Un passato un bel presente

di | 8 de Dicembre, 2022

Una storia molto interessante che mi ha raccontato un amico.

Un ragazzo lavorava al mercato libero, nella bancarella di frutta del padre, e proprio davanti alla sua bancarella c’era un altro che vendeva la stessa merce, ma con un fascino meraviglioso.

In quest’altra tenda lavorava una bionda dagli occhi verdi che era troppo bella. Aveva un corpo perfetto e i suoi occhi dicevano tutto della sua bellezza.

Flirtavano tutto il tempo durante l’orario di lavoro. Ma erano entrambi molto timidi e nessuno dei due cercava di discutere, si limitavano a guardarsi.

Un giorno ha notato l’assenza di questa dea dal negozio. Pensava fosse solo una normale assenza.

L’altra settimana, niente sulla bionda nella tenda. Terza settimana, quarta settimana, erano passati più di due mesi da quando questa bellezza aveva abbellito il negozio in modo così brillante.

Il ragazzo non sopportava la sua curiosità ed è andato al negozio per chiedere al proprietario del gattino smarrito.

Con suo grande sgomento, è stata informata che aveva trovato lavoro presso una grande azienda e non avrebbe più partecipato alla fiera.

Era molto triste e si rammaricava di non averle parlato, almeno di lasciarlo o meno. Anche escluso, sarebbe più rassegnato che in questa situazione di incertezza. Ora intravedeva una certezza, non l’avrebbe più rivista.

Anni dopo, il giovane, già sposato, ha fatto la sua vita professionale, ma non ha mai dimenticato questa bionda dagli occhi così significativi e un corpo meraviglioso che aveva sempre fatto parte dei suoi pensieri fin dai tempi dei flirt innocenti, evolvendosi verso immagini libidinose che lo rendevano lui così divertente nei suoi momenti di solitudine.

Il ragazzo era sposato da dieci anni, ma non riusciva a togliersi dai pensieri il biondo. Si è separato dalla moglie e non è mai più riuscito a sistemarsi con nessuno.

Un bel giorno, controllando il suo account facebook, ha notato una richiesta di amicizia che ha attirato la sua attenzione.

Era una bionda molto carina, sembrava sulla quarantina, molto carina.

Accettò subito l’invito, incuriosito da un volto del genere che gli sembrava molto familiare. Ero sicuro, conoscevo già questo gatto da qualche parte.

Afferrò il suo profilo e la riconobbe immediatamente. Non riusciva a credere a quello che vedeva, era molto fortunato perché era la ragazza del negozio, ne era sicuro.

Era molto euforico perché era lei che lo cercava, perché chiedeva la sua amicizia. Significava che aveva un certo interesse e, cosa più importante, che si ricordava di lui.

Poi le ha mandato un messaggio privato:

– Buon giorno a tutti? Sei quella ragazza della fiera, del signor Garcéz?

Aspettò con impazienza la risposta.

Si affrettò a rispondere:

– Ciao sono io. E tu sei Héctor, figlio di M. Álvaro?

– Sono me stesso! Wow, ti sei ricordato il mio nome e anche mio padre!

– Ho buona memoria. Inoltre, lo ammetto, ero innamorato di te, ma non è stato ricambiato.

– Oh! Ero molto timido, ma non puoi immaginare Vanessa, ti penso molto fino ad oggi.

– VERO? va bene… lol

Era ciò che più desiderava sentire. La conversazione scorreva leggera, piacevole e promettente.

La conversazione è continuata molto animata, ha scoperto che era sposata, le ha detto che era divorziato e che gli sarebbe piaciuto molto incontrarla per un aperitivo.

Hanno deciso di incontrarsi in un bar molto tranquillo durante il giorno in modo da poter parlare con più calma.

I due arrivarono all’ora concordata, si salutarono con un bacio sulla guancia e iniziarono la conversazione.

Raccontarono un po’ della vita l’uno dell’altro e lui le chiese come l’avesse trovato e perché gli avesse chiesto amicizia.

Disse che stava cercando il nome di Heitor, il professore dell’accademia che frequentava, e sorprendentemente lo riconobbe.

Ricordava i flirt di quel tempo e trovò il coraggio di aggiungerlo.

Poi le chiese:

– E tuo marito, non sospettavi niente?

– Quando ti ho trovato, gli ho parlato di te e gli ho detto che gli avevo chiesto di aggiungermi su Facebook.

– Quindi non sei geloso?

Non voleva ancora parlargli del piano che aveva già ordito con suo marito, temendo che si sarebbe spaventato e non fosse d’accordo e gli disse di no, suo marito non era affatto geloso.

Quindi ha approfittato della situazione e ha detto:

– È ottimo.

E serio.

Fece anche un sorriso malizioso.

Così ha approfittato del tempo ed è entrato con una conversazione più diretta.

– Quando ci siamo conosciuti, ho detto che ti avevo sempre pensato, ricordi? Inoltre, ti ho sempre amato. Sei sempre stata troppo bella e non sei cambiata molto. Penso che sia stato anche meglio.

– Sarò onesto. Voglio davvero qualcosa con te. Quel desiderio della nostra adolescenza è emerso ancora di più ora che ti ho trovato. E penso che anche tu voglia lo stesso.

Era anche diretta.

– Stai parlando di sesso, vero?

Aveva paura della risposta che lui le avrebbe dato, ma si fece coraggio e andò all’attacco.

– Si. Sto parlando di andare in un motel perche’ non riesco a superare l’eccitazione per te. Voglio uccidere questo desiderio che mi consuma da tanto tempo.

– Può essere ora? Perché anch’io consumo tanta voglia di dartelo.

Quando l’ha detto, è quasi caduto. Era la cosa migliore che potessi sentire in quel momento.

– C’è un grande motel nelle vicinanze. Ora puoi andare?

– Posso.

– È tuo marito?

– Parleremo di mio marito più tardi. Ora voglio il tuo UAP.

Corsero al motel e per strada si fecero intimi con carezze e baci ardenti. Sembravano due amanti. In effetti, era l’erezione dormiente che era stata immagazzinata per oltre vent’anni. Adesso gli adulti potrebbero apprezzarlo.

Quando arrivarono al motel, non fecero nemmeno in tempo a entrare nella suite. Hanno mangiato, succhiato, baciato, baciato. Quando hanno aperto la porta, erano entrambi completamente nudi.

La volontà di Ettore era così forte che non si rese nemmeno conto che erano passati più di vent’anni. Il corpo di Vanessa era ancora più caldo.

Andarono subito sotto la doccia e nudi si abbracciarono e sentirono il desiderio represso nei loro corpi. Avrebbe voluto accarezzare quella pelle morbida e profumata e sentire il sapore lussurioso di quel corpo caldo.

– Portami a letto. Voglio sentire la tua lingua nella mia figa. Voglio venirti in bocca.

La prese dolcemente tra le braccia e la adagiò sul letto. Baciò i suoi capelli setosi, la sua bocca calda, leccò quel vulcano caldo fino a raggiungere quella grotta calda e umida.

– Che figa deliziosa!

– Non dire che sto per venire. lei sussurrò.

Nel silenzio dei gemiti, la fece esplodere in un’eiaculazione viscerale che per poco non la mise fuori combattimento.

Ricomponendosi, disse:

– Ora tocca a me fare questo viaggio in paradiso dove mi hai appena portato.

Cominciò a baciarla con piccoli tocchi su quel corpo scolpito dalle ore passate in palestra.

Mentre passava la lingua su quel corpo virile, spostava la mano sul membro rigido e carnoso, desideroso di quella bocca vellutata che lo stava raggiungendo.

– Haammm… Che bocca meravigliosa! Non durerò a lungo.

– No! Calmati! Fammi godere questo cazzo succoso e tanto desiderato!

Succhiò quel PICA con una lussuria vorace che lui non poteva sopportare e le versò in bocca tutto lo sperma che riempiva quel liquido arginato da più di vent’anni.

Si riposarono un attimo dalla frenesia a cui si erano esposti parlando della vita intorno a un buon pinot noir francese.

Ripresero baci, abbracci e baci di questo desiderio che era cominciato e sembrava non avere fine.

Si sdraiò sopra di lei, il suo cazzo già molto duro e si strofinò quella figa ancora calda e bagnata.

Scivolò lentamente verso l’interno e fu un frenetico, lussurioso avanti e indietro che causò una perdita di sensi e sensazioni all’esterno.

La prese a quattro zampe e le sbatté la figa desiderosa e assetata di un grosso cazzo palpitante.

Ettore non aveva mai provato tanto piacere come in quel momento.

La tenne più vicina che poteva, e quando capì che stava per venire, rilasciò l’estasi insieme, portandole un piacere che non aveva mai provato in tutta la sua vita.

Anche Vanessa è stata felicissima di questo incontro. Ha rilasciato tutta l’energia accumulata nei sogni su cui aveva fantasticato per così tanto tempo. tempo atmosferico.

Finirono per essere divorati da questa strabiliante sequenza di piacere e Si sono conosciuti meglio dopo la bellissima esperienza appena vissuta.

Heitor ha chiesto incuriosito del marito di Vanessa.

– Non hai paura che venga a sapere del nostro incontro?

– Non preoccuparti, sa che siamo qui.

Heitor era sbalordito, non sapendo cosa rispondere.

Cosa stava succedendo lì? Che storia folle era quella?

Vanessa ha notato il suo stupore e presto ha aperto il gioco.

Mio marito ha sempre sognato di vedermi dormire con un altro uomo. Non ho mai avuto il coraggio, anche se lui mi spinge sempre e mi incoraggia a realizzare la sua fantasia. Finché non ti ho incontrato su Facebook e ho deciso di uccidere la tua curiosità.

Quando ti ho trovato, gliel’ho detto.

Era molto eccitato all’idea che ci incontrassimo. Ma fu deciso che ci saremmo incontrati entrambi e poi, se lui fosse stato d’accordo, avrebbe partecipato.

Heitor era senza parole, piuttosto confuso.

Ride e dice:

– Nostro! Non ho mai vissuto una situazione del genere, ma se lo desidera e gli piace, forse mi incoraggerà in questa avventura. Ma non voglio alcun contatto omosessuale.

– No, neanche a lui piacciono gli uomini. Quello che vuole è vedermi scopare un altro maschio, davanti a lui.

– Quindi dai, abbinalo.

Vanessa è tornata a casa e suo marito, che la stava aspettando, ha subito chiesto.

– Allora, com’è stato?

Vanessa è entrata nei dettagli sull’incontro al bar e sul sesso con Heitor al motel.

Il marito ha ascoltato tutto il tempo e il suo UAP è stato difficile perché era così entusiasta di sentire sua moglie dirgli che l’aveva dato a qualcun altro e che lo adorava.

Hanno quindi deciso di incontrarsi con loro tre al motel la settimana successiva.

Arrivò il giorno tanto atteso e si recarono nel luogo prescelto.

Sono arrivati ​​un po’ prima di Heitor e si sono riscaldati baciandosi davanti a un bicchiere di vino rosso.

Heitor è arrivato subito dopo e dopo le presentazioni gli è stato offerto un bicchiere di vino e ha iniziato a parlare per rompere il ghiaccio.

Abbastanza codardo, il marito ha chiesto a Heitor cosa pensasse di Vanessa.

Heitor ha risposto che non aveva mai mangiato una donna simile. Era deliziato dal loro calore e molto entusiasta di questo gioco che stava giocando con loro.

– Quindi voglio vedere e sentire tutto quel desiderio che dici di avere per lei in questo momento.

Heitor andò alla radio che trasmetteva musica pop e scelse una stazione con una bella musica romantica. Ha invitato Vanessa a ballare con lui su questa bellissima melodia.

Vanessa si alzò e andò tra le braccia di Heitor e iniziarono una danza molto sensuale, insieme, pelle contro pelle.

Marito, guarda e goditi questa scena in cui un altro uomo si gode sua moglie.

Si spogliarono a poco a poco e presto li trovarono tutti e tre, solo in mutande.

Vanessa indossava una camicetta di seta bianca e un perizoma rosso, che mettevano magnificamente in risalto quel bel corpo esposto allo sguardo e ai desideri di questi due maschi assetati.

Hector accarezzò tutto quel corpo mentre baciava lascivamente le labbra carnose di Vanessa. Si concesse completamente a quei muscoli che la rendevano nervosa.

Fece scorrere la mano su quel corpo definito e si abbassò finché non trovò l’asta spessa e dura. Non mollare più. Le mani hanno sentito questo PAU rigido e la bocca gli è andata incontro per assaporarlo.

Raccolse quella mazza lussureggiante e la morse avidamente, sentendola pulsare in gola.

Heitor, incapace di sopportarlo, afferrò la testa di Vanessa con entrambe le mani e iniziò avanti e indietro con PAU, dovendo controllarsi per non venire in quella bocca vellutata.

Non si sono nemmeno accorti della presenza del marito che, gemendo di piacere, stava combattendo una vigorosa sega mentre guardava la sua mogliettina farsi divorare da questo potente PICA.

Heitor si allontanò e sollevò Vanessa, baciandola deliziosamente. Le tolse gli ultimi pezzi che coprivano quel magnifico corpo e le chiese di mettersi a quattro zampe sul bordo del letto. Vanessa obbedì rapidamente.

Baciò quel culo meraviglioso e profumato e liberò la lingua fino a raggiungere il sedere di Vanessa, che iniziò a tremare tutto. Aveva molta esperienza con la lingua, mentre Vanessa sveniva completamente e gemeva in quella bocca succosa dentro la sua figa.

Quando arrivò alla griglia, già gonfia, si accorse di non poterla più tenere. È esploso con un urlo che credo sia stato sentito fuori dal motel.

Tremava, gemeva, urlava e veniva.

Anche il marito, vedendo questa scena, non ha resistito e si è goduto la cannuccia.

Vedendo lo stato in cui li aveva lasciati entrambi, Heitor, sorridendo, commentò;

– Penso che gli sia piaciuto. Ah ah..

Vanessa, dopo essersi ripresa da questa gioia, guardò Heitor e disse:

– Ora devo restituirti tutto il divertimento che ci hai regalato e ordinato:

– Sdraiati lì.

Heitor ha obbedito all’ordine ed è stato amorevolmente onorato, prima manuale, poi un meraviglioso orale e, dopo essere stata con il PAU molto bagnata, Vanessa si è seduta bene su questo PICA che non poteva più reggere così tanta eccitazione.

Cominciò a rotolare lentamente e aumentò la velocità del galoppo. Di tanto in tanto si fermava e faceva un gesto pomposo, tenendo il PAU nella fica. Questo movimento portò a Heitor sospiri, gemiti e grida di piacere.

Ha alternato spinte e catture con la sua figa, lasciando l’AAP di Heitor pronto ad esplodere.

Dopo pochi minuti, Hector non ce la fece più e lasciò uscire uno sperma che li spaventò entrambi. Vanessa ha spinto quel cazzo gocciolante nella sua figa. Ha persino pianto con così tanta emozione con questa corsa.

Quando finalmente si sdraiò rilassato, c’era una pozzanghera di sperma su tutto il suo cazzo e la figa di Vanessa rovesciò tutto quel fluido accumulato.

Nel frattempo, il marito era nell’angolo a godersi tutto il cazzo, estasiato nel vedere sua moglie essere scopata in questo modo.

Mentre Heitor si stava riprendendo, Vanessa ha chiamato suo marito e gli ha offerto la sua figa in questo stato.

– Dai mio cornuto, mangia la fica di tua moglie tutta derisa.

Il marito è andato a letto e ha penetrato Vanessa, che stava per ricevere un’altra ROLA assetata di una figa preziosa. Amava quella che considerava la sua dea.

Hanno salutato Ettore e non si sono più rivisti. Hanno fatto altre esperienze come questa, ma sempre alternando i partecipanti.

Loro due erano fatti l’uno per l’altro e ci sarebbe stato solo molto divertimento in questa relazione, niente di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *