vacanza in famiglia II

di | 9 de Dicembre, 2022

Abusato da zia Geo_

Il testo continua:

Bagno della zia e della matrigna.

Geovana appoggiò il suo corpo nudo contro la mia schiena. Sentivo i seni pieni stringersi, i capezzoli duri che graffiavano la mia pelle, il mio stomaco, le pieghe del mio stomaco, il calore della vagina tra le mie cosce e le mie natiche.

Ero ancora paralizzato, la mia mano si stringeva attorno al mio petto, chiudendosi sulla mia bocca. Guardando di lato, ho visto il sorriso indecente sul viso scuro della zia di Mari.

– Non urlare, stai zitto. Ti piace vedere il paesaggio? Ti piace vedere donne nude? Soprattutto la suocera?

Lei rise, aumentò la voce e gli parlò vicino all’orecchio.

– E la zia? Hmm?

Mi ha morso la spalla.

– Geovana, non è niente del genere. Io spiego.

– Qualsiasi cosa, spiega perché? Lascia che lo faccia per te ragazzo.

La mano malconcia teneva il bastone, si occupava dei movimenti. Geo sapeva cosa piace a ogni uomo. Tremavo molto, tremavo freneticamente. Dalla punta del pene all’asta più spessa, entrava a malapena nella manina di sua zia.

– Oh, che delizioso Bethinho! È così spesso! Maria invidia. E quella testolina, eh? Carino, piccolo alla fine di un bastone così lungo… Birichino! Ossessione per le donne mature? È incesto, sai?

Chiusi gli occhi e cominciai a gemere, la sua mano mi copriva le labbra e le sue dita entravano nella mia bocca.

– È ancora lì? lo abbasso?

– Si si…

– Quella stronza di Lau, coglione. Ti piace vedere la matrigna nuda? Era già così brutto, cos’altro sapeva? Adoro l’incesto, riesci a immaginarli loro due a letto? Oh follia! Dev’essere molto bello vedere un genero mangiare sua suocera. Volevo. Ma allora! Cosa penserai di me, di noi? Che gente del cazzo, la famiglia della tua ragazza?

Geovana ha appoggiato il mento sulla mia spalla, doveva essere in punta di piedi, la sua mano ha cominciato a spianarmi le borse, a soppesarmi i coglioni.

– Oh Beto, quanto è pieno, ce ne sono molti lì? Quella crema bianca, appiccicosa, hmmm, appiccicosa. Mi piace il ragazzo, mi piace lui.

Mi morse sull’orecchio, sul lobo, tutto il mio corpo tremava, sentivo ancora di più il tocco della figa calda della zia, sentivo i capelli ricci che mi graffiavano la pelle. Lei strofina più forte, la sua mano abile si stringe sull’asta.

– Dai un po ‘alla zia, dagliela! Me lo merito anch’io, wow! Perché solo Mari, Laura? Solo un po’ per me. Mangi entrambi e poi… Poi mi riempi la bocca. Cosa sta succedendo?

– Zia zia!!!

– Aspetta aspetta. Non venire. È ancora lì?

– Sì, lava.

– Goditi amico, non tutti i giorni la suocera si spoglia per noi. Vai ad allargare quelle gambe, lascia che ti accarezzi, scommetto che Mari non l’ha mai fatto.

La sua voce alternava da cinica a infantile e io ero accaldato con gli occhi spalancati.

– Chi? Aspetta zia. Geo!

– Manzo !! Aprilo, dirai che non ti piace?

– Non so.

Allargai le gambe, mi appoggiai al muro freddo, il sesso prese lo spavento. Vidi dona Laura lavarsi gli occhi chiusi, con una mano premuta sul petto, l’altra tra le cosce, lisciandosi il pube tra le cosce tonde e abbronzate.

Geovana mi ha dato due schiaffi, due frustate sui fianchi, io ho alzato di riflesso il sedere e lei ha messo la mano in mezzo aprendomi i fianchi. Levigatura della pelle, ricerca della grana.

– Oh, che delizioso, ragazzo! Culo maschio delizioso, bello e stretto. Geo è molto malvagio, vero? La zia metterà un mignolo, solo un mignolo, qui, molto lentamente, fino in fondo.

-Oh oh oh!

– Non schiantarti, rilassati ragazzo. Ho lubrificato con sapone. Fallo entrare. Apri un po’, eh? Un po’ più così. pooh.

L’ho sentita stringere il dito, stringermi e trafiggermi, e lui è entrato. Il dolore stava scomparendo, era tutto quello che voleva. Ho pensato a Mari che rideva, i capelli al vento, bellissima e mi inculava con un dito sottile come faceva adesso sua zia.

– Vuoi di più? So che vuoi. Ogni uomo in fondo lo vuole. Peccato che tu non abbia più puttane per farti questo. Buona fortuna ragazzo.

Il dito è uscito e ho sentito una strana sensazione, un vuoto doloroso. Non passò molto tempo prima che la pressione tornasse, più grande, più densa. È entrato, mi ha invaso, sono stato posseduto dalle dita di Geo.

– Ehi! Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhh!

– Non gridare, altrimenti ti sentirà. Sono solo due mignoli, insieme è meglio così. Dimmi se no? Questo ritmo, di andare e venire, è buono, non è vero? Il tuo culo è così caldo, ragazzo! Non può essere sprecato.

– Ehi! Geouuu!!

– Aspetta, non ho finito. Non venire.

Emise una risatina maliziosa e scomparve dietro di me. Guardavo il viso di Laura sotto la doccia, i suoi occhi chiusi, i suoi gemiti sommessi, le sue dita che entravano nella sua figa. Mia suocera era deliziosa.

Geovana si accovacciò dietro di me, mordendomi su ogni natica, un piccolo strillo e qualche schiaffo. Le unghie mi graffiano il culo. Allargò i fianchi con le mani e sporse la faccia. Ho iniziato a leccarmi il culo.

Il mio corpo tremava, lo sentivo mentre mi sputava addosso e allargava la punta del dito intorno all’anello.

– Oh, mia zia, no!

Cominciò a trapanare, a penetrare di nuovo, guardandomi il culo e parlando a bassa voce.

– Non puoi rovinare Betinho, che bel culo. Così stretto, un culo vergine. Stai per dire che non vuoi mangiare quello di tua zia? Anche a Geo piace. E Laura non parla nemmeno.

Lei si morse il culo e io gemetti, guardando Laura strofinarsi la mano tra le cosce, i movimenti si facevano più forti, fino a scuoterle le gambe, il corpo, accompagnato da pianto contenuto e rilassamento dopo l'”Orgasmo”.

Doña Laura aprì un sorriso e sentì la sua mano e poi… Poi tirò fuori la lingua e si leccò leggermente le dita. Laura sembrava una ragazza, mi ricordava sua figlia.

Geovana mi ha inchiodato contro il muro freddo, la sua faccia contro il mio sedere, la sua bocca che mi baciava il culo. Senza vergogna, senza vergogna, sembrava affamata. Ho sentito le sue dita giocare con il mio scroto. Le unghie rotonde graffiavano le borse.

-Geoooo!!! lo farò lo farò…

– Gira amore, gira.

Lo affrontai, il mio cazzo duro e palpitante, puntato contro la sua faccia. Geovana aprì un sorriso e la sua bocca, la sua mano incuneata tra le sue stesse gambe. I bei seni le cadevano sul ventre. Lei accarezza davanti a me, in ginocchio, le sue cosce generose.

Il primo sputo è andato fuori controllo, non ho nemmeno visto dove fosse andato. Teneva il busto e la testa della zia di Mari. Il getto uscì bruciando l’ingresso inzuppando il viso di Geo dal naso alla fronte. Ho lasciato fuori un rantolo e lei un lungo gemito. Un altro rivolo bianco le colpì la guancia e il mento.

Geovana ha tenuto la punta e ha ingoiato il cazzo, le ho riempito la bocca di sperma. Lei succhia e succhia il mio cazzo. I suoi occhi si chiudevano e gemeva ogni volta che si schizzava altra crema in bocca. Questo fino a quando non si è soffocata con il mio cazzo ei suoi occhi si sono spalancati, un sorriso vittorioso. La sua mano le accarezza la figa e tutto il suo corpo vibra.

Quando tutto fu finito, il mio cazzo uscì mollemente dalla mia bocca, una sostanza appiccicosa biancastra mista a saliva che scorreva lungo le mie labbra. Lei è estasiata. Sembrava che non fosse abbastanza.

Ho aiutato Geovana ad alzarsi, era un po’ frastornata, anestetizzata, si è appoggiata al muro, la sua manina era di nuovo tra le sue cosce. Mi guarda negli occhi, uno sguardo selvaggio, e la sua mano immodesta affonda tra il pube.

Entra e raschia, entra e perfora. E stava diventando sempre più frenetica. Geovana allargò le gambe e mi fece vedere la grandezza della fessura, la pelle scura delle labbra piegate, le interiora rossastre ei suoi gemiti folli tra i denti, lo sguardo fisso nel mio, finché arrivò.

– Aaah!! Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!

Il suo corpo tremava, la sua pelle sudava, i suoi piedi puntavano a terra, le sue cosce erano tese e la figa di sua zia cominciava a brillare ad ogni gemito. Qualcosa di viscido le scorre lungo le cosce.

– Aaaaiiii… Aaaaiiihhh… Gesù, Beto, cosa c’è che non va? Non farmi questo amico, ho qualcosa amico!!

Lei rise e si rilassò, si avvicinò per darmi un abbraccio, un bacio sulla lingua, il sapore dello sperma e il mio odore sul viso della zia della mia ragazza. La lacrima bianca che gli scorreva sul viso. Geo era bella, bella e maliziosa.

Ci baciamo leggermente, il mio sapore nella bocca della zia. È stato allora che abbiamo sentito una voce. La porta si aprì e Dona Laura apparve davanti a noi.

– Proprio! Quella cavolo è quello…

Occhi spalancati, bocca aperta. E ci siamo abbracciati entrambi dentro la scatola. Io e Laura restammo immobili, solo Geovana, che pian piano riprese il controllo, ruppe l’abbraccio. Si lisciò i capelli e si avvicinò a sua sorella. Laura, seria, vide che l’altra si chinava e raccoglieva il bikini. I due si guardarono, Geovana fece il broncio e aprì un sorriso pigro e se ne andò.

Superò sua sorella e aprì la porta.

– Vado a fare la doccia e preparo il pranzo.

Quando stavo per chiudere, ho ancora avvertito.

– Quindi mangi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *