Oh mio dio no! Piccolo anello può?

di | 9 de Dicembre, 2022

Giusto per ricordarti… sono una ragazza minuta, castano chiaro, cosce spesse, occhi e lunghi capelli neri al centro della schiena, mi piacciono i miei capelli, che sono dritti fin sotto le spalle e modellati in grandi riccioli le punte, porto la frangia laterale per flirtare, il mio seno è di taglia media, morbido e con i capezzoli rosa, la pancia non è molto piatta, ha delle pieghe delicate penso di essere cicciottella, ma in realtà se ho la vita sottile e un gran culo. Tendo ad attirare l’attenzione delle persone per strada.

Ho frequentato segretamente un ragazzo durante la mia adolescenza fino all’età di sedici anni. Ero pazzo di lui. Luis era il suo nome. Come lo amava, lo desiderava! Non era nemmeno bello. Era un ragazzo bianco, magro e di statura media, ma aveva accanto una donna! Com’era delizioso il loro bacio! Come mi ha succhiato il collo mentre si masturbava in macchina! Mi ha reso selvaggiamente eccitato. È successo durante le piccole scappatelle che ho fatto a scuola.

Durante gli appuntamenti, anche le nostre intimità si sono evolute, ma erano solo masturbazione. Mi ha fatto dei massaggi deliziosi sulla mia figa, sulla mia griglia. Gli ho fatto dei pompini. Tutto questo dentro la tua macchina parcheggiata sotto gli alberi in via radio vicino alla mia scuola.

In uno di quei pomeriggi emozionanti, Luiz ha suggerito un viaggio al motel. A quel punto ho avuto paura, abbiamo avuto un’accesa discussione con i suoi tentativi di convincermi ad andare con lui in un motel. Dopotutto, non aveva ancora sedici anni. Avevo paura di entrare nel motel, avevo paura di essere scoperta dai miei genitori, insomma avevo paura di non essere pronta a fare l’amore per la prima volta. Ero terrorizzata all’idea di rimanere incinta e tutto il resto, anche se stavo già morendo dalla voglia di sentirlo spingere il suo grosso cazzo dentro di me.

Mi ha promesso che saremmo rimasti solo al “Rala e Roll”. Che andiamo al motel solo per sentirci più a nostro agio. Che avremmo potuto spogliarci, che moriva dalla voglia di vedermi nudo. Che mi avrebbe fatto il bagno alla lingua che mi aveva promesso così tanto. Non l’ho mai lasciato in macchina. Ho sempre avuto paura di essere visto da qualcuno che passava appena in tempo. Ma stavo morendo dalla voglia di sentire la sua lingua nella mia figa.

Dopo aver parlato molto del motel, sono stato venduto. Abbiamo programmato un venerdì. Durante la settimana ho avvertito la mia collega Cláudia, una compagna quotidiana sulla strada per la scuola. Le ho detto che venerdì non sarei andato a scuola e che se mia madre l’avesse vista senza di me e le avesse chiesto qualcosa, per dirle che stavo già tornando a casa, che ero un po’ in ritardo.

Venerdì siamo andati al motel come avevamo concordato. Lungo la strada ci fermiamo alla prima farmacia per comprare preservativi e gel lubrificante. Era un po’ arrabbiato per l’acquisto del gel, ma mi ha detto che sarebbe stato carino “mettermelo sulle cosce”.

Altre storie erotiche  Donna timida - l'inizio

Quando siamo arrivati ​​sono salito subito al piano di sopra con grande curiosità per vedere com’era la suite. Nel frattempo era impegnato a chiudere la macchina e la porta del garage. Fino a quando la suite era molto carina, aveva un ingresso con un tavolino per due persone, un minibar e così via. Nella camera da letto c’era un enorme letto rotondo, specchi sul soffitto, sulle pareti frontali e sulla testata del letto. C’era anche un bagno con sauna e idromassaggio.

È arrivato e ha messo il suono su qualsiasi radio. Per non negare la mia saggezza, mi sono tolto le pantofole, sono salito sul letto e ho saltato molto. Era un modo per cercare di evacuare un nervosismo che continuava a darmi fastidio.

Finché anche lui si è tolto le ciabatte ed è salito sul letto, mettendo fine alla mia battuta. Nel suo modo da birichino, mi ha afferrato per la vita, mi ha abbracciato e abbiamo iniziato a trattenerci e a baciarci. Ci togliamo i vestiti.

Ha iniziato a succhiarmi il collo. Abbassò la bocca sui miei seni, succhiando e accarezzando voracemente, allo stesso tempo strofinando delicatamente il suo cazzo nella mia figa, ora pelle contro pelle, qualcosa che non avevo mai sentito prima. La cornea mi ha invaso, la mia figa ancora vergine, palpitante come non mai.

Ero molto annoiato. Il suo cazzo era troppo duro. Lo stavo masturbando amorevolmente quando mi ha chiesto di succhiarlo. Gli piaceva la mia pipa. Ho cercato di farlo sempre meglio esplorando il suo corpo con le mie mani e la mia bocca. Deve essere stato un pompino epico, dopotutto ho passato ore in rete a imparare come diventare un’esperta nell’arte della fellatio!! Mi piaceva guardarlo venire in modo incontrollabile nella mia bocca.

Poi mi sono seduto sul mio amico e ho iniziato a rotolare. La mia bambina era così bagnata che il suo cazzo è scivolato tra le sue labbra spesse, strofinando deliziosamente la mia grelinha. Poi ho baciato il suo corpo magro fino al suo cazzo. Non ce la faceva più e mi afferrò per i capelli portandomi al suo cazzo. Era giunto il momento per quel pompino perfetto. Succhiai forte, con piacere finché lei gemette forte, le sue gambe tremavano e il latte mi gocciolava in bocca. Una parte l’ho vista uscire, una parte è scomparsa… Lui ha riso e mi ha fatto perdere la testa.

Non appena ebbe finito, annunciò che era ora del mio bagno di lingua. Ero eccitato! Mi ha detto di sdraiarmi sulla schiena sul letto e di allargare le gambe. Allargo per lui la mia fica rosa ben rasata. Poi cominciò a baciarmi e ad accarezzarmi tutto il corpo, scendendo lungo la mia pancia fino a succhiarmi l’interno delle cosce, molto vicino al mio inguine. Quando lo ha fatto, sono diventato così rigido che volevo immediatamente tirarlo su per allattare il mio cagnolino. La tua bocca così morbida e calda succhia il mio oh mio Dio!

Altre storie erotiche  Piccolo harem incestuoso, 9 anni

Stava leccando fuori dalla fessura e spingendo la lingua fino a raggiungere la griglia inondata dal mio meladinho. Poi ha succhiato tutto, ha succhiato tanto, ha succhiato troppo. Ho perso completamente il controllo finché non sono venuto come un matto nella sua bocca.

Ci siamo alzati e siamo andati all’idro, lì ci siamo divertiti divertendoci, baciandoci tanto, era delizioso. Eravamo di nuovo pazzi di lussuria. Luiz mi fece sedere sulla schiena, con le mani libere, massaggiandomi delicatamente il seno e dicendomi cose nelle orecchie.

Il suo cazzo molto duro è scivolato nella mia fica finché non è entrato nella porta d’ingresso. A questo punto eravamo un po’ disorientati, i nostri primi impulsi furono: lui si fece strada e io spinsi il sedere in su per allargare ancora di più le gambe sott’acqua per farmi penetrare dal suo cazzo. ci ha dominato Volevo essere invasa dal suo cazzo delizioso, volevo a tutti i costi occupare la mia caverna imbattuta perché morivo dall’emozione.

I nostri movimenti si sono intensificati e per fortuna non so, i nostri corpi hanno perso l’equilibrio in acqua e siamo usciti da quella presa. Finché non va bene!! Stava per perdere la verginità in uno sfogo voluttuoso e sconsiderato, aveva ancora tante paure!! E nel momento in cui mi ha fatto un’offerta lì, mi sono alzato rapidamente dall’elettricità. Era arrabbiato con me per aver rinunciato a permettergli di rompermi l’imene.

Mi sono asciugato, mi sono sdraiato e mi sono sdraiato. Mi ha inseguito provando, chiedendo, insistendo perché lo lasciassi, ma no, non l’ho fatto, sono stato fermo, anche se volevo. Prima di arrivare avevamo parlato molto di quello che avremmo fatto lì, la mia idea era solo di rimanere nei preliminari e nella fellatio, tutto qui e lui già voleva scoparmi, prendersi la mia verginità.

In quel momento mi sono ricordato della mia amica Francine. Ha detto che faceva sesso anale per non perdere la verginità. Ha detto che faceva molto male, ma dopo l’ha adorato. Quindi, anche se avevo paura, ho proposto al mio bel ragazzo che stava già iniziando a essere triste.

Arrivato in tempo! Mi sono sdraiato a faccia in giù sul letto, ha preso il gel e ha iniziato a mettere il gel all’interno del mio anellino con il dito. Ha tenuto il dito dentro e fuori per molto tempo. Sentivo un’erezione diversa, la mia figa oltre a pulsare si era riscaldata, in modo delizioso. Più spingeva il dito dentro, più volevo infilarmi il dito nel culo.

Alla fine lui, già pazzo di lussuria, gelò il suo cazzo e si sdraiò sopra di me. Mi baciò il collo e mi abbracciò. le sussurrava cose calde nelle orecchie, la sua erezione era intensa e la mia era pazzesca.

Ha poi iniziato a forzare il suo cazzo nel mio culo. Era così scivoloso con così tanto gel che ha sfondato. Sdraiato sullo stomaco, ho spinto un po’ su il sedere per renderlo più facile. Lui geme, anch’io. Stava forzando a poco a poco. Ho iniziato a strofinare la mia racchetta con la mano sotto di me. In quel momento, ho provato sia dolore che piacere. Gemendo, gli chiesi di fermarsi un momento. Feci un respiro profondo e lui si irrigidì, spinse di nuovo. E lo ha fatto finché non ho sentito il mio culo cedere e la testa del suo cazzo invadere e strappare il mio piccolo anello. Gemito esaltato! E ho continuato a strofinare più forte il mio stocco.

Altre storie erotiche  ritorno sull'isola, 4

Ho mal di culo per un attimo ho resistito al suo cazzo e ho cercato di espellerlo. Avevo voglia di fermarmi di nuovo, anche se stavo morendo di caldo, mi spostai sotto di lui cercando di uscire dalla mia posizione. Ero spaventato, ma lui mi ha tenuto stretto e mi ha allargato le gambe con le ginocchia, intrappolandomi e non permettendomi di scappare. Non abbandonare mai ciò che abbiamo già iniziato! Il piccola testa era appena entrata.

Si è fermato di nuovo. Questa volta con la punta del tuo cazzo nel mio culo. In quel momento, sono quasi arrivato e anche lui. Il pezzettino che era entrato nella mia piccola protuberanza ci stava facendo arrapare entrambi. Un motivo in più per questa famosa tappa. Anche in quel momento il mio corpo assorbì, accettò e inghiottì il grosso e duro invasore. Faceva molto male in quel momento. Ma mi sono aggrappato al suo sesso entrando molto lentamente. Il dolore si trasformò in un piacere infinito quando iniziò a spingere. Me l’ha spinto su per il culo volentieri.

Non potevo più sopportare il piacere di sentire tutto il suo cazzo entrare e uscire dal mio retto. Lo sfregamento insistente che ho dato al mio crack è stato così intenso che il seme è uscito da me con forza. Un’esplosione di pulsazioni ritmiche dalla mia figa che amo appassionatamente. Troppo delizioso!! Pazzo!

Non appena sono arrivato deliziosamente con le poche bombe che ho ricevuto, ha iniziato ad avere allucinazioni dimenandosi e perdendo il controllo del suo corpo. Il suo respiro divenne affannoso, gemette forte e venne come un toro versandomi il suo sperma caldo su per il culo. È stato meraviglioso!

Il pomeriggio era stato perfetto. Abbiamo persino dimenticato i preservativi! Ne abbiamo approfittato molte volte e finché abbiamo potuto. Amavo il mio ragazzo. Dopo quel giorno, il nostro legame è diventato ancora più forte.

Abbiamo passato molti altri pomeriggi deliziosi come questo, sempre caldissimi, orali e anali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *