Utile cagna di Melina

di | 8 de Dicembre, 2022

Confesso che ho lasciato la fortezza dei cani randagi sollevata; Non sono un codardo, ma conoscendo la fama di Sinister e della sua banda, sapevo che se fossi rimasto lì, sarei sicuramente caduto vittima della loro ira. Girando per l’isolato, ho notato Domme Vanessa salire in macchina con la sua statura indelebile mentre un tizio che sembrava un armadio a quattro ante guidava i randagi in un furgone; Sono rimasto comunque impressionato dall’esuberanza di Domme Vanessa e sospetto che anche Khadija non possa competere con lei, nonostante i due abbiano “gusti” diversi ma non opposti. Ho trascorso alcuni giorni senza notizie del cane Melina o del suo salvataggio e stavo aspettando che la canzone Jonas mi portasse notizie.

Tuttavia, non è stato lui a portare la notizia del cane, ma Khadija che mi ha chiamato per chiedermi di venire a casa sua. Mentre camminavo lì, mi chiedevo perché mi avesse chiamato; Io e Khadija siamo legate, è vero, ma niente di così intimo da volermi confidare; Quando sono tornato a casa, l’ho trovata seduta su una poltrona che beveva uno scotch invecchiato di diciotto anni e ascoltava jazz.

-Penso di averti chiamato qui per un motivo, iniziò filosoficamente, penso che forse è perché tu sei l’unico che conosco che può sfidare i miei ordini… e poi è… è finita. …quella puttana Melina è incinta!

L’ho preso come un pugno nello stomaco, perché era qualcosa di inimmaginabile; Melina non aveva senso materno nel suo corpo e aveva sempre odiato l’idea di avere un figlio; Ho sentito un sussulto allo stomaco e ho resistito a chiedere chi fosse il padre.

-E PENSI CHE QUELLA PUTTANA SA DI CHI È INCINTA? – urlò Khadija, scagliando contro il muro il bicchiere che aveva tra le mani, a questa bambina ci penso io… e poi Melina sarà una serva… e tu la terrai a bada!

-ME! FUCK KHADIJA! “E PERCHÉ IO?” urlai saltando dalla sedia.

“Semplice… perché te lo chiedo”, rispose con una fermezza allarmante, smarrita, abbandonata a se stessa!

Il tono predatorio era così irremovibile che non ho avuto modo di rispondere… sì… sapeva che avrei calciato ma avrei fatto come mi aveva chiesto. Durante i mesi di gravidanza, la cagnolina Melina è stata isolata da tutto e da tutti, e il parto è avvenuto in una clinica privata pagata da Khadija, tra il silenzio delle persone colpite. La cagnolina Melina ha dato alla luce una bellissima figlia che ha subito affascinato Khadija con quel sentimento materno che ogni donna ha tranne il cane che si è rifiutato di guardare il viso della ragazza. Un mese dopo, Jonas ha portato il cane a stare con me per un periodo stabilito dal predatore e noto solo a lei. Melina era tornata alla sua forma precedente, sfoggiando le sue tette ora succose come prima e lo stesso sedere all’insù e le cosce spesse modellate da ore di tempo in palestra. Entrò e scrutò la stanza con uno sguardo sdegnoso, gettando lo zaino sul divano mentre Jonas portava le loro borse.

-Guarda, ecco il punto – iniziò senza degnarsi di guardarmi – mi fermerò qui, ma solo perché me l’ha chiesto Khadija e… OH! Cos’è ?

– CHIUDI LA BOCCA, CAGNA! Ho urlato subito dopo aver schiaffeggiato quella puttana compiaciuta: “Sei un servitore qui, capito? Servimi come voglio! Khadija ti paga i conti, ma io sono il capo e tu! HO CAPITO, CAGNA?

Con qualche lacrima che le rigava le guance, Melina annuì affermativamente. Ammetto che l’idea di vedere questa puttana del cazzo mi eccitava! E mi sono chiesta cosa avesse in mente Khadija: spezzare l’orgoglio della stronza e mostrarle chi è veramente. E come si dice nel film: che i giochi abbiano inizio! Guardai Jonas, che era sbalordito dalla mia posizione e dalla reazione del cane. Posò le valigie e gli voltò le spalle, facendo per andarsene.

-Aspetta un attimo, socio! – dissi prima che arrivasse alla porta – Prendiamoci un caffè prima di andare… Puttana Melina! Togliti i vestiti e vai a prepararci un caffè! Dai, ho fretta!

Melina mi guardò male, ma indietreggiò quando incontrai i suoi occhi e le mostrai chi comanda (si dice che le stronze debbano imparare a obbedire alla voce del loro padrone… io!). Il cane si spogliò e andò in cucina a fare due espressi mentre Jonas continuava a fissarmi. “Amico! Continua! Sarà così mentre lei è qui?”, chiese, incapace di contenere la sua curiosità, io scelsi di non rispondere e mi limitai ad ammiccare con un sorriso enigmatico.

Accompagnai Jonas alla porta e una volta che se ne fu andato tornai in cucina dove Melina era seduta su una sedia a godersi un espresso; Non gli ho permesso di finire il suo drink; L’ho afferrata per i capelli per sollevarla dalla sedia. “Una cagna ha il suo posto per terra!” In ginocchio e calma! Capito, cagna? le sussurrai all’orecchio, tirandole i capelli.

“Capisco…si…signore,” rispose, cadendo in ginocchio e abbassando la testa, ignaro della mia espressione estatica.

– Sono contento che tu capisca! – dissi con una punta di ironia nella voce – ora ecco due accessori che ti serviranno mentre sei qui.

Gli occhi di Melina si spalancarono quando vide nelle mie mani una collana con il suo nome e uno spesso tappo d’acciaio la cui base conteneva un cristallo rossastro. Il cane era così sorpreso che non poteva reagire; Approfittando della situazione, mi sono avvicinato a lei e l’ho presa, sperando che si preparasse per l’altra squadra. “Dai puttana! Mettiti a quattro zampe adesso!”, ordinai vedendo il cagnolino ubbidire all’istante. Ho guardato quel grosso culo vivace e ho avuto un’erezione.

Sentivo le virtuose natiche prima di riempirle di vigorose carezze, osservando la pelle arrossarsi leggermente; poco dopo ho messo due dita nel sedere del cane che ha emesso un grido seguito da un sospiro. “Mi manchi piccola puttana? Ti piace il dito nel culo, vero? La stuzzicai in modo stuzzicante, infilando le dita fuori dal piccolo foro che si stava lentamente aprendo; Ho preso il tappo e gli ho detto di succhiarlo per ungerlo; Melina mi guardò in faccia con un misto di eccitazione e ribellione che mi eccita all’estremo. Le ho tolto il dispositivo dalla bocca e ho cambiato mano per spingerlo nell’ano, cosa che ho fatto lentamente con leggeri movimenti di torsione, ascoltando il gemito della cagna e alcune urla isteriche, fino a quando ho emesso un ultimo lungo respiro quando l’ho vista. riempito dalla spina nel culo. L’ho lasciato abituare al nuovo intruso mentre assaporavo il momento.

– Beh… devo lavorare in ufficio – dissi alzandomi e mettendo il guinzaglio al collare del cane e tirandolo forte – Dai, cucciolo… adesso aiutami tu… e non farlo, don non dimenticare!

Mentre tracciavo alcuni dati, Melina si è inginocchiata su un grande cuscino morbido che aveva messo accanto a me. “Uh… devo fare pipì e…” balbettò, tacendo quando la guardai. Melina rimase in silenzio per un minuto prima di parlare di nuovo con cautela.

-Monsignore… ho bisogno di urinare! – Che cosa ? chiese piano, guardando per terra. Mi alzo, prendo il guinzaglio e insieme andiamo in bagno: “Resti… qui?”

Rendendosi conto che non avrebbe risposto, Melina si mosse esitante per sedersi sul water, ma uno schiaffo in faccia le impedì di continuare; Mi ha guardato e ho indicato il vasino accanto. “Le puttane non usano il bagno!” piscio per te! osservai con enfasi. Ho visto uno sguardo di disapprovazione nei suoi occhi, ma il cane ha obbedito chinandosi sul vasino e svuotando la vescica.

All’improvviso sono diventato ciecamente ossessionato dalla vista di Melina accovacciata lì mentre tiravo fuori il mio cazzo e le chiedevo di aprire la bocca, speronando forte il bruto; Gli tirai diversi pugni, arrivando al punto di stuzzicarlo avidamente, lasciandomi il membro sbavante dappertutto; Ho guardato il viso di Melina mentre lottava per esaudire il mio desiderio e mi ha fatto impazzire di desiderio, eccitandomi senza preoccupazioni, concentrata solo sul piacere di sottometterla! Ed è stato così tanto sforzo e così tanto tempo che ho finito per riempire la bocca della cagna con il mio seme che ha finito per gocciolare e gocciolare su tutte le sue tette.

-NO! NON LO PERMETTO! INGERITI QUEL BACIO, CAGNA! – Che cosa ? Ho pianto quando mi ha chiesto il permesso di lavarsi la bocca, cosa che Melina ha concesso senza compromessi.

Tornammo in ufficio dove la lasciai sedere sul cuscino e non in ginocchio; Ho ordinato un pasto tramite l’app e subito dopo siamo scesi al piano di sotto per prendere l’ordine. Apparecchio la tavola con Melina in ginocchio che mi guarda con una certa ansia. “Dovrei darti da mangiare come merita una cagna… ma farò un’eccezione… dai, siediti qui!” ringhiai. Melina si sedette e quasi divorò il suo cibo, dimostrando di essere molto affamata.

Voleva lamentarsi quando le dissi di preparare i piatti del pranzo, ma siccome era stata trattata bene durante il pasto, acconsentì. Mi sono seduto lì a bere caffè e godersi la vista di questa bionda paffuta e rigogliosa, nuda che lava i piatti, il corpo leggermente piegato sul lavandino. Di nuovo, mosso dall’istinto, mi sono spogliato e mi sono avvicinato a lei; Senza preavviso, le ho messo la mano tra le natiche e ho tirato fuori subito il plug anale, facendo sobbalzare e gemere piano la cagna.

– Ti piace, puttana? Ti piace farti scopare? “Le ho sussurrato all’orecchio mentre infilavo tre dita nel culo di pizzo della puttana… rispondi, piccola puttana…

– Sì sì sì! E… io… lo adoro così tanto! “Questo cagnolino qui… Ahhh! …oh! …, adolescente…, adolescente…, Ahhh! Fottiti il ​​culo! Oh!

– Allora, cosa aspetti a urlare con una cagna in calore? “Le sussurro di nuovo all’orecchio con quattro dita sepolte nel culo della puttana Melina.

– Sì signore…, Oooooo! Awww! “Melina ha urlato come una cagna, rendendo il mio cazzo ancora più duro, che ho provato subito a ficcare in quel culo remoto.

Ho scopato forte, ancora spingendo più a fondo che potevo e stringendo le abbondanti tette della cagna che continuava a gemere e gemere. Ho allungato quel culo a lungo prima di riempirlo di sperma ascoltando la puttana urlare istericamente; Ho tirato fuori e allargato il culo guardando lo sperma gocciolare fuori dalla fessura, lungo le sue cosce interne e sul pavimento intorno ai suoi piedi. “Molto bene!… Ora… Pulisci questo casino!” Ho ordinato con enfasi.

-Si signore! In questo momento, ha risposto con prontezza remissiva, vado a prendere uno straccio e vado… Whoa! Oh!

-STOFFA? Non capisci, Melina? – ringhiai guardandola in faccia dopo averla schiaffeggiata forte tirandole indietro i capelli – Non sei nemmeno più una stronza! Ora sei un servitore… una sottorazza! E come tale fai il meglio che puoi…quindi quando dico pulito intendo fallo con la lingua! Prova a leccare tutto! ADESSO!!!

Tra lacrime e singhiozzi, la cagna si inginocchiò, abbassando il viso fino a leccare lo sperma dal culo; ha leccato… e leccato… anche quando ho detto che poteva smettere di fare quello che stava facendo. Le toccai un nuovo plug più spesso e più lungo dentro il sedere e tirando la cinghia la portai nella stanza dove passammo il pomeriggio; era sdraiata sul cuscino ai miei piedi a guardare la TV mentre leggevo sul mio Kindle.

– La tua acqua è lì! “Gli ho risposto quando ha detto che aveva sete, indicando la ciotola di ceramica vicino alla porta che era piena di acqua ‘striscia dentro e bevi quanto vuoi'”.

Melina fece come le era stato detto e bevve un po’ d’acqua, quasi seppellendo il viso nella ciotola e tornando sul cuscino. E così passavano i giorni, e la notte la costringevo a dormire su un tappeto steso accanto al mio letto, svegliandomi di tanto in tanto per sculacciarle il culo o il seno. Melina ha resistito coraggiosamente e ho pensato che forse capiva la sua situazione e che tornando a Khadija sarebbe stata più obbediente e meno arrogante. Ma aveva ancora bisogno di alcuni tocchi più raffinati.

Un pomeriggio le ho fatto indossare un completino piuttosto minuscolo che mostrava più di quanto nascondesse il suo corpo in particolare, i suoi attributi anatomici, rinforzando il cambio del tappo con uno ancora più spesso con una pietra bluastra alla base e siamo andati in un club chiamato Valhalla, che era un luogo di incontro e di eventi per la popolazione BDSM. Una volta parcheggiata la macchina, mi sono rivolto a Melina e le ho messo il guinzaglio al collare. “Prima di entrare ti spoglierai e mi striscerai sempre accanto… hai capito?” dico con forza. Melina aprì con un’espressione scioccata, ma poi abbassò la testa in un cenno.

Quando mi ha visto arrivare con Melina, Jarbas, il capo della sicurezza, non ha potuto trattenere una risatina quando ha visto la cameriera a quattro zampe mostrare il suo enorme sedere dove si vedeva anche il butt plug; Mi salutò aprendo la porta del locale. Non appena siamo entrati, ho notato diversi sguardi verso Melina, che ha anche notato che stavano iniziando a comportarsi in modo più civettuolo; Mi sono seduto su un divano nell’angolo guardando uno dei palchi dove si esibiva una pole dancer. Fu allora che una bionda alta e muscolosa che indossava solo un voluminoso perizoma si avvicinò a me, indicando già Melina.

– Ehi tesoro! Ciao, mi chiamo Samyra! “Dimmi una cosa, questa stronza è di tua proprietà?”

– È vero, tesoro! “Perché? Risposi con lo stesso tono, esaminando i seni della bionda, la cui sodezza denunciavo come conseguenza di un intervento di chirurgia estetica. Ti va di giocare un po’ con lei?

-Oh! Mi piacerebbe! – rispose la bionda eccitata – Avremo una stanza riservata solo per noi?

-Senti, infatti preferisco che accada tutto lì! risposi, indicando il palco dove la ballerina aveva terminato la sua esibizione.

“Sei tu al comando, grande capo”, ha risposto Samyra, alzandosi in piedi mentre le porgevo il guinzaglio.

Samyra perse poco tempo nei preliminari, adagiando Melina sulla schiena e godendosi la sua caverna bagnata, scatenando un susseguirsi di orgasmi che fecero ululare come un matto il cane; e Melina si è molto spaventata quando si è accorta che Samyra non era esattamente quello che sembrava quando si è tolta le mutande, il che ha provocato uno shock; Samyra fece un piccolo sorriso malizioso prima di inchiodare seccamente quel grosso e grosso tronco nella vagina della cagna Melina, che scoppiò in urla selvagge.

Non ci è voluto molto perché si formasse un cerchio attorno alla piattaforma con uomini e donne che sbavavano dal desiderio quando vedevano il trans scopare la puttana. “Oh! Qualcuno è venuto qui e ha messo un cazzo in bocca a questa cagna per farla smettere di urlare! esclamò Samyra mentre gli martellava il cazzo a una velocità tremenda. La richiesta è bastata perché una banda di maschi si affrettasse a mettere il loro cazzo in bocca alla cagna che gemeva e si divertiva come una matta e che non si rifiutava di succhiare il primo cazzo che le capitava.

Ad un certo punto, Samyra ha spinto il ragazzo che aveva il suo cazzo nella bocca di Melina e l’ha spinta da parte. “Capo, posso togliere questo giocattolo dal giocattolo della puttana e metterci dentro il mio?” È un problema ? chiese Samyra, che non mostrava segni di stanchezza; Ho solo annuito e la trans non ci ha messo molto a staccare la spina per seppellire il suo palo, che, invadendo il culo di Melina, l’ha fatta urlare di dolore.

-Tutto! Tutto! COME… QUANTO È SPESSO, urlò Melina, tirando il culo per facilitare la penetrazione. MI BATTE OVUNQUE! CHE PUTTANA!

Le parole e le lamentele di Melina sono servite solo ad incitare ulteriormente la trans che ha immerso senza pietà il suo enorme arnese nell’ano della cagna di servizio che ora era il giocattolo preferito della trans. E ancora una volta i maschi di servizio cominciarono a mettere i loro cazzi in bocca alla cagna, che succhiava tra piccoli versi e mugolii soffocati. Samyra ha continuato a un ritmo intenso e strabiliante che ha sorpreso tutti i presenti e sono arrivato a credere che la Trans sarebbe stata soddisfatta solo quando avesse speronato il culo della cagna.

– Merda, amico, che bella bionda! “Cosa c’è di nuovo?” esclamò una mora che entrò nel cerchio con un’espressione avida, non puoi condividere questo cagnolino?

Forza Yasmine! – rispose la bionda senza perdere il ritmo degli assalti al culo di Melina, che non smetteva di gemere e urlare – Credo addirittura che le piaccia un PD, non trovi? Ciao cagna! Vuoi una doppia penetrazione, due trans nei tuoi buchi?

Yasmim, la mora si è sbarazzata delle calze che le nascondevano il corpo, rivelando forme scultoree più una mazza grande e spessa come quella di Samyra. E mentre la mora si sdraiava sulla pedana, Samyra ha tirato fuori il cazzo di Melina dal culo e l’ha costretta ad alzarsi per sedersi su Yasmim, che poi ha cercato di tenere la cagna per la vita, tirandola verso il suo cazzo eretto e duro. . Melina fit an effort, dandinant son corps pour recevoir l’intrus dans sa grotte avec le minimum de douleur, mais la brune trans n’entendit pas de gentillesse tirer la chienne vers le bas jusqu’à ce que sa chatte avale la brute d’ una sola spinta.

E Melina ebbe appena il tempo di urlare, perché Samyra era già dietro di lei, pronta a rimettere il suo cazzo nel culo della cagna, cosa che fece con vigore e profondità, provocando un lungo grido acuto quando si vide. i loro buchi. .; la scena ha preso un ritmo pazzesco con Melina sollevata abbastanza da permettere a Yasmine di scoparsela dal basso verso l’alto nella sua caverna nello stesso momento in cui Samyra esce e seppellisce il suo cazzo nel culo della cagna che si vede ancora prendere cazzi maschili da succhiare senza lamentarsi.

E sebbene tutto potesse sembrare fruttuoso solo per Samyra e Yasmim, le espressioni facciali della cagna Melina denunciavano il piacere che provava a essere manipolata in tutte le direzioni e attraverso tutti i buchi. E la cagna ha provato tutti i tipi di piccioni! Basso, grasso, grassa, magra che finiva sempre per riempirsi la bocca di un nuovo carico di sperma che le scivolava lungo il corpo coprendo anche la trans Yasmim.

-Yasmim, amico, la cagna apprezza essere armata – commentò Samyra, mostrando ancora una resistenza fisica impressionante – Mettiamo subito due cazzi nella figa della cagna? Che ne dici, amico mio… andiamo?

Con l’implicita accettazione di Yasmim, Samyra ritirò il suo membro dal didietro della cagna mentre la spingevano per consentire un’ulteriore penetrazione nella sua caverna; e il biondo travestito non scherzava, mentre spingeva forte, lacerando ancora di più il buco della cagna, Melina, che gemette più forte sentendosi così invasa, ma fu presto soffocata da un cazzo in bocca. E finalmente i due transessuali hanno cominciato a gemere fino a quando le loro forti contrazioni hanno posto fine all’assalto alla cagna che ha visto la sua vagina intasata da tanto sperma, finendo quasi per crollare sconfitta, macchiata e drogata. “Ciao, grande capo! Quando vorrai portare qui il cane, io e il mio amico lo apprezzeremo, vedi? disse Samyra riprendendosi, allontanandosi da noi abbracciando Yasmim.

Ho chiesto a Jarbas di portare il cane alla mia macchina, cosa che è stato felice di fare. “Capo, puoi gestire un altro feed?” lui mi ha chiesto. Li ho guardati entrambi, ho sorriso e ho detto: “Piccola puttana Melina!” Rendi felice il mio amico! » ; prima che finisse di parlare, Jarbas aveva già estratto il suo mostruoso bastone, infilandolo nella bocca di Melina, che rimase immobile mentre picchiava forte come se si fottesse una fica; e fatti un altro dannato bagno! Tornato a casa, ho fatto il bagno a Melina e ho messo a dormire il cane nel cesto di vimini imbottito che mi aveva mandato Khadija. Qualche giorno dopo mi telefonò per dirmi che Jonas sarebbe venuto a trovarmi per prendere Melina.

-E adesso? Come sarà? chiesi, curioso di conoscere il destino della cagnolina Melina.

-Lascerò questa puttana in cella per qualche giorno- rispose Khadija con tono scoraggiato- E poi penserò cos’altro si merita!

Era la notte che Jonas è venuto a prendere Melina… il cane se n’era andato senza nemmeno voltarsi indietro, e avevo l’impressione che quella sarebbe stata l’ultima volta che ci saremmo visti… solo l’impressione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *