Storia erotica del cornuto – L’addio al nubilato della ninfomane

di | 27 de Giugno, 2024

Venere era una ninfomane e il suo fidanzato, Saturno, non lo sapeva. Quando non lo scopava tutti i giorni, si accontentava di tre amici del college, compagni di cazzi stabili, il cui unico interesse era far entrare il loro sperma in tutti gli orifizi del caldo pervertito di 26 anni. In qualche modo doveva venire ogni giorno. Altrimenti, il giorno dopo, il suo cattivo umore l’avrebbe trasformata in un disastro nervoso e completamente scortese.

Un giorno decisero di fissare una data per il matrimonio. E Venere suggerì una cosa: non ci sarebbe stato nessun addio al celibato o al nubilato. Ci sarebbe una “festa unica”, una riunione di famiglia, a casa di Saturno. All’inizio lo sposo era un po’ turbato, perché già immaginava un gran casino alla vigilia del grande giorno.

Ma più tardi, dopo un’intera giornata di buon sesso con la sua fidanzata, ha accettato. Dopotutto, cosa c’è che non va in un bravo giovane stronzo?

Ma perché Venere aveva deciso di farlo? Senza una buona ragione, non è stato così. Tuttavia nessuno lo metteva in dubbio e nemmeno lo sospettava.

E la situazione peggiorò ulteriormente quando i suoi genitori informarono Venus che non sarebbero venuti. Dovevano recarsi urgentemente in Argentina, dove avevano degli affari e dove ci furono alcune complicazioni.

Venus era molto dispiaciuta quando salutò i suoi genitori, ma dentro di sé era abbastanza soddisfatta. Cosa aveva in mente?

Venerdì, guarda caso festa nazionale, era il giorno dell’addio al celibato. Oltre alla madre, al padre, ai due fratelli e alla sorella di Saturno, erano presenti poco più di 15 ospiti. Quello più vicino. E una sorpresa li attendeva: Venere e Saturno, vestiti con uniformi formali, erano i camerieri della festa.

Fu servito un magnifico banchetto, simile a quello degli antichi romani, con varie carni e vini di diverse marche e annate, in abbondanza.

Saturno era incaricato di servire le guarnizioni e gli accompagnamenti, e Venere le bevande: vini, whisky della migliore qualità e altri liquori.

E quello che non mancava nelle tazze e nei bicchieri dei suoi ospiti e dei suoi futuri cognati era l’alcol. Nemmeno per un minuto smisero di mangiare e soprattutto di bere. Neppure Saturno, al quale la prudente sposa offriva ad ogni giro un bicchiere di whisky.

Altre storie erotiche  Lo do a Rafael e a mio marito.

Verso le 18 la stanza cominciò a svuotarsi. Gli ospiti se ne andarono uno dopo l’altro, ubriachi e ubriachi. Quello che aveva l’autista salì in macchina e svenne. Chi non l’ha fatto ha lasciato l’auto parcheggiata in strada e ha preso un Uber per tornare a casa.

A casa dei genitori di Saturno, uno dopo l’altro, i fratelli si avviarono verso la loro suite, barcollando e aggrappandosi ai mobili. Si fecero la doccia e appena riuscirono ad uscire dal bagno si buttarono sul letto senza avere la forza di fare altro. La stessa cosa è successa con i genitori di Saturno e con lui stesso, che ha addirittura dimenticato che Venere era in casa.

A proposito di Venere. È lei? Ah, la sposa era molto lucida, se ha bevuto molto durante l’incontro era mezzo bicchiere di vino e un bicchierino di whisky!

Quando scoprì che tutti erano affidati alle braccia di Morfeo, molto fiduciosa davvero, Venere fece un bagno rilassante, in una vasca di sale, chiuse gli occhi, si masturbò e si addormentò. Rimase lì per circa un’ora. È uscita riposata e rilassata. Dopotutto, sarebbe una lunga notte!

L’orologio del cellulare segnava le 22 quando Venere, ricoperta solo di raffinata biancheria intima, entrò nella camera da letto di Marte, il fratello minore di Saturno. Nudo, da come uscì dal bagno, il ragazzo aveva un’erezione. Venus fu sorpresa, ma si rese presto conto che stava sognando.

Marte gemette, sospirò, sorrise. Sì, ha sognato e scopato bene. E Venus ha deciso di contribuire, realizzando il sogno. Emozionata, salì lentamente sul letto, muovendosi come un felino. Si fermò sopra il corpo di suo cognato e si accovacciò. Ha spinto il cazzo del ragazzo in profondità nella sua figa. E cominciò a salire e scendere, lentamente e ritmicamente.

Altre storie erotiche  La Vergine - Storie erotiche

Poi cominciò a guidare, anche lentamente, mentre Marte continuava a sognare e pronunciava perfino il nome di una donna: Cláudia, la segretaria di suo padre.

Venus si ricordò che non poteva ritardare e cominciò a cavalcare un po’ più velocemente, facendo strofinare il suo grosso cazzo contro il pube di Marte. Ancora qualche colpo e lei arriva forte, quasi urlando. Lasciò subito il bambino, ma decise di far sì che “Cláudia” gli desse il massimo piacere. Si masturbò fino all’arrivo di Marte e continuò il suo sonno profondo.

La stanza accanto apparteneva a Estrela, sua cognata di 19 anni. Come prima, entrò in punta di piedi. Ha spinto la ragazza. Se si fosse svegliata, Venus avrebbe detto che stava cercando una medicina per il mal di testa. Ma il sonno, aiutato dall’alcol, era pesante. Lo ha fatto solo per testarlo e ha lasciato la stanza. Non le piacevano le fighe, le piacevano i cazzi duri!

Entrò il successivo, la coppia. Miriadi, la madre di Saturno e Giove, dormivano profondamente, una su ciascun lato del letto. Venere ha ripetuto la stessa cosa con Marte. La differenza era che il cazzo dell’uomo era flaccido. Molto delicatamente, la figliastra leccò, leccò, leccò, si mise il glande in bocca e cominciò a succhiarlo senza fretta.

Nel giro di pochi minuti, il pene di Giove era rivolto verso l’alto, lasciando Venere senza parole e con la figa pulsante: era un “bastone”, grande e molto grosso. Immediatamente, con gli stessi movimenti molto attenti, si sedette su questo tronco.

E veniva solo quando veniva spesso, due orgasmi di seguito, durante i quali gemeva ed era presa dal panico, temendo di aver svegliato qualcuno. Ma l’alcol è rimasto il suo compagno. Per farsi perdonare dal patrigno, lo ha succhiato finché non è arrivato e ha ingoiato tutto.

Mancava solo Nettuno, il più giovane, 18 anni. Nella sua stanza, Venere si comportava allo stesso modo. Prima con un bel pompino che ha reso duro il cazzo del ragazzo. Ma con una differenza. Oltre a succhiare e scopare, ha dato al giovane il culo. Sì, ha fatto sesso anale. Dopo aver sborrato con il giovane cazzo nella figa, la sorellastra ha lubrificato pesantemente l’anello di cuoio e si è seduta sul cazzo duro. Non è sceso finché non sono arrivati ​​entrambi. Lei, comunque!

Altre storie erotiche  Da Curitiba sono andato a San Paolo per formare una coppia!

Dopodiché, con il passare delle ore, Venere ritornò nella stanza del fidanzato, fece una doccia e andò a sdraiarsi accanto al corno. Verso le 7 del mattino, Saturno viene svegliato dalla fidanzata, con un “pompino perfetto”, come lui stesso definisce. Era il giorno del matrimonio!

Uno dopo l’altro, i fratelli e i genitori di Saturno si alzarono e si avviarono verso la sala da pranzo, dove il servitore aveva già preparato una grande tavola per la colazione. I due fratelli dello sposo sembravano un po’ strani. Seduti uno accanto all’altro, mormoravano della coincidenza di essersi svegliati ricoperti di sperma, ma alzavano le spalle senza capire nulla.

Al matrimonio, prima dello scambio degli anelli, Venere vide tra gli invitati i suoi tre simpatici galli. Fece loro l’occhiolino e ricambiò il favore, mentre i suoi genitori arrivavano in fretta, sbarcati dal loro veloce viaggio.

Già nell’hotel dove avrebbero trascorso la luna di miele, ai Caraibi, Venus, senza che il suo attuale marito Saturno se ne accorgesse, rimase affascinata dalla bellezza e dai corpi di receptionist, portieri e ascensori e, prima di salire, chiese Il messaggero A, altrettanto bello e muscoloso, portò nella stanza verso mezzanotte una bottiglia del miglior vino della cantina. E, leccandosi le labbra, fece l’occhiolino al giovane!

*Pubblicato da Mario2024 sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/06/01.