Sono una prostituta e mio marito non lo sa

di | 10 de Dicembre, 2022

Mi chiamo Malu, ho 27 anni, sono sposata e ho una figlia di 5 anni, sono una bella donna alta 1,75. Lunghi capelli neri, seno medio, finta vita sottile e sottile.

J’ai découvert récemment cet univers de nouvelles, et après en avoir lu certaines, notamment celles des call-girls, j’ai décidé de raconter aussi un peu ma vie, poi ho iniziato a fare des emissions au milieu de l ‘l’anno scorso

Non sono mai stato molto civettuolo, finché non ho iniziato a fare spettacoli avevo dormito solo con tre uomini.

Ho perso la verginità a 19 anni con un fidanzato che avevo da quando ne avevo 17, e quella relazione è durata poco più di un anno.

Poi sono uscito due volte con un altro ragazzo, ma non ha funzionato e ci siamo lasciati. Poi ho conosciuto mio marito, siamo usciti insieme per circa un anno e mezzo. Sono rimasta incinta e ci siamo sposati.

Per i primi tre anni di matrimonio, abbiamo vissuto una vita normale come una giovane coppia della classe media, senza fronzoli e qualche debito, ma con successo fino a quando non sono stata licenziata a metà del 2019, ed è peggiorata quando anche mio marito è stato licenziato. licenziato all’inizio della pandemia

A poco a poco i nostri piccoli risparmi si sono esauriti e, alla fine, siamo stati praticamente mantenuti dai miei genitori e dai suoi genitori.

Mio marito è caduto in depressione e non ha avuto nemmeno il coraggio di cercare un lavoro.

Mi ha fatto male vedere mia figlia che voleva un Danone e non avevo soldi per comprarglielo, per fortuna i nonni le hanno fatto un favore

Ho un’amica che si chiama Laura, ha detto a tutti che lavora come badante per anziani, a volte le ho chiesto di organizzare un servizio per me, ha rifiutato la conversazione e ha detto che avrebbe visto, ma non mi ha mai risposto.

Un giorno uno strozzino bussò alla mia porta minacciando mio marito per un debito che non aveva pagato.

Disperata e in lacrime, ho chiamato Laura, abbiamo preso un appuntamento ed è stato allora che si è aperta con me.

Disse che era una prostituta, gestita da una donna che aveva solo clienti ricchi, politici e uomini d’affari.

Quando ero impotente, la mia amica ha detto che poteva presentarmi alla donna e, se mi amava, mi avrebbe procurato dei programmi e si sarebbe sbarazzata dello strozzino.

Tornai a casa e passai il resto della giornata angosciata, spaventata dall’usuraio ma senza il coraggio di chiamare Laura, fare la prostituta non mi era mai passato per la testa, non era quello che volevo per la mia vita

Ma non avevo scelta ea fine giornata ho chiamato la mia amica, le abbiamo fissato un appuntamento perché mi portasse a casa della moglie la mattina dopo.

Ho detto a mio marito che andavo a un colloquio di lavoro, lui ha detto che avrebbe passato la giornata a sistemare alcune cose con suo padre e che sarebbe arrivato solo di notte, ho lasciato mia figlia con mia madre e sono andata con Laura da sua moglie Casa.

La signora Lena, molto gentile ed educata, ci ha accolti nel suo lussuoso appartamento, Laura ha spiegato la mia situazione, mi ha fatto alcune domande e alla fine ha detto:

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Ha visto il mio Cabacinho e si è innamorato

– Mi piaci, sei carina ma senza esagerare, senza aspetto volgare, hai la pelle pulita, bei capelli, con un po’ di produzione andrai a spaccare

Le ho detto che avevo davvero bisogno di soldi, ma non ero ancora sicuro di cosa avrei fatto e lei è stata molto disponibile.

– Ascolta, se vuoi, posso offrirti un programma oggi e tu guadagni R$ 1.000,00, poi decidi tu se vuoi altri o no

Quando ha menzionato l’importo mi sono innervosito ancora di più non era quello che volevo per la mia vita mio marito non lo meritava io non lo meritavo ma l’importo era molto allettante e ho detto di sì, ma ho confessato che no non lo meritavo sapere come farlo

D. Lena mi ha detto di calmarmi, alla cliente che aveva per me piacevano i neofiti e sarebbe andato bene, mi ha chiesto se avevo delle restrizioni sul sesso, ho risposto di no, non aveva molti uomini, ma con quelli Ho fatto sesso con mio marito, non c’erano tabù

D. Lena ha chiamato e ha detto che la cliente mi avrebbe incontrato tra 40 minuti, mi ha chiesto di spogliarmi e mi stava analizzando, è andata in camera ed è tornata con un nuovo set di mutandine e reggiseno, mi ha detto di vestirsi e dirlo. è stato un regalo da parte sua il vestito andava bene basta spazzolarmi i capelli e truccarmi

Ero molto nervosa, la signora Lena mi ha detto di stare tranquilla, ha chiamato l’uber che mi avrebbe portato in albergo dove avrei incontrato il cliente, mi ha ordinato di non parlare con nessuno e di non andare alla reception, andate direttamente agli ascensori, quando arrivo all’appartamento, vado in camera e busso alla porta

Ho fatto quello che mi ha chiesto, mi tremavano le gambe, pensavo che da un momento all’altro si sarebbero avvicinati chiedendomi cosa stavo facendo lì.

Sono sceso dall’ascensore, sono arrivato alla porta, ho esitato un po’, sapevo che se avessi bussato a quella porta non sarei più tornato indietro.

J’ai frappé à la porte et un monsieur aux cheveux blancs et de belle apparence m’a répondu avec un sourire amical et affectueux, m’a pris les mains, m’a embrasé due fois sur la joue et m’a entraîné dans il pezzo.

Mi sono seduto sul bordo del letto, mi si è avvicinato con un bicchiere di bevanda, ho rifiutato ma ha insistito perché lo bevessi, ha detto che sapeva che ero nervoso e che mi avrebbe calmato

Gli presi in mano il bicchiere e bevvi all’improvviso, non so nemmeno che bevanda fosse ma mi scese, bruciandomi la gola.

Sorrise, mi prese in mano il bicchiere, lo posò sul tavolo e si sedette accanto a me, e a bassa voce mi parlò

– So che sei nervoso, ma dimentica che è uno spettacolo, fingi che ci siamo conosciuti e vieni a divertirti, dimentica tutto e tutti lì, divertiti.

Lo disse e mi abbracciò, il suo modo affettuoso mi disarmò e mi sentii a mio agio tra le sue braccia, mi accarezzò i capelli poi mi baciò, ricambiai il bacio e cercai di fare quello che mi diceva, di non pensare a niente e soprattutto non ad a

Dopo un lungo bacio mi ha tolto il vestito lasciandomi in reggiseno e mutandine, mi ha alzato in piedi, ha detto che ero bellissima e mi stava girando, ero dentro, comoda e incredibilmente imbarazzata. Mi piaceva essere ammirato e desiderato

Altre storie erotiche  Le ho regalato un altro maschio come regalo di nozze.

Mi ha abbracciato di nuovo, mi ha tolto il reggiseno e mi ha massaggiato, baciato e succhiato le tette, poi mi ha adagiato sul letto, mi ha passato la mano sullo stomaco e la figa sulle mutandine, ero eccitata e senza fiato mentre si toglieva le mie mutandine mi baciano la figa

Già completamente nudo, è entrato con la faccia sulle mie cosce e mi ha succhiato e leccato la figa, io con gli occhi chiusi, mi godevo solo quelle carezze, non so quando ha preso il

vestiti ma quando ho aperto gli occhi era nudo, girava il corpo verso di me per fare un 69

Quando eravamo in posizione, io ero sotto e lui sopra, quel grosso cazzo vicino alla mia faccia, gli ho preso la borsa e l’ho massaggiato, poi ho preso il suo cazzo e me lo sono messo in bocca. figa e l’ho leccato poi sono venuto sulla sua lingua

Si è alzato, mi ha tirato fuori dal letto e si è inginocchiato, poi ho potuto visualizzare meglio il suo cazzo, ovviamente era inevitabile non fare confronti, mio ​​marito ha un grosso cazzo con un rigonfiamento ma non molto, il suo non era quello spessa ma era lunga, quello che ho ingoiato e c’era ancora un bel pezzo all’esterno, dopo averlo succhiato molto mi ha passato un preservativo, che sono riuscito goffamente a mettermi

Sdraiato sul letto è venuto sopra di me ed è entrato in me nella posizione di mamma e papà, mi ha fottuto mentre mi prendeva le tette e mi succhiava, il suo cazzo scivolava deliziosamente dentro di me in un bel dondolio prendendomi a pugni forte. accanto a me e mi ha fottuto baciandomi la schiena facendomi tremare

Era un amante fantastico, tutto il tempo a cui pensavo era scopare e divertirmi, mentre cavalcava su e giù per il suo cazzo, afferrandomi le tette e dicendomi che ero bellissima.

Mi mise a quattro zampe e mi penetrò nella figa, mi accarezzò il sedere e mi tirò i capelli, ma non era doloroso, anzi, era dolore. simpatico

Sempre a quattro zampe, mi ha infilato un dito nel culo, era come se mi avesse dato uno spavento perché non sono abbastanza brava per fare anal con mio marito e non mi aspettavo quello che fa.

Ma lui è davvero un amante di prim’ordine e piano piano il suo dito mi dava piacere e già ci metteva due dita nel fottermi, mi ha tolto il cazzo dalla fica e mi ha messo la faccia nel culo, ha cominciato a leccarmi il buco del culo e ho assaggiato come dove stavo andando

Mi leccò il culo e me lo toccò così caldo che quasi lo implorai di scoparmi, ma io gemetti di piacere finché alla fine mi infilò il cazzo nell’apertura del culo.

Stava spingendo lentamente, faceva male ma allo stesso tempo era bello, quando finalmente il cazzo è entrato fino in fondo, mi ha afferrato i capelli in una coda di cavallo e ha iniziato a scopare molto velocemente, il dolore stava diminuendo, il suo cazzo stava entrando e fuori. dal mio culo facilmente, a volte prendevo il cazzo, succhiavo o sputavo nel buco e lo rimettevo dentro, per la prima volta. nel culo mentre continua a martellare forte

Altre storie erotiche  Infermiera cattiva - Storie erotiche

Dopo avermi rotto molto il culo, mi ha parlato all’orecchio

– Me lo tolgo e sborro su quel bel faccino

Praticamente senza parole, ho solo annuito. Con un cenno, si staccò da me, mi girai con il ginocchio davanti al suo cazzo, si tolse il preservativo e mi infilò il cazzo in bocca.

Ho fatto un orale pulito, ho preso il cazzo colpendolo in faccia, gli ho lisciato le palle, mi sono strofinato la bava su tutto il viso e ho succhiato di nuovo, mi ha tolto il cazzo dalla bocca e ha cominciato a masturbarsi, poi fiotti di sperma mi ha fatto una doccia su tutta la faccia, non avevo mai visto così tanto sperma, mi ha rimesso il cazzo in bocca e l’ho succhiato ingoiando il resto del gala mentre lo sperma mi scorreva sul viso

Poi siamo andati a fare una doccia insieme e si sono scambiati un’altra sessione orale fino a quando un’altra enorme quantità di sperma scorreva, questa volta sulle mie tette.

Mi ha lasciato nell’edificio di Doña Lena, sono andato a prendere i miei soldi e lei mi ha chiesto cosa ne pensavo e se sono tornato, le ho detto che volevo solo andare a casa, mi ha detto ‘ha consegnato i soldi e ha detto Avevo un Bô nudes che il cliente mi aveva aggiunto, senza contare i soldi l’ho preso e l’ho messo nel portafoglio

Quando sono tornata a casa sono corsa in bagno ho buttato a terra la borsa con i vestiti sono entrata nella doccia e ho iniziato a piangere ho pianto mentre l’acqua scorreva lungo il mio corpo e io

Strofinai disperatamente il sapone, scoprendomi sporco e cercando di ripulire tutto il casino che pensavo di aver fatto.

Seduto sul pavimento del locale, con l’acqua che mi cadeva addosso, ho alzato lo sguardo e ho visto la mia borsa, ho preso i soldi e c’erano R$ 1.500,00 in banconote da 50, 00 e 100,00

Mi asciugai, mi misi dei vestiti nuovi e andai a casa di mia madre a cercare mia figlia, la portai al centro commerciale, le comprai una bellissima bambola, mangiammo il gelato, sul suo viso si stampava la gioia per il momento della piacere, era salva. , ho preso il telefono, ho chiamato la signora Lena e le ho detto che avrei aspettato che mi chiamasse per un prossimo cliente.

È così che ho iniziato la mia vita da prostituta, mio ​​marito non se lo sogna, ma approfitta dei soldi che porto a casa, pensa che mi prenda cura degli anziani, e ‘in qualche modo sono

Scusate se è stato lungo, ma era il massimo che potevo ridurre senza danneggiare il racconto di come è successo, nei prossimi prometto di essere più obiettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *