Storia vera: papà mi ha scopato in piscina

di | 11 de Maggio, 2024

Torno un po’ indietro nel tempo così puoi capire meglio, ho bisogno di contestualizzare per capire meglio.

Nel febbraio 2020 mia madre purtroppo è morta per un infarto, un duro colpo per me, dato che sono molto legato ai miei genitori, tanto che vivo a due case di distanza dai miei genitori. A marzo è comparsa la pandemia, se sbaglio perdonatemi, è stato un periodo difficile, con la pandemia e le restrizioni ho smesso di andare in palestra, per non perdere l’esercizio ho iniziato ad usare una macchina ginnica. che mio padre ce l’ha a casa sua, visto che non ama andare in palestra, ha comprato questa postazione ginnica, la usa per fare esercizio e mantenersi in forma, infatti mi sono abbandonata a esercizi e passeggiate per riempire il vuoto di mi manca mia madre. Daniel ha iniziato a lavorare in un ufficio a casa, lavora con l’IT e gli è stato di grande aiuto, infatti è per questo che tutta la sua routine è cambiata, io lavoro in un ufficio contabile e poiché ho una stanza tutta per me, no Tu non è necessario recarsi in sede.

Daniel ha subito una trasformazione in questi tre anni, e ora nel 2024 è molto diverso da quello che era prima, è molto grasso, l’ultima volta che si è pesato pesava 90 kg e questo era dovuto alla vita che ha condotto durante questi tre anni anni. anni. anni, stile di vita prettamente sedentario. È appassionato di giochi se non addirittura dipendente, gioca online, a giochi classificati e in gruppo, ha un computer solo per giocare, una sedia da gaming e tutte le sue stronzate, di questo non ci capisco molto, poi quando ho conosciuto lui era già così, non mi dà fastidio, preferisco così piuttosto che andare nei bar e bere molto. Tifoso del Corinthians, guarda tutte le partite, non esce di casa quasi per niente, nemmeno per andare a trovare i genitori che vengono a trovarlo. La sua scusa per questo è il lavoro.

Ho sempre insistito perché si mettesse a dieta e dimagrisse, dopotutto fa molto male alla salute, dice che inizierà e non lo fa mai, ho smesso di parlare. Ha influenzato anche il sesso, lo facciamo ogni tanto ed è l’unica cosa che devo fare, è un po’ stancante. All’inizio non mi importava perché ero indebolita dalla morte di mia madre, ma ora, dopo il dolore e la mancanza di sesso, sono il tipo di donna che ama il cazzo, quindi ho comunque scelto di tradire. e lui lo sa.

La casa di mio padre ha una piscina sul retro, vicino all’area barbecue, una di quelle piscine blu, penso che sia in fibra di vetro, le dimensioni dovrebbero essere 2m x 4m, giusto per rinfrescarsi nelle giornate calde. Era domenica, io e Daniel siamo andati a casa di mio papà per grigliare della carne e pranzare, saremmo stati tutti e tre soli, faceva molto caldo, ho preso il bikini per andare in piscina, avevo indosso un perizoma , ho sempre messo il perizoma, mi sento bene, ho sorpreso anche mio padre a guardarmi il sedere, ma non l’ho mai preso con cattive intenzioni, se anche mio padre mi guarda il sedere è segno che ho caldo.

Altre storie erotiche  Mia madre mi ha dato il suo ultimo amante

Mio padre in costume da bagno è entrato in piscina con me, Daniele stava cucinando la carne alla griglia, dopo circa 30 minuti sono uscito dalla piscina davanti a mio padre, ammetto che mi è sempre piaciuto che mi guardasse così, L’ho asciugato e ho messo uno sfogo. Ho iniziato a preparare il riso e fagioli in anticipo, mio ​​papà è uscito dalla piscina ed è andato a lavare l’insalata, in breve tutto era pronto e abbiamo pranzato parlando e ridendo, adoro questi momenti in famiglia, mi fanno stare bene.

Nous sommes restés assis là ciondolo quelques heures jusqu’à ce que Daniel ait désespérément envie de rentrer chez lui, il a dit qu’il avait des chooses à faire, c’était un mensonge, il voulait en profiter et rentrer chez lui et jouer in linea. Ha salutato mio padre e mi ha detto di continuare a godermi la piscina, gli ho detto che sarei tornata presto a casa e lui mi ha detto di non avere fretta. È un bastardo, sa che se torno a casa voglio stare con lui, e lui voleva continuare a giocare, quindi vai avanti, mi diverto in piscina, mi sono detto.

Se n’è andato, mio ​​padre ha chiamato:

– Andiamo in piscina, fa caldo! Corse e saltò in piscina.

Mio padre si chiama Carlos, ha 50 anni, è castano chiaro, è alto 1,70, magro e con pochi muscoli, è in buona forma, si è sempre preso cura di se stesso, non è estremo come me, ma conduce una vita bella e sana. . . Lui è un ingegnere civile, attualmente costruisce case da vendere, dopo la morte di mia madre mi ha detto che non voleva risposarsi, che avrebbe provato a godersi la vita da single per un po’.

Anch’io sono entrato in piscina, sono andato da mio padre, mi ha tirato e mi ha abbracciato da dietro e mi ha abbracciato, mi piaceva stare con lui così. Mi ha accarezzato la pancia e mi ha messo una mano sulle cosce, sono rimasto un po’ sorpreso ma non ho detto niente, poi le sue mani sono andate sul mio sedere, stranamente mi sono sentito eccitato, ha visto che non avevo detto niente e lui ha alzato la mano e mi ha accarezzato il seno sopra il bikini, avevo voglia di continuare e ha cominciato a sorgere una forte eccitazione, all’improvviso gli ha baciato il collo e con un leggero morso ho emesso un leggero gemito di eccitazione.

Le sue mani scesero di nuovo e lui, tenendomi i fianchi, spinse la vita verso il mio culo, potevo sentire il suo cazzo duro dentro il costume da bagno sul mio culo, lui mi stava godendo e io stavo godendo con lui.

– Continua così papà! Non perché mi diverta!

Questo mi è uscito dalla bocca senza pensarci, ero super arrapato, e apparentemente lo era anche lui, il suo cazzo era molto duro e mi faceva venire voglia, in quel momento sembravo posseduto, non pensavo a niente, volevo solo di più Esso.

Altre storie erotiche  Sapore di ne voglio di più!

Si allontanò e quando tornò sentii il suo cazzo tra le mie gambe, che cazzo duro e che la dimensione era molto buona, ancora una volta lui tenendomi i fianchi mi spinse la sua dimensione nel culo, sentii il suo cazzo duro tra le mie gambe ed ero non vedo davvero l’ora di averlo nella mia figa Sono impazzito, ho preso la mia mano e liberando il top del bikini l’ho tolto, subito le sue mani mi hanno accarezzato il seno, ma volevo di più, volevo il suo cazzo nella mia figa.

Ho tirato via il perizoma e ho guidato il suo cazzo duro nella mia figa, immediatamente la testa del suo cazzo è entrata ed è stato delizioso, ha iniziato a muoversi avanti e indietro tenendomi la vita e il suo cazzo. È entrato, ha messo tutto il suo cazzo nella mia figa, gemeva di piacere e io gemevo più tardi con le brevi spinte che faceva, era tutto meraviglioso ed era quello di cui avevo bisogno.

Siamo rimasti così qualche istante, lui era arrapato, allora ha detto che era meglio per noi stare fuori dalla piscina, io ho detto solo di sì, ho tirato fuori il cazzo e sono uscito anch’io dalla piscina, ho preso il mio asciugamano. e io e lui ce li mettevamo uno sopra vicino alla piscina, io ne approfittavo e mi toglievo il perizoma lasciandomi completamente nuda, lui usciva dalla piscina con il cazzo così duro che era bellissimo da vedere. Quando si è avvicinato mi sono chinata e gli ho tolto il costume da bagno, non ho resistito e gli ho afferrato il cazzo, ingoiandolo deliziosamente, sono rimasta lì un po’ in ginocchio a succhiargli il cazzo, lui ha detto: – Ecco. Esatto, succhiami il cazzo! Sentire questo mi ha motivato ancora di più e ho succhiato in un modo che lo ha fatto gemere e dire “buonissimo”.

Gli ho chiesto di sdraiarsi sull’asciugamano e lui lo ha fatto, poi gli sono salito sopra e ho messo il suo cazzo nella mia figa, che ha ingoiato tutto, ho iniziato a cavalcarlo e poi gli ho galoppato sopra, i gemiti sono usciti ad alta voce con piacere. L’ho sentito, dopo un po’ ho iniziato a cavalcare con tutto il suo cazzo dentro di me, mi sono chinato in avanti lasciando il mio seno davanti al suo viso, lui le succhiava mentre la mia figa sbavava sul suo cazzo.

– Io sto andando a correre! Mi lasciò andare, già tenendomi il sedere.

– Divertitevi, mi divertirò anch’io! Ho risposto, sentendo già una forte ondata di piacere nel mio corpo.

Mi ha tenuto stretto il culo e con il cazzo incastrato nell’asta gemeva venendomi dentro, pochi secondi dopo con il cazzo che ancora pulsava dentro di me sono venuto e mi sono sdraiato sul suo petto, è stato spettacolare, mi si sono addormentate anche le gambe e Tutte le mie forze sembravano svanite nel piacere. Penso che siamo stati lì per circa cinque minuti, poi mi sono alzato e sono andato in bagno per pulirmi, c’era così tanto sperma che mi scorreva lungo le gambe, che sperma ha prodotto. Lui è venuto dietro di me e mi ha dato il bikini, ho fatto una doccia alla mia figa in bagno, una doccia nella zona barbecue, lui si è lavato il cazzo e si è messo il costume da bagno, ha detto che mi avrebbe aspettato in piscina, si sentiva un po’ imbarazzato.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Vestita da coniglietto provoca il figlio del mio ragazzo

Ho finito di pulirmi e mi sono messa il top e il perizoma, sono tornata in piscina, lui era lì, sono entrata in piscina e mi sono avvicinata a lui.

– Figlia mia, perdonami, ma non ho resistito, morivo dalla voglia di farlo con te!

– Papà, non preoccuparti, mi è piaciuto tantissimo farlo con te, come puoi vedere, ne avevo davvero bisogno, quello che abbiamo fatto è stato meraviglioso.

Ci siamo baciati e gli ho detto che adesso potevamo farlo più spesso, lui è rimasto sorpreso, abbiamo continuato a divertirci in piscina. Erano circa le 5:30 del pomeriggio quando siamo usciti dalla piscina, siamo andati a fare la doccia insieme, gli ho succhiato di nuovo il cazzo ed è diventato di nuovo duro, gli ho voltato le spalle e ho tirato fuori il culo e lui mi ha penetrato deliziosamente. , mi ha dato delle deliziose spinte nella mia figa, sono rimasto sorpreso da quanto mio padre potesse sopportarlo, ha passato molto tempo a scoparmi la figa, quando stava per venire l’ha tirato fuori ma gli ho detto di rimetterlo dentro . Lui mi ha obbedito e ha infilato di nuovo dentro quel delizioso cazzo e lo ha pompato con entusiasmo nella mia figa bagnata. È venuto caldo nella mia figa e adorava sentirla pulsare forte dentro di lei.

Ci siamo cambiati e sono tornata a casa, esausta e soddisfatta, Daniel era chiuso in ufficio a giocare, ho preso il mio quaderno e, incuriosita, ho cercato su Internet riguardo all’incesto. Naturalmente per non incuriosirvi la mia gatta sta bevendo il latte di mio padre in questo momento, se vi è piaciuto e volete sapere come va lasciatelo nei commenti e se possibile anche nelle stelle, finirò qui molto felice, grazie ragazzi per aver letto finora, baci, forse fino alla prossima volta. Vuoi divertirti un sacco guardando i miei pacchi? cercami 4,1,9,9,6,2,3,6,5,6,1, adorerai le foto e i video di nudo che ho separato esclusivamente per te, ho anche creato un Instagram dove puoi cercare Sto parlando di storie, renatavoinek.

*Pubblicato da renata369 sul sito climaxcontoseroticos.com il 18/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *