi baciò in faccia, già indicandomi la strada da seguire.

Altre storie erotiche  Storia semplice: ho mostrato le mie tette all'amico di mio padre

Karina abitava in una strada di un quartiere vicino e appena ho girato l’angolo mi ha chiesto di parcheggiare e mi ha indicato l’altro lato della strada dove abbiamo visto un piccolo gruppo di case a un piano allineate una dopo l’altra, fiancheggiate a sinistra da un alto muro, ed occupava l’ultimo pezzo di terreno che chiudeva la parte posteriore della proprietà. “Non preoccuparti, a quell’ora sono già usciti tutti per andare al lavoro, tranne la vecchia futriqueira che abita nella casa che dà sulla strada… ma deve ancora dormire! Avanti, vieni con me! » avvertì, scendendo dall’auto; Con passi brevi e frettolosi, Karina aprì il cancello di ferro e percorse il corridoio fino alla porta di casa sua, che era chiusa con chiavistello e lucchetto.

Era una casa modesta di sole tre stanze, ma ben tenuta, con i pavimenti di cemento bruciato lucido e le pareti imbiancate; Appena entrati in cucina, Karina si stava già spogliando, svestendo e avvicinandosi a me per aiutarmi a fare lo stesso; Inginocchiandosi davanti a me, ha afferrato il cazzo facendolo sparire e ricompensandomi con una succhiata vorace. Karina voleva e bramava davvero il cazzo, succhiandolo e deglutendolo fino a quando le sue labbra mi sfiorarono le palle, provocando una tale eccitazione che gemetti senza sosta; Dopo molto tempo si alzò e mi portò per mano in camera da letto e prima di andare a letto mi guardò con un’espressione maliziosa.

-Sai cosa volevo – chiese in tono timido – Volevo che me lo succhiassi…, a mio marito non piace! Dice che è disgustoso!

-Allora non sa cosa è buono! – risposi con un’espressione maliziosa – sdraiati sul letto e ti farò il bagno di lingua che meriti!

Immediatamente, Karina si gettò sul letto, allargando le gambe e accarezzando la sua figa morbida e carnosa; Mi misi tra le sue cosce, seppellendo il viso fino a quando la mia bocca raggiunse la sua figa, che cominciai a leccare con enorme eloquenza; Non ci volle molto sforzo per sentirla presto gemere e urlare ad ogni nuovo orgasmo che esplodeva e si riversava copiosamente nella mia bocca come uno stimolo delizioso per continuare ad assaporare la figa della grande porca. Ho lasciato quella figa calda in fiamme e così bagnata che sembrava un ruscello, facendo impazzire Karina con tanta voglia, allontanandomi mentre lei mi guardava in faccia con un’espressione folle.

-Vieni a scoparmi, dannazione! Metti questo pirocone qui! – urlò come un pazzo, puntando l’indice verso la sua caverna.

Mi sono messo sopra di lei e la sua lubrificazione era tale che la penetrazione è avvenuta all’improvviso con una spinta rapida e profonda, facendole tremare il corpo e farle diventare acuta la voce con le urla che continuavano senza sosta; Muovevo il bacino e la vita con tale veemenza che ogni colpo provocava un’eiaculazione, scuotendo il corpo di Karina, che non aveva più il controllo delle sue reazioni; In questo clima, ho colto l’occasione per leccare, succhiare e anche mordicchiare i suoi grossi seni, prestando particolare attenzione ai suoi capezzoli gonfi, superando i limiti del piacere che potevo dare a questa ragazza cattiva bisognosa di cazzo. Entrambi sudavamo copiosamente, respiravamo pesantemente e soffrivamo gli effetti di uno sforzo fisico superiore al limite, il che indicava che il mio orgasmo era molto vicino.

-Corri qui! Riempimi la figa di sperma – ha risposto con un tono d’acciaio quando gli ho chiesto dove voleva che finisse la scopata.

Con movimenti più veementi, ho portato la scopata al culmine, sentendo la pelle d’oca attraversarmi il corpo e gli spasmi che tendevano i muscoli, finché la gioia è arrivata a scatti abbondanti, inzuppando la figa di Karina, che ha anche sperimentato un’ultima eiaculazione che le ha fatto alzare gli occhi al cielo. . gemendo costantemente. Eravamo così esausti che anche la nostra disconnessione divenne uno sforzo prolungato che, alla fine, ci permise di vedere lo sperma uscire dalla grotta e discendere in diversi rivoli. Karina sembrava ancora più pazza, infilandosi le dita nella figa e poi mettendosele in bocca, leccando e succhiando come se stesse assaporando una prelibatezza divina.

Poco dopo lei era sdraiata a faccia in giù, mostrando il suo sedere carnoso e succoso, dondolando il corpo in un atto provocatorio che mi eccitò anche se ero convinto che non ci fosse alcuna possibilità di provare a esplorare fruttuosamente le sue possibilità dato il mio fisico completo. esaurimento. Naturalmente la puttanella continuava a chiedermi se avevo fretta di partire o se potevamo restare insieme ancora un po’; Ho finito per accettare, imponendomi la condizione di un meritato e necessario riposo. Bevevamo acqua e Karina si occupava di preparare il caffè per tirarci su il morale; godendosi la bevanda forte e calda che aveva con me per il suo lavoro di governante, sopportando persone maleducate e ricevendo abusi dal suo supervisore che non perdeva mai occasione di molestarla.

-Riesci a credere che una volta, quel bastardo entrò nello spogliatoio mentre ero solo in mutandine! – commentò in tono arrabbiato – poi cominciò a tirare fuori il cazzo, pretendendo che gli facesse un pompino per garantirsi il lavoro!

-In realtà? e tu cosa hai fatto? – chiesi, mezzo curioso e già emozionato.

-Non c’era scelta, vero? – rispose lei in tono scoraggiato – Gli ho succhiato il cazzo, non era nemmeno così difficile! …e, come se non bastasse, me lo ha anche spruzzato in faccia… Argh! Disgustoso!

Ho incoraggiato Karina a raccontarmi di più sul suo supervisore, sentendo un’erezione avvicinarsi lentamente e penso che se ne sia accorta, anche fantasticandoci sopra. “Dopo? Poi non ha perso l’occasione di sorprendermi mentre controllavo la pulizia di un piano dell’edificio dove lavorava, aprendo la parte superiore della mia uniforme e prendendomi i seni tra le mani, leccandoli e succhiandoli come un grande mascalzone. cane! Ahnn! Andava bene, ma l’ho lasciato perché dipendo dal lavoro!», continuò alla mia richiesta.

Altre storie erotiche  Fare sesso con il capo - Storie erotiche

-Guarda cosa hai fatto? – commentai alzandomi e mostrando la mia rinnovata erezione. – Non c’è via d’uscita adesso! Dovrò fotterti il ​​culo!

-Ritardato! – ha risposto, già inginocchiata e mettendosi la pistola in bocca per preparare il cibo.

Siamo tornati in camera da letto e lei ha usato un tubetto di gel lubrificante per rivestire il mio strumento; Poi si è messa a quattro zampe sul letto, allargando le natiche a mani nude, esponendo la sua scollatura. “Prima l’agnello congelato, okay?” chiese, scuotendo il suo enorme sedere. Ne ho strofinato una buona quantità nella fessura e ho anche colto l’occasione per toccare il buco mentre ascoltavo Karina gemere leggermente. Presi posizione e dopo due vigorosi colpi finii per rompere la resistenza invadendo la sedia con il mio cappello, facendo gemere e dondolare la paffuta ragazza, ma senza indietreggiare; Continuai ad attaccare il bruto con colpi potenti e smisi di avanzare solo quando mi resi conto che l’arma era sepolta in profondità nella parte posteriore di Karina.

Quando ho iniziato una sequenza di colpi rapidi e profondi, ho scoperto che questo piccolo foro non era molto stretto, consentendo una penetrazione molto piacevole; Man mano che l’inculata prendeva slancio, le mie spinte iniziarono a scuotere il corpo della ragazza paffuta, facendo vibrare la sua carne leggermente flaccida in sincronia con l’attacco che stava ricevendo; Le ho stretto le natiche con le mani in modo tale da stringerla tra le dita.

Ho continuato a picchiarla e a schiaffeggiarla nel culo, sperando che la mia compagna godesse del piacere che tanto desiderava e meritava; Ad un certo punto lanciò un grido isterico annunciando di aver raggiunto il piacere anale, la cui intensità la fece rabbrividire mentre le sue natiche tremavano ancora vigorosamente per i miei movimenti. Questo annuncio ebbe su di me un effetto sorprendente, facendomi accelerare le spinte, che ben presto sfociarono in un nuovo orgasmo, meno potente del precedente, ma con la stessa voluttà del precedente; Rimaniamo nella posizione del cane, incapaci di dimostrare anche la separazione fisica, con gocce di sudore che sgorgano da ogni poro e un ansimare incontrollabile che ci devasta i polmoni.

Quando riuscimmo a liberarci, Karina crollò sul letto e dopo pochi minuti si addormentò profondamente; Non volendo svegliarla, mi sono vestita e le ho mandato un arrivederci WhatsApp ringraziandola per la splendida mattinata e offrendomi un “a dopo”; Percorrendo il corridoio, arrivando in prossimità del cancello, ho notato una donna anziana appesa alla finestra, che sembrava aspettare che uscissi; I nostri occhi si sono incontrati e ci siamo scambiati sorrisi discreti. Come un vecchio cane, tornavo a casa a leccarmi le ferite causate dallo sforzo eccessivo che stavo sottoponendo al mio corpo, e nel tardo pomeriggio salivo in macchina e scendevo al negozio di alimentari vicino casa per comprare qualcosa da mangiare. Alla fine del pagamento, ho notato che questa stessa vecchia della casa dove viveva Karina mostrava un sorriso malizioso. Dato che non staccava mai i suoi occhi impazienti da me, aspettavo di vedere cosa sarebbe risultato da questo incontro, che ero sicuro non fosse casuale.

“Potresti fare un po’ di beneficenza e portarmi a casa… guarda tutte le borse!” Non posso più ! » disse appena usciti dal mercato; Pochi minuti dopo tornai allo stesso indirizzo della mattina con la vecchia che mi chiedeva di accompagnarla a fare la spesa a casa; Mi ha offerto un caffè in un thermos che ho rifiutato; ed è stato allora che mi ha circondato una volta per tutte.

-Non vuoi il caffè? Ma questo cazzo può gestire il culo di un vecchio pervertito? – chiese in tono molto malizioso – ha notato la cattiveria di Karina… quindi sono una pulce!

Prima che potessi rispondere, la vecchia si tolse il suo vestito di maglia logoro e rimase nuda davanti a me; Ho esaminato il corpo e anche la situazione e quando ho visto le sue natiche carnose ho sentito un’erezione casuale che ha scosso la mia percezione. “Andiamo a letto, vecchia cattiva!” Lo prenderò a calci in culo come merita! » risposi, colpendole forte le natiche rotonde e sempre con una certa fermezza, ascoltando la risata sfrontata della vecchia di cui non conoscevo nemmeno il nome; In camera da letto, lei si è messa a quattro zampe sul letto mentre io mi spogliavo e la aggredivo.

Allargo le natiche, sbavando attraverso l’apertura e facendo lo stesso con il mio cazzo; Diedi alcuni colpi e, senza preavviso, forzai un colpo vorace che scosse il corpo della vecchia; e al secondo tentativo riuscii a lacerare il buco infilando il cappello e avanzando, infilando il resto del bastone con colpi violenti, ascoltando il malizioso ringhio soffocato e agitandone il posteriore. Le mie spinte diventarono ancora più intense e profonde, punendole il culo e facendo tremare il suo corpo ad ogni nuovo colpo.

-Argh! Uff! Ahnn! Non c’è niente di meglio che romperti il ​​culo! Ahhh! – balbettò con la voce rotta e il respiro pesante – Non fermarti! Ahhh! Quindi va bene! Ahhh! Andare! Andare! Sono quasi arrivato!

Incoraggiata dalle parole della vecchia dispettosa, ho intensificato i miei movimenti, ma ho subito avvertito il peso fisiologico, sottoponendo il mio corpo a una quasi sofferenza con dolorosi spasmi muscolari involontari accompagnati da compressione ossea, minando le mie prestazioni e chiedendomi di dare il massimo. La fine di questa scopata anale. Era sorprendente che il loro reciproco divertimento culminasse nel riempire la stanza di urla e gemiti. La vecchia crollò sul letto, sudata e ansimante, e io mi allontanai da lei per trovare sollievo fisico. Quando finalmente si addormentò, mi vestii e me ne andai. Lungo la strada, ho iniziato a pensare che non avrei mai rischiato di spingere il mio corpo agli estremi, ma sono comunque giunto alla conclusione che non era davvero una giornata normale.

*Pubblicato da Prometeo sul sito climaxcontoseroticos.com il 22/02/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *