Una cagna organizzata…

di | 9 de Dicembre, 2022

…O “Domare il pedone con il culo”

All’inizio degli anni 2000 ho lavorato come manager presso una banca privata. Tra i clienti di cui mi occupavo ce n’era uno molto ricco, che tutti trattavano come Oswaldão. Un ragazzo molto simpatico, vicino ai 60 anni, ma senza mostrare la sua età, era molto educato e amante delle feste private, ogni quindici giorni, sempre il venerdì sera, alle quali invitava sempre tutti i direttori di agenzia, non più di cinque.

Più volte sono stato personalmente invitato da lui, ma per un motivo o per l’altro non ci sono mai andato, e ho sempre chiesto ai miei colleghi com’era andata la festa.

– Quello che succede alle feste di Oswaldão resta lì – hanno risposto sorridendo i colleghi, plagiando la celebre frase “quello che succede a Las Vegas, resta a Vegas”.

Questo mi ha incuriosito molto, tanto che nell’ultimo invito che mi ha fatto il cliente, ho cancellato un altro appuntamento già programmato per andare a una di queste feste.

Oswaldão viveva in una villa lussuosa, fuori dai confini della città, che dal retro sembrava più un albergo, con tante suite. Quindi ho capito i motivi.

L’host ha accolto noi e gli altri ospiti molto gentilmente. Ho celebrato il fatto che “finalmente” sono andato. Mi prese tra le braccia e mi condusse nella stanza principale dove, all’inizio rimasi sorpreso, c’erano solo uomini. Nemmeno una donna.

Musica dal vivo, eseguita da una band MPB, di ottima qualità, bevande illimitate per tutti i gusti e le tartine più deliziose. Distribuiti su cinque tavoli, i 20 ospiti selezionati hanno parlato, sorriso, raccontato barzellette, aneddoti sul loro lavoro quotidiano, scambiato idee e biglietti da visita. Improvvisamente la musica si fermò.

Silenzio totale, le venti paia di occhi rivolti al palco. Oswaldão, davanti al microfono della sala, annunciò:

– Beh, è ​​quasi mezzanotte e ora è arrivata la parte migliore della festa. La sfilata delle nostre odalische. Chiamerò ciascuno degli ospiti in ordine alfabetico e, visto che hai fatto il nome, ne sceglierò uno, che ti porterà in paradiso.

Il discorso è stato seguito dagli applausi di coloro che avevano già partecipato a tali feste e dall’attesa di coloro che come me erano lì per la prima volta. Una dolce musica meccanica suonava in sottofondo un ritmo arabo e apriva la sfilata di belle ragazze, vestite davvero da odalische. Tutta danza del ventre, coperta da abiti trasparenti, senza niente sotto.

Sfilarono e danzarono davanti a tutti i tavoli e continuarono così mentre il padrone di casa parlava ancora:

– Le nostre odalische sono lì per soddisfarvi, amici invitati. Per questo sono già stati molto ben ricompensati economicamente e anticipatamente, il che non impedisce loro, se vogliono, ripeto, se vogliono, di esprimere anche la loro generosità. Ancora una cosa: in ogni suite c’è un piccolo complemento, un regalo, che può aiutarti a prolungare il piacere di questa notte. Se lo vuoi, non esitare!

Lo disse e iniziò a chiamare nomi e ospiti, scegliendo l’odalisca che più gli si addiceva e dirigendosi verso l’ala delle lussuose suite. Quando è stato chiamato il mio nome, ho scelto una rossa minuta, dalla pelle chiara, senza un solo difetto, all’incirca della mia altezza, bocca ben fatta, occhi castano chiaro leggermente obliqui, inclinati verso l’orientale, seni mediamente sodi, glutei rotondi, nessuna esagerazione e una vulva liscia e voluminosa. Si chiamava Janine!

Una volta nella suite, mi sono scusato con Janine e sono andato a farmi una doccia ea profumarmi. Quando sono tornato a letto, Janine era già nuda, si è seduta e mi ha detto:

– Sono qui per darti tutto il piacere che meriti e che avrai, mi hanno pagato molto bene per questo e lo farò con tutto il piacere e la buona volontà. Venga! “Mi ha invitato. Con un asciugamano intorno alla vita, sono andato incontro a Janine, ci siamo abbracciati e l’ho baciata sulla bocca, che ho ricambiato, come se fossimo amanti.

Le nostre lingue si intrecciarono e le mie mani cominciarono ad esplorare il suo corpo. Le palparono i seni e il culo, le accarezzarono la figa. Le mani della ragazza mi accarezzarono le palle e mi prese il cazzo, già duro, ma con le mani abbassate, mentre continuavamo ad abbracciarci, conoscendo i nostri corpi.

La mia bocca si abbassò e succhiò quei piccoli seni dai capezzoli duri che tradivano l’eccitazione di Janine. Poi sono sceso nella sua voluminosa figa. Ho lasciato cadere un cuscino sul pavimento accanto al letto e mi sono inginocchiato. Janine, comprendendo l’intento, raggiunse il bordo del letto e allargò le gambe. Ho iniziato a succhiarlo.

Ho succhiato la figa di Janine finché non è venuta, tutto il suo corpo tremava, fece un respiro profondo e gemette forte. Ho bevuto tutto il miele che usciva da quella fica gonfia, ma non mi sono fermato. Mi piace molto succhiare la figa, mi dà piacere e molta eccitazione. Ho riportato indietro la ragazza e in un orgasmo molto più forte del primo. Janine è quasi svenuta dal desiderio.

La ragazza si riprese in pochi minuti e ci scambiammo di posto, lei si inginocchiò sul cuscino e io mi sedetti sul bordo del letto, il cazzo duro. Janine ha iniziato un bel pompino. Ha leccato e messo le mie palle in bocca, succhiandole una per una mentre mi masturbava. Poi ha leccato e succhiato ogni centimetro del suo cazzo durissimo. Mi ha allattato per altri dieci minuti fino a quando il mio cazzo è scoppiato e ha sgorgato un sacco di gala.

Ho ruggito quando questa rossa ha ingoiato tutto lo sperma caldo e denso e come me non ha lasciato il mio cazzo morbido a lungo. Continuò a succhiarlo finché non ricominciai a urlare quando tornai in quella meravigliosa bocca. Facciamo una pausa. Ci siamo fermati a bere qualcosa e riposare.

Ho colto l’occasione per fare una doccia, in cui Janine mi ha imitato. Quando siamo tornati a letto, mi sono ricordato del brindisi di cui aveva parlato Oswaldão e ho aperto una piccola scatola sul tavolo della suite. Con mia sorpresa, c’era una pillola di Viagra. La rossa lo vide, sorrise e chiese:

– Hai mai avuto uno di questi?

– Non ancora, tesoro. Al momento non ne ho sentito il bisogno, ma appena lo sento non esito a prenderlo. Chi sa come sperimentare oggi?

La ragazza sorrise e rivelò:

– Molte persone che vengono qui alle feste di Oswaldão finiscono per berlo. Quelli di età molto matura lo prendono prima del secondo tempo, per mantenere lo slancio della partenza.

Parlò e si avvicinò a me. Cominciò a masturbarmi il cazzo, ancora un po’ flaccido, mentre iniziava una siririca. Il mio cazzo ha risposto pochi secondi dopo, pronto per la seconda metà. Janine, che era già arrapata, si avvicinò e cavalcò il mio cazzo finché non venne. Sono venuto subito. Si è girata su di me e mi ha offerto la sua figa nel sessantanove. Ha pulito il mio cazzo con la bocca e la lingua e ho anche lasciato pulita la sua figa.

Ancora una volta ci siamo riposati per qualche minuto e abbiamo bevuto qualche altro drink. Janine si è avvicinata a me, si è sdraiata sul mio petto e ho cominciato ad accarezzarle la schiena e le natiche. Abbiamo finito per dormire circa 30 minuti in questo modo. Mi sono svegliato con Janine che mi succhiava il cazzo. Quando ha visto che era difficile, è andato a un cassetto sul tavolo, ha tirato fuori un tubetto di gel KY, me lo ha dato, si è sdraiato sulla pancia, ha messo un cuscino sotto i fianchi, ha allargato le gambe e ha detto:

– Mangiami il culo.

Ho appena lubrificato il suo piccolo anello rugoso, l’ho spalmato sul mio cazzo e l’ho seppellito lentamente più e più volte finché il mio pube non ha toccato il suo sedere. Il mio cazzo è entrato facilmente e la rossa non ha nemmeno gemito. Ho iniziato a pompare dal desiderio e in pochi minuti stavo venendo di nuovo, così come Janine si masturbava mentre veniva scopata.

Ci siamo fermati un attimo per fare un’altra doccia, insieme, quando ho scopato di nuovo il culo di Janine, in una rapida inculata, e questa volta lei è uscita dal culo. Fu un orgasmo veloce e duro. Eravamo esausti.

Ci sdraiamo, Janine sulle mie ginocchia, sotto una coperta. Credo fossero le tre del mattino passate. Abbiamo iniziato a parlare e ho detto a Janine:

– Figlia mia, sei un’ottima professionista. ha fatto ciò che intendeva fare e ciò per cui era stata pagata.

– Grazie per il complimento, sono qui per quello e faccio quello che chiede il committente. Sei davvero soddisfatto?

– Certo, certo, certo. Più che soddisfatto, Janine. Ascolta, sto per farti una domanda. Se ti dà fastidio, dì che non risponderai. Puoi parlare, non mi annoierò. Posso?

– Puoi, fallo presto.

– Non ci incontriamo da qualche parte?

Janine sorride e dice:

– Stavo per farti la stessa domanda. Sebbene Oswaldão abbia persone che si prendono cura di lui, che assumono professionisti da città lontane, da 150 a 200 chilometri di distanza, e che fanno molte ricerche, anche se non conoscono assolutamente nessuno di qui, ho la netta impressione che abbiano già visto e anche parlato. A cosa stai lavorando, cosa fai per vivere?

– Sono un manager della banca *****. Sono stato in questa città per sei anni.

– Sì, sì, è tutto…

– Cos’è ?

– Lavoravi già nell’agenzia della mia città, per poco tempo ti occupavi del conto di mio nonno e di mio padre. Ricorda? Due contadini.

– Noooossa, ora mi ricordo, nei sei mesi che sono stato lì, in sostituzione di un collega che si era ammalato, sei andato in agenzia con tuo padre e tuo nonno, tre volte. Ma cosa è successo? Perché sei qui adesso? Affari andati male? Cosa è successo comunque?

Janine, il cui vero nome è Yasmin, sorrise, scosse la testa e disse:

– Nerd. Va tutto molto bene, nonostante le crisi, le proprietà sono raddoppiate di dimensioni e valore, ma ho una fantasia e ora la sto realizzando, sono passati circa otto mesi: fare la puttana. Né i miei genitori né mio nonno sospettano nulla. Quando vengo qui, ogni 15 giorni, dico che vado con gli amici. Sono un veterinario e sto terminando i miei studi universitari in agronomia. Faccio tutto questo nelle fattorie, mi pagano uno stipendio, uno stipendio buono, come mi pagano al mercato, ma mi piace fare la puttana. Non so spiegare perché, e non voglio saperlo, ma fare sesso a pagamento con sconosciuti mi eccita troppo, come hai visto tu stesso!

– Oh!!!

– Wow, Yasmin, adesso mi ricordo di te, questa signorina di 17-18 anni, rossa, loquace, intelligente, aveva già la vocazione per l’azienda di famiglia, ma dimmi una cosa: come gestisci i braccianti? In questa regione c’è molto maschilismo e pregiudizio, ancora oggi, nei confronti della figura della donna in azienda, a maggior ragione nella fattoria, considerata “un luogo per uomini, per macho”?

– Ah, ho una grande “arma” con cui si addomesticano le pedine e questo è un altro dei miei difetti. Quando i miei genitori e mio nonno non sono in giro, do il culo ai pedoni. Mi piace molto il culo, mi piace dare l’anello di pelle. Fanno la fila per scoparmi. Abbiamo un accordo e tutto funziona molto bene!

– Solo anale davvero?

– In generale, sì. A volte, raramente, faccio un’eccezione e succhio il cazzo a tutti, ma quello che gli piace veramente è leccarmi il culo. L’altro giorno ho sentito mio nonno e mio padre parlare e dire che sono rimasti a bocca aperta, perché non capiscono il controllo che ho sui lavoratori del campo, più del caposquadra della più grande azienda, con 50 anni di esperienza – dice Yasmin, sorridendo molto.

Ebbene, dopo quella conversazione, ci sentivamo più a nostro agio di quanto non lo fossimo già, abbiamo fatto di nuovo l’amore lo stesso. Yasmin ha chiesto di essere scopata altre due volte. Poi abbiamo dormito profondamente. Al mattino, quando mi sono svegliato, una cameriera mi ha chiamato per la colazione, e poi sono uscito per strada, la ragazza era già partita…

Ho guardato la scatola dove c’era il Viagra ed era aperta. All’interno, oltre al “piccolo azzurro”, un biglietto da visita, con i contatti della ragazza e la frase “Ho infranto una regola”. [não poder, de forma alguma, interagir com os clientes] così ci rivedremo”, chiamami, mi piaceva essere la tua puttana e darti il ​​culo. Baci”.

Per ogni evenienza, ho tenuto la carta e il Viagra nel mio portafoglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *