un cuoco bisognoso

di | 9 de Dicembre, 2022

Con l’arrivo della pandemia e del lavoro a distanza, alla fine mi sono abituato alla consegna di pasti cucinati con velocità e tempestività all’altezza delle mie aspettative. Ho finito per preferire concentrare i miei ordini su uno di loro per vari motivi, ma soprattutto per il servizio sempre attento e gentile; quando ho ordinato online la conferma è arrivata tramite whatsapp, quindi ho finito per aggiungerlo alla mia lista dei contatti. Mentre il rapporto d’affari continuava sereno e stretto, mi sentivo più vicino alle persone incaricate di preparare i pasti anche senza conoscerle personalmente.

Questa relazione virtuale ha fatto il suo corso e probabilmente non si sarebbe trasformata in qualcos’altro senza un imprevisto; Seguo sempre lo stato dei miei contatti e un giorno ho visto un breve video in cui il cuoco stava preparando un pasto con la didascalia “preparato dalle mani di una fata!” ; Non ho resistito a commentare la didascalia, scrivendo: “Mani, viso e corpo come una fata! “. Più tardi ho pensato che potesse sembrare offensivo, ma non si poteva tornare indietro, quindi ho mantenuto la mia posizione anche perché la donna nel video era una bellezza arrapata.

Tutto sarebbe rimasto a questo livello se non fosse stato che qualche giorno dopo il fattorino, un simpatico giovanotto, durante una consegna per me, mi ha fatto una domanda inquietante. “Signorina Dalva, il capo mi ha chiesto di chiederle se può inviarle un invito per aggiungere contatti”, ha chiesto con tono a disagio.

-Digli se è la mano fatata che amo- risposi con lo stesso tono trattenuto.

Quello stesso pomeriggio ho ricevuto un invito da Dalva e ho accettato, includendola nei miei contatti. “Volevo ringraziarti per il commento entusiastico sulla mia condizione e invitarti a prendere un caffè quando posso!” mi ha risposto appena gli ho inviato un saluto formale. Non persi tempo ad accettare l’invito chiedendo se poteva essere la mattina dopo; lei ha risposto dicendo che preferiva che fosse nel tardo pomeriggio quando la cucina sarebbe stata più tranquilla. Ci siamo accordati sull’orario e il giorno dopo ho suonato il campanello del palazzo dove si trovava il ristorante virtuale; Dalva ha aperto la porta del garage sul retro della proprietà ed è venuta al cancello per salutarmi.

La guardai attentamente, notando che era davvero una donna attraente; doveva avere tra i cinquantacinque ei sessant’anni, capelli ricci fino alle spalle, pelle bianca, viso affabile, occhi castani e un sorriso sincero; era vestita con abiti larghi, sfoggiava un grembiule da cuoca quando aprì la porta, invitandomi a entrare; nous avons descendu la petite rampe qui donnait accès au garage où j’ai vu les installation d’une cuisine industrielle, juste au moment où je me suis rendu compte qu’à part nous, il n’y avait personne d’autre dans l ‘ambiente. Dalva mi ha offerto una tazza di caffè che aveva appena preparato e io l’ho accettata mentre la guardavo, guardavo una donna molto interessante presentarsi a me.

Durante la nostra conversazione, Dalva mi ha ringraziato più volte per il mio commento complimentoso sul suo profilo, anche se ha mostrato un certo disagio nel parlare. “Ma quello non era solo un commento, era in realtà un’opinione onesta!” Ho finito quando lei ha affrontato di nuovo l’argomento, cogliendo uno sguardo criptico da parte sua. Dopo un breve silenzio, Dalva scoppiò in una tirata; ha detto che sebbene fosse sposata, suo marito non la toccava da più di un anno e lo ha attribuito al fatto che era disoccupato, rendendola l’unica fonte di sostentamento per la famiglia, lasciandolo indigente. Ha detto che il mio commento sul suo profilo lo ha incoraggiato ad andare avanti.

-Mi fa piacere sapere che il mio commento è stato accolto così bene- risposi appena ebbe finito- ma, d’altra parte, non accetto che a una bella donna sia impedito di godere dei piaceri che la vita ti offre !

– Lo so, disse abbassando la testa con voce strozzata, ma sono sposata! …, sospetto che mio marito ne abbia un altro…, o altri e questo mi infastidisce molto! Io non so cosa fare!

-Dalva, se è vero, non credo che dovresti continuare a essere prigioniera di una relazione tossica – gli risposi con un certo tono – Ma se vuoi continuare ancora, almeno non esitare a darti piacere.

Dalva interruppe la conversazione e scambiammo ancora qualche parola prima che mi chiedesse cortesemente il permesso di riprendere i suoi doveri. Ci siamo abbracciati e io l’ho baciata sulla guancia prima di andarmene; Immaginavo che non l’avrei mai più rivista, ma che la mia conversazione aperta l’avrebbe motivata a cercare la sua libertà. Qualche settimana dopo, ho ricevuto un nuovo messaggio da lei che mi invitava a vederla quello stesso pomeriggio. Ancora una volta mi è venuto incontro e siamo scesi nel garage, che era deserto. Inaspettatamente e sorprendentemente, Dalva si inginocchiò davanti a me e iniziò a tirarmi giù i pantaloncini esponendo il mio collo.

Sempre senza preavviso, Dalva iniziò a baciarlo, giocando con le mie palle provocando un’inevitabile erezione; In pochi minuti la donna aveva il mio cazzo in bocca e me lo succhiava con vorace appetito, insistendo di tanto in tanto per fissare il mio viso con uno sguardo lussurioso. Rimasi molto sorpresa da questo atteggiamento, ma non potei fare a meno di approfittare della situazione e le accarezzai i capelli incoraggiandola con fervore. Dalva succhiò deliziosamente finché non si alzò, si tolse il grembiule e i pantaloni della tuta, mi voltò le spalle e si appoggiò a un tavolino basso. “Fottimi! Per favore, fottimi! Sono pazzo per un cazzo nella mia figa! chiese implorante; Non ho rifiutato di accogliere la richiesta di una donna in difficoltà, anche se temevo i rischi che comportava.

Con i pantaloncini abbassati, mi sono avvicinato a lei e ho strofinato il mio cazzo nella zona sentendolo abbastanza bagnato da ricevermi; Spinsi dentro il cazzo con un colpo profondo, provocando un piccolo pianto isterico da parte di Dalva. “Argon! Ahhh! È stretto, vero? Ma puoi colpire! Colpisci forte! Ahhh! ” balbettò in tono acuto, esortandomi a fare quello che mi chiedeva e quello che dovevo fare. ritmo intenso., introducendo ed estraendo il cazzo con profonde spinte, che ben presto produssero nella femmina il risultato sperato, Dalva provò successivi orgasmi facendola tremare nello stesso momento in cui i miei colpi le scuotevano il corpo.

C’è stato un tempo in cui avrei voluto strappare i vestiti a questa donna e godermi la sua nudità, ma sapevo benissimo che quello non era il momento, figuriamoci il posto. Continuai a ficcare cazzi nella figa di Dalva, che aveva già perso la testa annebbiata dagli orgasmi che continuavano senza sosta; Mi sono dedicata a darle ciò che una donna meritava dopo tanta siccità e penso che potrei essere soddisfatta del risultato… ma la verità era che volevo di più! Senza preavviso, le ho tolto il cazzo dalla figa e ho cominciato a strofinarle la piega tra le natiche, provocando una situazione inaspettata; Pensavo che Dalva mi avrebbe rifiutato quando avesse scoperto la mia vera intenzione, ma non l’ha fatto, rimanendo passivo di fronte a ciò che sarebbe successo.

Colpii più volte il bastoncino lussurioso contro il forellino finché raggiunsi il mio scopo, inserendo il glande e allargando il foro per ricevermi dentro; Dalva lanciò un grido acuto, ma esitò a fare un passo indietro, cercando di allargare maggiormente le gambe per permettere all’invasione anale di continuare; L’ho messa a poco a poco e non mi ci è voluto molto per avere tutto il mio cazzo dentro di lei; dopo aver preso un profondo respiro, ho cominciato a spingere forte al suono dei gemiti, delle urla e dei sospiri della cuoca che sembrava abituarsi a farsi scopare da me. Siamo andati fino in fondo con lei che ha sperimentato un orgasmo anale nello stesso momento in cui ho spruzzato forte, inzuppandola con il mio carico di sperma caldo e denso.

Purtroppo non abbiamo avuto abbastanza tempo per riprenderci perché i rumori provenienti dal retro del garage indicavano che presto sarebbero arrivate altre persone con noi; ci siamo ripresi nel migliore dei modi e Dalva mi ha accompagnato all’uscita in un addio fatto solo di sguardi e sorrisi. Nei giorni che seguirono io e Dalva non ci scambiammo messaggi, tanto meno parlammo in alcun modo; Ho continuato a effettuare i miei ordini di cibo ed era ancora ben servito come al solito. Poche settimane dopo, ho ricevuto un accenno di un suo messaggio. Quando l’ho aperto, ho visto una foto di Dalva abbracciare qualcuno che pensavo fosse suo marito, con la didascalia “Cercando di essere di nuovo felice!” » ; Non riuscivo a trattenere un sorriso e desideravo che il suo desiderio si avverasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *