Vanessa – Tutta mia, e io sono tutta tua.

di | 9 de Dicembre, 2022

Mi ha commosso l’ultima frase da lei pronunciata. Ho sempre sospettato che i più modesti non fossero così, così puri di spirito. Il gioco era finito, abbiamo deciso di andare in soggiorno, mangiare un po’ di quello che aveva preparato per me (perché non avevo assaggiato un solo pezzo della torta all’ananas, ci credete? E guarda, era delizioso (mia zia aveva vinto un concorso serio) e guardando un film, un semplice romanzo, ogni donna si diverte un po’.

Arrivarono i suoi genitori, li videro quasi addormentati sull’enorme divano letto del soggiorno, e poteva ancora sentire un sussurro tra loro:

“Abbiamo cresciuto bene nostra figlia, vero, Rubens?”

Sì. Sembra che sia stato istantaneo. L’urgenza quando ho visto questo tizio era di portarlo fuori di qui. Sapeva sempre cosa voleva. È brutale, ma… nasconde un’anima delicata. Ammetto di aver giocato duro. .

– Ami tua figlia, Rubens!

– Luca? Ci stavi ascoltando?

– Scusami, ho sentito i movimenti, ti ho sentito parlare. Grazie per l’onore.

– Non devi ringraziarmi. In nessun momento ha fatto un discorso sull’autopercezione del personaggio. Quello di cui parlo è il risultato di ciò che ho visto.

Mi ha dato solidi consigli su che tipo di padre dovrei essere per mia figlia, ammesso che ne abbia uno.

– Ci hai pensato?

– Sì, stiamo sognando, eh. Pensavo fosse qualcosa di più lontano. Ma si scopre che sono innamorato. Davvero, non ci avevo mai pensato con nessuno prima. Voglio davvero mettere su famiglia.

– Sono contento che tu la pensi così. Hai già mangiato?

-Mia zia avrà un serio concorrente in cucina, hahahahahaha.

– Oh, figlio mio, è dolce con se stesso. Qualsiasi cosa assurda, lei sa come farla. Non so come ho fatto a non ingrassare”, ride Valeria.

-Beh, sei anche una persona molto ben conservata e giovane per la tua età. Se ti somiglia, sarà molto…

– Ehi, ehi, ehi, non parlare troppo con mia moglie, eh! Hai già rubato mia fottuta figlia!

-Potresti essere più gentile a volte, Rubens, il ragazzo è molto generoso con me.

Senti, lasciamoli in pace. Lucas, se vuoi cenare, chiedi a Vanessa di riscaldarti. Vado in camera da letto, allungo le gambe e ci riscaldo le costole.

– Ruben! – Valeria arrossisce.

Ho riso così tanto che Vanessa si è svegliata.

– Quanto tempo ho dormito?

– Abbastanza da perdere metà del film. E i tuoi genitori vengono.

– Lo sai che dormire su quel divano non ti fa bene, vero Vanessa? – avvertì affettuosamente Valeria. Avrebbero potuto guardare in camera da letto.

– Vero. Hai fame, amore mio? Vuoi che riscaldi qualcosa?

-Voglio altra torta all’ananas.

– Oh, sono contento che ti sia piaciuto.

-Tua madre stava parlando di quanto ami preparare deliziose ricette dolci. Vedo che dovrò stare attento con i tuoi dolci.

-Perché l’obiettivo della mia relazione è lo stesso: renderti molto carina solo per me. Perché ora sei sotto una nuova gestione.

– Ho il chip, gente.

-Ha un grande genio con le relazioni, resta Lucas- disse mia suocera- ora ragazzi fatemi pulire la mia stanzetta, fatevi una bella doccia sono esausta. Lucas, figlio mio, buona notte.

– Buonasera, suocera. Domani presto probabilmente non rimarrò a colazione dato che devo tornare al lavoro. Ma voglio ringraziarti per tutto il tuo amore. Che sia un anno migliore per tutti noi.

Altre storie erotiche  La fidanzata porca lo regala a due a carnevale

– Ma per favore, non sorprendere i nipoti quest’anno. Ah, quindi voglio parlarti Lucas, ho una proposta per te – disse Rubens, creando suspense.

– Oh mio padre! Dimmelo presto!

-Non importa. Domani non sarai qui per darti dettagli.

Era un annuncio di lavoro per capo della sicurezza presso la società di comunicazioni dove un suo amico di alto rango stava reclutando persone qualificate per coprire il posto vacante. L’offerta di stipendio era allettante: il doppio di quanto già percepiva, ma era giornaliera. E questo per mantenere i dipendenti al sicuro ai massimi livelli. E io sarò il capo della giornata.

-Grazie per aver pensato a me, Rubens, prenderò in considerazione la proposta con affetto.

– Tesoro, merda! Vuole la risposta entro ieri! È un’indicazione diretta.

-Che cosa?

-Il manager della serata è già stato selezionato, vuole solo la tua risposta per avviare il processo di assunzione.

-Oh, amore mio, era da vicino, ma quando mio padre riceve qualcosa del genere, è molto buono…

-Va bene, Rubens, di’ al tuo amico che lo sono.

-Perfetto, ti chiamerà a breve. Mantieni questo smartphone carico e riproduci forte e chiaro. Non posso dire di più. Ma se vuoi sposare mia figlia, devi essere in una posizione che ti dia un po’ di stabilità.

-Eri già padre.

– Sei un figlio. Buonanotte – disse tendendo la mano.

Una notizia che mi ha lasciato dei fuochi d’artificio in testa, per l’euforia che nascondeva e per il discorso del mio capo quando ha saputo la notizia. E come ha detto Valeria, Vanessa dormiva con il collo storto, e quando si alzava i suoi muscoli erano tesi. Poi ha chiesto un massaggio. Ma ha chiesto un massaggio con l’olio e tutto il resto. Ho solo risposto: “Va bene, signorina. La tua volontà, le mie mani”.

– Ora voglio essere coccolata molto, vedi? Sono la futura moglie di un responsabile della sicurezza in una grande azienda.

E proprio così, ci siamo baciati tutti e ho condotto Vanessa nella sua stanza. Non mi dispiace andare nella stanza di una donna, lo sai. Non c’è modo. Ma ora le cose stavano cambiando. E abbastanza veloce.

– E l’olio, Vanessa?

– Calmati, ci arrivo, ma prima aiutami a spogliarmi.

Non mi ero ancora abituato a vedere quel corpo nudo davanti ai miei occhi. Il mio membro si contorceva furiosamente dentro i miei pantaloncini. Era solo in mutandine. È tutto.

– Lui viene. Sono pronto, voglio finirlo, ok?

– Ma che abusi di quest’uomo- ok! Vuoi un massaggio completo? Spero ti diverta.

Ho messo l’olio nella mia mano con tutto il cuore e ho iniziato a massaggiare la muscolatura intorno al mio collo dall’interno verso l’esterno, a volte usando le dita per alleviare la tensione, a volte usando l’esterno delle mie mani per accarezzare, come quando stai affettando, hahahahahaha. E la cosa migliore: si stava divertendo, perché avevo una buona presa, e così, e poi ho cominciato a premere le punte del collo verso la nuca per rilassarmi, solo per rilassarmi, toglierla.

-Ainnn, amore mio, le tue mani sono… divine! Che meraviglia ! Sono così dolce, wow…

Con le mani ancora zuppe gli ho massaggiato la schiena, c’è stato un momento in cui la sua spina dorsale si è spezzata più volte. Quando sono arrivato alle sue natiche, le ho fatto la proposta di stare più comoda, che lei al momento ha accettato, saltellando con il suo bel sedere perché io mi togliessi le mutandine e abusassi finalmente delle carezze, perché il mio cazzo era già duro.

Altre storie erotiche  L'ha fatto, vero?

Ho messo un cuscino tra il tuo bacino e il materasso, facendoti alzare di più i glutei. Ho immerso la mano nell’olio da massaggio e ho fatto del mio meglio. Glutei, cosce, polpacci, piante dei piedi… hahahahaha! E a poco a poco sono salito alle natiche. Ho fatto scivolare un dito tra le sue gambe. Emise un lieve gemito. Ho iniziato a massaggiargli le labbra. Di tanto in tanto, mi penetravo il dito medio proprio all’inizio, ma il mio obiettivo era il suo culo ancora vergine. Come avrei voluto arrotolare quelle pieghe e lasciare lì il mio stampo. Ho iniziato a girare in tondo. Ho inserito il mio dito indice non molto in profondità. L’ho tolto e, con altro olio, l’ho rimesso. Ho appoggiato il mio corpo contro la sua parte posteriore e ho piantato un bacio su ciascun lato. Ho usato le mie mani per separare ulteriormente le due strisce e lei ha finalmente sperimentato il mio bacio greco.

Vanessa gemeva contro il materasso, e io le ho parlato con la lingua e le ho fatto un bel pompino, poi ho versato altro olio direttamente sul suo culo rosa e ho inserito due dita. E ho cominciato a mettere più vigore. Lei geme piacevolmente e con l’altra mano mi sono già tolto il resto delle mutande e le ho fatto una sega.

– Sdraiati qui, tesoro, lascia quel cazzo davanti a me. wow, sto impazzendo per tanta emozione!

Quindi si sdraia sulla schiena, allarga le gambe in modo che io possa continuare a metterla nel suo culo e ora succhiare la sua piccola figa appiccicosa mentre lei succhia, lecca e persino morde il mio cazzo, è così eccitata. Entriamo in un 69 di lato e abusiamo di pompini. Amico, improvvisamente ha smesso di succhiare, ho pensato che fosse strano, ma presto ha ricominciato a succhiare. Sono qui, concentrato, quando dal nulla… sento il tuo dito invadermi.

– SÌ!

-Ahahahahahahahahaha! Oh, non ho resistito, volevo davvero darti lo stesso piacere che tu dai a me. Volevo farti un massaggio anche qui.

– Oo-Okay. È solo che nessuno mi ha mai fatto niente lì.

– Giuri? Prometto di prendermi cura di lui, vedi? Lo troverai anche molto buono.

– Ho resistito, ma… ecco, eh, compagno: abbiamo dei pregiudizi, sì. Tuttavia, devo ammettere che il mio pene era ancora più roccioso di quanto non fosse già. Entrambi gememmo di piacere. Era molto gustoso, dannazione.

Presto il proprietario di tutto il mio corpo (letteralmente) ha chiesto un input più virile. Ora su. Mi piace quando la donna si prende cura dell’uomo senza convinzioni negative. Ha sigillato il mio cazzo dentro di sé e ha iniziato un lento, gustoso dondolio, i suoi occhi si fissano sui miei.

– Ragazza, dove hai imparato a farlo?

-Anche io vedo certe cose quando sono solo, hihihihi!

– Dannazione, puttana!

Altre storie erotiche  Bizarro 3: esperienza traumatica

– Per il mio uomo, sono tutto quello che vuole, tranne che arrapata!

-Mai!

-Per me va bene, giovanotto, perché altrimenti ti ammazzo!

– Wow, sembri un gangster…

– Il mio amore è un bandito, e per il mio uomo io sono una puttana.

– Allora, cavalca, cagnolino mio….

– Quanto sei duro, mia erezione!

– Mi è scattata l’accensione, segreto, hehehehehe.

– Mi hai chiamato tu per primo. Quindi sono impazzito…

Lasciò cadere il suo corpo contro il mio petto e premette la sua bocca contro la mia mentre mi avvicinavo a lei, accelerando il ritmo ora. Le portai le mani sulle natiche e le spinsi quella centrale nel sedere, facendola gemere piacevolmente mentre mi baciava. Le ho sussurrato all’orecchio quanto fossi pazzo a venirle nel buco, lei ha risposto con un gemito aham. Non ci volle molto per annunciare che sarebbe arrivato. Il suo respiro stava diventando pesante, irregolare e la sua figa molto scivolosa, tra baci e succhiate sui suoi capezzoli, Vanessa gemette sonoramente nel mio orecchio ed espulse il mio cazzo da lei dentro con un forte getto del suo seme. È stato molto intenso.

Giaceva molto rilassata contro il mio corpo, ancora tremante per la potente catena di piacere che si era aperta dentro di lei.

-Dammi il tuo latte, bastardo, innaffiami il culo, avanti!

Si sdraiò sullo stomaco mentre le mettevo il pranzo tra il materasso e il bacino, ricevendo un altro bacio delizioso e persistente e qualche gomitata con il dito medio della mano. Ho raccolto altro olio, le ho inzuppato il retto, poi ho seppellito lentamente il mio cazzo dentro di lei. All’inizio ha sentito dolore, perché non sono un ragazzo normale hahahahaha, ma si è abituata rapidamente.

Dopo un po’, l’ho indossato delicatamente e lentamente. Il dolore ha lasciato il posto al piacere. Non avrei mai voluto finire questa sessione martellante, che delizia, amico, volevo tirarle i capelli con forza e sculacciarla senza pietà, quando sono stato sorpreso dalla notizia del suo nuovo orgasmo.

– Metti di più, gioia, vado di nuovo!

– Pensavo ti stessi ancora abituando!

-È delizioso, amore mio, aggiungine dell’altro! Sì, dammi quel cazzo, dai! Hmm…

Spinsi più forte finché non tremò e gocciolava di nuovo. In quel momento, le mie ultime forze si sono trasformate in uno scatto finale finché non mi sono liquefatta e sono crollata sul suo corpo.

Esausti, soddisfatti e appagati, ci siamo addormentati l’uno nelle braccia dell’altro.

È così che è iniziato il mio anno 2020. È stato un anno di molti cambiamenti, molto stress, a causa di una pandemia pazzesca, ma fortunatamente non ho preso il Covid. Non quell’anno. Poi ho giocato due volte l’anno successivo.

Ci siamo fidanzati e dopo un po’ di peripezie, perché ce l’hanno tutti, siamo riusciti a fissare una data per il matrimonio.

Per ora la mia storia finisce qui. Io spero tu ti sia divertito.

La fine (chissà, tornerò, hahahahahaha!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *