Racconto erotico di corone – Dolci racconti dell’adolescenza (01)

di | 4 de Luglio, 2024

A volte la nostra memoria è un carnefice spietato che ci porta ricordi così dolci e allo stesso tempo così commoventi che finiscono per provocare una profonda tristezza per la certezza che siano solo ricordi e niente più che testimoniano che lo scorrere del tempo è inesorabile; Recentemente ho ricordato gli ultimi giorni del liceo con un’adolescenza effervescente ed effimera che non poteva avere fine, ma che purtroppo ci lascia solo tracce immemorabili. A quel punto ero già riuscito ad acquistare la mia prima automobile, una Aero Willis verde brillante, frutto di una trattativa con mio padre e un cugino, che avrei ricevuto in cambio dei miei prestiti presso l’officina da loro gestita. Il venerdì e il sabato sera andavo in giro alla ricerca di sesso casuale o addirittura di flirt casuali.

A volte passeggiavo per il quartiere e in quelle occasioni incontravo Melissa con una bellissima mulatta dai capelli ricci, un sorriso sempre entusiasta, occhi maliziosi e un corpo sinuoso con un seno prominente e un culone un po’ impertinente; In queste occasioni ci siamo limitati ad uno scambio di sguardi e sorrisi, dimostrando che qualcosa ci preoccupava e dando vita ad un riavvicinamento che, a causa della sua cerchia di amici, non si è concretizzato; Ammetto che il mio desiderio per Melissa era immenso e anche se sua madre era una mia cara amica, non ha funzionato a mio favore, quindi ho continuato a nutrire il desiderio che si presentasse un’occasione per poterci avvicinare. .

Ho investito nelle mie serate del fine settimana e in una di queste ho conosciuto Luiza, una donna di mezza età, sulla quarantina, divorziata, madre di due figli adulti, insegnante in una scuola pubblica e appassionata dei balli popolari che si svolgevano nei locali. dedicato all’incontro. uomini e donne. , molto frequentato da chi cerca la possibilità di fare sesso occasionale senza impegno o qualcosa di più serio e consistente; All’inizio, Luíza e io ci scambiavamo solo sguardi, offrendomi da bere tramite un cameriere familiare accompagnato dai famosi biglietti di “posta elegante” che per lo più rimanevano senza risposta. Dotato di una perseveranza tipica della mia età, insistevo in una molestia discreta, pur nell’incertezza che non avrebbe dato frutti, se non fosse stato per un evento fortuito.

Nelle prime ore del sabato e della domenica lasciai il club con l’ultimo gruppo di bohémien ubriachi cullati dai loro partner e salii in macchina, deciso a tornare a casa; Mentre attraversavo una piazza per accedere a un viale, ho trovato Luíza seduta su una panchina vicino a una fermata dell’autobus, che fumava una sigaretta e aspettava l’autista che sicuramente sarebbe arrivato molto più tardi; Ho parcheggiato la macchina davanti al locale e sono andata a sedermi accanto a lui, avvertendolo che gli autobus pubblici avrebbero impiegato molto tempo ad arrivare e offrendomi anche di aiutarlo nel viaggio. Naturalmente Luíza ha giocato duro, dicendo che oltre ad essere giovane, non avrebbe avuto molte possibilità con lei.

Gli ho detto che era solo una passeggiata senza secondi fini che gli avrebbe permesso di conoscermi meglio. “In ogni caso, non perdi nulla, vinci solo!” ho concluso, scoprendo un sorriso sul suo viso dall’aria infantile; Salimmo in macchina e gli chiesi di indicarmi il percorso migliore per arrivare a destinazione e durante il viaggio ci conoscemmo meglio; Luíza era una donna attraente con qualità evidenziate non solo dai suoi vestiti, ma anche dalla sua forma sinuosa e voluminosa; Arrivati ​​a destinazione abbiamo continuato a chiacchierare e lei ha finito per ammettere che a causa di una separazione conflittuale aveva deciso di vivere la sua vita senza implicazioni emotive e che i balli erano come una valvola di sfogo per le tensioni della vita quotidiana. Ho potuto vedere tra le righe della nostra conversazione che Luíza era una donna che aveva bisogno di affetto e di attenzione, ma aveva anche molta paura di lasciarsi coinvolgere in una nuova relazione che la rendesse di nuovo infelice.

Quando decise di salutarmi, si voltò verso di me, tenendomi il viso, dandomi un semplice bacio. Ho preso l’iniziativa di estendere questo bacio a qualcosa di più profondo ed è così che le nostre lingue si sono intrecciate in una danza lussuriosa piena di intenzioni. E così anche i baci si sono pluralizzati in baci ancora più intensi, più carezze e toccamenti violenti, con me che stringevo i seni di Luíza, che gemeva di desiderio quando sentiva la mia carezza, che provocò uno strattone alle cinghie del suo corpo. si vestì, rivelando i suoi bei seni coronati da capezzoli duri che imploravano la mia bocca, che presto li accolse con eloquenti leccate e succhiate.

All’improvviso, Luíza ha spinto la mia testa, mostrando un’espressione spaventata mentre si guardava intorno preoccupata. “Certo che mi è piaciuto! Ma siamo davanti a casa mia ed è l’alba…, presto i miei figli si alzeranno e non voglio che mi vedano così!” quando gli ho chiesto se avevo fatto qualcosa di sbagliato e se non gli era piaciuta la mia azione; Capii la sua situazione e mi scusai con un’espressione rassegnata. Penso che la mia reazione sia stata positiva, rivelando il lato affettuoso e bisognoso di Luíza, che mi ha accarezzato il viso e mi ha sorriso. Alla fine ci siamo incontrati il ​​fine settimana successivo e ho insistito per andarla a prendere per andare insieme nella sala da ballo; Ha provato a resistere, ma alla fine ha ceduto una volta per tutte, sfoggiando un bellissimo sorriso.

Altre storie erotiche  La mia ragazza l'ha dato all'autista e al controllore.

Per tutta la settimana sono stato costretto a mantenere uno stretto controllo sulla mia ansia, immaginando le possibilità che una relazione con una donna più matura poteva offrirmi e considerando anche la possibilità che Luíza rinunciasse a qualcosa di più intimo sotto qualsiasi tipo di giustificazione. ; Nonostante ciò, ho frenato la mia irruenza finché finalmente è arrivato sabato sera. Come concordato, ho parcheggiato la macchina a distanza di sicurezza dalla casa di Luíza dopo averla superata, ho suonato brevemente il clacson e ho aspettato.

Pochi minuti dopo, Luíza apparve con travolgente esuberanza; indossava un top bianco che metteva in risalto la sua pelle scura e pantaloni larghi celesti, sormontati da sandali col tacco alto che mettevano in risalto la sua figura di donna matura che scioccava molte giovani donne; Appena salito in macchina, mi mise un braccio intorno al collo e mi tirò finché le nostre labbra si incontrarono in un bacio lungo, profondo e umido. “Oggi sarai il mio appuntamento!” Ma guai a te se ti metti nei guai con i miei amici, eh? Sono altrettanto sexy, se non più sexy, di me… quindi calmati, ragazzo! » avverte con un tono che oscilla tra lo scherzo e la provocazione.

-Al tuo fianco ho tutto ciò che volevo nella vita! – risposi con un tono entusiasta accompagnato da un sorriso sincero.

Quando arrivammo a destinazione, non ci misi molto a scoprire che Luíza aveva detto la verità sulle sue amiche, perché ognuna era più bella dell’altra eppure non c’era disputa né invidia; Eravamo seduti a tavola e mi sentivo felice accanto a Luiza che di tanto in tanto mi baciava e mi accarezzava il viso; Anche il mio amico cameriere mi ha elogiato; Anche se non sono una brava ballerina, il mio partner, a volte, era incaricato di condurre i passi ed era divertito dalla mia espressione di attenzione ai suoi movimenti. Inoltre, Luíza era anche una buona bevitrice, poiché bevve circa sei fiale di birra senza perdere la calma. Erano già le tre del mattino quando ci propose di andare a prendere un espresso in aeroporto, cosa che a quei tempi andava molto di moda.

-Niente del genere! Non voglio un pubblico dietro di me! – ha risposto con enfasi quando le ho chiesto se anche le sue amiche volevano venire con noi e io ho approfittato per concludere dicendo che era molto meglio.

Entriamo nella lounge dell’aeroporto e ci dirigiamo verso la macchinetta del caffè che si trova sul soppalco e non posso fare a meno di notare gli sguardi ansiosi intorno a noi, incantati dalla bellezza affascinante e insinuante di Luiza che camminava con passo deciso e a testa alta . , rivolgendo il suo sguardo ed i suoi sorrisi solo verso di me, cosa che aumentava la mia attrazione verso di lei; Abbiamo gustato un cappuccino accompagnato da gustosi cornetti. “Sai una cosa: il tuo atteggiamento da gentiluomo mi ha affascinato! Ma ti devo avvertire una cosa: se andiamo a letto… sono io che dirigo lo spettacolo…, capisci? » chiese con tono serio dopo l’avvertimento.

-Se sei un buon insegnante, io sarò uno studente eccellente! – risposi in tono provocatorio.

Abbiamo finito il caffè e uscendo dalla lounge dell’aeroporto abbiamo visto una striscia giallo oro all’orizzonte che rompeva il manto dell’alba e indicava che stava per sorgere un nuovo giorno, il che mi ha portato a pensare di aver perso questa opportunità quando Luíza mi ha chiesto . per portarla a casa. “Non ho lezione lunedì mattina… se vuoi possiamo andare domani… che ne dici?” chiese titubante appena arrivato. Sono salito in macchina e ho subito annuito affermativamente, decidendo di non perdere un’altra occasione.

Una volta arrivati ​​a destinazione, Luíza mi ha baciato sulla bocca e poi abbiamo concordato un orario per incontrarci; Sono tornato a casa assonnato, ma ancora preoccupato di cosa stava per succedere; La domenica ho offerto in dono i miei beni e poi ho vagato per la casa, senza riuscire a nascondere la mia angoscia agli occhi penetranti dei miei genitori; Erano le otto del pomeriggio quando uscii per incontrare la mia maestra Luíza, che mi stava già aspettando nel posto giusto: una fermata dell’autobus vicino a casa sua; e ancora una volta era stupenda indossando un abito bianco senza spalline appena sopra le ginocchia e un paio di sandali col tacco alto che decoravano il resto; E’ salito in macchina e ci siamo baciati a lungo e poco dopo mi ha chiesto dove stessimo andando.

Altre storie erotiche  La nebbia, 26

Pensando ancora ai miei magri risparmi, ho deciso che non era il momento di risparmiare sotto lo sguardo tentatore del mio compagno e, mantenendolo segreto, mi sono diretto in un motel su un’autostrada vicina; Luíza non riusciva a trattenere le risate mentre l’assistente controllava la mia identificazione, esaminandone la veridicità; Ho parcheggiato la macchina nel garage della suite e Luiza è scesa dall’auto e mi ha aspettato; Senza perdere tempo, ci siamo sorpresi tra baci e palpeggiamenti finché lei non mi ha sorpreso abbassando la parte superiore del vestito, rivelando il suo bellissimo seno; Osservavo questi seni, che avevano una certa dimensione e sodezza, prestando attenzione ai capezzoli duri e sporgenti, coronati da vivaci areole rosa, allo stesso tempo vi poggiavo sopra le mani, tastandone la consistenza, dando piccole pressioni e qualche pizzicotto sul becco, ascoltando Luiza gemere piano.

Ad un certo punto mi ha afferrato la testa e l’ha abbassata, offrendomi i suoi capezzoli da gustare; Tra carezze e baci cominciai a leccarle e succhiarle i capezzoli, tenendoli tra le labbra, succhiando più intensamente e sentendo come il loro gonfiore si faceva più rigido; Luíza mi accarezzò i capelli e mi sussurrò frasi maliziose chiedendomi di godermi il suo seno come merita una donna; Quando ci siamo districati per qualche minuto, lei non ha perso tempo e ha fatto scivolare il vestito lungo il suo corpo fino al pavimento, rivelando la sua straordinaria nudità; Luíza era una donna matura dalle forme singolari ed eloquenti la cui esuberanza sottolineava la sua altezza e metteva in risalto i suoi sandali e non voleva perdere altro tempo in quelli che chiamava “preliminari”, prendendomi per mano e guidandoci oltre.

Appena entrati, lei si gettò sul letto, allargando le gambe e accarezzandosi la vulva ricoperta da un sottile strato di morbido pelo pubico, volendo sapere se avevo mai fatto sesso orale in vita mia; Avrei voluto rispondere di sì, ma la mia esperienza in materia si limitava ai famosi catechismi sessuali con illustrazioni o immagini e al mio ritardo nella risposta, Luíza non riuscì a trattenere una risata maliziosa. “Vieni qui, vieni… ti insegnerò a far gemere una donna senza sentire dolore!” mi chiese tendendomi la mano.

Mi sono lasciato guidare dal mio istinto e ho preso posto tra le gambe di Luíza, cominciando ad accarezzare e baciare affettuosamente la zona, ascoltando il mio compagno mormorare gli elogi della mia prestazione preliminare intervallati da brevi gemiti; Con la punta delle dita aprivo la fessura e muovevo la lingua su e giù, provocando altri gemiti interrotti da grida rauche a chiara conferma che stavo facendo tutto bene; Fu così che sfiorai con la lingua il suo clitoride (in quel momento un estraneo che presto sarebbe diventato intimo), e Luíza reagì immediatamente contorcendosi ed emettendo gemiti sibilanti alternati a urla isteriche, lasciandomi sbalordito da questa reazione. che scoprissi gli orizzonti del piacere che un uomo può offrire ad una donna con la sola lingua…, sarebbe una lezione per il resto della mia vita!

Immerso in questa lussuosa atmosfera, mi sono dedicato ad assaporare la calda grotta che copiosamente versava nella mia bocca il suo nettare, risvegliando sensazioni nuove ed indimenticabili. E dopo aver lasciato la mia compagna prostrata davanti al piacere che le faceva tremare il corpo, scopare era una conseguenza inevitabile e deliziosa, Luíza ha insistito per cavalcarmi senza che io opponessi resistenza, semplicemente godendomi di averla sopra di me con la sua vulva che mi copriva il membro. mentre le teneva i seni succulenti, pizzicandole i capezzoli, provocandole ulteriori orgasmi che la fecero tremare involontariamente.

A volte Luíza permetteva un cambio di posizione, chiedendo in cambio che lui le afferrasse i capezzoli e li succhiasse forte, cosa che lui obbediva senza battere ciglio; Grazie alla mia giovinezza unita ad una libido atroce, penso di essere riuscito a fare a Luíza una delle migliori scopate della sua vita, senza osare pensare che fosse la migliore, anche se le sue reazioni corporee suggerivano questa possibilità. Alla fine, sull’orlo del collasso fisiologico, l’ho avvertito del mio imminente climax, sentendo in risposta una supplica angosciata: “Argh! Ahhh! Vieni! Vieni dentro di me! Ugh!” Sentendo questa risposta come un ordine, ho intensificato i miei movimenti pelvici fino a culminare in un abbondante orgasmo che ha inondato la caverna del mio partner, che a sua volta sembrava allucinato, sperimentando un ultimo tremante orgasmo facendo rabbrividire il suo corpo; Sconfitti, sudati ed esausti, eravamo fianco a fianco, abbracciati.

Altre storie erotiche  Ho chiesto di essere un corno e me l'hanno concesso...

“Non avrei mai pensato che scopare con un ragazzino come te sarebbe stato così… così bello!” commentò abbracciandomi più forte e rendendomi molto felice; Ci baciammo ancora qualche volta e alla fine ci addormentammo abbracciati come due amanti che non vogliono separarsi. Poco prima dell’alba, Luíza mi ha svegliato con altri baci e, rendendosi conto che aveva provocato una nuova erezione, si è scusata e ho voluto sapere il motivo delle sue scuse.

-Perché? …, perché mi hai finito! – rispose lei in tono felice ed enfatico – Era da molto tempo che non mi divertivo così tanto! Mi hai portato via tutto il ritardo…, ed è per questo che sono devastata!

Confesso che questa risposta mi ha lasciato felice, sia che potessimo rifarla oppure no, perché tutto quello che era successo era meraviglioso; Ci siamo fatti una doccia e poi ci siamo goduti la colazione che ci ha offerto il motel; Erano appena passate le nove del mattino quando lasciai Luíza vicino a casa sua; Ci siamo baciati ancora qualche volta e non ho potuto fare a meno di chiedere se ci sarebbe stato un altro incontro, ricevendo in risposta un cenno del capo.

Purtroppo questo secondo incontro non ha avuto luogo; Mi sono fermato nel posto indicato, ma Luíza non si è presentata e, con mia sorpresa, l’ho trovata nella sala da ballo con le sue amiche che bevevano birra; Quando mi ha visto ho notato un’espressione triste sul suo viso e alla prima occasione è venuto da me chiedendoci di parlare in privato. Andammo alla mia macchina e appena chiuse la porta, Luíza si lasciò sfuggire una litania di rimpianti pieni di sensi di colpa, dicendo che non potevamo continuare a vederci perché ero più giovane dei suoi figli e questo non era possibile. essere ben considerato dalla tua famiglia. Con le lacrime agli occhi, si è scusato con me dopo che ci siamo baciati più volte.

Ho visto Luíza scendere dall’auto e dirigersi verso la sala da ballo ed ho esitato a tornare per paura di creare un clima di vergogna; Ho iniziato e mi sono diretto verso la cima delle montagne, fermandomi in un bar lungo la strada dove ho sentito la mia tristezza per la perdita di Luíza, bevendo caffè e fumando senza sosta. Stavo per tornare a casa quando Lucrécia, una vecchia conoscenza di tutti coloro che frequentavano questo posto, mi si avvicinò; Con il suo corpo tarchiato vestito da un vestito che sembrava molto più piccolo e un sorriso opportunista, mi ha chiesto se potevo offrirle una birra e per tutta risposta le ho chiesto di sedersi e chiamare il cameriere.

Pronta a ritirarsi, Lucrécia ha insistito per pagare la birra con la pipa, la sua pratica più comune, e ho finito per accettare perché pensavo che fosse un’occasione per affogare i miei dispiaceri a causa di Luiza; Salimmo in macchina e entrai in un ingresso laterale dove parcheggiai, saltando sul sedile posteriore; Lucrécia mi venne incontro e cercò di aprirmi i pantaloni, tirando fuori il bruto indurito, prendendolo in bocca e facendogli un pompino. ben fornito; Dopo molto tempo e rendendosi conto che il mio cazzo non mostrava segni di raffreddamento, la ragazza cattiva si sollevò il vestito, si tolse le mutandine e venne a sedersi in ginocchio davanti a me, dondolando il suo corpo finché la sua vulva non fu calda e bagnata. ingoia la pistola. . Mentre andava su e giù su di me, Lucrécia ha tirato fuori i suoi seni dal vestito e mi ha chiesto di succhiarle i capezzoli. La scopata è durata abbastanza da permettermi di venire, iniettando lo sperma nella figa di Lucrécia, che non ha perso tempo a prendere un asciugamano dalla borsa, alzandosi con attenzione per evitare schizzi, contenendo il suo sperma che le colava sulla vulva. . “Hmmm, ne è valsa la pena! Che bella sborrata!” commentò mentre si ricomponeva, anche se non potevo dire lo stesso perché i miei pensieri erano altrove.

*Pubblicato da Prometeu sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/07/01.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *