Storia vera: sorpresa del coniglio

di | 4 de Luglio, 2024

Amanda e io abbiamo avuto alcune discussioni lungo il percorso, e una delle discussioni che mi ha colpito di più è stata la gelosia che considero sciocca da parte sua. Il che ci ha impedito di parlare per una settimana. E io sono quella che si direbbe una persona molto testarda, ho provato a parlarle più volte, ma lei è scappata. Il che ha anche attivato in me la modalità capriccio. Dato che non vuole parlarmi, fantastico, non la inseguirò. E con questo ho cambiato il mio programma in palestra. Ho smesso di mandargli messaggi, per scusarmi, il mio ultimo messaggio era che gli avrei dato tempo. Ma dentro ero molto arrabbiato, e ancora più arrabbiato perché tra il sesso e il sesso che abbiamo fatto, non ho avuto la possibilità di mangiare quel culo delizioso, e ehi, ti avevo già fatto capire che mi piaceva mangiare un culo delizioso e stretto.

Quello che possiamo dire è che, anche se io e lei abbiamo fatto l’amore, non ho messo il dito su quel culo delizioso, e nemmeno mi sono deciso a mettere solo la testa all’entrata di quel culo meraviglioso. Ciò che lo ha fatto scappare è stato dire “non ancora, non sono pronto”. Era sempre una scusa. E mi ha dato fastidio, ma ha continuato, il che ci ha dato orgasmi elevati. Almeno Amanda mi ha sempre provocato dicendo questo. Un giorno avrei realizzato il mio sogno. Ma ciò avverrà a tempo debito, non posso obbligarla a farlo, nemmeno con quella stupida scusa che usa ogni uomo. Con lei non ha funzionato.

Mentre litigavamo lei non voleva parlarmi, passò una settimana e mi ricordai che aveva la mia chiave. Penso che il mio errore più grande sia questo, mi sto affezionando ad una ragazza e le sto già dando le chiavi di casa, ma facendo quello che faccio, ecco quello che sono. Stavo pensando a come chiedere la chiave di casa, non volevo essere scortese e scortese. E non volevo nemmeno suggerire che non saremmo andati oltre. Ho pensato di regalarglielo a Pasqua, per cercare di riconciliarmi. Sono andata alla fiera del cacao qui a Maringá e sono tornata a casa per fargli un regalo a Pasqua.

Altre storie erotiche  Il cliente caldo!

Ma con mia grande sorpresa arrivo a casa e lì trovo chi. Sul mio divano con lingerie bianca, una benda da coniglio e un plug anale, più questo con una coda da coniglio. Non ci ho pensato due volte in quel momento, ho messo da parte il suo cestino di cioccolata e mi sono avvicinato a lei. Che bel modo di cavalcare con quella spina nel culo. E ha finto di essere un coniglio, quindi questo coniglio si è inginocchiato davanti a me e ha iniziato a passarmi la lingua sul cazzo sopra i pantaloni, e ha iniziato lentamente a togliermi i pantaloni e quando se n’è andata, la prima cosa che ha fatto è stata sputarmi addosso io. Il che mi ha reso molto emozionato. Perché mi piacciono i pompini molto bagnati. E sapeva benissimo come farlo.

Quando ha iniziato a succhiarmi, la mia eccitazione è passata da 0 a 100 e mi ha fatto impazzire. L’ho presa in braccio e ho iniziato a baciarla dolcemente, ho scostato le sue mutandine e ho iniziato a toccarle il clitoride. Si è seduta sul bordo del divano, offrendomi quella deliziosa figa da succhiare, cosa che non ho rifiutato nemmeno per un secondo. Le ho allargato la gamba e una cosa che so che le piaceva era stringerle la coscia mentre le succhiavo la figa, ed è quello che ho fatto. Ho stretto quelle cosce con piacere mentre le succhiavo la figa. Eccitata ha già preso entrambe le mani e ha iniziato a spingere il mio viso contro la sua figa. Ho notato che era molto emozionata. Mi sono messa sul letto, ovviamente prima ho usato il gel anestetico, che non poteva mancare, poi il preservativo. Era già arrivata preparata, quello che ho notato è che aveva portato del lubrificante, che ho versato sul mio cazzo e ho cominciato a inserirlo, facendola emettere un gemito spietato. E mi ha fatto sentire bene in quella bella figa. È venuta a baciarmi e mi ha detto, se fossi in te, oggi mi calmerei, perché oggi ti darò quello che desideri tanto, il tuo coniglio ti ha portato un bel regalo, che desideri tanto, figlio di puttana .

Altre storie erotiche  Feticcio delle mutandine - Storie erotiche

Quando lo disse fu come gettare benzina sul fuoco. Wow, ho iniziato ad approfondire quella figa. Che emozione deliziosa! Dopo aver passato un po’ di tempo con lei sdraiata sul divano, ho potuto vedere che il mio cazzo era bianco del suo sperma, ed è questo che amo del sesso. Lei mi ha spinto, si è messa a quattro zampe verso di me e ha detto: “Vieni a mangiare il culo del tuo coniglio, è delizioso”. Staccai lentamente la spina, il che dimostrava quanto fossi eccitato. Quando ho finito di staccare la spina, le ho dato una bella pacca sul culo. Ho preso il lubrificante che aveva portato e l’ho versato senza pietà sul mio cazzo e sul suo culo. Ho iniziato a giocare con il mio cazzo all’ingresso del suo culo. E poco a poco ho introdotto il mio cazzo nella sua figa. Quando ho capito che stava già praticamente chiedendo un cazzo nel culo, l’ho preso e gliel’ho infilato nel culo fino a raggiungere il fondo del culo. Mi fermai un attimo e le tirai i capelli, avvicinandola a me. Detto questo ho iniziato a baciarle il collo e a mordicchiarle la schiena. Il che gli fece emettere un gemito così delizioso, che era un invito a entrare in quel delizioso culo. Che si è messo a quattro zampe e ho iniziato ad entrarci con gusto. L’ho presa per la vita e l’ho abbracciata forte. Mentre facevo questo ho iniziato ad andare avanti e indietro con lei. Ad ogni spinta, il mio corpo colpiva il suo, emettendo un suono piacevole, come se qualcuno stesse spingendo con forza. Poi ha iniziato a dire che stava venendo, cosa che non avrei mai pensato di poter realizzare un’impresa del genere, ma era possibile e mi sono meravigliato della scena. Quando ha annunciato che stava venendo, non ho potuto trattenermi e ho iniziato a venire con lei.

Altre storie erotiche  Mangiare il giornale sposato - Racconti erotici

Dirò che è stata la migliore Pasqua che abbia mai avuto, ovviamente non è finita con quella merda. Abbiamo continuato quel giorno, purtroppo la relazione è finita. Ma non mi pento di nulla. E non proprio. Grazie per aver letto, goditi questa storia. E lascia nei commenti il ​​sesso indimenticabile che hai fatto.

*Pubblicato da morenotzaum sul sito climaxcontoseroticos.com il 30/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *