Una cena di lavoro

di | 26 de Ottobre, 2019

Una cena di lavoro che unito al piacere fa si che tutto diventa più gradevole e leggero. Era la moglie del boss, addetta alla qualità una donna con quei seni belli e rotondi, e due chiappe che più sode è il marmo, improvvisamente, il suo membro si indurisce e eccitatato la conduce a se, quella mano tra i pantaloni, ove il caldo come la voglia era salita a temperature altissime…

Dopo una breve vacanza , avevo ripreso il lavoro di assistenza alla clientela
in una di queste aziende , la moglie del titolare si occupa in prima persona del controllo qualità . dice un vecchio proverbio “ l’occhio del padrone ingrassa i buoi “ ed è proprio il caso di questa realtà produttiva . ci conosciamo da parecchi anni e se non ci sono problemi , vado a visitarli ogni trimestre .
a volte m’invitano a pranzo in un ristorante della zona e a volte sento un piedino che mi sfiora la gamba . siccome il marito è il classico sciupa femmine , chi mi tocca non può essere che la moglie . io ho dei posti fissi dove mangiare e dormire , conosco la cucina e i proprietari e so che mi trovo a mio agio . . qualche tempo fa , mi hanno contattato per risolvere un problema per loro insormontabile.

Con la nostra strumentazione ho trovato il guasto . il marito era all’estero per seguire la loro clientela, era ormai tardi e ho chiesto alla signora se potevo invitarla a cena . è una bella quarantenne , un bel corpo , forse un po’ in carne , ma preferisco la “ morbidezza “ alle ossa pungenti .
la notte precedente avevo alloggiato in un albergo che conoscevo dove avevo lasciato la valigia , e le ho chiesto se mi faceva compagnia , l’avrei riportata a casa dopo cena .
ha accettato ed è andata a cambiarsi .
si era agghindata da gran signora , un bell’abito, un trucco leggero e faceva la sua bella figura . si è accorta che l’ho ammirata e l’ho vista compiaciuta . “ ti piaccio ? “ – “ sei bella anche quando lavori , non basta un abito per diventare bella “. mi ha dato un bacio sulla guancia , l’ho abbracciata tirandola addosso , mi ha lasciato fare , le ho dato un bacio sulla bocca e ha fatto la sua parte… “ quel piedino furtivo al ristorante cosa voleva dire ? “ – mi ha messo le braccia al collo e “ vuol dire che mi piaci “ e quel bacio ha ripreso vigore , l’ho presa per i fianchi e stretta a me , sentivo i seni belli sodi contro il mio petto , ho infilato le mani sotto la gonna toccando un bel tanga di pizzo che copriva due belle chiappe sode e formose. il mio socio si è svegliato e lo sentiva contro… ha appoggiato una mano e se l’è palpato generosamente .


E sorridendo felice “ mi avrai sbausciato il trucco , vado a rifarmelo “ è tornata con gli occhi scintillanti ,l’ho presa sotto braccio e in macchina , siamo andati a cena . era una zona che non conosceva. è stata una cena intima , ogni tanto metteva una mano sopra la mia e questa volta ero io a fare “ piedino “
“ dimmi che sono indiscreto o peggio villano , non potresti dormire qui con me ? “ è rimasta un po’ pensierosa “ mi piacerebbe , ma devo organizzarmi per domattina “ ha parlato al cell. dando indicazioni per la ripresa del lavoro al mattino dopo… “ hai sentito cos’ho detto “
ho fatto l’indifferente… “ non ascolto mai le telefonate altrui “ . ha riso divertita dalla bugia
“ abbiamo tutta la notte per noi “
naturalmente ho parlato con il proprietario dell’albergo …per la tranquillità della mia ospite …..


dopo il caffè siamo usciti per fare una breve passeggiata , l’ho stretta a me e si godeva il contatto , ci siamo scambiati qualche bacio e poi “ lidia possiamo ritirarci ? “ – “ è quello che aspettavo “
è rimasta in tanga e reggiseno a balconcino , l’ho abbracciata e mentre la baciavo , le ho slacciato il reggiseno , sono apparse due belle pere sode con delle grandi aureole e capezzoli tondi , glieli ho baciati
strizzandoli piano , ha infilato la mano nei calzoni e ha trovato il “socio “ bello in tiro , l’ha stretto al limite del dolore . mi sono staccato per spogliarmi velocemente
“ però , vestito non sembri così bello “ le ho sfilato e fatto volare il tanga , che bella figa , con poca peluria chiara come i capelli biondi e corti . ci siamo scambiati un dolcissimo bacio tenendoci stretti , le accarezzavo il culo bello , sodo ho infilato un dito nel solco anale ha sussultato e le ho messo un ditino nel buco del culo , ha allargato le gambe e sono entrato un po’
“ mi fai venire i brividi è un piacere indescrivibile , lo voglio gustare tutto dentro “


l’ho fatta girare e appoggiare la schiena al mio petto , le ho messo il cazzo tra le cosce sfregandolo sulla figa palpando quelle belle tettone turgide e sode . si è divincolata per piegarsi e….. gliel’ho aperta per infilare il cazzo , ha appoggiato le mani sul letto aprendo bene la figa , con un colpo deciso l’ho infilato , mi ha accolto con un “ ohhh , come lo sento bene “ la tenevo per i fianchi movendolo dentro con sapienti e lente infilate , volevo farglielo desiderare il più possibile , una bella figa deve sospirarla una bella chiavata , lo sfilavo quasi tutto per poi spingerlo velocemente fino in fondo , mi fermavo e lo facevo pulsare . la figa eccitata lo stringeva , era un massaggio dolcissimo che mi stimolava ancor di più .ho prolungato questo gioco di uscire ed entrare , finchè mi ha implorato
“ ti prego , non resisto più a questo tormento , montami sfondami ma fammi godere “
mi sono sfilato , l’ho fatta mettere a pecorina sul letto e ho fatto una cavalcata interminabile , si muoveva in sincrono con me , facevo un dentro-fuori veloce con brevi pause per lasciarglielo in fondo e farlo pulsare . la tenevo con le mani tra cosce e ventre , e la sbattevo con forza , ansimava ma si gustava il servizio per signora , sbatteva il capo da tutte le parti “ vengoo , ancoraaa , vengooo “ e ha spinto indietro per godersi il cazzo in fondo alla figa , con le ultime spinte le ho sborrato in figa una calda sbarrata .

Altre storie erotiche  Capitoli di una storia


l’ho tenuta contro me facendo pulsare il cazzo finchè è stato in tiro .
mi sono sfilato per stendermi sul letto , ero anch’io ansimante , era stata una lunga cavalcata fatta con grande piacere e il sentire una partner così godereccia , mi ha appagato .
si è stesa ad occhi chiusi ansimante , le ho dato un bacio con le sole labbra , ha aperto gli occhi , erano splendenti , ha fatto un sorriso a 30 denti “ che piacere , mi hai fatto godere in modo divino “
me la sono tirata sopra coprendoci con la coperta , mi accarezzava e baciava con piacere , le facevo scorrere un dito nella figa bagnata fradicia
“ come hai fatto a bagnarti così tanto “ – “ ho trovato casualmente un cazzo che mi ha fatto godere “
e ha riso divertita .
strusciava una gamba sul cazzo molle , mi baciava con piacere . con le gambe ho divaricato le sue ,
è stata al gioco e le ho infilato un dito in culo roteandolo dentro , ha aperto ancora un po’ le cosce per gustarsi il dito
“ sei insaziabile , vorresti anche il mio culo ? “ – “ non voglio niente , però prima di fare l’amore di ho messo dentro un dito e te lo sei gustato , pensavo lo desiderassi dietro “


si è messa a cavalcioni sopra me vedevo quelle belle tettone , le massaggiavo e le strizzavo con dolcezza ,
ha allargato le gambe e con un dito sono andato a cercare il culo , le strusciavo un dito nel solco anale con pause prolungate nel culo , lo sentivo pulsare ad ogni sosta
“ non dirmi che non lo vuoi dentro , ogni volta che mi fermo pulsa dal piacere “
ha preso in mano il cazzo accarezzandolo e scappellandolo , piano piano si è indurito , mi ha dato un lungo bacio in bocca
“ adesso che è tornato in tiro , me lo gusterei volentieri “ e ha riso compiaciuta .

“ se mi lasci fare te lo metto dentro guardandoti in viso “ le ho messo sotto il culo due cuscini per alzarla bene , l’ho baciata tutto intorno alla figa
( se mettevo dentro la lingua , avrei solo trovato la mia sborrata e i suoi umori ) le ho fatto un bel ditalino per “ scaldarla “ bene , con due dita le ho preparato il culo aperto e ho messo la cappella sul buco .
da grande esperta ha piegato le ginocchia per accogliermi , con le mani ho aperto le cosce e sono avanzato lentamente . le guardavo il viso , ad ogni avanzata sussurrava un “ sììì “ di piacere , si leccava voluttuosamente le labbra . quando ho sentito i coglioni contro il suo corpo mi sono fermato .
“ è tutto dentro “ e sempre ad occhi socchiusi “ lo sento , lo sento bene , com’è bello duro “
ho cominciato a muovermi lentamente sfilandolo quasi tutto per poi entrare , la volevo far godere piano e sempre di più . vedendola in viso
(ecco il bello d’incularla dal davanti , non è la posizione più comoda , ma vederla godere , mi fa tirare ancora di più il cazzo…) la vedevo sempre più in estasi
“ ti piace , te lo gusti volentieri “ – in un sussurro – “ lo sento bene duro , pulsanteee “


ormai il cazzo era al massimo del tiraggio , l’ho presa per le cosce inculandola con forza e velocemente ,
si dimenava , smaniava , sbatteva le braccia sul letto e quasi urlando “ godo , sìì godoo , dai spingiii “
non sapeva che io sono lento a venire , molto lento… ormai ce l’aveva nel culo e doveva gustarsi
tutta l’inculata . vedevo quelle tettone sbattere ad ogni spinta , teneva la bocca aperta come se stesse facendo un pompino “ ancoraa ancoraaa , che piacere sto venendo anche nella figaaa “ vedevo le grandi labbra palpitanti , ero stanco ma ho spinto fino ad arrivare ad una sborrata liberatoria
“ vengo lidia , vengooo “ mi sono fermato con tutto il cazzo dentro il suo culo e l’ho allagata .
il ventre le sobbalzava , la figa pulsava , questo mi appaga , vedere la partner di turno , godere e vederla così in estasi .
mi sono venute in mente le parole di anna , la mia dolcissima maestra di tanti anni fa…

Altre storie erotiche  Cibo e sesso

“ non essere egoista , fai godere prima la donna e poi pensa a te stesso “ e vedere lidia così felice mi appagava . mi ero procurato un asciugamani e quando mi sono sfilato le ho tappato il buco .
mi sono steso ansimante , con una mano mi accarezzava , tenendosi il tappo tra le cosce si è girata per baciarmi e coccolarmi . “ che piacere , è indescrivibile , grazie “
era ormai notte , ci siamo docciati insieme per poi coricarci . la guardavo in viso , era l’immagine del piacere “ stai ancora godendo “ – “ godendo no , ma che piacere “ – “ lo vuoi il bacio della buona notte ? “ e senza lasciarla rispondere l’ho scoperta e le ho baciato la figa .
“ come sei dolce gigi , adesso però fammi leccare le tue labbra che sanno di figa “ e ci siamo addormentati .
la mia inseparabile sveglia , ci ha svegliato . mi è venuta addosso per baciarmi , accarezzarmi e sentire la consistenza del cazzo .
“ ciao gigi , come ho dormito bene questa notte , dimmi che sono esagerata , mio marito rientrerà per il fine settimana , mi piacerebbe dormire con te questa notte nel mio letto . volendo , ho anche la vasca idromassaggio “ avevamo dormito nudi , mi sono voltato verso lei . l’ho baciata a lingua in bocca infilando un dito nella figa sditalinandola , ha avuto un fremito di piacere “ che bell’inizio di giornata “
accetto il tuo invito per questa notte , anche perché ieri sera ero stanco e non ti ho fatto fare un bel 69 .
mi piace sentire scendere in bocca il piacere di una donna mentre , dopo una generosa leccata di figa ,
ce l’ha sgocciolante “
mi è venuta addosso come un ciclone “ ti aspetto “
dopo aver fatto colazione in albergo , l’ho portata a casa , ripartendo per il mio lavoro .


alle 18 ero a casa sua , la fabbrica era ferma ed era a casa da sola . mi ha accolto a braccia aperte con
tanti calorosi baci . aveva gli occhi spendenti “ hai il viso stanco ma ti desidero “ – e dopo una salutare doccia , l’ho raggiunta in salotto . indossava un miniabito turchese che le arrivava alle cosce .
“ vieni in braccio , coccolami “ mi è venuta in braccio e dopo una serie di baci , carezze e …..
generose palpate . abbiamo cenato . aveva preparato una cena a lume di candela , ogni boccone un bacio .
dopo il caffè , mi sono seduto in poltrona e l’ho fatta sedere in braccio per chiacchierare u po’ , ma i baci ci hanno scaldato la passione e abbracciati siamo andati a letto .
“ tu sei la padrona di casa , fai il programma “ e ridendo “ tanto sesso e poco sonno “
è andata a cambiarsi , è tornata indossando un babydoll nero trasparente e sotto reggiseno e tanga rossi .
l’ho fatta sedere sulle mie gambe e ci siamo baciati con passione , con le mani l’ho “ispezionata tutta “ , ci siamo alzati per andare in camera e nudi , ci siamo messi in ginocchio sul letto .
le nostre bocche si sono cercate e quel bacio non finiva più , le titillavo la figa lentamente , mi sono abbassato per baciargliela , infilavo la lingua per toglierla subito , entravo ogni volta più dentro leccandola “ mi fai impazzire con la lingua , leccamela bene “ la tenevo aperta per gustarmela fino in fondo , si dimenava per offrirmela , ho cercato e trovato il clito bello e turgido , con la lingua lo stringevo , mi teneva la testa per gustarmi come le piaceva e mi accarezzava “ lidia facciamoci un bel 69 che ti desidero “ mi ha offerto il suo frutto pulsante e me lo sono gustato , faceva sparire il cazzo in bocca e lo succhiava da vera bocchinara . lo scappellava per gustarsi la cappella turgida e viola per la tensione . . più ciucciava e più le lappavo la figa , era un vero ciclone .

“ vengo , non resisto, vengooo , ancoraa , vengooo “ e sentivo la figa sgocciolare sulle mie labbra
“ godi , fammi gustare tutto il tuo piacere “ ha smesso un momento di succhiarmelo ,con un’unghia sfiorava la cappella per poi riprendere a succhiarla con più piacere , finchè sono esploso in una bella sborrata . eravamo ansimanti , siamo stati un po’ abbracciati per calmarci… ma le mani andavano dovunque…
” con quella lingua mi hai deliziato “ e baci , baci .
siamo stati sotto le coperte a coccolarci , le succhiavo i capezzoli gonfi per il piacere appena trovato , in attesa di riprendere ..le forze . aveva il viso radioso . che bella soddisfazione averla fatta godere…a furia di baci il cazzo ha ripreso vigore , se lo teneva in mano , lo stringeva piano “ dove lo vorresti “ mi è venuta a cavalcioni offrendomi le tettone da succhiare , lo facevo con piacere , ma il dito è andato a stuzzicare la figa
“ montami tu , sei già in posizione “
ha riso felice . le tenevo la figa aperta e piano , piano l’ha infilato fino appoggiarsi sul mio ventre , ha fatto una piccola pausa per sistemarsi bene dentro il cazzo per poi muoversi in tondo ad occhi chiusi . mi muovevo e lei faceva altrettanto ha appoggiato le mani sul mio petto per fare forza , è stato un lungo dentro-fuori di grande piacere , vedevo il suo viso felice per il piacere
“ lidia se ti giri dandomi le spalle , te lo gusti meglio , ti sfrega nella micetta e lo gusti meglio “
si è girata ed abbiamo accelerato insieme la chiavata godendoci con una lunga cavalcata e venendo insieme . sentivo colare i suoi umori sul cazzo e lei ha accolto la sborrata .
ha messo il cazzo tra i nostri cavi inguinali per adagiarsi su di me e baciarci con passione .
“ che piacere tesoro mio come ho goduto , ho provato delle sensazioni nuove “

Altre storie erotiche  I sogni son desideri di passione

ci siamo coperti per andare a dissetarci e mangiare qualcosa, si è seduta sulle mie gambe c’imboccavamo l’un l’altro . “ si stanca tesoro ,vuoi dormire “ – “ mi hai promesso tante posizioni , voglio provarle tutte “ ci siamo ripuliti dai nostri umori , per poi riprendere a far l’amore .
“ il miglior riposo è gustare il tuo cazzo dentro me “ e mi ha sommerso di baci, si teneva il cazzo in mano accarezzandolo dolcemente .
“ hai detto che hai la vasca idromassaggio , non hai mai provato a fare l’amore ? “ si è alzata , mi ha preso per mano e mi ha guidato in bagno . si è piegata per aprire l’acqua , aveva il culo in bella mostra e le ho infilato un dito per stuzzicarle il buco , si è irrigidita…
“ non ho mai provato , ma qui dentro dev’essere bellissimo “
inginocchiati di fronte , ci siamo baciati a lingua in bocca , il gioco dell’acqua è stimolante , ha sentito il cazzo in tiro e se l’ha fatto indurire in mano , ci baciavamo con passione e mi smanettava delicatamente
“che bel bastone che hai , sento le vene pulsanti in mano “ le ho tappato la bocca con i baci , le ho messo un dito in culo , ha smesso un attimo di baciarmi e
“ sììì , mettimelo in culo qui dentro , non ho mai provato il gioco d’acqua…”
si è inginocchiata offrendomi il culo .l’ho aperto bene e hopss dentro .rideva felice per la novità .

“ mi sento il cazzo dentro e l’acqua che mi massaggia “ l’ho presa per i fianchi belli sodi e me la sono inculata con piacere , le lasciavo dentro il cazzo facendolo pulsare , il tepore dell’acqua mi stimolava ad incularla , lei si dimenava per accogliermi a gustarmi . mi sono fermato un momento e con un po’ di difficoltà , sono andato a titillarle la figa , ha abbassato un po’ le spalle per farsi sditalinare , ma ha alzato il culo , sono entrato ancora con il risultato di fare sparire tutto il cazzo dentro lei
“ ahhh , sììì è entrato ancora un pochinooo , spingi , montamiii , spingii “ anche lei arretrava , è stata un’inculata bellissima e godereccia , fino ad arrivare ad una sborrata che l’ha deliziata . ci siamo adagiati in acqua per baciarci e coccolarci . aveva il viso radioso
“ sei felice , hai goduto bene “ – “ non bene divinamente e quel ditalino in figa ”
si avventata sulla mia bocca per baciarmi .
era ormai notte fonda e al mattino dovevamo lavorare . ci siamo docciati insieme , l’ho “ lavata “per bene e siamo andati a letto .
si è accoccolata vicino a me “ tienimi a dormire vicino “
e con un bacio , ci siamo rifugiati tra le braccia di Morfeo.
Al trillo della sveglia eravamo ancora vicini . mi sono gustato il suo corpo caldo .

“ tesoro mio credo di non avere mai dormito così comoda “
dopo aver fatto colazione insieme
“ spero tanto di ripetere una notte così piena di piacere , ti aspetto “ e con un ultimo interminabile bacio , lei è scesa in fabbrica ed io ho preso la strada del lavoro .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *