Una novità in casa

di | 12 de Dicembre, 2022

da Cesare

Ho un vecchio amico e lui sa che scrivo e condivido le mie storie qui sul sito. Una volta che eravamo all’ora dell’aperitivo e tra una birra e l’altra, disse:

– Beh, potresti scrivere qualcosa sulle mie esperienze.

Ho sorriso e ho risposto:

– Se devo scrivere di te, devo prepararmi a produrre un libro.

Dopo una bella risata, l’idea è maturata e ha deciso che avrei scritto di un passaggio specifico della sua vita. Ci siamo incontrati ancora qualche volta, ho preso appunti e quello che sto per raccontare è stato rivisto, approvato e autorizzato da lui per la pubblicazione.

Sérgio e Talita, dopo alcuni anni di matrimonio e molte conversazioni, hanno deciso di unirsi alla vita liberale. Dopo esperienze molto emozionanti, decisero di condividere questa intimità con una coppia di amici, di cui avevano piena fiducia: Tadeu e Sueli. Hanno programmato una cena per dare la notizia e sono rimasti sorpresi nell’apprendere dai loro amici che anche loro avevano parlato dell’argomento e intendevano fare lo stesso.

I quattro iniziarono ad andare nei motel ea stare sempre insieme. Questo stile di vita è molto eccitante, quando le coppie si uniscono sotto la stessa filosofia per condividere l’amicizia, l’intimità sessuale e la realizzazione delle fantasie. Sbaglia dunque chi pensa che l’altalena sia un semplice scambio di coppie. Quando le due coppie iniziarono a frequentarsi, per decisione di Tadeu e Sueli, non ci sarebbe stato alcuno scambio, ma sarebbero stati consentiti baci, carezze e persino sesso orale. Tutti questi preliminari hanno portato l’arrapamento dei quattro ai massimi livelli, tanto che alla fine ognuno si è goduto il proprio partner.

Durante uno dei suoi viaggi al motel, Talita ha sfidato suo marito:

– Amore, dubito che tu abbia il coraggio di spogliarci.

Sapendo che non era tipo da scappare davanti a una sfida, prima di lanciarsi gli si avvicinò, gli porse un pacchettino e gli sussurrò all’orecchio:

– Vai in bagno e mettiti questo, solo allora cominci.

Sérgio ha fatto quello che gli chiedeva sua moglie. Al suo ritorno, cullato dal suono della musica, si spoglia lentamente e sensualmente. Mentre si apre i pantaloni e comincia a tirarli giù, appare un succinto costume da bagno bianco, la parte anteriore che copre solo il cazzo ei testicoli. Un filo si è incastrato nell’inguine sulla schiena. Sueli, vedendo la sua amica vestita solo di questo abitino, era felicissima e voleva ammirarla da vicino, allungando la mano e baciando il cazzo di Sérgio, sopra il suo costume da bagno. Era la prima volta che Sérgio si spogliava per la moglie e gli amici. Non importa quanto fossero arrapati i quattro, non hanno mai fatto sesso con i partner scambiati.

Tuttavia, la vita ha le sue disavventure e con Sérgio e Talita non è stato diverso. A causa di situazioni impreviste, la relazione si è raffreddata, c’è stata usura e la separazione è stata inevitabile. Tadeu e Sueli sono molto dispiaciuti per l’accaduto, ma rispettano la decisione dei loro amici. È passato del tempo e hanno provato a contattare Talita, ma senza successo. Tadeu si chiama allora Sérgio. Ha detto che lui e Sueli erano molto dispiaciuti per la separazione, ma hanno rispettato la decisione. Sérgio ha ringraziato l’amico e, nonostante avessero un rapporto molto amichevole, non è entrato nei dettagli che hanno portato alla separazione, limitandosi a dire che andava tutto bene e che la vita andava avanti, il matrimonio aveva già voltato pagina.

Sentendo questo, Tadeu non ha perso l’occasione:

– Mi fa piacere sapere che sei di buon umore, per questo mi permetto di dirti che a Sueli dispiace vederti indossare solo queste mutandine.

Sérgio sorrise e rispose che gli mancavano anche i giochi che facevano insieme quando vedeva Sueli con quei vestiti sexy che indossava. Tadeu colse l’occasione e lo invitò a venire al motel. Sérgio non faceva sesso da molto tempo e sebbene sapesse che non ci sarebbe stata alcuna possibilità di fare sesso con Sueli, accettò l’invito, almeno si sarebbe divertito e chissà, forse, forse lei avrebbe fatto lui sperma. una deliziosa cannuccia

Altre storie erotiche  polizia gay

Il giorno concordato erano al motel. Appena entrati nella suite, Sueli ha baciato Sergio sulla bocca e ha detto:

– Wow, mi sei mancato così tanto.

Sergio ricambiò il bacio, sentendo il suo cazzo indurirsi. Sueli era una donna voluttuosa, con un corpo sinuoso, seno da medio a grande, vita ben definita, fianchi larghi, un gran fondoschiena con cosce spesse. Appena finito il bacio, ha detto che andava in bagno ed è uscita con la sua borsa. I due uomini si sedettero e si versarono da bere. Quando Sueli ritorna, indossa una camicia da notte corta di pizzo nero completamente trasparente. Si siede sullo schienale del divano di fronte a entrambi, allarga le gambe e mostra di essere senza mutandine. Le mette due dita in bocca, le passa sulla figa e dice:

– Sono pronto Sérgio, fammi uno spogliarello.

Il marito siederà accanto alla moglie, mentre Sérgio si posizionerà per iniziare lo spettacolo. Sapeva che era il più grande desiderio di Sueli, vederlo spogliarsi, quindi si era preparato per questo momento. Indossava un abito elegante e una cravatta ben annodata. Al suono della musica e spogliarsi lentamente. Sempre guardando direttamente il suo amico, si allenta la cravatta. Con le mani su ciascuna estremità, lo sposta da un lato all’altro e quando finalmente lo estrae, lo lancia a Sueli. La giacca è il secondo pezzo da togliere e posizionare sullo schienale di una delle sedie. Sérgio ha sempre avuto uno spirito esibizionista, quindi il suo cazzo era già duro, gonfiando visibilmente i suoi pantaloni.

Al suono della musica, ha mosso i fianchi inscenando una scopata, allo stesso tempo ha strofinato la mano sul suo cazzo, offrendolo all’amica, che ha continuato a toccarsi e mostrare il suo corpo all’amica. Poi comincia a slacciarsi lentamente i bottoni della camicia e mentre si aprono scopre sempre di più il petto, che aveva lasciato libero dai peli. Senza togliersi la camicia, se la strofina sul cazzo e la lancia a Sueli, che la tiene in mano e la annusa, sentendo l’odore del maschio che si mostra davanti a lei. Sempre in movimento sensuale, Sergio inizia ora ad allentare la cintura che gli teneva i pantaloni. Tadeu, vedendo l’eccitazione della moglie, si toglie i vestiti e resta in mutande. Cintura alla mano, Sérgio si avvicina a Sueli e se la mette sulle cosce, come se le desse una cintura. Allucinata dal desiderio che le divora il corpo, Sueli chiede:

– Colpiscilo più lentamente, puttana.

Sérgio sorrise e obbedì all’amica, dandole una cintura leggera, con la quale gemette di intenso piacere. Di battito in battito, infilava anche la pelle tra le cosce dell’amica, toccandole anche la figa, che era così fradicia che la cintura era bagnata. Vedendo questo, Sérgio se lo mette in bocca e lecca via il miele. L’atmosfera nella stanza era di totale emozione per loro tre e quando Sérgio iniziò ad abbassarsi i pantaloni, apparve esattamente ciò che Sueli voleva vedere: il minuscolo costume da bagno. Ora vestito così, Sérgio ha mostrato il suo corpo ai suoi amici, compreso il suo bel sedere con il filo interdentale infilato nell’inguine. Sérgio si avvicina alla coppia e tiene il suo cazzo duro con entrambe le mani, come per offrirglielo, ma ancora trattenuto dalle mutande. Sueli si lisciava la figa e Tadeu il proprio cazzo, anch’esso completamente duro. Mentre Sérgio si prepara a togliersi il costume da bagno, Sueli chiede:

Altre storie erotiche  dominato

– Non ancora tesoro, voglio vedere una cosa.

Sussurra qualcosa all’orecchio del marito, che si alza, va dall’amico, si inginocchia e comincia ad accarezzare il cazzo di Sergio. Sebbene fosse sorpreso dall’atto inaspettato, mantenne la sua posizione, non rifiutando il suo amico. Sueli ammirò la scena e disse:

– Spero non ti dispiaccia Sérgio, ho sempre voluto vedere Tadeu con te.

Sebbene non abbia mai praticato nulla con un altro uomo, Sérgio non ha esitato quando il suo amico gli ha accarezzato il cazzo e ha chiesto a sua moglie:

– E’ tutto quello che vuoi vedere tra di noi?

Sueli sorride maliziosamente e non esita a parlare:

– No, in realtà voglio vedere molto di più.

Fa una pausa nel suo discorso e poi chiede a suo marito:

– Tira fuori il cazzo dalle mutande, amore mio.

Tadeu obbedì a sua moglie e presto il cazzo di Sérgio fu libero, duro e palpitante, dopotutto era da tanto che non provava qualcosa di così eccitante. Tadeu ora stava accarezzando il pene del suo amico, libero dai vestiti. Sueli allargò le gambe, esponendo ancora di più la sua figa ai due uomini. Eccitata, mise due dita dentro di sé e chiese a suo marito:

– Succhiare il suo amorevole cazzo.

Di nuovo obbediente, Tadeu mette la bocca sul cazzo del suo amico e inizia una deliziosa tetta. Sueli si alza dal divano, si avvicina a loro, abbraccia Sergio e gli chiede:

– Ehi tesoro, mio ​​marito fa schifo?

– Diverso, ma riconosco che la situazione insolita è eccitante.

lei mette la mano sul collo di suo marito e costringe la sua testa a inghiottire ancora di più il cazzo della sua amica. Tadeu soffoca e cerca di togliersi il cazzo dalla bocca. Sueli non lo permette e dice:

– Niente di tutto ciò, senza toglierti il ​​cazzo dalla bocca, non avevi promesso di soddisfare tutti i miei desideri, sì, voglio vederti ingoiare quel cazzo da tutte le parti.

Tadeu ricomincia a succhiargli il cazzo, ma non riesce a ingoiarlo tutto. Sueli ha baciato Sérgio, gli ha messo la figa sulla coscia e l’ha massaggiata. Avvicina la bocca all’orecchio dell’amica e parla a bassa voce:

– Ora, il mio desiderio è vederti succhiare il cazzo di Tadeu, ok?

Molto eccitato e sentendosi a proprio agio con questa nuova esperienza, Sérgio ha detto che avrebbe espresso un desiderio per lei. I tre vanno a letto, dove i due uomini iniziano un 69, con Tadeu in testa. Vedendo il cazzo del suo amico vicino alla sua bocca, Sérgio non è timido e inizia a succhiare. All’inizio gli sembrò strano, ma si abituò presto alla differenza, dato che fino ad allora aveva succhiato solo la figa. Sueli, inginocchiata accanto a loro due, accarezzò il sedere del marito, i suoi testicoli e la parte del cazzo che era fuori dalla bocca dell’amica. Con un dito appiccicoso, lo infila nel culo del marito, che geme e si sguazza. Schiaffeggia suo marito sul culo e dice:

– Non preoccuparti, ti piace quando te lo metto nel culo.

Sempre con il dito nel culo del marito, comincia a leccargli le palle e parte del cazzo, insieme a Sergio. Con questa vicinanza, dice:

– Ora voglio che mangi mio marito.

Sérgio era completamente coinvolto in tutta questa dissolutezza, cosa che non sorprese la richiesta dell’amico. Insieme al marito cagnolino, Sueli si prepara il culo con tante leccate e diteggiature profonde. Sentendo che suo marito è pronto per la sodomia, ordina:

– Dai Sérgio, rompi il culo al tuo amico, voglio vederlo perdere le poche rughe che gli sono rimaste.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Il bambino di Mariingela

Sérgio prende posizione e Sueli dirige il cazzo del suo amico verso l’ingresso del suo culo. Con le mani si separa le natiche e dice:

– Ora andiamo, fanculo mio marito.

Insensatamente, Sérgio forza il suo cazzo e la sua testa entra nel culo del suo amico che, gemendo, viene schiaffeggiato dalla moglie che si impone:

– Non preoccuparti amore, oggi ti sembrerà che un vero cazzo ti stia divorando, volevo davvero vederlo.

A poco a poco, Sérgio forza il suo corpo e il suo cazzo viene ingoiato dal culo di Tadeu. Sueli, che si era tolta la camicia da notte, si mise dietro Sergio, premette il suo corpo contro il suo e lo accompagnò nei fottuti movimenti. Gli mette un dito in bocca e poi nel culo di Sergio, che non rifiuta l’affetto dell’amico. Sentendo che non si opponeva, gli sussurrò all’orecchio:

– Hmm delizioso, anche a me piace sentire qualcosa nel culo, eh bastardo.

Anche Talita, durante il loro matrimonio, metteva le dita nel culo di Sérgio, che godeva di questo gesto. Sérgio non riusciva più a trattenere la sua erezione e si sentiva come se stesse arrivando da un momento all’altro, ma Sueli gli ha chiesto di non farlo perché ora voleva vedere suo marito dormire con lui. Chiede loro di cambiare posizione e ora è Sérgio che le infila il cazzo del suo amico nel culo.

All’inizio provò un certo disagio, ma a poco a poco la sensazione di disagio lasciò il posto a un enorme piacere. Sueli non ha potuto farne a meno, è passata sotto il suo amico e ha cominciato a succhiargli il cazzo, ma non prima di aver ordinato a nessuno di venire. Questo trio ha trascorso alcuni bei minuti in questa deliziosa scopata, fino a quando Sueli ha detto:

– Ora tocca a me, voglio che mi scopino entrambi.

Sérgio guardava i suoi amici con ammirazione, visto che non avevano mai permesso una relazione completa, ma siccome le volevano bene, lei non aveva motivo di lamentarsi, anzi. Chiede al marito di sdraiarsi, si arrampica su di lui e monta sul bastone. Guarda Sérgio e digli:

– Andiamo, vuoi proprio fottermi il culo.

Siccome aveva ragione, quando vide il culo dell’amico raddrizzato e il culo a sua disposizione, non attese oltre e iniziò ad entrare in questo tunnel caldo e stretto. Sta rotolando e delirando dice:

– Accidenti, va bene, perché non l’ho mai fatto prima, dai, colpisci forte, voglio essere arrotolato.

Mise le mani sul petto del marito e disse:

– Mio Dio, è fantastico, Sérgio mi scopa il culo, um che vibrazione calda ha, tutti sono innamorati, mi colpisce tutto nel culo.

– Apprezzi l’amore, è tutto quello che volevi, essere la sua puttana?

– È vero, voglio dargli molto.

Sérgio, percependo il grado di libertà prevalente, ha aggiunto:

– Merda Tadeu, che bel culo ha tua moglie, migliore del tuo.

I tre non ce la fecero più a correre ed esplosero quasi contemporaneamente in modo sorprendente. Appagati dal piacere, rimasero a lungo immobili prima di andare a fare la doccia. Tornarono a letto e ancora una volta entrambi mangiarono Sueli allo stesso tempo, ma questa volta invertirono le loro posizioni. Hanno lasciato il motel tardi e quando si sono salutati, Sueli ha chiesto a Sérgio:

– Quando ti spoglierai per me?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *