Un’orgia per Evinha

di | 12 de Dicembre, 2022

da Cesare

Da quando ho iniziato a scrivere e pubblicare racconti su questo sito, ho avuto l’opportunità di fare buoni amici, quasi tutti rimasti online. Tuttavia, con una di loro, che posta anche qui sul sito le sue storie, abbiamo rotto la barriera virtuale e deciso di incontrarci di persona. Eva è una bellissima mora, quarantatré anni, lunghi capelli lisci, bocca sensuale con labbra ben definite, altezza media (quando indossa i tacchi), gran sedere, cosce grosse e seno pieno. Il suo corpo voluttuoso è un invito costante ad abbracciare e sentire le sue curve e il suo ardente calore femminile è indescrivibile.

Questo primo incontro è stato solo tra noi due, dato che lei è sposata con Edu. Abbiamo programmato un caffè e l’empatia che avevamo nel mondo virtuale è stata confermata nella realtà, tanto che lei ha proposto:

– Andiamo a casa, così anche Edu ti conosce.

Ho accettato l’invito e poco dopo eravamo lì. Seduto in soggiorno e gustando un buon vino, Edu chiede:

– E poi César, cosa hai pensato di Evinha dopo averla incontrata di persona?

Sapendo che erano liberali, non ero intimidito:

– Una delizia e il suo culo è abbastanza per far impazzire chiunque.

Sentendo questo, si alza, gira il sedere verso di me, lo schiaffeggia e dice:

– Puoi raddrizzarlo.

Indossava un vestito fantasia, vorticoso e appena sopra le ginocchia. Audacemente, ho infilato la mano sotto il suo vestito e sono scivolato lungo la sua coscia fino al sedere. Lisciai quella carne soda e passai un dito sulla fessura dove era incastrato il perizoma. Alzò il sedere e si mosse quando sentì il mio tocco. Ho guardato mentre Edu lisciava il suo cazzo, ancora contenuto nei suoi pantaloni. Senza resistere alla tentazione, ho sollevato il vestito, scoprendo quel sedere allettante, che, all’altezza del mio viso, ho cominciato a baciare e leccare. Apri leggermente le gambe, inclina il corpo in avanti e metti le mani sulle ginocchia. Esponendo ulteriormente il sedere, chiede:

– Leccami il culo, Cesare.

Gettai da parte il perizoma, aprii il sedere e il culo apparve con le pieghe luccicanti del desiderio. Faccio scorrere la lingua e bacio quel culo allettante. Forzo la punta della mia lingua nel tuo culo, allo stesso tempo infilo un dito nella tua figa già completamente appiccicosa.

Gemendo piano, disse a Edu:

– Vieni qui amore mio, mettimi il cazzo in bocca.

Edu, che era già senza mutande, si tolse anche le mutande e comparve un bel cazzo grosso e duro, che venne poi messo in bocca alla donna. Con grande abilità ha succhiato, leccato e ingoiato tutto il cazzo, cosa che mi ha impressionato. L’atmosfera respirava sesso e il nostro desiderio aumentava in ogni momento. Eva gemette più forte e quando il suo desiderio divenne insopportabile, chiese:

– Fottimi il culo César, infilaci dentro il tuo cazzo, rompimi le pieghe.

Ho tirato fuori il mio cazzo, l’ho strofinato contro il suo culo e mi sono fatto strada tra le sue pieghe che si sono espanse, permettendo e accogliendo la testa del mio cazzo. È stata una penetrazione lenta e graduale, aiutata dai movimenti del corpo di Evinha, che mostra molta pratica nell’arte del culo. Presto ero completamente dentro il suo culo, muovendo il mio cazzo in un movimento costante e ritmico da una parte all’altra. Quando sono rimasta per qualche istante con il mio cazzo tutto dentro il suo culo, ho sentito il suo sfintere mordermi il cazzo, Evinha era decisamente un’esperta di arte anale. L’armonia del trio era totale, tanto che il climax si stava rapidamente avvicinando. Eva è stata la prima a esplodere:

– Vengo, oh, va bene, vengo, oh, che erezione bollente.

Nella sequenza le ho riempito il culo di sperma e alla fine suo marito le ha inondato la bocca, cosa che non ha sprecato una sola goccia.

Soddisfatti in questo primo momento, abbiamo parlato delle nostre fantasie e dei nostri desideri, è stato allora che Eva ha dichiarato il suo desiderio di partecipare ad un’orgia, essendo l’unica donna al centro dell’attenzione di diversi maschi. Notai che gli occhi di Edu si illuminarono quando lo disse, denunciando la sua erezione per quell’idea. Questa rivelazione mi ha anche eccitato, tanto che siamo andati a letto con loro e abbiamo finito per fare di nuovo sesso. Alla fine del pomeriggio, me ne sono andato.

Altre storie erotiche  Opportunità (02)

Pochi giorni dopo, ho chiamato Edu:

“Suppongo che tu condivida la fantasia di Eva di uscire con più uomini, vero?”

– Sicuramente Cesare.

– Allora cosa ne pensi di una sorpresa, ho amici molto liberali che vorrebbero partecipare.

– Penso che sia fantastico, ti piacerà.

Abbiamo elaborato i dettagli e il giorno previsto sono andato a casa sua, mentre i miei amici aspettavano in macchina.

Edu mi ha ricevuto e siamo andati in soggiorno ad aspettare Eva che stava finendo di prepararsi. Poco dopo, arriva in gloria, indossando un abito di poliestere bianco con scollo profondo e allacciato alla nuca con un semplice doppio nodo. Una mano sopra le ginocchia e sui fianchi due spacchi arrivavano appena sotto la vita e la schiena era completamente scoperta. Portava sandali bianchi ai piedi, con tacchi alti e sottili, con cinghie intrecciate alle gambe. Con i piedi scoperti si vedevano le unghie, molto curate e dipinte di rosso, così come quelle delle mani. Accompagnando il colore dello smalto, un rossetto rosso carminio ha delineato le sue labbra perfette e sensuali. Negli occhi, un trucco più pesante ha completato il suo aspetto sbalorditivo. Quando si è avvicinata, ho sentito il suo profumo, l’incomparabile e delizioso Samsara. Mi alzai per riceverla e quando l’abbracciai, le portai le mani sulle natiche, sentendo che non indossava le mutandine, le dissi guardando Edu:

– Che troia cattiva la tua, pronta per essere sacrificata.

Edu sorrise e versò tre bicchieri di whisky. Mentre stavamo bevendo, Eva ha chiesto:

– Vieni a mangiarmi?

– Cosa ne pensi stronza, che senti il ​​calore della tua fica, non puoi stare a lungo senza assaggiarlo di nuovo.

Quel complimento malizioso è bastato a renderla timida, ma ho detto:

– Per cominciare, voglio solo che tu senta e non veda nulla, porta una benda.

Mentre andava a prenderlo, ho detto a Edu di far entrare i miei amici. Tornò con la benda che gli avevo stretto sugli occhi, senza lasciarlo vedere. L’ho portata nella sua stanza e le ho tolto il vestito, lasciandola solo con i sandali, come un’elegante puttana da bordello. L’ho adagiata al centro del letto e ho cominciato ad accarezzarle il corpo. Accarezzandole i seni, lisciandole le gambe, facendo scorrere le dita sulle sue labbra. Geme di piacere, sussurrando:

– Allora mi uccidi con il tuo corno.

– Calma cagnolina, oggi servirai il nostro piacere.

Edu entra nella stanza con i miei amici: Ricardo, Flávio, Lúcio e Celso. I primi due sono neri, con un fisico invidiabile, frutto dell’accademia dove i due sono compagni di corso. Proprietari di enormi piccioni, ho visto donne che si rifiutavano di darglieli. Quanto a Lúcio e Celso, sono, diciamo, normali in termini di dote. Tutti e cinque erano già nudi. Edu si avvicina alla moglie, le mette il cazzo in bocca e dice:

– Andiamo amore mio, lecca il cazzo del tuo maschio alfa.

Faccio cenno a Ricardo di prendere il mio posto nelle carezze, mentre mi spoglio. Impegnata a fare sesso orale con suo marito, Eva non si è accorta che altre mani la stavano accarezzando. In un momento in cui si toglie il cazzo dalla bocca, balbetta:

– Merda, voglio un cazzo nella mia figa.

– Calmati, puttana – le dico – vogliamo che tu sia preparata, perché oggi passerai attraverso tutti i buchi, ti deruberanno.

Quando prova a dire di nuovo qualcosa, gli do uno schiaffo in faccia e gli ordino:

– Stai zitta puttana, succhia il cazzo a tuo marito e stai zitta.

I miei amici ammirano il bel corpo della mora e sorridono maliziosamente, anticipando l’orgia pomeridiana che sta arrivando. Ricardo viene sostituito da Celso nelle carezze e si dirige verso Edu, che toglie il suo cazzo dalla bocca della donna e lascia il posto al bel negro, che comincia a far scivolare il suo cazzo sul viso della bella mora. Quando cerca di mettere le mani sul cazzo, io la prendo:

Altre storie erotiche  La fidanzata porca lo regala a due a carnevale

– Niente mani per il momento, sentiti solo usato.

Quando Ricardo si metteva il cazzo in bocca era inevitabile:

– Merda, di chi è quel cazzo, li conosco entrambi e nessuno dei due è così grosso.

Edu toglie la benda ad Eva che, vedendo i maschi intorno a lei, mostra un misto di stupore e ammirazione. Quando cerca di dire qualcosa, Ricardo non glielo permette:

– Non pensare nemmeno a dire niente stronza, non sei di quelli a cui piace il cazzo, perché oggi ne avrai abbastanza e ce lo mangeremo lo stesso.

Senza dargli il tempo di dire altro, infila di nuovo il suo cazzo nella bocca della mora che, senza alternative, inizia una deliziosa tetta. Il contrasto tra l’uomo nero e la donna bianca era meraviglioso ed Edu era stupito nel vedere la donna usata in questo modo. flavio gli piaceva succhiare la fica di Evinha, succhiare i boccioli duri che sporgevano dalle sue labbra esterne. Celso e Lúcio le tirano i capezzoli, succhiando e mordicchiando con piacere i suoi capezzoli gonfi. È stata una scena fantastica ed emozionante sapere che la mia cara amica stava realizzando il suo desiderio. Edu ed io ci siamo messi a portata di mano e la sua mogliettina troia ci ha accarezzato i cazzi. Edu non riuscì a trattenersi e disse a sua moglie:

– Dannazione Evinha, che bello vederla stanca di tanti cazzi.

Ricardo, conoscendo il desiderio di Edu, aggiunse:

– La bocca della tua cagna è deliziosa Edu, riempiamola di sperma oggi.

Mentre lo dice, pizzica il naso di Eva, trattenendo il respiro, e le spinge il cazzo in bocca, che, quando colpisce la parte posteriore della sua gola, fa sussultare Evinha. Stava sbavando così tanto che gli colava sul viso. Edu viene in suo soccorso, accosta il viso a quello della donna e la incoraggia:

– Andiamo amore mio, mostra a questo ragazzo che puoi, ingoiare tutto il suo cazzo.

Eva smette per un attimo di succhiargli il cazzo, bacia il marito e dice:

– Mostrerò amore, lo mostrerò.

Si appoggia un po’ indietro, lascia pendere la testa dal letto e apre la bocca per farsi penetrare. Ricardo comincia a inserirvi la colomba, che lei coraggiosamente inghiotte, finché non rimane quasi nulla fuori, che bravura. Edu era orgoglioso di sua moglie, tanto da accarezzarla e baciarla sul viso. Volendo approfittare dei diversi rulli a sua disposizione, si inginocchia e gli formiamo un cerchio intorno, ad eccezione di Edu che si posiziona per succhiare la figa di sua moglie. In questa posizione ci succhiava i cazzi, uno alla volta ea volte due contemporaneamente, era insaziabile. Non si stancava mai di parlare di quanto fosse bravo e con suo marito che gliela succhiava presto stava esplodendo nel suo primo orgasmo, letteralmente sedendosi e strofinando la figa contro il suo viso.

Flávio la prese per i capelli e disse:

– Ora sentirai com’è essere fottuto da una vera troia.

Sapeva cosa significava, lui e Ricardo avrebbero penetrato due volte e arrotolato entrambi i buchi di questa donna bisognosa di sesso. Flávio si sdraia sul letto e dice a Eva di venire a cavalcarlo. Si posiziona, con una mano che tiene il suo cazzo e lo strofina all’ingresso della sua figa. Quando sente che la testa è entrata, lascia il suo corpo e lascia che il sesso sia dentro di lui. Guardo Edu e dico:

– Prepara il culo di tua moglie, vediamo quanto le piace dare il culo.

Edu inizia a leccare le pieghe di sua moglie mentre le dilata il culo con le dita, preparandolo per il sesso anale. Sentendo che era pronta, guarda Ricardo e dice:

– Puoi dire che può gestirlo.

Ricardo ha un cazzo molto grosso e siccome non riusciva a penetrare Edu dice:

– Lasciami aiutare.

Senza vergogna, Edu tiene il cazzo di Ricardo, lo posiziona all’ingresso del culo della donna, aiutando così la penetrazione. Quando la colomba entrò, Evinha gemette:

Altre storie erotiche  collega arrapato

– Calmati ragazzo, il tuo pene è troppo grosso.

Si schiaffeggiò due volte e ordinò:

– Tieni il bianco, arrotoliamo le pieghe.

Eva si contorse, cercando di trovare la posizione migliore per facilitare la penetrazione. Flávio rimase fermo, con il suo cazzo completamente inserito nella sua figa, mentre Ricardo introduceva gradualmente il suo nel suo culo che si allargava. Edu, ancora una volta stupito, guardò da vicino, accarezzando il sedere della moglie e quando vide che la doppia penetrazione era completa, non poté contenersi, baciò la moglie e disse:

– Ben fatto amore mio, sono fiero di te.

Evinha ha urlato, non so se per il dolore, il piacere o entrambi, ma il fatto è che ha urlato:

– Merda, è pazzesco, fa male, ma è delizioso.

I due maschi, quando hanno sentito che era pronta, hanno iniziato un ritmico movimento avanti e indietro ei loro membri hanno cominciato a scivolare in completa armonia con i loro corpi. Celso e Lucio si alzarono e cominciarono a succhiarsi i cazzi. Eva assaporò i due bastoncini, delirando per il piacere che provava in quell’orgia. Edu ed io siamo rimasti ipnotizzati dalla scena, mentre facevamo un lento e delizioso lavoro manuale, aspettando il nostro turno per usare Eva. I miei amici facevano a turno a mangiare e farsi succhiare. Questa situazione non poteva durare più a lungo e quando Eva ha annunciato che stava venendo di nuovo, i quattro uomini hanno fatto lo stesso e la puttana di Edu è rimasta con la bocca, la figa e il culo completamente pieni di sperma. Mentre lei si stava ancora godendo il latte che le veniva versato in bocca, io ed Edu ci siamo avvicinati e ci siamo divertiti anche lì, spalmandole ancora di più il viso, i capelli e le tette, lei ha fatto letteralmente un bagno di sperma.

Esausti, siamo rimasti a parlare ea goderci questi piacevoli momenti. Eva andò a fare il bagno e tornò in tutto lo splendore della sua nudità. Con i capelli ancora bagnati e i sandali di nuovo ai piedi, ci guarda e dice:

– Voglio di più.

Parlo piano all’orecchio di Edu:

– Lascia che io e te facciamo una doppia penetrazione nella sua figa.

Sorrise con approvazione all’idea. Sdraiato sul letto e chiedendo a sua moglie di cavalcare il suo cazzo. Quando sente che arriva qualcuno da dietro, gira la testa e quando mi vede dice:

– Oggi è il giorno in cui mi fotteranno il culo per sempre.

Ma non sapeva cosa sarebbe successo. Le accarezzo il culo, le metto un dito nel sedere, faccio scivolare la mano e le tocco la figa, già penetrata dal cazzo di Edu. Faccio scorrere un dito, poi due, poi faccio scorrere le dita verso il mio cazzo. Forzo il mio cazzo contro quello di Edu e la testa scivola nella sua figa. Non è un’azione facile, ma siamo riusciti a trovare la posizione migliore e ben presto Evinha ha avuto due cazzi nella figa contemporaneamente. Ha delirato:

– È pazzesco, accidenti che bella cosa, mettilo, mettilo, mettilo, voglio godermelo così.

Devo ammettere che sentire il mio cazzo scivolare su quello di Edu è stato molto eccitante, una sensazione completamente nuova per me, ma molto piacevole. Mentre Edu ed io ci scopavamo Evinha, i miei amici si facevano succhiare il cazzo. In questo modo Evinha non ci mise molto a tornare. Edu e io abbiamo fatto lo stesso dentro di lei, mentre i miei amici le riempivano la bocca di sperma.

È stato un pomeriggio folle e divertente. Esausti ma completamente soddisfatti, ognuno di noi lentamente si è fatto un bagno rilassante. Era già notte quando siamo partiti e quando siamo partiti, quando mi ha baciato, Eva ha detto:

– Mio bastardo, grazie mille per questo meraviglioso pomeriggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *