Suicide Girl, la nipote di TikTok

di | 9 de Dicembre, 2022

Tutto è iniziato il giorno del mio matrimonio, la festa è stata suddivisa in 2 giorni, il primo giorno più formale e il secondo solo la famiglia riunita in una casa di campagna. Ad un certo punto la gente è caduta in piscina e anche io e mia moglie siamo entrati in acqua, la mia bellissima moglie in bikini è andata in acqua con lei e io ero lì ad abbracciarla e a strofinarle il cazzo sul sedere, ne vado matto mia moglie, ma quello che sono qui per riferire è quello che è successo a causa di quel giorno. Mia moglie ha una nipote di circa 22 anni, una ragazza funky suicida con molti tatuaggi e un corpo fantastico, tette di silicone, cosce toniche, culo sfacciato e un bikini difficile da trovare con questo caldo.

È caduta in acqua con questo bikini, io sono rimasto a vestirmi e godermi questa delizia, mentre abbracciavo mia moglie da dietro e lei, senza rendersi conto che stava asciugando questa deliziosa ragazza, continuava a rotolare discretamente sul mio bastone. I miei amici volevano scopare mia moglie proprio lì, ma con la piscina con più persone, era solo nell’immaginazione. Siamo rimasti lì a parlare e giocare in acqua, verso le 5 del pomeriggio hanno deciso di iniziare ad uscire dalla piscina, anche mia moglie che è andata a fare la doccia ed io siamo rimasti in piscina ancora a parlare, in quel momento Fernanda (l’artista del funk) ha abbassò il tubo della piscina e si sdraiò sul bordo della piscina con il culo nudo. Ho guardato questa delizia e ho pensato alle oscenità. Il mio cazzo mi stava uccidendo. Ho deciso di uscire dall’acqua e quando sono salito le scale per la piscina proprio accanto a Fernanda i miei pantaloncini bagnati hanno dato via il mio cazzo duro, in quel momento ho notato che Fernanda ha abbassato parte dei suoi occhiali da sole per vedere e si è morsa leggermente il labbro , Ho provato a nasconderlo, ma ho lasciato uscire un sussurro apposta.

– Delizioso! – Che cosa ? disse in un sussurro.

Ho fatto finta di non ascoltare e sono uscito dalla piscina, sono passati alcuni giorni e mi sono reso conto che era arrivata una richiesta di Fernanda per seguirmi su Instagram, ho accettato e ho guardato i video del suo funk che ballava quasi nuda in vestitini corti e collant perizoma. su quel bel culo, proprio come me lo ricordavo quel giorno e ho cominciato a massaggiare il cazzo in quel punto già forte, ho notato un collegamento a tiktok e lì su tiktok quella cosa è diventata ancora più calda Video di 3 minuti di lei che balla e praticamente nuda in quasi abbigliamento impercettibile Ho tirato fuori la verga e ho scritto una cannuccia proprio lì pensando a come sarebbe stato entrare in questo mascalzone.

L’altro giorno ho ricevuto un suo messaggio sul mio WhatsApp, mi sono anche spaventata perché non avevo il suo numero e sono arrivata alla conclusione che doveva aver preso il mio numero dal gruppo famiglia di cui ora faceva parte, il messaggio ha detto:

– Ciao come vanno le cose? Grazie per avermi accettato su insta e per aver apprezzato il mio video su tiktok. – Questo messaggio è stato seguito da diversi piccoli cuori.

– Ciao, va bene, e tu? È un bene che ti abbia seguito, ma non ricordo di aver apprezzato il tuo video su tiktok. – ho risposto e non mi ricordavo proprio, ho finito per godermelo per caso.

– Sì, sto bene, non ti preoccupare, non dirò a mia zia che ti è piaciuto il mio video di ballo.

– hmmm…. – risposi e rimasi in silenzio.

Altre storie erotiche  Corno racconto erotico - La vita del corno

– Ti sono piaciuti i video? – Che cosa ? lei chiese.

– Non sono un grande fan del funk, ma è un dato di fatto che tu balli bene. – Ho risposto.

– E mi hai ascoltato solo mentre ballavi?

– Sì, in fondo nel video si balla solo – risposi prendendomi in giro.

– Ho notato che stavi guardando il mio corpo in piscina e mi dirai che non hai guardato il mio corpo nel video in cui sono praticamente senza vestiti mentre mi preparo mentre ballo? dimmi un altro

Questa domanda non mi ha lasciato senza reazioni, lei è andata dritta al punto cambiando completamente il corso della conversazione, e ho deciso di buttarmi nella sua e vedere dove mi portava.

– Certo che ho notato il tuo corpo, come potrei non farlo?

– E colpirne uno mentre guardi? – Che cosa ? chiese sfacciato.

– Merda, perché dovrei schiantarmi guardandoti ballare? – risposi cercando di cambiare il corso della conversazione che ora aveva preso una piega davvero strana.

– Solo ricordare il tuo duro lancio in piscina e pensare di averne colpito uno mentre guardo i miei video mi fa impazzire. Pensi che non abbia notato quel grosso cazzo che hai lì, a dire il vero muoio dalla voglia di sentire quel cazzo seppellito dentro di me.

Questa sua frase mi ha fatto esitare un attimo e ci ho messo un po’ a formulare una risposta. Dopotutto, potresti essere in grossi guai.

– Il gatto ha la tua lingua? – Lo ha fatto lei.

– L’andamento di questa conversazione potrebbe portarci seri problemi, meglio smetterla. – Ho risposto.

In risposta, ha inviato una foto di lei sdraiata nuda, scattata con l’angolo della testa verso i suoi piedi, e si potevano vedere parte dei suoi seni, il suo ventre piatto e le sue gambe aperte con l’altra mano mentre spalmava fluidi vaginali. facendo un filo tra la sua mano e la sua figa che non potevo vedere a causa dell’angolazione della foto.

– Sei sicuro di voler cambiare il corso della conversazione? Guarda come mi lasci, mi sto massaggiando il clitoride mentre parliamo, se vuoi smettere va bene… Ma ti assicuro che se vuoi continuare, resterà tutto tra noi. Ora mandami una foto del tuo uccello, per la tua nuova nipote. – Lei disse.

Il bastoncino lo avevo già tirato fuori colpendone uno, e all’epoca, nonostante un piccolo dubbio, fotografai il bastoncino, lo spedii, uscì con una coda spessa 17 cm, venature prominenti e una grande testa rosa, infatti, fino ad oggi ho non ne ho mai avuto uno, la donna non ha sbavato sul mio pene.

– Mio Dio, questa canna è deliziosa, mia zia è fortunata ad avere un tale piccione. Che voglia di succhiarti fino a svuotare quelle palle! – Lei disse.

Ed è iniziata una sessione di invio di foto, ha inviato foto della sua figa completamente rasata e rosa, ho inviato foto da diverse angolazioni del cazzo, le foto si sono trasformate in video di noi che ci masturbavamo e alla fine si è trasformata in una videochiamata. Dove ha filmato le sue dita sul suo clitoride che si strofinava freneticamente e un’altra mano che inseriva un vibratore gemeva molto e continuava a balbettare come un matto chiedendomi di scoparla infilando il mio cazzo fino all’asta dentro di lei, per farlo più velocemente, ha detto che voleva sborra per la terza volta Una volta, per non smettere di scopare, ha voluto che io sborrassi con lei, ha visto la mia pre sborra e ha detto che voleva leccarmela tutta. Je n’arrêtais pas de terrique j’allais l’ouvrir et entrer en ella, et c’est ainsi que nous nous sommes retrouvés avec ella se tortillant d’un côté et moi en train de faire gicler plusieurs jets de sperme sur son stomaco.

Altre storie erotiche  Racconto di incesto erotico: realtà virtuale contro realtà reale III

Ci siamo salutati, giurando di non dirlo a nessuno e cancellando la conversazione dai nostri cellulari. Questo fatto però ha segnato il nostro destino, certo, né io né lei potevamo vederci, la voglia di fare l’amore era tanta e il giorno dopo è arrivato un suo messaggio, diretto e senza clamore.

– Vieni qui a casa a prendermi e portarmi in un posto tranquillo e segreto per mangiarmi. Questo è un comando, non una richiesta.

– Aspettami alle 14, ti vengo a prendere. – Ho risposto.

L’ho portata in una casa sul nostro sito che è chiusa con alcuni mobili ancora all’interno della casa, tra cui un letto. Siamo appena entrati in casa e lei mi ha già beccato a baciare e ad accarezzare il mio cazzo nei pantaloni, in pochi secondi ero con i pantaloni abbassati e lei era in ginocchio a succhiarmi il cazzo follemente, ha spinto e succhiato, leccato tutto il mio cazzo, strattonato e mi ha succhiato le palle, che pompino pazzesco. Siamo andati in camera da letto, dove ero completamente nudo e lei era solo in perizoma. Mi sono sdraiato sul letto e lei ha ricominciato a succhiarmi il cazzo, lo ha succhiato e se lo è strofinato sul viso e sulle tette, le ho annunciato che sarei venuto presto, si è masturbata fino a quando non è uscito il pre-cum e si è sdraiata lì a leccarsi il liquido. uscendo dal pozzo. Ha ricominciato a succhiarmi il culo. palle e masturbandomi all’impazzata con il bastoncino, mentre mi massaggiavo la figa deliziosa sulla gamba, non ci volle molto, il primo getto di sperma gli arrivò appiccicoso in faccia e quelli successivi li inghiottì tutti, poi si asciugò di nuovo la faccia del cazzo con le dita e lo bevve tutto.

– Mi piace scopare… Buonissimo!!

Ha messo un funk sul suo cellulare e ha iniziato a ballare e rotolare sul pavimento il mio cazzo era così duro che non sembrava nemmeno che fosse venuto si è tolta le mutandine ed è salita sul letto ballando a modo suo e giù con la sua figa il mio sesso, dove ha sfiorato un po’ ed è tornato su. Non lo sopportavo, volevo provare quella figa e l’ho avvicinata al mio viso e ho iniziato a succhiare quella figa, l’ho eccitata e sono rimasta tra le sue gambe succhiando il bocciolo e leccando come una pazza, lei gemeva e mi stringeva i capelli , chiedendomi di non fermarmi. Ho succhiato forte finché non è venuta nella mia bocca e ha ansimato sul letto, poi ho iniziato a succhiare quelle tette di silicone e strofinando il mio cazzo all’ingresso della sua figa e sul clitoride, la stava facendo impazzire.

Ha cominciato a pregarmi di mettermelo e io ho risposto subito, me lo sono messo nel pelo, non ricordavo nemmeno il preservativo che avevo nella tasca dei pantaloni. Il cazzo ha spinto tutta quella figa deliziosa, che ha ricevuto il mio cazzo in modo palpitante.

– Oh, è delizioso, dammi quel cazzo spietato! – Lei chiese.

Ho risposto rapidamente e l’ho indossato con forza, l’ho tolto finché non è quasi uscito dalla mia testa e ho rimesso tutto a posto, lei ha gemito e mi ha afferrato le unghie da dietro. Ho tenuto una delle sue gambe e l’ho messa sulla mia spalla per allargarla ancora di più, le ho infilato il bastoncino e lei ha colpito siririca e ha detto che sarebbe venuta presto. In pochi minuti è venuta e le contrazioni della sua figa hanno reso sempre più difficile muoversi da una parte all’altra finché il cazzo non è stato costretto a uscire dalla sua figa. Si stava contorcendo sul letto, e io le strofinai la figa finché il polso non si fermò e lasciai entrare ancora una volta l’asta, questa volta il cazzo scivolò dentro più facilmente, era così bagnato, rotolò sopra di me e cominciò a pulsare. e andare su e giù. Selvaggiamente, le tenni i fianchi e le massaggiai i seni.

Altre storie erotiche  finalmente anale...

– Quanto sei caldo, mio ​​cagnolino! – L’ho fatto.

– Sono davvero una stronza, stronza, ti piace mangiare la tua stronza?

– Adoro questa cagna arrapata! – risposi accarezzandolo sul sedere.

Ha iniziato a gemere molto ea cavalcare molto più veloce, ci siamo tenuti, ci siamo baciati come due bestie in calore. È tornato, e gli ho detto che sarei venuto anch’io, quando è caduto su di me e ha risucchiato il mio cazzo in bocca, bevendolo tutto. Si sdraiò accanto a me, mi accarezzò e mi chiese:

– Non vuoi mangiarmi il culo, quello della tua nuova nipote? “Mi guarda con una faccia sfacciata.

– Voglio davvero!! – Ho risposto rapidamente.

Ha afferrato la mia verga e ha iniziato a masturbarsi e succhiare di nuovo fino a quando non è stato di nuovo duro, poi si è messa alla pecorina e si è sputata sul culo e ha chiesto di scopare. Ho messo il cazzo nel culo stretto ed è scivolato dentro la figa, gli ho dato circa 3 o 4 pompate e l’ho tirato fuori mirando di nuovo al culo, questa volta stavo forzando la mia strada fino a quando il cazzo era dappertutto in quella stretta avida culo. . Ho iniziato a inserirmi lentamente fino a quando il suo culo era stretto contro il mio cazzo e il ritmo è aumentato fino a quando il cazzo è diventato frenetico pieno di gemiti e richieste di inserimento e promesse che avrei scopato tutto il pomeriggio. Siamo rimasti finché le mie gambe non hanno tremato. Così ci siamo scambiati di posizione e lei ci è corsa sopra, si è infilata il suo cazzo nel culo e mi ha voltato le spalle con una mano sul mio petto e l’altra masturbandosi, andava su e giù per la sbarra all’impazzata, non lo faceva impiega molto tempo prima che torni giù con il corpo sul mio petto ansimante e tremante. Il cazzo è uscito dal culo e io sono rimasto lì ad accarezzare quel corpo delizioso. Poi si sdraiò sul letto, allargò le gambe e chiese di essere rimessa nel culo finché non fosse venuta. Ho spinto la verga dentro di lei mentre iniziava a masturbarsi, sono rimasto lì spingendola forte dentro di lei mentre martellava freneticamente la siririca. Ho sentito la verga iniziare, stavo per venire, lei ha chiesto di venire nel suo culo, ed è stato così, lei è venuta e le ho riempito anche il culo di sperma fino a quando non è schizzato.

Siamo rimasti entrambi a letto per circa 20 minuti, scambiandoci abbracci e parlando.

– Che diavolo era quello, sono persino tenero! – Lei disse.

– Era tanto che non mangiavo così tanto, sei buonissimo!

– Tu che hai un cazzo divino, ne voglio ancora di questo cazzo! – Lei disse.

Abbiamo impacchettato tutto lì e siamo partiti, l’ho lasciata a casa erano quasi le 18:00 e sono tornato a casa molto stanco e pensando a cosa mi stavo cacciando. Quando avrò altri capitoli di questa storia tornerò qui e ve lo racconterò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *