Un trio molto pazzo!

di | 8 de Dicembre, 2022

Sullo schermo della mia mente arriva il ricordo di quel giorno. C’era un ragazzo dai capelli rossi, occhi verdi, pelle bianca con alcune lentiggini… Ero io, Paulo, che baciavo una mora magra in pantaloni. Vestiti e capelli punk. Eravamo seduti su un letto basso ricoperto di seta bianca. La ragazza mi apre i pantaloni con dita morbide e tira fuori il mio tacchino, che è piccolo e duro. Come una perla, una goccia di lubrificante brilla alla sua estremità. Gli accarezza dolcemente la testa:

– Togliti i vestiti, Paulo!

Mi spoglio con movimenti rapidi e sicuri e rimango nudo di fronte a lei, con il cazzo che pulsa. Mi fa cenno di voltarmi e io cammino per la stanza come un manichino, la mano sul fianco. Beh frocio! Lei ride e si toglie la camicia. I seni sono alti e piccoli, con picchi eretti. Togliti i pantaloni. I peli pubici sono neri e lucidi. Mi siedo accanto a lui e raggiungo il suo petto. Mi tiene le mani.

“Tesoro, voglio entrare in te”, sussurra.

– No non ora.

– Per favore, voglio.

– Va bene. Ti laverò il culo!

– No, lascia che mi lavi!

– Oh, lascia perdere, non è sporco.

– Sì.

– Dai, Paulo, vieni! – Mi porta in bagno. – Va bene, scendi.

Mi inginocchio e mi chino in avanti, il mento sul tappeto del bagno.

– Che cosa hai intenzione di fare? – Chiesto. Mi giro e gli sorrido. Mi lava l’ano con sapone e acqua calda, infilandoci dentro il dito.

– Fa male?

– Nooooooooooo!

– Andiamo tesoro. – Mi guida in camera da letto. Mi stendo supino sul letto e getto le gambe sopra la testa, portando i gomiti dietro le ginocchia. Si mette in ginocchio e mi accarezza la base delle cosce, i miei testicoli, facendo scorrere il dito lungo la fessura delle mie natiche. Mi apre il culo, si china e inizia a leccarmi l’ano, facendo dei lenti cerchi con la testa. Preme i bordi del mio ano, leccando sempre più a fondo. Chiudo gli occhi e gemo piano. Lei lecca la fessura del mio culo. Palline dure…

Una grande perla appare alla fine del suo sesso circonciso. La sua bocca si chiude sopra la sua testa. Succhia ritmicamente su e giù, fermandosi in salita e muovendo la testa in cerchio. La ragazza gioca dolcemente con le sue palle e gli infila il dito medio nell’ano. Quando succhia fino alla radice del sesso, si pizzica scherzosamente la prostata. E il giovane sorride e… scoreggia. Lei succhia freneticamente il suo cazzo. Il corpo del ragazzo comincia a tremare, si china verso il mento. E ogni volta la contrazione è più lunga.

– Ops! urlò, ogni muscolo teso e tutto il suo corpo che si sforzava di passare attraverso il suo cazzo. Ingoia lo sperma che le riempie la bocca con grandi schizzi caldi. Lascia cadere i piedi sul letto. Inarca la schiena e sbadiglia.

Mary aggiusta un pene di gomma:

“Ti piacerà,” disse, accarezzando la lancia. I getti di “latte” nella stanza.

– Sei sicuro che questo camino sia pulito? Non darmi una malattia orribile… – Quando ero una travestita Liz, a Lapa, lavoravo come donna delle pulizie. Ho continuato a cantare ragazzi carini per il gusto di essere picchiato come un frocio. Più tardi, ho afferrato uno di questi tizi e l’ho immobilizzato con una mossa di judo. L’ho legato, gli ho tagliato i vestiti con un rasoio e l’ho riempito con un dildo nero. Era così soddisfatto che non potevo castrarlo. È corso su tutto il mio tappetino.

– Cos’è successo al dildo?

– Una scarpa l’ha spezzato in due. Il morso vaginale più spaventoso che abbia mai visto. Potrebbe tagliare un tubo di piombo. Era uno dei protettori del suo letto. – E il dildo?

– Fatto a pezzi da un cane. E questa volta non dirmi: “Uiiiiii!”

– Perché no? È così infantile? – Ragazzo scalzo, metti alla prova le tue palle con la signora. Fissa il soffitto, le mani dietro la testa, il cazzo che pulsa.

– Che cosa posso fare? Non posso cagare con questo conforto addosso. Vorrei, se possibile, ridere e divertirmi allo stesso tempo. Voglio dire, se posso arrabbiarmi ridendo, dovrei essere in grado di arrabbiarmi ridendo. Prova a dirmi qualcosa di veramente divertente quando comincio a venire. Puoi riconoscere il momento da certi battiti del mio sedere…

Mette su un disco di Madonna. Lubrifica il caminetto, spinge le gambe del ragazzo sopra la sua testa e ripone la cosa all’interno con una serie di movimenti rotanti delle sue sedie pieghevoli. Si muove in cerchi lenti, ruotando attorno all’asse della lancia. Gli strofina forte i capezzoli contro il petto. Bacialo sul collo, sul mento e sugli occhi. Faccio scivolare la mano lungo la sua schiena fino al fondoschiena, spingendola più a fondo nel sedere. Gira sempre più veloce. Il mio corpo sussulta e si contorce in spasmi convulsi.

“Presto, per favore,” disse. – Il “latte” si raffredda. – Non posso sentire. Preme la sua bocca contro la mia, i nostri volti si muovono insieme. Il mio sperma colpisce il suo petto in leggere, calde leccate.

Marcos appare sulla porta. Marcos, il suo ragazzo, è sulla porta. Indossa un maglione a collo alto nero. Faccia fredda, gentile, narcisista. Occhi verdi e capelli neri. Mi guarda con un leggero sorriso ironico, la testa inclinata, le mani nelle tasche della giacca, sembra un criminale. Scuote la testa ed entra nella stanza di fronte a noi. Mary (questo è il nome della ragazza) lo segue.

“Va bene, gente,” disse, seduta nuda su un baldacchino di seta rosa più in alto del letto. – Andiamo.

Marcos inizia a spogliarsi con movimenti morbidi e sinuosi, si toglie il maglione a collo alto, esponendo un bel petto bianco, in una finta danza del ventre. Marcos, la faccia dura come un gallo, congelato, il respiro affannoso, le labbra secche, si toglie i vestiti e li lascia cadere a terra. La biancheria intima scende fino ai piedi. Li butta via e li lancia dall’altra parte della stanza. Sta nudo con il suo cazzo duro che punta teso in alto e in avanti. Con uno sguardo lento, scruta il mio corpo. La differenza tra i semi è enorme; Sono alto 12 cm e Marco è di circa 22 cm quando i nostri cazzi sono duri e stretti.

Marcos sorride e si passa la lingua sulle labbra. Si inginocchia e mi tira contro la sua schiena con un braccio. Si alza e mi butta tre metri in avanti sul letto. Atterro sulla schiena e rimbalzo. Marcos balza in piedi e mi afferra per la vita, facendomi dondolare le gambe sopra la testa. Chiuse l’una contro l’altra, le labbra di Marcos emisero un ringhio forzato.

– Va tutto bene, dico. – Marcos contrae il suo corpo lentamente e con sicurezza, e come una macchina lubrificata spinge il suo cazzo nel mio culo. Faccio un respiro profondo e mi contorco in estasi. Marcos mi afferra le mani dietro le spalle e mi attira nel suo cazzo, che è già sepolto fino alla radice del mio ano. A denti stretti, emisi un sibilo. Urlo come una cagna. Marcos strofina il suo viso contro il mio, non ringhia più, il viso di un bambino innocente, mentre tutto il suo liquido schizza nel mio corpo tremante.

🇧🇷

Maria interviene:

– Lascialo a me.

Mette le mani dietro le mie natiche, appoggia la fronte contro la mia e sorride, guardandomi negli occhi mentre mi trascina fuori dal letto e sul pavimento… La mia faccia si gonfia di sangue… Marcos alza lo sguardo. gesto agile. movimento e mi schiaffeggia la faccia. Sembra un ramoscello che si spezza su un asciugamano bagnato. Un tremito mi percorre da cima a fondo… Un suo piede atterra violentemente sulle mie natiche. Marcos imita le mie contorsioni, chiudendo gli occhi e tirando fuori la lingua… Il mio cazzo si alza e Mary lo guida nella sua stessa vagina, contorcendosi contro di me in una danza del ventre liquida, gemendo e urlando di piacere, il sudore che mi scorre sul viso. il suo corpo, i capelli sul viso in ciocche umide.

– Colpiscilo più forte, Marcos – grida. Marcos si avvicina con un coltello a serramanico e minaccia di tagliarmi la faccia, con Mary ancora impalata e che si dimena… Mi strappa un bacio dalle labbra e mi succhia il cazzo con un ciup ciup! Morde l’intera coda, in fondo alla gola, quasi soffocando! ora il mio pene “pranzo”… Marcos le si avvicina e Mary alza lo sguardo dai miei genitali, viso rosso, occhi lucidi… Marcos le mette un piede sulla spalla e la getta indietro con un solo movimento… Le salta addosso , la scopa come una pazza… Rotolano da un angolo all’altro della stanza, girando all’infinito e saltando in aria come grossi pesci all’amo.

– Lascia che ti impicchi, Marcos… Impiccati tu stesso… Per favore, Marcos, lascia che ti impicchi!

– Certamente caro. – La fa alzare brutalmente in piedi e le lega le mani dietro la schiena.

– No, Marco! No! No! No, piange, annoiata e piscia terrorizzata mentre lui la trascina a letto. La lascia legata al materasso e sta per legarle una corda intorno al collo… La scuote per farla alzare e stringe il nodo. Spinge il suo cazzo dentro di lei e lei gira intorno al letto e si spinge nello spazio, facendo un grande arco… “Oooooo!” urla! Il collo di Mary trema. Una grande onda fluente ondeggia all’interno del tuo corpo. Mi lascio cadere a terra e mantengo la postura vigile di un animale. Marcos salta attraverso la stanza. Con un urlo, si lancia nel vuoto. Masturbandosi senza sosta, il seme le galleggia accanto e lei piange tutto il tempo, mentre il sole che sorge le brucia il corpo, attraverso le grandi tende della finestra della camera da letto.

Bacio Maria… le tolgo il cappio dal collo. Ci siamo afferrati l’un l’altro e siamo caduti a terra. Scoppiamo a squarciagola con un urlo, rotolando nello spazio, scopando e urlando in aria, spaccandoci in sperma. Salto attraverso la stanza. Con un grido, lancio il mio cazzo.

🇧🇷

Mary ed io in una stanza d’albergo (musica hard rock). Una calda brezza primaverile soffia tende rosa sbiadite attraverso la finestra aperta…

Accendo e spengo una sigaretta sulla schiena di Mary. Lei urla, ma in fondo le piace questo tipo di tortura sadomaso. Lecco un liquido viscoso dalla fica di Mary… Lo lavo dall’interno della sua vagina… I peli della fica di Mary risplendono freschi e morbidi come l’erba primaverile… Lecco la fica di Mary, dapprima lentamente, aumentando poi l’eccitazione. Separo le piccole labbra e lecco dentro, passo la lingua sul suo clitoride ingrossato e sento il formicolio dei peli pubici sulla mia lingua tumescente… Braccia gettate all’indietro, seni eretti, Maria è trasfigurata… La Il suo cazzo mostra un luminoso opale rotondo di lubrificante sulla punta, scivolando attraverso i suoi peli pubici e penetrando fino alla cima della sua radice di fica, attirata dalla carne affamata che succhia… Il suo viso si gonfia di sangue, le luci si accendono dietro il suo occhi grandi, e crollo sul letto, con la ragazza che urla… I peli umidi sulla parte posteriore delle mie palle si seccano come l’erba in un caldo vento primaverile. Il mio pene si gonfia, si aprono grandi file di gemme. Un liquido incolore scorre dalla vagina di Marie, le è piaciuto molto, il liquido scorre sulle sue cosce bianche e grassocce! I nostri corpi amorevoli sono esausti. Marcos, il fidanzato, che aveva osservato tutto, finalmente fa uscire tutto lo sperma accumulato dal suo pene, e la sua faccia mostra un mezzo sorriso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *