Una moglie come regalo per un amico 2 – La cognata

di | 9 de Dicembre, 2022

Grazie a tutti. Sono Eduardo Fábio, è sempre stato nostro amico. Nei nostri giorni da single. Io e Paula, mia moglie, eravamo molto legati a lui e Fabiana, la sua ex.

Paula era una bellissima mora. Occhi verdi. Pelle morbida. A 34 anni era perfettamente in forma. Non era molto alto. 1,68, tette medie, vita piccola, culo e gambe larghe. La sua figa era morbida, profumata e stretta. Ero ancora molto eccitato.

Fábio, sulla quarantina, aveva la pelle leggermente più scura di Paula e me e in realtà aveva un rullo responsa. 22 centimetri e con una testa che farebbe paura ai più temerari. Non era così grande. Misurava 1,72 e doveva pesare sui 75/80 chili. Bella carrozzeria, nel complesso ancora in ordine, nonostante la delusione.

Come hai visto nel rapporto precedente, io e Paula abbiamo deciso di fare tutto il possibile per far uscire il nostro amico dalla depressione in cui si trovava. Dopo aver fantasticato che gliela avrebbe data, abbiamo istintivamente messo in atto il piano, come una misura disperata. E non ha funzionato?

Per quanto possa sembrare incredibile, la verità è che Paula è nata per compiacere Fábio. Secondo lui, mai, in tutta la sua vita, aveva trovato una donna così completa per lui. Dopo questa mattinata di sesso, sono andati subito a baciarsi. A volte ho partecipato, a volte no. Su richiesta di Paula, Fábio si è trasferito nella nostra spaziosa casa e ora aveva due uomini per sé. Contrariamente a quanto molti potrebbero pensare, la nostra relazione, la mia con Paula e Fábio, stava andando molto bene e fare spazio alla nostra migliore amica ha migliorato il nostro sesso.

Fábio, infatti, era l’unica cosa di cui avevano parlato i suoi amici. Insaziabile. Voleva scopare Paula ogni giorno. Non ero mai stato così eccitato, quindi mi piaceva avere un po’ di tempo libero. Ho imparato ad apprezzare una sega, con mia moglie sexy che si metteva un ferro nel culo. E che coda Paula, potrei arrivare a quell’albero senza nemmeno lamentarmi.

– Oh, amico mio, sei la cosa migliore che ci sia capitata. Non ho mai scopato un cazzo così caldo. E Edu ha del pane delizioso, vedi? Non avrei mai immaginato che qualcuno lo avrebbe superato in questo senso. Il tuo è alto, grosso, potente.

– Per Paula, Edu sarà geloso di noi! Sei una puledra meravigliosa!

-Ed! Che moglie hai! E che grande amico sei! Accettare che viviamo questa intensità è davvero fantastico! Solo te stesso!

– Immagina Fabio! Paula ti adora ed è molto più felice ora che ha scoperto altre forme di sesso. Sei un grande amico e partner.

Eravamo in questa conversazione, quando squilla il cellulare di Paula. Lei risponde:

– Egli è! Come stai? Oh! Ho capito! Hai bisogno di trascorrere qualche giorno qui, a casa, per sistemare alcune cose qui? Certamente! Vorremmo riceverlo.

– Era Maria. Deve sistemare alcune cose con la sua documentazione universitaria e deve restare qui per qualche giorno. Ti ricordi Mari, Fábio? Lei è una donna! Non puoi nemmeno immaginare! È fidanzata con un giovane del nostro paese, sembra che la faccenda sia seria.

– Sono brave persone! Me la ricordo un po’. Penso che siano passati 8 anni da quando l’ho vista. Aveva circa 15 o 16 anni se non sbaglio. – rispose Fabio

– La mia cognatina è cresciuta bene Fabião. Non sarà spaventoso! – risposi ridendo.

Quella notte, Paula ha chiesto se le andava bene di darlo a Paulo nel nostro letto. Dal momento che sua sorella sarebbe arrivata la mattina dopo, che era già sabato, e avrebbero dovuto comportarsi di più.

– Tesoro, va bene se rimango con Fabio. Ho un’erezione dentro! Domani Mari arriva presto e dovremo comportarci un po’ di più. Quindi ti darò tutto, ok? – mi chiede molto dengo.

Dopo un bacio molto gustoso, chiedo:

– Posso restare a seguire la tua arte?

– Certo amico mio. Sarà un piacere leccare la tua moglie arrapata, con te che guardi in alto. So che ti piace vederlo in azione e vedere come lo gestisco – dice Fábio con buon umore.

Paula era una donna sensuale per natura. La tua pelle. Il tuo corpo e il modo in cui si muove. Era così scortese che prima si spogliò davanti a entrambi, chiese a Fábio di mettersi di fronte a lei e lo spogliò con calma. Le leccò il petto, le morse i capezzoli, le morse la pancia ben definita, che aveva lavorato molto, e le tirò giù le mutande. Questo cazzo duro come la roccia, la potenza dei suoi 9 pollici, gli saltò davanti agli occhi. Paula, nello stile della puttanella, ha cominciato a succhiare magistralmente quel cazzo. Ha iniziato con le palle, anch’esse enormi. Liscio, perché gli aveva chiesto di radersi ed era tornata al glande che non aveva fine. Stava ammirando il cazzo di Fabio, non eccitata, ma in soggezione per come qualcuno potesse avere un cazzo così perfetto. Quello che mi ha davvero eccitato è stato che Paula aveva il potere di dominare il nostro amico. È nata per essere una puttana per uno come lui.

La mia erezione stava vedendo la sua erezione. Ha succhiato, masturbato e quando ha annunciato lo sperma, ha chiesto dolcemente:

– Caldo amico, goditi nella mia piccola bocca. Voglio prendere tutto il tuo sperma caldo.

Fábio è venuto con quella grande testa nella bocca di Paula e ha inondato la bocca di mia moglie. Ha ingoiato il primo e il secondo schizzo. Nel terzo. Se lo mise in bocca e l’aprì per mostrarmi quanta merda gli era rimasta. Poi deglutì deliziosamente e mostrò di nuovo la bocca aperta senza una goccia di seme. Non soddisfatta, tornò a leccare e succhiare quel cazzo che non si ammorbidiva. Con le sue avide carezze, Fábio era già armato e pronto.

– Sdraiati sul letto, accanto a Edu, il mio amico cane. Voglio succhiare quella figa, molto vicino a lui, così impazzirà con la sua erezione.

Paula si sdraia accanto a me, con le gambe divaricate. Vedo i liquidi che scorrono lungo la sua piccola figa calda. Allarga le gambe e vedo Fábio che si gode quella bella figa. Le mangia ogni pezzo, con la lingua, succhia, succhia, lecca, scopa la mia moglie arrapata. Ti rotola in faccia.

– Il mio amico pazzo. Il mio maschio sexy. Scopa la moglie del tuo amico arrapato con quella bocca meravigliosa. Mangiare. A Edu piace che tu mi dia piacere. Forza amico, fanculo il tuo amico.

– Oh, è delizioso…. Tornerò…. Oh… Che faccia da matto. Vieni Fábio, scopami presto, mio ​​arrapato. Scopa il tuo amico con questo delizioso cazzo.

Sono più di lato, quindi posso vedere ogni dettaglio della penetrazione. Fábio tira Paula sul bordo del letto, davanti a lui. Si inginocchia quasi sul pavimento e vedo questa grande testa invadere la figa del mio tesoro. È uno stronzo, lo indossa molto lentamente. Quindi il tuo albero non si esaurisce mai. Alla fine Fábio la afferra per la vita e la porta dentro di sé. Tutto il suo cazzo era incastrato nella figa della mia perversa moglie.

Lei urla, geme, gode come una matta. Lui la scopa vigorosamente e affettuosamente. È molto attento con Paula.

– Adoro il nostro amico Edu! Adoro dare quel cazzo meraviglioso. Tu mi capisci? Dice, allucinata dalla lussuria.

Non rispondo, ho solo guardato i due arrapati sudati. Paola ritorna. urla calde. – Fábio, mangiami la coda, mangia! Mi manca questo cazzo che mi entra da dietro. Coraggio amico!

La mette a quattro zampe, bagna la sua lingua nel suo piccolo anello e senza cerimonie, adatta questo cazzo, bagnato del suo sperma, all’ingresso di questo piccolo cazzo, già abituato a questo grosso cazzo. Paula si china e inserisce il suo cazzo più in alto. Si adatta all’eccitazione e all’eccitazione di mia moglie, spinge il sedere su quel palo. Ordina l’azione. Cavalca deliziosamente con il suo cazzo infilato nel suo culo.

Altre storie erotiche  Pagare un debito - 7

– Edu, è un peccato che non ti piaccia fare il culo, perché se lo facessi ti consiglierei questo piccione. La perfezione! Mi riempie completamente. Bravo Fabio. Mangia la tua ragazza. Mangiare !

– Delizioso amico. Non avrei mai immaginato che la donna dei miei sogni fosse sposata con il mio vecchio amico! Delizioso. Cavalco sul mio bastone da altalena. Lui viene. Che culo meraviglioso. Verrò. Verrò.

Inonda il culo di mia moglie di sperma. Vengo anche per una sega bollente. Paula è sempre disposta a leccarmi il cazzo e ad assaggiare il mio sperma

– La colomba di Fábio è buona, ma il suo latte è più dolce, guarda che amore. Domani sono tutto tuo! – Amo i miei due maschi!

– Ti amo anch’io, mia amica perversa – disse Paulo abbracciandola da dietro.

– Ti amo anch’io amore mio. Sono contento che tu sia felice, goditi i tuoi uomini.

Quella notte Paula cavalcò di nuovo il cazzo di Fabio. È andato in camera sua, abbiamo fatto la doccia e ci siamo addormentati. Era soddisfatta. Ho dormito come un bambino.

– Buon giorno! bello! – Mariana era eccitata quando è entrata in casa.

Mariana era la mia cognata più giovane, aveva 23 anni, si era appena laureata in fisioterapia, era più alta di Paula, la sua sorella. A 1,74 aveva una corporatura atletica. Non magro. Il suo corpo era ben definito dall’andare in palestra. Ci teneva molto. La fidanzata di Ricardo, un giovane coetaneo che conoscevamo poco e che era rimasto nel paesino dove abitava anche lei.

– Voglio dire, non volevo venire. Disse che toccava a me approfittare del mana e del cognato e che sarebbe rimasto lì, perché aveva molto da fare. Tutti sanno che è piuttosto il nerd, giusto? Non c’è molto da dire.

– Non so nemmeno come te la cavi, sorellina! Sei così dinamico e lui è così calmo, non riesci a pensare di più? disse Paula, chiedendomelo finalmente.

– Oh! Non dico nemmeno niente. Sono un cognato, giusto? Non credo che vada molto bene a Mari. Ma lei lo sa. Conoscerai le doti che “Digo” ha per affascinare questa magnifica cognata. – Ho finito per ridere

– Oh! Angolo! Non è niente di troppo. Sono io che mi prendo gioco di questo. Se dipende da lui, è solo pigrizia, giochi e lettura.

-Vix! E si sposeranno? Cosa ne pensi Ed? Marito, lascia che la sorella maggiore ti dia un suggerimento. Il nostro duo deve seguire lo stesso ritmo. Devi avere un’impronta, sai? “Paula,” disse, sedendosi scherzosamente sulle mie ginocchia, leccandomi l’orecchio e facendomi rabbrividire.

– Voi due siete dei pervertiti, cioè. Mi piacciono queste “battute”, ma non al tuo livello, sorellina. Marie ha risposto con una risata.

Nel frattempo, Fábio arriva, si fa la doccia, esce dalla sua stanza, vestito con pantaloncini neri sopra il costume da bagno, a torso nudo e con un asciugamano sulla spalla. Si avvicina a Mari e la bacia sulla guancia.

– Nostro! È questa la “Marizinha”, che ho visto circa 8 anni fa? Merda amico mio! Come sono cresciuto. Letteralmente. Più grande di me e più bella. Certamente! – Ha detto di buon umore!

– Zio Fabio! insomma Fabio! Adesso non è più appropriato chiamarti zio, vero? Per quanto. Anche tu, dico, sei molto bravo e diverso dall’ultima volta che ci siamo visti. Ho saputo della tua separazione. mi dispiace, vedi? Ma a quanto pare è di nuovo felice!

– Sì, mia bella. Sì. Se non ci fossero stati quei due a salvarmi dal limbo, non so cosa sarei diventato – Disse mettendosi in mezzo a noi due e abbracciandoci. Bacio Paula sulla guancia e la mia.

– Oh! Quanto è bella la tua amicizia – disse Mari con entusiasmo! – Voglio questa amicizia anche per me! – ha concluso

– Oh! Ma tu sei mia sorella. Nostra sorella, non è vero, mia cara? Vieni a darti un abbraccio di gruppo! – disse Paula, tutta eccitata, chiamando la sorella perché si unisse a noi.

– Rimaniamo noi quattro in questo abbraccio. Mari davanti a Fábio e noi uno per lato, abbracciandoli entrambi molto stretti. Abbiamo lasciato andare felicemente e Paula ha detto:

– Prendiamo un caffè leggero e facciamo un salto in piscina? Chi sta in piedi?

Tutti abbiamo risposto felicemente che eravamo d’accordo. Siamo andati nelle nostre stanze per metterci i vestiti da spiaggia e Fábio è andato in piscina. Era già pronto. Paula e io ci siamo scambiati e abbiamo discusso del fatto che Maria fosse una fottuta donna. Era cresciuto e maturato.

– Non conosco il mio amore. Lei, questo Rodrigo, non si volta. So cosa dico. Il marito è troppo donna per un ragazzo così. – disse Paula convinta.

– Oh! Amore. Lascialo da solo. Penso che sia un po’ lento ad essere onesto. Ma si amano, credo.

Quando siamo arrivati ​​in piscina, sono rimasto senza parole. Quella donna alta con il bikini succinto. Seni voluminosi. Non così grande, ma più grande della maglietta che indossava. Il suo culo era uno spettacolo da vedere. le tue cosce Merda. Mia cognata era su un aereo.

Lei e Fabio erano vicini. Le è molto vicino. Hanno parlato tutto il tempo e lui l’ha aggiornata sulla sua separazione e ha detto che ora era molto ben curato ea suo agio nella vita.

– Ben servito? quella non l’avevo capita! – disse ridendo

– Sì. Ben servito. Con due amici come questi due, come può essere diverso? – rispose ridendo.

Mari e Paula sono entrate in piscina. La vista di questi due da dietro era qualcosa di straordinario. Fábio ed io siamo andati a fare le caipirinha e abbiamo continuato a parlare:

– Fratello! Che cognata è questa? Non assomiglia nemmeno alla mocciosetta che vidi allora. Mari è molto bella, amico! – disse entusiasta Fabio.

– Sì. Molto è già cambiato negli ultimi due anni. Credo sia stata l’ultima volta che l’ho vista. Assomiglia a Paula, solo più alta e più leggera, è più giovane.

– E quel Rodrigo. Si sposeranno davvero? – chiese incuriosito.

– Non lo so! Guarda lì, le due stanno chiacchierando e ridendo – dissi indicando la finestra, le due sorelle in piscina

Siamo arrivati ​​in piscina con le caipirinha. Ci siamo seduti sul bordo e loro sono venuti da noi. Bevvero tutti e continuarono a bisbigliare e ridere.

– Cosa state bisbigliando, posso saperlo? Quale argomento è questo così eccitato! Mettilo lì sul volante. Non è Fabio? Si stanno solo divertendo, noi stiamo solo fluttuando qui. – L’ho detto con tono simpatico.

– Niente amore! Sto solo dicendo alcune cose a Mari qui, così può stare al passo con la vita. Dare consigli, sai? – disse maliziosamente

– Sapere! Sapere…

Entrambi hanno finito le loro caipirinha e mi sono offerto di farne altre. Fábio è saltato in acqua ed è rimasto con entrambi. Giocavano a lanciargli addosso dell’acqua. Si è difeso. Qualcuno ha avuto l’idea di giocare a rincorrersi nell’acqua. E tutto quello che vedo sono loro tre rannicchiati nella piscina. Fábio era il ricevitore in quel momento. Ora ha catturato Paula. Ora passiamo a Mari. Da lontano si vedevano buche “accidentali”.

Ho portato le caipirinha, loro tre sono usciti dalla piscina. Il volume del costume da bagno di Fábio rifletteva l’erezione che provava dopo aver giocato. Le ragazze non perdonarono e se ne andarono sussurrando. disse Paula con voce bassa e sommessa all’orecchio di Mari, ma io la sentii perché le stava porgendo gli occhiali.

Altre storie erotiche  Donna troppo esibita - Racconti erotici

– Non ho detto, sorellina. È enorme! – risero entrambi, avvicinandosi alle sedie. E ha continuato: E gustoso. – E rise ancora più forte.

La temperatura di questi due era abbastanza diversa. Si stavano preparando. Parliamo un po’ di più, ridiamo un po’ di più. Mari si arrapava presto, per le caipirinha, per il sole e per lo stare insieme. Verso pranzo, siamo andati nelle nostre stanze e abbiamo deciso di mangiare fuori.

– Amore! Cosa hai fatto in piscina? Sono pazzo o hai detto a Mari di te e del nostro amico? O meglio. Noi. Perché faccio parte dell’accordo?

– L’ho fatto, amore mio. Temo che quella ragazza sposerà quel ragazzo così presto. Non funzionerà. Non ha niente a che fare con questo. Oggi ero al sicuro.

– È lei? – domanda curiosa

– Ha pensato che fosse strano quando le ho detto cosa abbiamo fatto e voleva sapere come hai accettato qualcosa di così intimo come quello. Ti ha chiesto se stavi bene? Ho detto che mi hai incoraggiato molto e che ero felice. Ho detto che la nostra relazione era migliorata del mille per cento! E che ora eravamo più felici, con Fábio con noi. Lei mi ha detto:

– Nostra sorella! Quanto sei moderno? Non immaginerei mai che Edu si diverta a guardare un altro uomo che fa sesso con sua moglie. Eppure, secondo te, molto più dotato di lui. Manna. Ha davvero un cazzo di 22 cm? Non è possibile! Quella di Rodrigo non è lunga nemmeno 15 cm. Imprecare. E ho già pensato che fosse grande. Edu non era geloso? Hai detto che la sua era un po’ più piccola. Anche se 17/18 cm è già più grande di quello di Rodrigo.

Entrambi abbiamo iniziato a ridere di questa conversazione sul confronto delle dimensioni dei peni che conoscevamo. E quando abbiamo inventato il gioco, ha sentito il volume di Fabio in una delle sue riprese. Quando se n’è andato, abbiamo riso, perché ha visto la sua “tenda” ben armata.

– Voi due siete pazzi. Ho persino paura di ciò che mi aspetta! – Modificato dopo il suo aggiornamento.

– Il marito ha bisogno di vivere! È vero. – disse Paula, determinata!

Siamo usciti a pranzo, abbiamo attraversato il centro commerciale della città e siamo tornati a casa. La giornata è stata bellissima. Paula stava scherzando con sua sorella e l’idea le è venuta.

– Balliamo qualche xote, andiamo! È passato un po’ dall’ultima volta che abbiamo ballato. Sarà così. Ad ogni canzone cambiamo partner, ok Mari? – Ha già detto quando si è alzato e ha collegato l’applicazione musicale. – Inizierò con Fabio. Tu con Edu! Paola condannata.

Nessuno ha nemmeno fatto la domanda. Ho iniziato a ballare con Mari e Paula con Fábio. Si stava ancora scaldando. Erano entrambi incollati insieme, super in forma. Le ragazze erano vestite con abiti di maglia, formosi e che segnavano il corpo. Paula in blu e Mari in lilla. Bellissimo. Fábio e io indossavamo pantaloncini e magliette.

– Ascolta! Anche tu! Balla bene. Sembrano fratelli! Oh! Tu sei davvero! – rise – Ma sono privi di parentela, vero, Fábio?

– Se lo dici tu, Paulinha, chi sono io per interrogare la sua amica? Sei rilasciato! – disse divertendosi insieme

– Ho preso l’iniziativa, sorprendendo Mari e avvicinandola alla mia coscia. Non ha esitato e ha accettato l’invito e ha iniziato a ballare accanto a me. Una delle mie mani era proprio sopra le sue natiche, attirandola più vicino al ballo.

– Mana migliorato? Ora Edu ha dimostrato di avere un segno. Nessuno ci trattiene in questo xote! Merda, mi manca ancora São João! disse Mari eccitata.

Mariana era la delizia di una ninfetta. Bel corpo da coccolare e anche da ballare. Presto abbiamo fatto passi più audaci e c’era la mia cognatina tra le mie braccia. Il primo xote finì e, grazie alla determinazione di Paula, ci scambiammo le pedine. Paula si aggrappò a me eccitata e iniziò a sussurrarmi all’orecchio:

– Capisci cosa sto progettando, vero, amore mio? Mostriamo a questa ragazza un altro mondo. Deve svegliarsi prima di andare a casa con quel ragazzo fastidioso. Se dopo oggi vuole ancora sposarlo, dipende da lei. Ma lei vedrà cosa è buono! – Stava ridendo nel mio orecchio.

– Che sussurro lì, branco di bastardi! – Ha risposto in una delle torri vicino a noi. – Sai che sono curioso, sorella!

– Wow, Fábio è davvero un piede di valzer, eh sorella! – continuò il marito

– Te l’ho detto!

– Ma tu balli molto bene, mio ​​caro cognato! Meglio lodare lo zio, voglio dire Fábio, altrimenti diventa tagliente – Continuava a ridere

– Lo sono davvero! Sono il tuo caro cognato! Continui a ripeterlo anche tu: mi sono unito alla festa.

– Le persone! Le regole sono cambiate! Ora ci sono due xote per coppia. Quindi facciamo trading! Oh! Vado a prenderci delle birre, puoi continuare – disse Paula, lasciando il ballo e dirigendosi verso il frigo.

Mariana e Fabio sembravano essere una cosa sola. Lei è un po’ più alta di lui. Piccola cosa, era ancorato in qualche modo, che non fosse successo niente tra i due. Lui, senza perdere tempo, le mise la mano proprio in mezzo al sedere e l’abbracciò. Presto iniziarono a girare, impiegando più tempo a ogni giro con le spalle contro di lui. Ho notato che dopo circa tre manovre si impennava ogni volta che il suo culo si avvicinava al suo cazzo.

Quando Paula è tornata, ha sentito che il tempo si era riscaldato e ha detto scherzosamente che avrebbe recuperato il terreno perduto e mentre mi porgeva un collo lungo e altri due per la coppia, si è attaccata a me e ha iniziato a diventare sensuale, prendendo in giro Marianne. .

– Ehi sorellina, puoi farlo così?

– Ucciderò Fábio se gli fai questo – risponde ridendo

– Divertiti sciocco. Siamo solo noi. Faremo a gara con chi balla in modo più provocatorio con i nostri partner? Ascolta, la prossima volta lo cambieremo di nuovo. – provocò Paula

Mariana, anche timidamente, ha osato un po’ di più nelle curve e si vedeva che io e Fábio avevamo dei cazzi durissimi. Alla fine dei due xote, abbiamo cambiato di nuovo e Paula ha deciso di giocare più forte. Con l’intimità che avevano lei e Fábio, gli sussurrò, non così piano che riuscimmo a malapena a sentire quello che diceva:

– Rilassati amico. Mari sa di noi tre. mi dà la ragione in questi due xote

– Fábio rise piano e cominciò a ballare più piacevolmente con mia moglie. Lei rotolò sul suo cazzo, si chinò, e lui l’afferrò per la vita e la tirò vicino a sé, poi si fronteggiarono.

– Mariana, stiamo perdendo molto, cognata. Ci fermeremo qui? – Ho scosso la cognata.

– Niente da quel cognato. Ora questi due vedranno cos’è uno xote ben bilanciato! Vieni con me, Ed. Mettiamo questi due nella scarpa – disse scherzando e in modo più provocatorio

Mariana mi ha tirato a sé, mi ha preso la mano che era sulla sua schiena, è scesa sul suo sedere e ha detto:

– Non fraintendermi, cognato. Ora sono nel gioco!

– Posso davvero? – chiedo fingendo timidezza

– Può! – Risponde con decisione.

Con la mia mano sul suo sedere, comincio a portarla dentro di me. Sente il volume del mio cazzo. Nel primo round, tengo già più saldamente la sua pancia soda e muovo la mano un po’ più in alto all’inizio dei suoi seni. Chiudi gli occhi, appoggia la testa sulle mie spalle e porta quel bel culo sul mio bar. Lei geme piano e ci voltiamo, dandomi le spalle.

Altre storie erotiche  Un travestito ha scopato me e mia moglie

Quando guardi mia moglie e Fábio, sono in un delizioso e sensuale bacio con la lingua. La sua mano in mezzo al culo di mia moglie. Il vestito si sollevò a metà rivelando le minuscole mutandine nere. Il suo dito indice, in mezzo al culo di Paula. balla sensualmente e le loro bocche non si staccano

Il marito si gira verso di me e prende l’iniziativa e mi bacia. Un po’ goffa all’inizio, poi le nostre bocche si incontrano e lei prende la mia in una mano e imita sua sorella. Le scivola sotto il vestito, sopra le mutandine. Sento la pelle morbida del tuo culo. Delizioso!

La selezione dei due xote termina in alto. Paula lascia Fábio e mi separa dalla sua sorellina. E prendi il suo posto nel bacio. Era il segnale di cui Mari aveva bisogno.

Ha già sistemato Fábio ei due si perdono in un bacio sensuale. Paula e io siamo entusiasti. Mi spinge sul divano e mi tira fuori il cazzo. Di fronte a entrambi Inizia a leccare. Mari e Fábio continuano a ballare e quando si rende conto di cosa sta succedendo nella stanza, perde la modestia e bacia di nuovo Fábio. Smettono di ballare.

Fábio conduce maliziosamente Mari alla sedia accanto alla nostra. Si siede. Le bocche dei due si unirono. Si toglie i pantaloncini e spalanca gli occhi quando vede le dimensioni del cazzo di Fábio. Siamo entrambi. Fianco a fianco. Guarda Paula che mi succhia caldo e cerca di fare lo stesso.

La sua bocca circonda il cazzo di Fabio e lei comincia a venire timidamente. Leccare, succhiare, succhiare la grande testa. geme. Anche lei Paula mi fa impazzire con la sua bocca.

Entrambi ci succhiano meravigliosamente. E come siamesi, siamo arrivati ​​più o meno nello stesso momento. Inondo la bocca di Paula. Lo sperma di Fábio scorre attraverso le labbra di Mariana.

Come se fossero d’accordo, i due si baciano e si scambiano baci. Vedo Paula che bisbiglia a Mari.

– Non ti ho detto che era potente.

Ci sediamo entrambi sui divani e le togliamo le mutandine. Essendo sincronizzati, entrambi allargano le gambe e accolgono le nostre bocche. Paola è una delizia. Fábio si diletta nella giovane figa di sua sorella. Si tolgono i vestiti e rimangono nudi. Che bella vista, questi due. seno perfetto. Paola viene prima. Maria allora. La cornea Paula mi dice:

– Succhia la mia sorellina. Voglio la bocca del nostro amico nella mia figa. È delizioso. Non è vero Mari?

– Si sorella. Sì. Quanto mi sono divertito! – Questo è tutto quello che puoi dire.

Quando la mia bocca trova le sue grandi labbra della figa sono soddisfatto. Che dolce. quanto sei dolce ci gioco dentro. Gioco con il tuo punto di piacere, affettuoso ed eccitato. lei geme e rotola nella mia bocca

– Nostra sorella. Che marito sexy che hai. Regna molto bene con quella bocca calda. Forza fratello, riportami indietro. Scopami con quella bocca arrapata, pervertito. Tradisci tua moglie con la sua sfacciata sorella. – Il marito ha allucinazioni di lussuria

Nel frattempo, Paula va alla bocca di Fábio. I due praticamente vengono insieme.

– I nostri rulli sono resistenti. Paula chiede umilmente:

– Tesoro, mangiami. Mi manchi!

Certo, non era nostalgia. Voleva che la sua sorellina provasse prima il cazzo del nostro amico.

Mi sono adattato a Paula e, sebbene sia molto emozionato, sono connesso a ciò che sta accadendo con la nostra amica e Mariana. Con gli occhi chiusi, è molto arrapata, tiene quel testone ed entra dall’ingresso della sua figa nuova di zecca. Fábio, proprio come ha fatto con mia moglie, le sussurra all’orecchio:

– Marito, lo metto delicatamente, se senti dolore fammelo sapere, va bene, tesoro?

– Dai, Fabio, mangiami. Sto morendo dalla voglia di avere questa verga nella mia figa. Se fa male, parlo. metti tutto.

Lei, con le caviglie appoggiate sulla spalla della nostra amica, riceve tra le mani questa jeba. un po. Fábio entra gradualmente in questa piccola figa. Poco dopo, mia cognata lo travolge. Comincia a giocare con lui, avanti e indietro freneticamente. Paula e io ci siamo ispirati e siamo entrati nel loro ritmo. Paula viene sul mio cazzo. Mariana urla perché è molto arrapata e chiama Fábio un caldo rudo. Da pauzudo.

– Sì, distruggi la signorina che conoscevi. Rompi la sorellina del tuo amico. Scopami, bel cretino.

Le volta le spalle. Era in piedi, piegata, con le gambe divaricate. Vedo qualcosa che non avevo visto fare a Fabio. Infila il suo cazzo nella figa di Mariana senza pietà. Fino alla fine. Tutto in una volta.

– Piccola stronza. Ho visto che ti piacciono i cazzi grossi. Fanculo il tuo macho, puttana. La tua figa è nata per questa verga.

– È il mio bell’uomo. Mangiami con piacere, sorella mangiatrice!

Viene come una matta. Rotola deliziosamente sullo stelo. Paula fa lo stesso sul mio cazzo. Sono entrambi entusiasti.

– Marito, prestami Fabio. Voglio il tuo cazzo nel mio culo ora

Accoglie la richiesta della sorella e mi chiede:

– Mangia il mio cazzo, cognato, mangia te stesso!

– Prima voglio provare questa figa, cognata. Poi mangio il tuo bel culo

La figa di Mari era meravigliosa. Delizioso. Stringendo il mio cazzo deliziosamente.

Gli occhi di mio marito si spalancano quando vede questo piccione monumentale invadere il sedere di mia moglie, senza pietà. Paulo e Fábio hanno diretto l’anale. Il suo culo era pronto per lui, tutto il tempo.

– La nostra Paola. Che caldo, vorrei avere quel coraggio che hai tu! Mangiami il cazzo, cognato. Devo provare un cazzo nel mio culo. non l’ho mai fatto!

Con cura preparo questa piccola coda e inserisco la piccola testa. L’ho indossato con delicatezza. Ci si abitua. Presto il mio cazzo era in quel culo stretto

– Wow sorellina, quanto è bello dare il culo. Come ho detto, non mi ha mai chiesto di farlo. Che ritardo!

Noi due in siririca mentre gli mangiamo la coda. Io arrivo per primo allago la coda di mia cognata. Viene con me gemendo gustosa. Fábio ruggisce di desiderio ed eiacula nel culo di mia moglie. Anche lei, con il suo cazzo su per il suo bel culetto, si diverte.

– Wow, sorella! Che follia! Non avrei mai immaginato che tutto questo sarebbe stato possibile! – disse Mariana esausta sdraiata a terra.

– Non te l’avevo detto? Cosa ne pensi del rotolo di Fábio? – chiese Paola

– Mi è piaciuto! Voglio di più dopo. Devo mostrarglielo con più calma se vuole. – rispose senza fiato e si rivolse a me:

– Cognato, sei un figo. Se Paula me lo permette, voglio un’intera notte con te. nessuna fretta

– È tutto tuo. Mattina. Se vuoi. Perché io sarò in Fabio.

– Ops! Se è domani, oggi so con chi vado a letto – dice Mari strizzando l’occhio a Fábio

– Chi avrebbe mai pensato che mia cognata sarebbe diventata una puttana così cattiva.

Il nostro amico era guarito e soddisfatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *