zia e la sua amica

di | 12 de Dicembre, 2022

da Cesare

Fin da piccola mi sono affezionata a zia Márcia, la sorella minore di mamma. Lei, a sua volta, mi ha adottato come figlia, da quando è rimasta single, ancora a quarant’anni, da quando fa il medico dice di non aver ancora trovato il partner ideale. Crescendo mi ha rivelato e guidato nel complesso mondo femminile e nelle sue implicazioni. Ginecologa, è diventata mia, spiegandomi le cure che ogni donna dovrebbe avere. Non che mia madre fosse chiusa su tali questioni, ma mi sentivo molto più a mio agio a parlare con mia zia. Nei fine settimana, quando dormivo a casa sua, le nostre conversazioni andavano avanti fino alle prime ore del mattino.

Fisicamente io e mia zia ci somigliamo molto: castana chiara, capelli lunghi fino alle spalle, occhi color miele, gambe lunghe, cosce grosse e natiche sode, l’unica differenza è che lei ha seni medio-grandi, con grandi aureole marroni e un becco appuntito… Io, invece, ho i seni piccoli, gli aloni rosa ei capezzoli minuscoli, che compaiono solo quando sono arrapata o fredda.

Ero precoce in queste faccende di flirt, a dodici anni baciavo già a scuola. A quattordici anni persi consapevolmente le mie zucchine, poiché mia zia mi aveva già istruito su tutte le precauzioni che dovevo prendere. Gliel’ho detto, ma ho nascosto il fatto a mia madre. Il pomeriggio del giorno in cui sono diventata donna, ho dormito a casa di una zia e lei voleva sapere i dettagli. Tra noi non c’erano mai mezze parole e lei voleva sapere la misura del cazzo, se il ragazzo era stato affettuoso, se ero venuto. Senza alcuna vergogna ho detto tutto, nei dettagli. Le ho detto che non sono venuta come immaginavo, ma lei ha detto che era naturale e che con il tempo sarebbe stato meraviglioso, perché avrei imparato a fare del buon sesso.

In effetti mia zia aveva ragione, man mano che il sesso diventava più costante, ho imparato che una donna deve prendere certe iniziative e non sono mai stata passiva al riguardo. Lo devo anche a mia zia, che mi ha sempre raccontato le sue esperienze e nei dettagli. Una notte, sdraiato in soggiorno a guardare un film, mi ha chiesto:

– Hai mai dato il culo a Renata?

– Non ancora zia, fino ad oggi giocavano solo con le dita.

– Ti è mai stato chiesto?

– Certo, ma avevi paura?

Poi mi spiegò che non dovevo farlo per abitudine, ma che essere un bel culo era delizioso e che dovevo provarlo, ma che dovevo usare un buon lubrificante e me lo disse. Ero curioso e non appena il mio ragazzo me lo ha chiesto, mi sono tolto i pantaloncini. Ammetto che all’inizio mi sembrava strano, ma poi ho provato un certo piacere e oggi sbatto come un cucciolo quando è infilzato con un bel cazzo.

Quando ho tirato fuori la coda per la prima volta, non vedevo l’ora di dirlo a zia Márcia. Eravamo sul divano a mangiare popcorn e guardare un film. Mi abbracciò, mi baciò in faccia e mi disse che ero molto simile a lei, non importa come o con chi ridere, l’importante era ridere. Ho pensato a quello che ha detto: come andare d’accordo, ma con chi, cosa intendeva, quindi non ho perso l’occasione:

– Cosa vuoi dire che non importa con chi sta la zia?

– È vero amore mio, dobbiamo liberarci di questi pregiudizi consolidati che ciò che è corretto è solo un uomo con una donna e viceversa.

La guardai sorpreso e come se avesse indovinato i miei pensieri, disse:

– È vero, cara nipote, anche a tua zia piacciono le donne.

Quando l’ho sentito, ho capito perché parlava così tanto di un’amica in particolare, Angela, e sono giunto alla conclusione che loro due potessero essere un po’ intimi. Un giorno, mentre mangiavamo la pizza, Angela è stata nuovamente oggetto di commenti da parte di mia zia, così le ho detto:

– Perché non la inviti a cena da noi uno di questi giorni?

Mia zia, che non ha niente a che fare con la stupidità, ha detto con un sorriso:

– Curioso di conoscerti, mascalzone eh.

Ho appena sorriso senza dire niente e mia zia ha detto che avrebbe invitato la sua amica.

Dopo qualche giorno ho saputo che sabato Engela sarebbe venuta a cena da noi. Io e mia zia abbiamo preparato degli snack, messo due bottiglie di vino in frigo e preparato tutto per ricevere il nostro amico. Siamo andati a fare una doccia. Mia zia indossava una canotta ben tagliata e pantaloncini cortissimi, che lasciavano intravedere la carne del suo sedere, era sexy. Mi sono messa un vestitino molto corto senza spalline e abbiamo aspettato l’arrivo di Angela, cosa che ha fatto poco dopo.

Dopo che l’abito è ouvre, vedo una bella bionda, con i capelli lunghi e mossi, con grandi occhi verdi espressivi e un bouche che non ha un dettaglio a parte, con capelli chiari e tre trucchi ben fatti di un rossetto discreto. Sorridendo, mostrò i suoi perfetti denti bianchi. Indossava un abito di maglia verde acqua a righe bianche, la stessa cintura di tessuto le segnava la vita. La profonda scollatura metteva in mostra un bel paio di seni, i suoi broncio facevano capolino attraverso il tessuto sottile dei suoi vestiti. L’abito corto metteva in risalto le sue bellissime gambe e ai suoi piedi ben curati un grazioso paio di sandali legati intorno alle caviglie.

Non sono mai stato il tipo da guardare con lussuria una donna, ma Angela mi ha toccato e ora ho capito perfettamente perché mia zia si era innamorata del suo fascino. Ero in trance e sono tornata alla realtà solo quando ho sentito Angela chiedere a mia zia:

– Questa ragazza parla?

Era una voce roca e sensuale. Svegliati, ho risposto:

– Piacere di conoscerti Angela, mia zia parla molto di te.

Mi abbraccia forte, appiccicando il suo corpo al mio, sento un brivido percorrermi la schiena e mi viene la pelle d’oca quando mi parla all’orecchio:

– Parla molto bene anche di te Renata.

Seduto al mio tavolo, mi versò tre bicchieri di vino e quando me ne porse uno, dissi:

– Se mia madre lo scopre, sarò morto.

Mia zia sorrise, indicò Angela e disse:

– Ci sono cose peggiori che se tua madre lo scopre allora vorrà ucciderti, ma i tuoi segreti sono molto ben custoditi con me.

Abbiamo fatto un brindisi e Ängela ha proposto:

– I segreti di Renata.

Durante la cena ho scoperto che Renata era proprietaria di una clinica di bellezza, quindi ho capito perché la sua pelle e il suo corpo fossero così ben curati. Mia zia è una cliente della clinica e si sono conosciuti lì qualche anno fa. Anche single, quando l’argomento era il matrimonio ha detto:

– Nel caso trovassi un uomo che mi accetta per come sono, non cambierò solo per compiacere.

La conversazione è stata piacevole, li ho guardati entrambi, li ho immaginati mentre si baciavano e con quello ho sentito un caldo umido tra le piume. Ho portato un dito alla mia figa e ho sentito quanto fosse bagnata. Forse quel desiderio era in parte dovuto ai bicchieri di vino che avevo già bevuto, dato che non sono abituato all’alcol, ma era così buono.

Seduti sul divano, con Angela al centro, il vino ci ha fatto sentire il suo effetto e con quello il sesso è diventato un problema. Mia zia guardava con desiderio la sua amica, di tanto in tanto passava la punta delle dita tra i capelli della bionda e ne strappava qualche ciocca. Altre volte quelle stesse dita correvano sulla spalla e sul braccio di Angela, evidentemente godendosi le carezze. Ho sentito anche a mia volta un leggero affanno, davanti a questa esplicita intimità.

Mia zia esce dalla stanza buia, dove solo la fioca luce di una lampada da tavolo illumina la stanza. Si stava formando un clima di maggiore intimità e quando mia zia accarezzò nuovamente il braccio dell’amica, ebbe luogo il bacio tra i due, lento e affettuoso. Estasiato, mi posiziono per vedere meglio questa bella scena piena di tenerezza e passione. Furono baci brevi, ciascuno che esplorava le labbra dell’altro come meglio poteva. Erano totalmente sincronizzati, era come se non fossi lì.

Ma lo ero e con la mia figa completamente lussuriosa la mia erezione era a mille. Angela mette una mano sotto i capelli di mia zia e intensifica il bacio, ora con le loro lingue che combattono in una battaglia di molteplici piaceri. Cercando una posizione migliore per baciare mia zia, il vestito di Angela si solleva e le espone completamente la coscia e parte del sedere, ero tentata di passarci sopra la mano, ma mi sono fermata.

I due smettono di baciarsi. Angela si gira e mi vede completamente paralizzata. Senza dire una parola, mi prende il viso con entrambe le mani e avvicina lentamente la sua bocca alla mia. Non mostrando alcuna reazione, l’ho lasciato andare e ho rinunciato. All’inizio mi bacia e basta, ma presto lo accarezzo anch’io e assaporo il delizioso bacio.

Mia zia si appoggia alla sua amica, le spazzola i capelli e comincia a baciarle e leccarle il collo. Quando apro gli occhi, vedo mia zia che mi guarda. Rendendosi conto di quanto fossi abbandonato, mi prende la mano dietro la testa e mi tira dolcemente, allontanando la mia bocca da quella di Angela. Inaspettatamente, ora era lei che mi baciava, infilandoci la lingua la mia bocca era deliziosa. Mentre mi baciano, sento le mani di Angela scorrere sul mio corpo, sulle mie cosce, sui miei seni, tutto molto amorevolmente e lentamente.

Con un solo gesto Angela si inginocchia sul divano, davanti a mia zia, ei due si baciano di nuovo. Mia zia si toglie il vestito della sua amica, che poi getta sul pavimento, lasciandole solo un minuscolo perizoma. Costringe mia zia a sdraiarsi ei due si baciano di nuovo. La bocca astuta di Angela lecca il viso, il collo, le spalle e il seno di mia zia. Posizionato dietro ad Angela, non ho resistito e ho iniziato ad accarezzarle il bel sedere. Angela ha succhiato i capezzoli di mia zia, che ha gemuto quando ha chiesto:

– Esatto amore mio, succhia gustoso, succhia i seni duri del tuo cane.

Sentire mia zia parlare così era troppo per me, mi sono tolto il vestito e appena in mutandine ho messo la mia fica sul sedere di Angela, i miei seni sulla sua schiena e la mia bocca sul suo collo, dove ho cominciato a leccarlo. Io, che non avevo mai immaginato di stare con un’altra donna, sono diventata presto due e l’ho adorato. Presi la mano su uno dei seni di mia zia, lo tenni e dissi ad Angela:

– Succhialo caldo, succhialo come ha chiesto la puttana di mia zia.

Angela ha divorato i seni di mia zia, che si è tolta maglietta e pantaloncini, lasciandola completamente nuda.

Angela passa la bocca sul corpo di mia zia e raggiunge la sua figa, completamente morbida. Lì deposita diversi baci di fila, ma senza essere direttamente sulla sua figa. Mia zia si contorse e disse:

– No ebreo, succhiami in fretta, metti quella bocca nella mia figa.

Con due dita Ängela apre la figa di mia zia e le lecca la piccola griglia. Ho guardato da vicino ed è stato possibile vedere il miele di mia zia gocciolare dalla sua figa e inzuppare il divano. Ho sentito un’enorme voglia di fare lo stesso e Angela era lì, a quattro zampe, a mia disposizione.

Mi sono inginocchiato dietro di lei e ho iniziato a baciarle il culo. Le sue cosce erano premute insieme e non avevo accesso alla sua figa, quindi ho tirato di lato il laccio delle sue mutandine e c’era un bel culo. Senza vergogna o paura, ho passato la lingua su quelle piccole unghie che si contraevano quando le toccavo. Passai un bel po’ di minuti a leccare quel culetto appetitoso, finché lei si girò e si sdraiò sopra mia zia, che la accolse a gambe spalancate. Lei, a sua volta, allarga le gambe che erano unite e, tenendosi la figa coperta con una mano, chiede:

– Ti piace succhiare cagna?

– Mi piace.

– Allora vieni a succhiarmi la figa.

Detto questo, scosta le mutandine e con mio grande stupore, invece di una fica, appare un cazzo. Stupita di non sapere cosa fare, mia zia mi aiuta:

– È vero, Angela ha il cazzo invece della figa, per questo è una donna perfetta, vai a succhiargli il cazzo.

Dopo il momentaneo spavento, prendo in mano quel cazzo, ancora non del tutto duro e comincio una sega leggera, è pazzesco, una donna col cazzo. Con il cazzo che mi cresce in mano, non resisto e lo prendo in bocca. Non era un grosso cazzo, ma era molto bello da succhiare, sono riuscito a ingoiarlo tutto, anche se mi sono un po’ soffocato. Mi sono dato completamente a questa deliziosa orgia mentre Angela parlava:

– Accidenti a Marcia, è brava come te.

Mia zia accarezzò i seni della bionda, simili ai miei, solo molto più grossi. Stavo per venire, ma volevo sentirlo fottere, così quasi facendomi a pezzi, mi strappai le mutandine e mi sedetti su quel palo duro, cavalcando come una cavallerizza, sotto lo sguardo libidinoso di mia zia che disse:

– Quella è ragazza, fottiti forte, vieni sul cazzo di Angela.

Non mi ci è voluto molto per esplodere in un orgasmo fantastico come non avevo mai provato prima. Intenso, persistente, tutto il mio corpo pulsava, la mia bocca secca desiderava lo sperma, quindi ho lasciato cadere il mio corpo su quello di Angela e ci siamo baciati.

Mia zia ci carezzava entrambe, passando le dita sui nostri volti, le nostre bocche incastrate dove metteva le dita che succhiavamo con piacere. Ero appena arrivato, ma ero così eccitato che volevo tornare indietro, quindi ho sussurrato all’orecchio di Angela:

– Ora vai all’inferno con mia zia.

Appena scendo la bionda si mette in posizione e mette il cazzo su mia zia. Allucinato, mi siedo sulla bocca di mia zia e le chiedo:

– Dai zia, succhia la figa di tua nipote, voglio venirti in bocca.

Con la stessa melodia, Ángela la suonava per mia zia, che me lo succhiava. Eravamo così dominati dagli arrapati che ben presto sono venuta, strofinando forte la mia fica sul viso di mia zia. Quando Ängela ha detto che avrebbe preso in giro mia zia, ha chiesto:

– Mettilo forte, mettilo forte, mi divertirò anche io.

La bionda intensificò i movimenti e presto entrambi scoppiarono di intenso godimento.

Sfiniti, ci sdraiamo tutti e tre sul tappeto, con Angela in mezzo, e ci scambiamo un abbraccio. Dopo qualche minuto mia zia prese la bottiglia di vino e bevve dal collo. Senza deglutire, ha condiviso il nettare direttamente nelle nostre bocche dove è seguito un triplo bacio. Le nostre lingue divoravano mentre le nostre mani scorrevano sui nostri corpi sudati dal piacere che provavano. Mi sono venuti i brividi quando mia zia mi ha sussurrato all’orecchio:

– Voglio vedere Angela mangiarti il ​​culo.

Mi sono messo rapidamente a quattro zampe, mia zia mi ha schiaffeggiato il sedere e ha detto alla sua amica:

– Vieni qui Angela, mangia il culo a mia nipote.

Prima che la bionda iniziasse la deliziosa azione di mangiarmi, mia zia mi leccò le pieghe, mi infilò la punta della lingua nel culo e mi preparò per il sesso. Mi ha schiaffeggiato sul culo e ha detto:

– Puoi dirgli che gli piace.

Angela ha messo il suo cazzo nel mio culo e ha cominciato a inserirlo dentro di me. Ha fatto molta pratica e in modo amorevole il leggero dolore iniziale si è presto trasformato in una deliziosa sensazione di piacere. Per aiutare mia zia a mettersi in posizione e iniziare a leccarmi la figa, sono andato in delirio:

– Merda, è una buona cosa, mettimelo nel culo, Angela, lasciami distrutto.

Non c’è bisogno di chiederlo due volte, la donna con un bel cazzo tra le gambe picchiava forte e vigorosamente facendomi impazzire. Non ci è voluto molto perché il mio orgasmo esplodesse e quando ho detto che stavo per venire, Angela ha detto che lo era anche lei:

– Goditi il ​​mio culo, riempimi di sperma.

È stato travolgente, sono venuto come non mai, mia zia mi ha succhiato finché non mi sono ripreso. Sdraiati, riempiendo il panino con me, ci scambiamo baci e abbracci, godendoci questo momento magico. Stanotte è stato puro piacere e abbiamo fatto l’amore fino all’alba, quando ci siamo addormentati esausti. Dopo quel giorno ci furono tante altre visite di Angela, sempre in mia presenza. Entrai a far parte della vita intima di mia zia e quando non c’era nessuno con cui condividere il letto, facevamo l’amore insieme, molto eccitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *