Un rapporto senza parole

di | 9 de Dicembre, 2022

Per usare il mio tempo e non preoccuparmi di guidare, di solito faccio brevi viaggi in veicoli di prova. Come condizione di base, poiché mi considero una donna matura, ma comunque bella e con un corpo attraente, confermo il viaggio solo quando c’è almeno un passeggero in più. È quello che è successo la scorsa settimana. Sono arrivato al punto di raccolta e ho identificato il veicolo, e l’autista è sceso educatamente dall’auto per salutarmi e farmi sapere che l’altro passeggero era in ritardo, invitandomi a sedermi sul sedile posteriore. Abbiamo avuto il tempo di vedere che João, dal nome dell’autista, era un uomo alto, dai capelli scuri, con un corpo forte e ben vestito. Dopo qualche minuto ho sentito squillare il suo cellulare e poi mi ha detto che l’altra persona aveva abbandonato il viaggio e mi ha chiesto se potevo aspettare che qualcuno chiamasse o se potevamo iniziare il viaggio solo con me. Ho guardato l’orologio, mi sono ricordato degli appuntamenti che avevo nell’altra città, ho pensato che l’autista sembrava degno di fiducia e ho accettato di partire come passeggero singolo.

Non so perché diavolo, non appena l’auto ha iniziato a muoversi il mio cervello ha deciso di creare ricordi della mia vita sessuale. Mi sono sposata a 17 anni, forse solo per sfuggire al dominio di mia madre e alla vita difficile che conduceva. Non ho avuto esperienze sessuali, ignorando il mio stesso corpo, avendo scambiato solo baci innocenti al momento del fidanzamento. Ero così ingenua che la prima notte di nozze, vedendo per la prima volta il corpo nudo di un uomo e la forma di un pene indurito, chiesi a suo marito come poteva entrare in me. Conoscendo la mia innocenza, lui, 10 anni più grande e donnaiolo, ha riso alla mia domanda e ha promesso che non avrebbe provato dolore. Mi portava a carezze che non conoscevo, accarezzandomi le parti intime, succhiandomi i seni e facendomi sentire quel pene caldo e duro tra le mani, mentre le sue dita sfioravano dolcemente la mia vagina, facendola bagnare completamente. A poco a poco provai un’enorme eccitazione, godendomi sempre di più quello che stava accadendo, finché sentii il suo cazzo rimanere tra le mie cosce, esercitando una leggera pressione fino a produrre un piccolo sobbalzo che mi fece sentire un leggero crampo all’interno delle cosce. penso che il mio imene si sia rotto e sia iniziata la piena penetrazione. All’inizio ho sentito il solletico nella mia figa, poi sono arrivate sensazioni così intense e sorprendenti che penso di aver provato il mio primo orgasmo. Dato che il mio primo marito era un atleta sessuale, disposto (e capace) a scoparmi sempre e ovunque, sono diventata una fan del sesso, mi sentivo così bene. Tuttavia, grazie alle paure e alle barriere del mio subconscio, non ho permesso a mio marito di andare oltre il sesso “educato”, cioè ha permesso l’uso del “mignolo nel punto G” ed è penetrato. zione in varie posizioni, ma niente di diverso da quello. Infatti, dopo aver cantato molto e con il mio consenso, ha provato il sesso anale, ma, temendo che non mi tirassi indietro, non ha esitato e ha cercato di seppellire tutto il pene in una volta sola. Il dolore che provavo era così forte che decisi che non avrei mai dato il mio culo a nessuno. Dopo anni, ho scoperto che non era contento di me e mi tradiva. Quindi c’è stato il divorzio.

Dopo un anno di assoluta siccità, ho incontrato un uomo affascinante, a cui mi sono data dopo aver saputo che ci piacevamo e ho ricominciato a fare sesso con nuove varianti. Sono riuscito a fargli un pompino finché non gli ho chiesto di darmelo. Siccome ha rifiutato, per vendetta, non gli ho nemmeno fatto un altro pompino. Abbiamo vissuto felici per alcuni anni, ma diversi problemi ci hanno portato a separarci.

Ormai erano otto mesi che non facevo l’amore, accontentandomi solo di usare “giocattoli” erotici. Anche se amo il sesso e mi manca, la mia famiglia, il mio background morale e religioso mi hanno impedito di offrirmi a qualsiasi uomo che incontrassi alle feste o nei club, anche se lo volessi davvero. .

Mi sono ricordato di tutto questo e siccome di solito mi siedo al centro del sedile posteriore, quando ho guardato nello specchietto retrovisore dell’auto, ho visto un paio di occhi castani fissi su di me. Mi sentivo inquieto, come se João, l’autista, leggesse i miei pensieri. Penso di essere arrossita molto perché mi ha chiesto se sentivo qualcosa. Scossi la testa, ma vidi che stava iniziando a spostare costantemente lo sguardo dalla strada allo specchietto retrovisore e viceversa. Non so come ho avuto il coraggio, ma sapendo che le mie cosce sono molto ben formate, ho alzato un po’ la minigonna e ho visto uno strano bagliore negli occhi di João riflessi nello specchio. Ho allargato un po’ le gambe e ho corretto la mia posizione in modo che il ragazzo potesse vedere le mie mutandine. La sua reazione è stata quella di mettere l’auto nella corsia dei camion, presumibilmente per rallentare e guardare più a lungo il mio riflesso. Allargai un po’ di più le gambe e la sua risposta nello specchietto retrovisore fu di fare un gesto di bacio con la bocca aperta e muovendo la lingua come se mi stesse leccando. Ho sentito un grosso errore. Pazzo voglio dare la mia figa a questa bocca da succhiare. Con mia grande sorpresa, João allungò indietro il braccio destro, facendolo passare tra i sedili anteriori, e mi mise una mano sulle cosce. Ho sentito la mia figa prendere fuoco. Non sapevo come, ma ero sicuro che entrambi volevamo scopare. Sembra che la fortuna ci abbia sorriso quando João è tornato con il braccio teso e ha indicato un cartello per un motel a 1 km di distanza. Alzò la mano, pollice alzato, e vidi il suo sorriso nello specchio quando ricambiai lo stesso gesto. Fino ad allora, non avevamo detto una parola. Solo gesti, sguardi e sorrisi.

Il motel era molto semplice, ma pulito e confortevole. Camminiamo mano nella mano e continuiamo in silenzio. Non volevo pensare a niente. Il mio corpo voleva il sesso e questo desiderio era così forte, credendo che stesse accadendo la stessa cosa con João, che ho deciso di fare quello che voleva da me, anche se era la prima volta. Ci siamo spogliati mentre andavamo in bagno e siamo arrivati ​​nudi. Abbiamo avuto il nostro primo abbraccio e ho potuto sentire un enorme cazzo premuto contro la mia pancia. Mi alzai in punta di piedi in modo che potesse entrare tra le mie cosce. Passo dopo passo siamo andati alla doccia. Tenni l’asta dura con entrambe le mani, scuotendola leggermente. Nella mia vita avevo dormito solo con due uomini, i miei ex mariti, che avevano peni di media larghezza e lunghezza. Certo, avevo visto bastoncini enormi e spessi nel porno, ma averne uno in mano, pronto a mangiarmi, era molto diverso. Mi sono ricordato della mia prima notte di nozze e mi chiedevo se fosse possibile che un cazzo così grosso e duro mi penetrasse. E ora il dubbio è tornato. Il cazzo di Joao era ingombrante in ogni modo. Guardai e accarezzai quella testina anatomica viola pensata per favorire la penetrazione e sentii che essa e il cilindro lungo e spesso che la conteneva stavano per esplodere nella mia vagina spaventata. João fece un gesto con la bocca mostrando che voleva essere succhiato. Mi sono inginocchiato e sono caduto di faccia. Nonostante le dimensioni spaventose, la testa era morbida, calda e facile da succhiare. In una prima leccata, ho succhiato questo liquido iniziale che attraversa l’uretra per pulirla e aprire il passaggio allo sperma. Non sa molto, ma è eccitante. Dopo ho cercato di ingoiare il resto del bastoncino, ma non è stato possibile. era troppo grande Sono appena riuscito a masturbarlo. Le ginocchia calde mi hanno fatto fermare la pipa e alzarmi in piedi. Tra abbracci, succhiarmi il seno, massaggi clitoridei, carezze molto intime e tanti piccoli orgasmi, siamo riusciti a finire la doccia e siamo andati a letto. Volevo disperatamente sentire di nuovo la mia figa, dopo tanta secchezza, un bel cazzo. João è riuscito ad aumentare ulteriormente la mia erezione, baciandomi letteralmente dalla testa ai piedi, su tutto il corpo. Durante il sesso orale, si è soffermato sul collarino, leccandolo e succhiandolo dolcemente finché non sono impazzito dal piacere e gli ho chiesto di seppellire il suo membro fino all’asta. Cosa che ha fatto con estrema abilità. Ha presentato la sua testa e mi ha fatto venire. Poi l’ho visto inserire lentamente il suo cazzo nella mia vagina, inserendolo finché non ho sentito dolore alla cervice, segno che mi aveva speronato come meglio poteva. E aveva ancora 5 cm. Non sono uno che fa storie quando vengo, ma non c’era modo di impedirmi di urlare e imprecare durante gli orgasmi. João ha scaricato diversi getti di sperma dentro di me, gemendo forte ogni volta che usciva. Ho perso completamente le forze, ma l’errore era ancora lì. volevo di più Recuperato, abbiamo ricominciato a fare sesso. Poi è successo qualcosa che non mi aspettavo. Dopo avermi mangiato in varie posizioni, una meglio dell’altra, João mi ha adagiato a faccia in giù sul materasso, mi ha preso la gamba sinistra, l’ha portata più in alto e si è sdraiato sul fianco destro. L’ho visto mentre cambiava il preservativo e iniziava a strofinare il lubrificante che aveva preso al motel su tutto il mio sedere, spargendo liberamente il gel con un dito dentro il mio ano. Quando ho immaginato che volesse fottermi, ho avuto un brivido di paura. Di certo non potrei sopportarlo. Ma ho deciso di provare il sesso anale per la prima volta. João è stato molto attento quando ha iniziato a cercare di infilarmi l’enorme pala nel culo. Più tardi ho sentito la testa del cazzo sfiorare la mia area anale mentre si posizionava nel piccolo foro. Dandomi accarezzando i glutei, ho capito che dovevo rilassarli il più possibile. Ho fatto un respiro profondo e ho cercato di sentire il mio sedere sciolto e il mio corpo rilassato. Poi ho sentito che qualcosa di denso e morbido era scivolato lungo il mio ano e l’aveva penetrato, causandomi molto meno dolore di quanto avessi immaginato. Joao si fermò sul posto, permettendomi di fare un respiro profondo, rilassarmi e adattarmi a qualcosa di molto grande che mi veniva infilato nel culo. Una volta ripresa la pressione, sono rimasto nuovamente stupito dalla facilità con cui è stata realizzata la mia deflorazione anale. Ho cercato di adattarmi alla nuova esperienza, cercando di sentire cosa stava succedendo da un momento all’altro, finché João ha accelerato i movimenti del suo cazzo dentro di me e ha sentito João ululare mentre veniva. Era inaudito e ha anche portato a un orgasmo prolungato e sorprendente. Non so ancora come valutare quello che ho provato. Ma era qualcosa di molto diverso dal sesso vaginale e orale. Forse dovrei ripetere l’esperienza.

Torniamo alla macchina e completiamo il viaggio programmato, proseguendo senza scambiare parole, stranamente.

Mi è piaciuta l’avventura unica e il modo in cui si sono svolti gli eventi.

Dato che João ha il mio numero di telefono e io il suo, è possibile che un giorno avremo un rapporto tradizionale per capire cosa ci ha portato a un’avventura così strana e deliziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *