Straordinari – Parte 3.

di | 9 de Dicembre, 2022

Bene a tutti, Júlio è tornato per raccontarvi una grande storia. Come sai, ora sono con Ana Flavia, più rilassato, vivo la vita di un uomo solo, e come sai, tutto all’inizio è abbagliante, tutto è eccitante, tutto è nuovo. E, dopo questo turbolento periodo di divorzio, Flávia si dedicò a trovare nuove entrate. E si è reinventato. Ha lasciato il mercato tradizionale e ha intrapreso un progetto personale molto interessante, che era il progetto culinario che sognava da tempo.

La seconda figlia, Sabrina, e io, ovviamente, la sosteniamo molto. Flávia ha iniziato a realizzare video che mostravano le sue specialità sui social media, abbiamo investito nell’aumentare la portata dei post e presto ha avuto un enorme seguito e una grande monetizzazione.

Ho deciso anche di fare altri investimenti, ma sono cresciuto nell’azienda dove sono stato assunto e ora sto per diventare responsabile commerciale. Sono entrato nel 2020, ho seguito corsi di manipolazione degli alimenti, ho ampliato i miei orizzonti, ho raggiunto molti traguardi, non ero solo un promotore di vendita, no.

Era un momento di cambiamento per entrambi. Però è stato bello, perché ognuno ha vissuto la propria vita come meglio credeva, con tanta complicità e tanto amore, soprattutto. Flávia ha dimostrato un’enorme capacità di rispondere alla demolizione di quella che considerava la sua casa e, di fatto, ne ha preso il peso per sé e per il suo primo marito.

Con i nostri risparmi e tanta forza di volontà siamo usciti da casa mia per versare l’acconto sul nostro Loft. Ah: e ci siamo sposati sulla carta, hehehehe, una cerimonia molto familiare, una festa per alcuni amici, comunque. Abbiamo continuato la nostra vita come avevo giurato di fare con lei. Non avendo più figli che dipendessero da lei per qualsiasi cosa, l’unica cosa che doveva fare era prendersi cura di se stessa, dei suoi affari, e soprattutto della sua autostima e della sua vita affettiva.

Grazie agli investimenti che ho imparato a fare, guardando Ana Flávia reinventarsi, sono diventata meno dipendente dall’occupazione formale. Sogniamo insieme ora di comprare la nostra auto. Avevo già un’auto, ma tra l’altro non era l’auto che volevo. Era usato, mi ha portato in molti posti, mi ha aiutato molto a guadagnare soldi come libero professionista, ma ora Flávia e io avevamo gli occhi puntati sul Renegade dei nostri sogni.

Con le nostre vite in pieno svolgimento, tutto era nuovo ogni giorno. Continuiamo a scoprire cose l’uno dell’altro. Nello stesso momento in cui stavo imparando le sue abitudini, lei stava imparando alcune delle mie abitudini. Una delle abitudini che mi ha insegnato è stata nei fine settimana, con la pizza e Netflix, guardare film e divertirsi molto. Accidenti, amo troppo il silenzio e la privacy. È in questa prevedibilità che dà vita che trovo il valore della vita comune della casa, dell’intimità. Flávia e io abbiamo avuto molte conversazioni per tutta la vita, scambiandoci esperienze, confessioni… fantasie, hehehehe. Ha iniziato a prendersi più cura di se stessa e ad apparire più sexy, andando in palestra, imparando nuove ricette, producendo contenuti, prendendo nuove lezioni. Il loro successo mi ha insegnato che ogni conquista dell’uno è felicità per l’altro. Anche la mia promozione all’interno dell’azienda ha rafforzato il nostro rapporto. Ho iniziato ad avere un’auto aziendale per poter servire diversi clienti, ma volevo di più. Stavo già pensando di lasciare il mio lavoro e continuare la mia vita come lei. Perché ho acquisito una visione e ho perso la paura di provare l’ignoto.

Era carburante, anche per noi, per continuare a condirci a letto. Lo zelo per lei l’ha portata a prendersi cura di lei per servirmi meglio, e il risultato è stato che sono diventato anche più geloso, hahahaha! Non potevo più commettere gli errori della mia vita precedente. Non c’è modo.

Bene, puoi immaginare l’abitudine che ho iniziato ad avere e che non ho più. Bene, è qui che inizia la storia.

Prima era un ragazzo molto semplice. Non mi piacevano molto gli spettacoli all’aperto. L’ho anche fatto, ma dopo 6 giorni di lavoro non avevo più molta energia per fare qualcosa con la famiglia fuori casa. Ho ordinato pizza, soda per i ragazzi e basta. Non ho recuperato molto. E non aveva visite a casa. La casa di Flávia ha sempre avuto gente. Wow, quando ero con lei da Sabrina e Miguel, ogni fine settimana andavo a trovarla o andavo da qualche parte.

Quando abbiamo iniziato a vivere insieme, la mia pazienza si è esaurita e ho dovuto parlarle per calmarla. Ero già incazzato perché ci stava rubando la privacy e non c’era molto controllo, non era molto programmato. E mi è sempre piaciuto camminare leggero a casa. Al primo matrimonio, ci sono stati giorni in cui ero nudo, senza la polo, sai. Fino al primo figlio era così. E di notte era solo un lenzuolo e nient’altro. A Flavia non piaceva vedermi a torso nudo o in giardino, hahahahahaha. Come ha detto, è gelosa. Essendo in un ambiente aziendale e incontrando molte persone, Flávia ha sempre voluto tenere d’occhio il mio cellulare per vedere con chi stavo parlando. Nel primo matrimonio ho avuto la vita virtuale più calma. Aveva dei contatti, sì. Ha parlato con tante persone, ma da quando aveva confessato che lui l’aveva tradita, che non si era comportato come lei, ha sempre prevalso l’insicurezza, visto che ha scoperto i tradimenti attraverso i messaggi del marito.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Esci dalla routine (02)

Aveva quella legittima paura, ma aveva anche un altro problema: riceveva troppe visite e nemmeno una o due volte ne discutevamo. Aveva paura delle mie conversazioni su Internet, ma gli piaceva avere persone in casa per parlare delle nostre vite. Ok, erano amici sposati e tutto il resto, mi piaceva, ma non sempre. Volevo fare qualcosa ogni fine settimana. Ho dovuto fare e ridimensionare un po ‘. Mi ha infastidito da morire, non hai idea.

Un’altra abitudine che ha preso da me: girare per casa poco vestita. Anche nudo, ahahah. Quindi cazzo ci volevamo divertire, picchiavamo sempre qualcuno a casa. Capisci di cosa sto parlando?

Ma a parte questo, la nostra vita è molto dinamica. Ma non mi piace che la gente entri in casa per sapere quanto. Tu mi capisci?

Bene, dopo aver farcito le salsicce per la buona causa, mettiamoci al lavoro: era un sabato pomeriggio. Avevamo programmato una serie di maratone. Di solito lavoro presto per avere un po’ di energia con mia moglie. Sono arrivato qui alle 3:50, ho fatto questa bella doccia, sono uscito pronto a violentarla a testa in giù, hahahahahaha, e sono andato a letto. Tutto programmato, gente. Tutto nello schema. In mezzo al caldo, quella bocca saggia ed esperta distruggeva la mia resistenza, distruggeva tutto ciò che avevo arginato per sconfiggerla… all’improvviso squilla il telefono. Onestamente non credo che Satana in persona mi avrebbe fatto bollire così tanto il cervello. Ma quel giorno, il suo piano era scopare sul serio. Dannazione, in senso letterale. Non rovinare il mio pomeriggio.

Un tuo amico chiama. Cinzia, il suo nome. Erano colleghi prima del mio arrivo. E sì, la conoscevo, perché quando sono arrivato lei era ancora lì. Poteva sentire che tutto ciò che stava pianificando sarebbe andato nello spazio. Il mio sangue ribolliva, volevo andare al calcio a bere e guardare una partita, ma ho tenuto duro. Amico, quello era un secchio di acqua fredda. Lo giuro.

Quindi Flávia riattacca il telefono 5 minuti dopo l’inizio della chiamata. Ero andato in cucina, a prendere dell’acqua, poi sono andato in soggiorno, ho acceso la televisione per distrarre la mente con qualsiasi cosa, poi è sembrata molto seria.

Flávia: Lei viene qui, amore mio.

Io: stai scherzando vero?!

Flavia: Ti ricordi quando ho lasciato Guto, quando sono andata da Sabrina? Sai, ho bisogno di aiutarla, Júlio, è già stata una spalla per me, non posso lasciarla così. I due hanno combattuto male. Ci vorrà del tempo, ma avremo il resto del fine settimana per divertirci. Per favore, amore mio, sii comprensivo. Per me, ok?

Io: (gemito) Sì.

Flavia: Prometto di farmi perdonare stasera (si è seduto sulle mie ginocchia e ha fatto una bella capriola), va bene cazzo mio! ? Sono pazzo di te. Annusami qui (scambia con me un bacio caldo e voluttuoso).

Quello che voleva era strangolare Cinthia e lei. Ma lei sa come spezzare la mia rabbia. Fallo!? Andavo a cercare vestiti, a sistemarmi i capelli, andavo in strada a bere qualcosa, a fare merenda… e basta, Cinthia è venuta a casa nostra… che donna! Accidenti, ora ero sicuro di essere stato mandato dall’inferno per tormentare anche i miei sensi!

Cinthia: Ciao amico, mi dispiace di essere venuto a quest’ora!

Flavia: Oh amore mio!!! A cosa servono gli amici!?

Si abbracciarono forte. Ma mi sono arrabbiato con i vestiti che sono arrivati ​​al nostro Loft: Cinthia è più bassa di Flávia, circa 1,69 m, ha i capelli rossi, il seno medio, la pelle bianca, gli occhi bianco scuro, la bocca sottile, ma con il rossetto rosso sangue, ha un piccola protuberanza, ma niente che sporge dal resto del suo corpo è… dannazione! Indossava pantaloni come… i pantaloni di pelle nera che Flavia indossava al loro primo appuntamento, e a Blusa bianca, scollata, in pizzo con spalline sottili. Non ho nemmeno dovuto chiudere gli occhi per sognare questa merda senza niente sul mio corpo. Ordine infernale. Certo.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Casalinga con amici bisessuali

Le chiacchiere andavano e venivano, si scambiavano idee senza guardare il tempo che passava, si scatenò un acquazzone che seppellì definitivamente i miei progetti. E chiama il 99 da qui, Uber da lì, la mappa era dinamica e non è venuto nessuno. Nemmeno il traghettatore dall’inferno a farsi carico di questa sorte. Cosa ha suggerito l’anima buona di Flavia?

Flavia: Cinthia, non ti lascerò andare così. dormi con noi…

Io cosa!???

Cinthia: Amica, ero già molto imbarazzata, sei stata gentilissima con me, mi hai fatto ingrassare con tanto cibo, hahahahaha! Ma devo andare, non sono d’accordo con mio marito ma posso sopravvivere ancora una notte…

Io per! Fermati là. Scusate le mie cattive maniere. Ho detto COSA, in modo esacerbato, perché non mi piace offrire merda ai miei amici, non lo offrirei nemmeno ai loro amici. Abbiamo una camera da letto aggiuntiva. Solo che lì non c’è il letto. Sarebbe più come una… scrivania, sai. Non dormirei tranquillo vedendoti sul pavimento. Che tipo di ospite sarei, vero amore! ? Perdona le cattive maniere. Abbiamo solo il divano e qualche lenzuolo che possa alleviare il disagio. Non dormo nemmeno sul divano, perché… guarda le dimensioni del cadavere, si sveglierebbe tutta distrutta.

Flavia: Wow, mi hai spaventato, sai?

Io: potrei anche portarti a casa, ma finire la giornata da solo con te non sarebbe per niente interessante (sigh)… scusa se non ti ho proposto di meglio.

Cinthia: Wow, eri così carino!! Ma sul serio, ha smesso di piovere, guarda.

Io: Ma la mia coscienza non sarebbe in pace. Non apprezzerei se qualcuno lo facesse a mia moglie. Cinthia, non sono delle più ospitali, lo ammetto. Ma non lo permetterò nemmeno. Oggi sei sotto la mia cura. Stare! E prima di partire, prendi un caffè con noi.

Flavia: Wow! Così risolto, eh, hahahahahaha!!

Cinthia: Ainn… “bigadu”, per me siete come degli angeli! Beh, l’hai detto, amico mio, quell’uomo ti fa un beeemmm…

Questo “Beeeeem” è diventato strano, ma Flávia ha fatto finta di essere pazza o… beh, abbiamo dovuto condividere le nostre migliori lenzuola, cuscini, abbiamo dovuto improvvisare come meglio potevamo. E ho dovuto dormire in maglietta e pantaloncini, che peccato. Ho voglia di “santo”!

Finora è stato così buono. Abbiamo lasciato la televisione accesa in soggiorno, sai, perché aiuta alcune persone ad addormentarsi più velocemente, e sono andato prima in camera da letto, e loro due sono rimasti a parlare a bassa voce, poi, mezz’ora dopo, Ana Flávia è entrata, con la “Missione Salva-Amigas compiuta, e ha ringraziato il suo fedele ‘aiutante’ in un modo molto sexy ed eccitante.

Flavia: Eri un angelo, tesoro. Wow, ero orgoglioso.

Io: Sì, facciamo quello che possiamo.

Flávia: Ma merita una bella ricompensa.

Io: ah si!?

Flavia: (al mio orecchio) Ehm. Anche perché ora inizia il nostro weekend. E volevo solo mostrarti una piccola prova – metti mano al mio giocattolo – di cosa ti aspetta in questa notte agitata.

Io: Dai… sembra interessante.

Flavia: Hahahahahahaha! Mi emoziono solo pensando a cosa può fare questo bar, nel bel mezzo di questa tempesta, in un oceano in tempesta, sai?

Io: voglio che l’oceano anneghi la nave e tutto il resto!

Flavia: Sì, bastardo?! Delizia – Inizia a masturbarsi lentamente e deliziosamente – ummm…

Metti a tacere la mia parola con un bacio pieno di piacere. Mi toglie i pantaloncini e inizia ad accarezzarmi le palle e il perineo. Le nostre labbra danzano come onde che fanno dondolare una barca in tempesta. Flávia si arrampica sul mio corpo nel suo vestito nero, strofinando la sua figa già esposta sul mio cazzo follemente invadente. Mi strappa la camicia e mi succhia i capezzoli con la fame di una puttana. Mi fa impazzire e mi fa perdere la serietà. Rotolo con lei sul letto, mi posiziono tra le sue gambe e faccio scorrere le mie labbra lungo il suo corpo sopra il suo mantello di pizzo. L’odore tra le tue gambe sta già entrando nelle mie narici, indicando che la tua femminilità è ricettiva all’unione. Le bacio le labbra con entusiasmo. Succhio voracemente le tue cime. Inarca il suo corpo, danzando con la mia lingua dentro di lei.

Faccio “Huit Infinito” e Flávia geme gutturalmente. Tiene la sua erezione per non svegliare l’adorabile ospite. Merda, non so cosa mi prende, ho deciso di guardare la porta e vedo che non è chiusa!! E il peggio: un brivido mi corre lungo la schiena quando sento dietro di lei una presenza che ci ha osservato per tutto questo tempo… da quanto? Il cuore mi salta alla bocca. Flávia dice: “Oh, amore mio, non fermarti! Cos’è successo?”

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - Tara de Carla, parte I

Volgo gli occhi su di lei, e quando torno alla porta… Non c’è nessuno!

Io: hai lasciato la porta aperta, Flavia!!

Flavia: Oh mio Dio!!! Che imbarazzo.

Io: esco se…

Flavia: No, me ne vado! Rimani qui.

È inutile, amico, l’atmosfera è stata tagliata ancora una volta. Ci è voluto meno di un minuto. Ritorna, e questa volta spegne tutto.

Flavia: Wow, non credo sia arrivato in soggiorno. TV accesa, stavo già dormendo.

Io: (un sospiro) Bene, immagino.

Flavia: Sono un disastro, vero! ? Hihihihihi!

Io: Dannazione… vieni qui non ho finito!!

Flavia: ahaaaam! Sì, lo farò. Strappa la felpa dal corpo, da dove ci siamo interrotti!

Io: Nella parte in cui mi stavo tuffando in questo mare.

Flávia: (strisciando sul materasso fino a coprirmi il corpo) perché ora è il momento, che una corrente ti afferra, e ti trascina – sali, e siediti sul mio petto con la tua figa sulla mia faccia – Incontrollabile!! !

Si dimenò e strofinò il suo miele su tutto il mio viso sbavato e mi tirò la testa contro di lei. Il mio membro palpitante, sul punto di esplodere. Le ho detto di girarsi e abbiamo fatto un delizioso 69. Il suo vizio bollente, la sua lingua che serpeggiava sul mio glande, la sua figa grondante di miele e il suo culo che mi faceva l’occhiolino. Con la testa e le spalle appoggiate più in alto sulla testata del letto, ho abusato delle solette su entrambi gli ingressi.

Flavia: Fermati, voglio che mi scopi adesso! Non posso più !

Si è messa a quattro zampe e quando mi sono adattato, il mio cazzo è scivolato libero e sciolto dentro di lei, mi sono sentito come gelificato. Lui gemeva piacevolmente, io spingevo virile, come un animale, esprimendo semplicemente il mio istinto senza mistero e senza virtù, il mio desiderio massiccio e permanente.

Prendo in prestito le parole di Vinícius, che certamente si è dichiarato con fervore all’oggetto della sua passione subito dopo una deliziosa scopata, e immagazzino lì tutta la forza dei miei muscoli, in un sesso maturo senza barriere, un’esperienza nell’eternità in questo breve momento .

La collisione di due mondi diversi, i vuoti che diventano uno. L’intensa forza mi trascina sempre più in profondità dentro di lei. Da ognuno dei tuoi pori. Cambio il tuo fiume di piaceri contro la tua valle oscura e lì mi rifugio. Spingo più forte. Flávia cerca di contenere le sue urla con un cuscino. Dice di non fermarti. Il tuo sudore esce dai tuoi pori. Proprio come Poseidone, nei miti, sconvolge Atena tenendosi Medusa sulla tempia, io la prendo da dietro. Tiro i capelli a Flavia, lei mi guarda ubriaca di desiderio, le metto in bocca le dita che ho inzuppato nel suo miele e lei succhia come una volpe della strada.

Entrambi esplodiamo di piacere. Soddisfatta, completa, si accoccola tra le mie braccia e soccombe al fascino di Morfeo. Tuttavia, Mnemosyne mi tiene incollato mentre elaboro gli ultimi dati della giornata. La visita, la pioggia… la presenza dietro la porta! Poteva vedere il suo corpo contorcersi davanti alla scena che le aveva rubato il sonno. O era lì per rubare?

Mi alzo ancora una volta per vestirmi. odio la biancheria da notte. Il sonno tarda ad arrivare, ma finalmente riesco a sfuggire a questi pensieri.

Non so quanto tempo rimango fuori, ma mi sveglio nel cuore della notte per bere acqua. Il corpo ha sete. Apro piano la porta e la chiudo con cura per non svegliare mia moglie nuda. Arrivo in cucina senza pala. Accendo la luce, apro il frigo per raggiungere ciò che bagnerà il mio discorso.

??- Me ne dai anche un po’!?

Ancora una volta, un brivido mi percorre la schiena. Mi giro e Cinthia è nascosta sotto un lenzuolo.

Io: Sc-certo!

Allungo la mano verso il vetro per onorarlo.

Lo prende con noncuranza, l’acqua le gocciola dall’angolo delle labbra. Prendilo volentieri. Inumidisci la parte superiore del foglio. Mentre beve l’ultimo sorso, la sua mano destra cade lungo il fianco e ciò che separa i miei occhi da ciò che solo suo marito conosce viene rivelato.

cinthia: più ho ancora sete.

Da seguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *