Storia semplice: mia moglie l’ha regalato a un altro ragazzo

di | 4 de Luglio, 2024

Mia moglie ed io stiamo insieme da circa 8 anni.

Lei è bianca, il tipo falsamente magro, che pratica sport da quando aveva 15 anni. Oggi abbiamo 39 anni e lei è ancora splendida come quando aveva 23 anni.

Lilian ha sempre attirato l’attenzione degli uomini e anche di alcune donne, perché ha un bel viso, con enormi capelli neri e un culo che fa girare la testa a molti uomini adulti per strada.

Nonostante la mia gelosia, ero sempre orgogliosa di sembrare una donna sexy, facendo ingelosire gli uomini di turno.

Ma con il passare degli anni, quell’orgoglio lasciò il posto all’eccitazione al pensiero di cedere a uno di loro.

Oggi lavoro come ingegnere in un’azienda tedesca e ho raggiunto un livello in cui Lilian non deve più preoccuparsi del suo lavoro, permettendole di occupare il suo tempo con lezioni di bodybuilding, pilates e arte.

Ed è proprio allora che le cose hanno cominciato a cambiare.

Lilian ed io abbiamo sempre avuto una vita sessuale attiva, anche se ordinaria e senza troppi capricci o creatività. Facciamo sesso più volte alla settimana e occasionalmente scappiamo in un piccolo hotel o motel in giorni speciali.

Poiché abbiamo sempre avuto libertà di dialogo, di tanto in tanto ci sentivamo liberi di parlare di certe fantasie e persino di cose folli che avevamo fatto con altre persone prima di incontrarci.

A metà anno l’azienda aveva bisogno di me per sostituire un dirigente della filiale di Recife a Pernambuco, assente per problemi di salute.

Dato che ci sarebbero voluti circa 2 mesi per il rientro, l’azienda mi ha suggerito di portare mia moglie, considerando che sarei stato lontano da casa per molto tempo e che lei avrebbe potuto farmi compagnia in questa città dove ancora non l’aveva fatto. Incontrare qualcuno. Quindi abbiamo colto l’occasione per goderci un’altra lunga luna di miele.

L’hotel in cui abbiamo alloggiato era molto tranquillo e lussuoso. Durante la settimana lasciava l’albergo molto presto e tornava solo nel tardo pomeriggio. Lilian ne ha approfittato per fare shopping o allenarsi nella palestra dell’hotel. A volte scendeva in piscina e incontrava sempre turisti, anche stranieri. Mi ha subito fatto notare che era normale per gli stranieri essere “in topless”, come l’hotel consentiva e comunicava ai nuovi ospiti.

Passarono alcuni giorni e notai che Lilian diventava più eccitata durante il sesso. La mia modesta moglie era più lasciva, diceva più parolacce e mi chiedeva di stringerla più forte.

Ha anche comprato dei nuovi bikini, incluso un costume da bagno che abbracciava tutto il suo corpo, lasciando l’inguine chiaramente visibile, pur essendo abbastanza alto sul sedere.

All’inizio mi sembrava un po’ strano, ma il sesso era migliorato così tanto che non mi importava (in più mi eccitava immaginare i ragazzi in piscina che scopavano la mia Lili con gli occhi e diventavano duri). Le ho anche detto che gli sconosciuti sarebbero impazziti se avesse indossato quel costume da bagno in piscina.

Se fossi stato così tanto tempo con lei sarei così, ve li immaginate i maschi di turno?

Ero già emozionato e l’ho attirata verso di me. Ci siamo buttati sul letto e le mie mani sono andate dritte su quel bellissimo culo. Abbiamo iniziato a baciarci e lei ha iniziato a spogliarmi. Tra una carezza e l’altra cominciò a provocarmi:

– Cosa succede se qualcuno continua a guardarmi il sedere in piscina?

– Guardiamo! Le donne sexy hanno davvero bisogno di attirare l’attenzione!

“Non ti dà fastidio?

– Certo che mi interessa!

– Non sei geloso?

“Un po’ amore mio. Solo un po’. Ma è una gelosia bellissima.

– Cosa intendi, Pedro? Quale sarebbe la deliziosa gelosia?

“Sono arrapato, amore mio. So solo che tutti i ragazzi dell’hotel stanno cercando mia moglie.

Mi guardò incredula.

– Eccitato? Non sarebbe giusto essere gelosi?

– Sono geloso, ma sono molto più emozionato.

– Spiegami bene, amore mio. Ti ecciti quando qualcuno mi guarda?

Sembrava titubante.

– Molto eccitato!

– Sei un depravato, amore mio!

Poi ha tenuto il mio cazzo e ha iniziato a spingerlo dentro e fuori, accarezzandolo lentamente. Dovevo dire qualcosa.

“Se fossi geloso ogni volta che qualcuno ti guarda, impazzirei. Meglio rilassarsi sapendo che mia moglie è la più sexy del posto.

– E io sono! Questi stranieri laggiù hanno solo seni al silicone e molto altro. Tua moglie è la più sexy di questo hotel.

Sentendo questo, ho immaginato che ricevesse gli sguardi degli uomini a bordo piscina, soddisfacendo il suo ego femminile.

Era pienamente consapevole del suo calore.

È stato in quel momento che ho chiuso gli occhi e mi sono tornati in mente alcuni dettagli che erano passati inosservati. Ho deciso di concludere di più e cercare di scoprire di più su chi la stava osservando.

– Sei molto sexy, amore mio. Sai.

– Ti senti davvero eccitato quando qualcuno mi guarda?

” Mi dispiace.

– Molto ?

– Troppo ! Ti asciughi troppo nella piscina dell’hotel?

Qualcosa mi diceva che c’era qualcuno di speciale che la guardava e che la faceva sentire più calda in quella piscina.

Altre storie erotiche  La nebbia, 10

– Ogni tanto qualcuno mi guarda…

– E in mezzo a quel “qualcuno”, c’è qualcuno che attira particolarmente la tua attenzione?

– Sì ! Ah ah.

Ho notato Lilian nervosa, con una certa paura nella sua voce. Probabilmente aveva paura di come avrebbe reagito. Poi l’ho fatto sdraiare sul letto e ho iniziato a fargli scorrere la lingua sul cavallo, iniziando a dargli un orale molto lentamente. Lilian, nonostante il nervosismo, era fradicia.

Mi sono avvicinato al suo orecchio e ho parlato.

– Continua! Ci sono ragazzi che ti guardano, ragazzaccia?

Ho cercato di dimostrare il più possibile che questo mi eccitava moltissimo. Ho deciso di succhiarla con più fervore ogni volta che forniva maggiori dettagli. Quando ha notato che sprofondavo nella sua figa ad ogni frase, si è sentita entusiasta di continuare, ma ancora un po’ imbarazzata.

– Sì ! È un ragazzo molto alto e muscoloso.

C’erano troppi dettagli perché lei potesse semplicemente “notare” gli occhi del ragazzo su di lei. Ovviamente gli sguardi furono ricambiati. Mi sentivo più emozionato e lei se ne accorse. Poi salii sul letto, con lei davanti a me, e in un colpo solo infilai il mio cazzo, facendola respirare profondamente con piacere, grattandomi la schiena.

Le ho toccato l’orecchio e ho iniziato a prenderla in giro.

“Anche tu hai guardato quel ragazzo, vero, piccola troia sexy? Dimmi! Ti è piaciuto quello che hai visto?”

Lilian si limitò a gemere, respirando profondamente mentre gli parlava sporco all’orecchio.

– Dimmi che ti è piaciuto, amore mio! Chiamati cattivo!

– Ok amore mio ! Mi è piaciuto, fa caldo! Metti più amore in me, mettilo!

– Lo farò se dici la verità, piccola troia! Glielo daresti se fossi single?

– Darebbe! Mi lascerei mangiare intero!

“Gli avresti succhiato il cazzo?”

– Andare! Finché non esce il latte! Chiedimi di più, amore mio, chiamami puttana!

– Bella stronza! Il ragazzo si rende conto che sei innamorata di lui?

– Hai capito, amore mio! Sta flirtando con tua moglie! Lo permetterei?

La ragazza cattiva ha cambiato le regole del gioco. Voleva che l’iniziativa tornasse in me. Era arrapata per il ragazzo e voleva essere libera di dargli la fica in hotel.

Le ho girato la faccia e mi sono sdraiato sopra di lei, inserendo il mio cazzo in un colpo solo, facendole emettere un altro gemito ancora più forte.

– Ti lascio, se sei una vera stronza! Chiederai dello sperma in bocca e lo darai come una troia?

– Dai, mangiami! Sarò la stronza, nera! Voglio essere la tua puttana! Lascialo, amore mio? Lasciami darlo a un altro maschio?

Non riuscivo più a contenere la mia emozione ed esplosi di una gioia intensa, come non avevo mai provato prima.

Mi sono avvicinato a mia moglie e le ho detto che avrebbe dovuto andare fino in fondo adesso, perché ero troppo eccitato per farmi scopare.

Sorrise con una faccia da stronza che non dimenticherò mai. Ero soddisfatto, euforico ed emozionato. Voleva davvero dare la sua figa al ragazzo. Fino a quando lei disse ridendo:

– Oggi ero in topless!

Non ci credo. Sapendo che mia moglie aveva mostrato i suoi seni, il mio cazzo, che stava lentamente tornando nella sua posizione di riposo, cominciò a pulsare in risposta. Gliel’ho mostrato commentando:

“Guarda come mi lasci, amore. Dimmi di più! È stato per colpa del ragazzo?”

Sembrò pensare per un momento, prima di rispondere con molta cautela dentro di sé voce:

– Volevo farlo impazzire! Ha un accento diverso, ma parla un po’ di portoghese. Mi sono emozionato pensando a come sarebbe dormire con un uomo che parla un’altra lingua.

– Cosa vuol dire che parli portoghese? Hai parlato con il ragazzo, ragazzaccia?

Ne avevo paura anch’io.

Sembrò esplodere quando si rese conto di aver detto troppo. Il suo viso diventò rosso ed evitò di guardarmi. Il nervosismo di entrambi era evidente. Da quel momento in poi le cose sarebbero cambiate per sempre. Questo mi ha sorpreso molto. Ma non posso negare che con questa rivelazione è cresciuto anche il mio desiderio.

Ho deciso di rompere il ghiaccio e l’ho adagiata sul letto, di fronte a me. L’ho abbracciata da dietro e le ho detto:

– Adesso mi dirai tutto, bella porca! Voglio saperlo fino alla fine!

Pensavo che se non avesse dovuto affrontarmi, sarebbe stato più facile per lui confessare. Ho iniziato a darle baci bagnati sulla parte posteriore del collo e sulle orecchie (questo la eccitava sempre molto) e ho iniziato ad accarezzarle tutto il corpo. In meno di cinque minuti le stavo spazzolando la figa e spingevo il mio cazzo dentro Lilian.

Dopo circa tre colpi fu lei a parlare per prima:

– Il tuo cazzo è molto duro, amore mio!

– È l’emozione di sapere che la mia puttanella vuole regalarlo a qualcun altro. Mi piaceva sapere che eri cattivo! Dimmi tutto! In dettaglio!

Altre storie erotiche  Ho mangiato la zia della moglie.

Abbiamo continuato a scopare lentamente e lei è rimasta in silenzio per un altro minuto o due, prima di riprendere a parlare:

– Stavo bevendo una Caipirinha Vodka, in piscina, e ho avuto un po’ di vertigini. Poi ho visto quest’uomo che mi guardava, poi ho visto queste troie in topless, con i seni fuori, e incontrarsi. Quando li ha guardati non ho potuto farne a meno, dovevo mostrare del vero petto. Il ragazzo è impazzito quando mi ha visto. Si è avvicinato a me e si è seduto sulla sedia accanto a me, mi ha offerto un bicchiere nuovo, pieno e molto freddo e mi ha detto che una donna come me non poteva bere da sola.

Ho deciso di arrendermi e abbiamo parlato per un po’, finché non mi ha invitato ad andare in piscina.

“Ha smesso di parlare per un attimo. Mi sono reso conto che stavo discutendo se continuare o meno. Ho spinto il mio cazzo in profondità nella sua caverna, sentendola tutta bagnata e ho detto semplicemente:

– Da seguire!

Mi sono assicurato che sentisse la mia eccitazione nella mia voce.

– Mi ha abbracciato in piscina, appoggiando il suo petto contro le mie tette e potevo sentire il suo cazzo duro nel suo costume da bagno. Si impegnava a spingere i fianchi in modo che lei potesse notarlo. Tutti potevano vedere che stava succedendo qualcosa tra noi.

Poi siamo usciti e quando sono andata a prendere la crema solare lui mi ha preso la mano e mi ha fatto sdraiare sulla sedia. Mi ha proposto di applicarmi la crema solare.

Ho notato che anche lei era molto emozionata.

“Ti ha messo il protettore sul seno?”

Ho avuto difficoltà a trattenere lo sperma; Stava per scoppiare di desiderio quando lei rispose:

“E anche nel mio culetto.” E quando me lo ha passato sulla pancia, le sue dita sono penetrate per qualche millimetro nelle mie mutandine.

– Millimetri?

le ho chiesto quasi correndo di nuovo con il mio cazzo che pulsava e pulsava dentro di lei.

Lei gemette più forte e disse:

– Ho sentito il suo dito toccarmi la figa, amore mio! Ha toccato la figa di sua moglie!

In quel momento non potevo più trattenermi. Lascio che il mio sperma invada il grembo della mia puttana, facendola gemere di eccitazione e venire con me.

Dopo questo orgasmo siamo rimasti a letto, uno per lato, cercando di riprendere fiato. Eravamo inzuppati di sudore. Le mie ginocchia erano deboli e stavo ancora cercando di riprendermi quando mi chiese:

“Vuoi che continui a dirtelo?”

– Ne hai ancora?

– Lo sai che ce l’hai! Puoi stare ad ascoltare? Voglio raccontarti tutto quello che è successo.

Ero disperato. Per un attimo ho pensato di averglielo già dato.

Notando la mia disperazione, continuò dicendo che aveva paura che qualcuno vedesse ciò e mi interruppe dicendo che era ora di salire perché stava per arrivare mio marito.

Indossò velocemente il reggiseno e la vestaglia e si diresse verso gli ascensori. Tuttavia, lo seguì quando entrò nell’ascensore.

Quando si ritrovò sola con questo maschio, perse il controllo e lui ne approfittò per baciarla.

“Hai lasciato che ti baciasse?” “ho chiesto, un po’ sorpreso. Fino a che punto sarebbero andati? Avevo molta paura, ma la mia passione era più grande.

“Sono andato.

Tremò un po’ mentre rispondeva, afferrando il mio cazzo e dirigendolo verso la sua figa.

– Lasciami questo cazzo dentro mentre ti racconto tutto. Il suo bacio era quello di un uomo cattivo! Ti ho ingannato nell’ascensore, amore mio!

Disse con una voce calda… rauca… Chi l’ha eccitata di più: il mio cazzo nella sua figa o il ricordo del ragazzo che l’ha afferrata nell’ascensore? Lui non sapeva.

– Pensavi che fosse gustoso?

Ho insistito, volevo ascoltare.

– Delizioso !

“Cagna!”

dissi, gemendo per l’eccitazione sentendolo dire quello.

– È una maledizione o un complimento?

– È un complimento !

Ed ero sincero.

– Vuoi sapere di più ?

– Voglio sapere tutto !

– Sei sicuro ? Sarai in grado di ascoltare fino alla fine? Eri un cornuto, amore mio! L’ho dato a lui! Vuoi davvero sentire tutto?

Uno shock percorse il mio corpo. Glielo ha dato! Mi ha chiamato di nuovo cornuto! Mi ha emozionato in un modo inimmaginabile. Ero in trance. Volevo solo sentire tutto fino alla fine. Tutto quello che potevo dire era: continua così!

E già mi stavo trattenendo dal venire per la terza volta.

– L’ascensore si è fermato al nostro piano e ho provato a scendere, ma lui mi ha afferrato per la vita, avvicinandomi di nuovo al suo corpo. Sentivo le sue mani forti e i suoi capelli, ancora una volta, sulla mia schiena. Ho sentito il rigonfiamento all’interno del suo costume da bagno e ho protestato, senza troppa convinzione:

-Questo è il mio appartamento.

E lui, voltandosi verso di lui, mi ha risposto chiedendomi:

Altre storie erotiche  costume di coppia

-Non mi lascerai così, vero?

Abbassò lo sguardo e io seguii il suo sguardo per notare che la sua testa e gran parte del suo cazzo sporgevano dai suoi pantaloncini. Per capriccio, ho provato a metterlo nel costume da bagno e ho finito per tenerlo in mano, sentendo il calore e lo spessore di quel membro delizioso. Era denso, enorme e molto caldo. Ero completamente fradicio e mi resi conto che non potevo più resistere al mio desiderio. Ci siamo baciati di nuovo e ho lasciato che la porta dell’ascensore si chiudesse per portarci al piano dove si trova la sua suite. Volevo sedermi su questo cazzo finché non avessi tirato fuori tutto il latte da questo stallone sexy.

“Lo hai scopato senza preservativo?”

chiesi, facendo uno sforzo sovrumano per non venire.

– Non ho nemmeno pensato al preservativo, amore mio! Volevo solo sentirlo dentro di me. Vuoi ascoltarlo o no?

– Account! E maledicimi come l’amore, puoi.

– Eri HORN, Pedro. Corno nero! Ha reso sua moglie una puttana nella sua camera da letto!

Ho semplicemente scopato con gli occhi chiusi, immaginando tutto! Rimasi in silenzio e continuai a trattenere l’erezione per non interrompere prematuramente il rapporto. Volevo prenderla in giro. Volevo venire quando mi ha detto che era stata penetrata dal maschio.

“Non appena la porta dell’ascensore si è aperta, mi ha afferrato la mano e in pochi secondi eravamo davanti alla porta del suo appartamento. Ha aperto la porta con la chiave magnetica che non so da dove venisse e mi ha subito spinto sul letto, dove sono caduta. Da quel momento in poi divenne un animale affamato. Mi ha strappato gli slip del bikini e io mi sono liberata del reggiseno, mentre lui si è strappato il costume da bagno e lo ha buttato via. Guardai il suo cazzo senza la minima vergogna ed ero emozionato nel vedere che, oltre ad essere grosso, era enorme e duro.

“Più grande del mio?”

Mi guardò con un sorriso significativo, evitando di rispondere con le parole. Il suo cazzo era decisamente più grande del mio.

Ha continuato dicendo:

– Mi sollevò le gambe, inarcando il mio corpo e cadendo con la bocca sulla mia figa. L’intera stanza sembrava odorare di sesso e quell’aroma mi stava facendo diventare completamente pazzo e assolutamente spudorato. Gli ho parlato in un modo in cui non avevo mai parlato con te. Gli ho chiesto di scoparmi come una puttana.

“Hai davvero detto ciò?” Cagna? Non parli mai così!

– Gli ho detto di darmi della puttana e di picchiarmi!

Quasi non riuscivo a trattenermi, ero così emozionato. Stavo per esplodere da un momento all’altro e sentivo nella voce di mia moglie che anche lei era estremamente eccitata; Parlava tremando e gemendo, ma gli piaceva dirlo. Ero emozionato quando me lo ha detto. Era diventata una donna attraente.

“Si è sdraiato sopra di me e Penetrò bene…in profondità…alzai il corpo abbracciandolo con le gambe. Mi sembrava che avesse paura di andarsene da lì.

Aveva voglia di venire e ha iniziato a spingermi più forte e più velocemente, martellandomi la figa con desiderio, facendomi venire. Voglio piangere! Ho urlato forte chiedendogli di scoparmi, di scoparmi la figa!

Ha detto qualche parola in francese e mi sono immaginato che mi dasse della puttana, una stronza!

Mi ha picchiato forte la figa, emettendo suoni mentre sbatteva il suo inguine contro il mio.

Non sono mai venuto così. Il ragazzo mi stava penetrando con tutto il mio amore! Beh, dicono che i neri sono diversi, scopano di più! È stato delizioso!

Ha continuato a picchiarmi fino a inondarmi la figa di sperma. Ho sentito un pezzo di sperma lavarmi l’utero.

Tesoro, ero una vera troia per lui! Ero pazzo!

– Sto morendo, amore mio!

Lei mi guardò con un sorriso e disse:

– È eccitante per un cornuto, amore mio? Così vorrò darti più corna! Glielo restituirò e tu mi aspetterai qui nella stanza. Volere?

Questo era tutto quello che volevo sentire in quel momento! E non potevo che rispondere all’ovvio:

– Voglio!

Dopodiché ha scopato di nuovo il francese due volte in questo hotel.

La nostra vita sessuale è migliorata molto al giorno d’oggi. Il mio desiderio è triplicato e mia moglie è diventata più sciolta, più responsabile verso se stessa, matura e molto più cattiva.

Siamo diventati veri complici e mi ha anche promesso un rapporto a tre con un’altra donna.

Sono così emozionata per una delle sue amiche, ma penso che sarebbe chiedere troppo.

Ad ogni modo, spero che ti sia piaciuto!

*Pubblicato da Cdzinhavirgem sul sito climaxcontoseroticos.com il 19/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *