Kelly and Gwen Pt. 02 – BDSM

di | 1 de Settembre, 2022

(continua dalla parte 1)

La cena preparata da Kelly è stata davvero deliziosa. Anche i preparativi sono stati migliorati poiché Gwen poteva vederla lavorare nuda in cucina, indossando solo brevemente un grembiule quando doveva lavorare vicino ai fornelli. Kelly ha servito silenziosamente la sua signorina al tavolo, mentre teneva ancora le mutandine alla bocca. Gwen guardò le guance leggermente gonfie e rise. “Penso che faresti meglio a toglierti quelle mutandine dalla bocca così puoi mangiare, Kelly. Quindi apri la bocca ora.” Quando le labbra di Kelly si aprirono, Gwen si tolse le mutandine bagnate. “Tieni le gambe divaricate e le mani dietro la testa, ragazza”, ha detto al sottomarino. Separando le labbra dalla figa di Kelly, si infilò le mutandine dentro per sicurezza durante la cena. Gwen ha gentilmente permesso a Kelly di usare un piatto e degli utensili per la sua cena, ma con il suo piatto sul pavimento accanto alla sedia di Gwen.

Parlavano delle loro giornate mentre mangiavano, Kelly ansimava di tanto in tanto mentre Gwen giocava pigramente con i suoi capezzoli, godendosi la loro consistenza. Dopo aver liberato il tavolo, Kelly rimase con le gambe divaricate e le mani dietro la schiena mentre Gwen rimuoveva con cura le mutandine pesantemente profumate dall’inguine della sua sottomessa. Ha quindi messo le mutandine sulla testa di Kelly, con il pannello inguinale sul naso della donna, facendole vedere i buchi nelle gambe. “Ora, puttana, mettiti a quattro zampe, striscia in bagno e preparami un bagno caldo”, ordinò Gwen.

Guardò il culo di Kelly muoversi mentre iniziava a gattonare. Gwen notò la donna che strisciava lentamente, quasi implorando uno schiaffo. Gwen decise che, poiché la cena era stata così meravigliosa, Kelly meritava una piccola ricompensa. Poi lo schiaffeggiò forte sul culo nudo, dicendo: “Vai più veloce, stupida puttana!”

Kelly saltò, urlò (e rise) e strisciò molto più velocemente. Gwen lo seguì, camminando pacificamente. La vasca stava cominciando a riempirsi quando entrò in bagno e Kelly era inginocchiata accanto a lei. “Slegami”, ordinò Gwen, e assaporava la sensazione delle mani di Kelly che si slacciavano e si toglievano i vestiti quasi con riverenza. Probabilmente non era la sua immaginazione che quelle mani indugiassero sulla sua carne calda un po’ più a lungo del necessario.

Quando fu completamente nuda, Gwen tese la mano a Kelly. “Togliti quelle mutandine ora e aiutami a entrare nella vasca, ragazza.” Mentre Kelly, in piedi accanto alla vasca, cercava goffamente di tirare Gwen di lato, Gwen la interruppe. “No, sciocco. Hai bisogno di un po’ di buon senso. Entra prima nella vasca e poi aiutami a entrare.” Le guance di Kelly arrossirono per l’imbarazzo per questa punizione mentre obbediva. La sua figa formicolava mentre provava il dolce brivido dell’umiliazione. Una volta che furono entrambi dentro, Gwen li fece scorrere nell’acqua deliziosamente calda.

“Okay, ragazza… insaponami adesso,” chiese Gwen mentre si sedevano. Il cuore di Kelly batteva forte mentre lavorava la saponetta tra le mani, poi iniziò a strofinare la sua padrona con la schiuma. Entrambi sospirarono di gioia mentre la sottomessa svolgeva il suo compito con amore. Dopo un po’, Gwen ridacchiò: “Ok, ragazza – il mio seno è perfettamente pulito e levigato fino a ottenere una lucentezza brillante. Ma che ne dici di farmi il collo e la schiena?”

Arrossendo, Kelly riportò la sua attenzione sulla parte posteriore del corpo della sua donna. Dopo essersi pulita il collo e la schiena, deglutì a fatica mentre Gwen si alzava, presentando le natiche, la parte posteriore delle cosce e parte dei polpacci, in attesa di ulteriori insaponamenti e pulizie. Kelly iniziò a lavorare diligentemente e probabilmente in pochissimo tempo uno di loro finì quello che poteva. Se si aspettava che Gwen si girasse in modo da poter lavorare nelle aree frontali, era delusa, quando Gwen si sedette di nuovo nell’acqua calda. “Ora alzati e pulisci, cagna, mentre mi lavo gambe e piedi”, ordinò Gwen.

Uno alla volta, Gwen sollevò una gamba e un piede sopra l’acqua, insaponandosi e sciacquando. Nel frattempo, Kelly si alzò e si lavò, piegandosi o piegandosi per lavare via la schiuma. Naturalmente, l’acqua nella vasca non era più pura, ma una volta che la vasca era stata scaricata, potevano sciacquarsi completamente con il soffione. Quando Gwen ha finito le gambe, ha dato a Kelly un altro comando. “Siediti sul bordo della vasca con le cosce divaricate e usa entrambe le mani per allargare le labbra della figa, cagna. Mostrami il tuo spazio privato mentre mi lavo la figa.” Si stava godendo sia la vista del sesso esposto di Kelly, sia l’esplosione di umiliazione arrapata che la donna mostrava, mostrata in questo modo. Gwen ha passato un po’ più del solito a lavare il proprio spazio privato.

Svuotando la vasca, si lavarono insieme sotto la doccia, Kelly strofinando ma anche incaricato di strofinare la sua miss e rimuovere le bolle. Pulisci ora, disse Gwen, “Asciuga prima me, poi te stessa, ragazza”. Poi unisciti a me in camera da letto quando sei asciutto.

Entrando nella camera da letto diversi minuti dopo, Kelly vide che Gwen si era appoggiata a un cuscino ed era seduta nuda sui copriletto. “Adora i miei piedi”, ha detto al suo sub. Per i successivi 15 minuti, Kelly lo fece, con entusiasmo. Accarezzò i piedi di Gwen con le guance, poi li tenne con riverenza mentre li baciava dappertutto, leccò la pianta dei suoi piedi e le mordicchiò il collo del piede. Ha usato la lingua per lavarsi tra le dita dei piedi, poi ha iniziato a succhiarle… individualmente e in piccoli gruppi. Le sensazioni del succhiare sembravano sparare direttamente nella figa di Gwen, e lei riusciva a malapena a trattenersi dal gemere mentre si mordeva il labbro.

“Va bene, va bene, piccola puttana arrapata,” ansimò Gwen, tremando. “Bacia lentamente verso la mia figa ora,” chiese. Eccitata dal tono della voce di Gwen e maledetta, Kelly iniziò la sua lenta ascesa delle gambe tornite della sua signora, i suoi baci si alternarono tra dolcezza/amorevole e fervente. Mentre lo baciava, i suoi occhi caddero sulla testiera, scrutando tutto intorno, bevendo alla vista del viso, del seno e della figa di Gwen. A poco a poco, il suo campo visivo si restrinse, perdendo di vista prima il viso di Gwen, poi i suoi seni. Tutto ciò che Kelly poteva vedere adesso era il suo attuale obiettivo. L’ostruzione delle labbra di Gwen segnalava la sua crescente eccitazione, e l’umidità crescente tra loro emanava un profumo inebriante.

Le labbra di Kelly erano forse a pochi millimetri da quelle labbra mentre sussurrava: “Signorina? Posso ?

Sorridendo, Gwen si fermò prima di rispondere, assaporando l’attesa. Puoi mangiare la mia figa e farmi venire. Ma quando Kelly iniziò il suo atto di cunnilingus, il cellulare di Gwen squillò. Kelly si chiedeva se Gwen si sarebbe presa la briga di rispondere a questo momento intimo, ma non ha interrotto quello che stava facendo.

Gwen ha risposto dicendo: “Ciao Steve… come va laggiù?” Gemette sommessamente mentre Kelly aggiungeva l’esplorazione delle dita mentre la sua lingua continuava a leccarsi. “Oh, quel rumore? Mi allungo… ed è meraviglioso allungare… è così bello! Cosa fai ? Si fermò, ascoltando Kelly tenere entrambe le labbra aperte e immergere la lingua in profondità, forse cercando di leccare la cervice di Gwen. “Sei appena uscito dalla doccia, con solo un asciugamano avvolto intorno alla vita?” lei rise. “Anche io amore mio.” Si chiese cosa avrebbe pensato se avesse saputo che il suo capo gli stava mangiando la figa.

Gwen ha un sorriso malizioso stampato in faccia. “Apri questo asciugamano mentre io tolgo il mio asciugamano qui, amore mio.” Ha messo a tacere il telefono per un momento, sussurrando: “Continua a mangiarmi la figa e non osare fermarti anche se vengo, puttana cattiva e affamata”. Ha riacceso il telefono. “Okay, ora sono nudo. Voglio che avvolgi la tua mano attorno al tuo bel cazzo e immagini che sia la mia mano. Sto usando l’altra mano per toccarmi così puoi sentire dei dolci suoni.” Proprio in quel momento, Kelly spinse di nuovo la lingua in profondità e quasi rise nella figa di Gwen al suono bagnato che faceva la sua lingua.

“Ooooooo è così bello… il tuo cazzo nella mia mano e il mio dito in me,” mormorò Gwen. “Riesci a sentirmi iniziare a pompare il tuo cazzo difficile, amante? Mmmmmmm bene.” Gemette di nuovo, senza più cercare di stare zitta. “Si sta scaldando nella mia mano, e più grande, e più lunga, non è vero?” Emise un suono lungo e prolungato. “ahhhh” mentre Kelly la tirava lingua fuori e ha inserito due dita nella figa molto bagnata di Gwen. Ho appena sentito che mi hai infilato due dita dentro e hai iniziato a fottermi! Ti sto pompando il cazzo un po’ più velocemente ora in risposta.”

Gwen gemette e gemette seducente nel telefono, ascoltando i grugniti e i sussulti di suo marito. Era davvero eccitato dal sesso telefonico. Con una voce roca e potente, ha detto al telefono: “Tesoro, voglio che ti bagni la mano e la chiudi sopra la testa del tuo cazzo, e immaginami mentre uso la bocca lì”. Aspettò che lui le dicesse che lo stava assecondando, poi sussurrò: “Mmmmm… adoro il modo in cui il tuo cazzo ha il sapore del mio amore – sia il tuo precum che il tuo sperma sono reali. Io…*gemo* ti pompano più velocemente, ti succhio più forte adesso.” Kelly ha preso questo come spunto per succhiare delicatamente il clitoride di Gwen.

L’effetto era galvanizzante! “AH CAZZO! Sì… oh sì… le tue dita dentro di me stanno davvero aumentando il mio desiderio in questo momento, tesoro. Devi avere il tuo sperma! Usa un po’ i tuoi fianchi… scopami la mano e la bocca. Sì. , metti il ​​telefono sul cuscino accanto a te. Usa entrambe le mani… Mi sono infilato un terzo dito nella figa… e adesso sono fottutamente più veloce. Kelly ha preso anche quella spunto e ha obbedito. “Sento il tuo respiro accelerare ora. . So che non passerà molto tempo prima che tu venga, riempiendomi la bocca con questo dono che bramo. Ecco fatto piccola… fanculo la mia mano e la mia bocca… vieni a prendermi. Quando se lo fai, so che lo farò, fammi sentire… oh si… si… è fatto! Ti sento sborrare! Ci sono quasi !”

Kelly ha bagnato un dito e lo ha spinto nel buco del culo di Gwen. Gwen ha resistito e ha perso completamente il controllo! “Oh mio Dio… sì… io sono…” Emise strani suoni di rilascio mentre Kelly le succhiava la figa, bevendo il suo sperma. La sensazione era così intensa che Gwen lasciò cadere il telefono e lo schizzò nella bocca di Kelly! Ora c’era solo il suono del respiro affannoso di suo marito proveniente dal telefono, e Gwen aveva la testa girata verso quel telefono, respirando anche pesantemente in modo che Steve potesse condividere questo momento con lei. Dopo un lungo momento, lo sentì sbadigliare. Sorridendo, prese il telefono e disse senza fiato: “È stato fantastico, amore mio! Dovremo fare l’amore al telefono più spesso mentre tu non ci sei. Emise suoni di baci mentre si salutavano e riattaccò.

Kelly ha ancora diligentemente mangiato la figa di Gwen, poiché le è stato detto di non fermarsi anche se Gwen aveva un orgasmo. Mettendo giù il telefono, Gwen accarezzò la testa del suo sottomarino e disse: “Puoi fermarti ora, ragazza”. Alzati e seguimi. Il Dominante la portò nella stanza dei giochi e scelse un butt plug di buone dimensioni, oltre a una frusta con lunghi fili da un appendiabiti. Seduta su una sedia con le ginocchia divaricate, ha detto a Kelly: “Ti ho promesso che potevi bere i miei succhi di figa mentre ti frustavo la schiena e il culo, quindi mettiti in ginocchio e occupati- Ma prima, bagna quel tappo”. e piegarmi così posso inserirlo.”

Kelly non riusciva a mettere l’intero butt plug in bocca, quindi lo leccò tutto. Poi ci sputò sopra diverse volte, ricoprendolo con la sua saliva, e lo porse con cura a Gwen. Voltandosi, si piegò in vita, allungando entrambe le mani dietro di sé per aprire le natiche. Gwen sputò con precisione nel bocciolo di rosa increspato di Kelly e premette il plug anale contro l’apertura offerta. Il tappo scivolò dentro, scomparendo lentamente mentre Kelly emetteva piccoli suoni estatici. La spina è scattata in posizione e Gwen ha accarezzato il culo di Kelly, indicando che ora poteva iniziare. Felicissima, Kelly si lasciò cadere a quattro zampe e corse in grembo a Gwen, bloccando le labbra contro quella figa profumata che le era stata offerta e iniziando a succhiare e bere. Sussultò brevemente quando i fili della frusta schioccarono contro la sua schiena, più sorpresa che sensazione. “Mi frusterà davvero e manterrà la sua promessa!” lei ha pensato. “È così meravigliosa in questo! Voglio essere sua!” Gemeva nella figa di Gwen mentre le ciocche le frustavano il culo. Era un gemito di desiderio.

“Dovrai darmi qualche consiglio, cagna”, disse Gwen. “Dovrei colpire più forte? Puoi smettere di mangiare per un momento per rispondere.

“Grazie, signorina. Entrambi i posti possono essere più difficili – il mio culo può diventare molto più forte della mia schiena. Posso annuire più forte e scuotere la testa quando sono abbastanza forte?” Dopo aver risposto, tornò a succhiare le labbra di Gwen, aspettando la sua decisione. Era elettrizzata dall’allungamento e dalla sensazione completa del plug anale.

“Mi piace quell’idea, ragazza, perché significa che non devi mai smettere di mangiarmi la figa mentre faccio le modifiche.” I cavi sibilavano sempre più forte contro la schiena di Kelly, ma lei continuava a scuotere la testa. Alla fine, con sollievo di Gwen, la sua sottomessa scosse la testa. Ha lasciato che i muscoli delle braccia imparassero quella forza di oscillazione attraverso molte altre applicazioni sulla schiena di Kelly, che ha assunto un’interessante tonalità rossa. Ha quindi usato la stessa forza contro le natiche di sua figlia, sperando e ottenendo un cenno del capo di poter dondolare più forte. Era piuttosto sorpresa di quanto duramente avesse dovuto attaccare prima che Kelly scuotesse di nuovo la testa. Ha frustato diverse volte il sedere della ragazza, poi ha rallentato per darle un calcio indietro, e Kelly non ha annuito né scosso la testa, quindi a quanto pare aveva ragione.

Nel frattempo, l’eccitazione di Kelly aumentava e cresceva mentre succhiava e gemeva. I suoni che ha fatto hanno anche acceso Gwen, quindi la sua figa ha generato più liquido da bere per Kelly. Non era l’unica figa che si stava oliando come una matta. Kelly ora stava emettendo una sorta di gemito nel profondo della gola mentre sentiva i suoi fluidi intimi scorrerle lungo le cosce. Continuò a bere, ma apportò due piccoli aggiustamenti al suo corpo. Sollevò leggermente le labbra in modo che il clitoride di Gwen venisse strofinato e le labbra succhiate. E inclinò il bacino, aspettando che i fili della frusta colpissero il punto esatto in cui aveva bisogno di venire. Il quarto colpo ha trovato questo segno.

Kelly è venuta – difficile!

Cominciò a tremare e convulsioni tra le cosce lisce di Gwen, sfregandosi contro di esse. Gwen poteva dire che Kelly stava avendo un orgasmo, dalla vista, dall’olfatto e dal tatto. Il suo stesso corpo ha combinato questa conoscenza con le meravigliose sensazioni che si irradiano dal suo clitoride e dalla sua vagina… e… ha innescato un climax incredibile! I suoi muscoli addominali si contrassero ritmicamente, eiaculando virtualmente il suo sperma nella bocca di Kelly! Gwen lasciò cadere la frusta e afferrò la testa di Kelly, premendo più forte le sue labbra contro la sua apertura vaginale, nutrendo la sua sottomessa mentre cavalcava quelle deliziose onde orgasmiche.

Entrambe le donne hanno impiegato un po’ di tempo per calmarsi abbastanza da respirare normalmente.

La notte era fredda, quindi dopo che si erano preparati per andare a letto, Gwen ha fatto sdraiare Kelly sotto le coperte, su un fianco ai piedi del letto, con la testa scoperta su un fianco. Ha quindi usato il corpo di Kelly come scaldapiedi, posizionando i suoi piedi ghiacciati e le dita dei piedi contro il petto di Kelly. Il primo tocco fece sobbalzare un po’ Kelly e fare un suono smorzato, ma poi i due si calmarono in un sonno tranquillo.

La mattina dopo, mentre Kelly stava preparando la colazione, Gwen stava scegliendo i vestiti che avrebbe indossato per far lavorare la ragazza. La camicetta era di un verde intenso, che avrebbe messo in risalto i ricchi toni rossi dei capelli ramati di Kelly. La gonna era lunga, arrivava appena sotto le ginocchia di Kelly e leggermente plissettata per facilitare i movimenti. C’erano anche calzini alti e scarpe di pelle nera. Kelly è arrossita di una bella sfumatura di rosa quando ha visto che non avrebbe indossato reggiseno o mutandine. Gwen sapeva che il suo sottomarino desiderava ardentemente una sculacciata al mattino, quindi ha scelto la gonna in modo da poter sollevare facilmente l’orlo per dare al suo sottomarino una sculacciata completa su entrambe le natiche nude. Si sarebbe sicuramente ricordata della sua signorina ogni volta che si sedeva al opera.

Quando Kelly tornò a casa dal lavoro, proprio mentre stava chiudendo la porta d’ingresso dietro di sé, sentì Gwen dare i suoi ordini con un meraviglioso tono di voce che richiedeva obbedienza immediata. “Vattene da lì puttana!” Voglio vederti senza macchie sui tuoi vestiti. Ciò significa che arrivano anche scarpe e calzini. Dopo aver sentito la parola “cagna”, Kelly si spogliò velocemente ma anche sensualmente, i suoi movimenti offrendo i suoi seni mentre si toglieva la camicetta, e le sue natiche mentre si toglieva la gonna. Si sedette sul pavimento, di fronte a Gwen, e allargò deliberatamente le cosce mentre si toglieva le scarpe e si abbassava i calzini. Gli occhi di Gwen si sono illuminati godendosi questo spettacolo di spogliarello improvvisato.

“Va bene, ovviamente puttana arrapata. Ho gli ingredienti per un’insalata fredda di noodle per cena stasera. La ricetta è qui, e non c’è bisogno di cucinare, quindi non hai bisogno di grembiule. Prepara la nostra cena nuda. Oh. Quasi quasi dimenticato – resta lì un po’.” Afferrando una serie di manette dalla stanza dei giochi, ha attaccato catene interconnesse ai polsi e alle caviglie di Kelly, regolando la lunghezza delle catene in modo che camminare e manipolare le cose fossero difficili. Kelly ha pensato che questo accordo fosse così eccitante che la sua figa gocciolante ha rilasciato il suo profumo celeste nell’aria della stanza.

Entrata in cucina, Kelly si mise al lavoro mescolando il sugo per la pasta. Non ci volle molto prima che sussultasse e sussultasse, mentre Gwen camminava silenziosamente dietro di lei e inserì un dito nella sua figa ancora gocciolante e iniziò a rimescolare i fluidi generati da quel tunnel intimo. Lei rise. “Forse avrei dovuto optare per quella ‘salsa per ragazze’ per la nostra cena – di sicuro generi abbastanza, cagna.” Aggiunse un dito e si mosse ancora un po’. “A pensarci bene, questo sarà un ottimo dessert.” Kelly gemette piano sentendolo. Poi gemette mentre le dita di Gwen lasciavano la sua figa, che ora sembrava vuota.

Gwen lasciò andare i polsi di Kelly mentre si sedevano per mangiare in modo da poter mangiare la deliziosa cena che aveva preparato. Era, tuttavia, distratta dall’idea che fosse il dessert della sua padrona. La sua eccitazione crebbe quando finirono di mangiare, e lei spense la tavola e lavò i piatti. Abbastanza sicuro, quando ebbe finito, Gwen la fece cenno di tornare al tavolo e la fece arrampicare su di esso, la figa sul bordo. “Alza le gambe con i piedi sopra le spalle e afferra la parte posteriore delle ginocchia, ragazza.”

I suoi polsi erano ancora liberi, quindi era facile sollevare le gambe e afferrarle le ginocchia. La catena che le legava le caviglie ticchettava leggermente mentre Kelly si spostava avidamente nella posizione della sua damigella. Domanda. Adesso stava lubrificando come una matta, aspettando di sentire la bocca e la lingua di Gwen sul suo sesso. Purtroppo non è successo subito. Invece, Gwen allargò le labbra della sua figa da ragazza e con calma, senza fretta, studiò l’apertura della sua area intima. Si meravigliò della lucentezza e del lieve formicolio della delicata carne rosa rivelata dalle sue labbra socchiuse. L’odore era inebriante e altro liquido sgorgava dal tunnel tortuoso mentre lei osservava. Anche il clitoride di Kelly sporgeva dal suo cappuccio e arrossiva mentre si contorceva.

La prima leccata che Gwen gli ha finalmente dato ha scioccato Kelly. Aspettandosi che una lingua entrasse nel suo vaso di miele, o forse delle labbra che si attaccassero al suo clitoride, fu piuttosto sorpresa di sentire la punta della lingua di Gwen fluttuare contro un pezzo estremamente sensibile – il bordo leggermente rialzato della carne che lo circondava. . buco della pipì! Urlò e rabbrividì in reazione, quindi, ovviamente, Gwen continuò a parlarle. Aveva le mani ai lati del culo di Kelly, ed era divertente sentire i suoi muscoli tendersi e rilassarsi ogni volta che la sua lingua entrava in contatto. L’odore di Kelly si fece più forte.

Quindi Gwen premette le labbra attorno all’apertura principale e succhiò mentre affondava la lingua in profondità. Finì con la bocca piena di succo di figa mentre il capo di suo marito urlava di gioia. L’anticipazione e la presa in giro erano troppe per la sottomessa – mentre sentiva i suoi fluidi risucchiarsi dalle sue profondità – raggiunse l’orgasmo! I muscoli del suo stomaco si unirono ai suoi muscoli interni in contrazioni rapide e ondulate che espellevano il suo sperma. Il sigillo sulla bocca di Gwen non era così intatto come pensava, e i succhi di sperma più dolci che non riusciva a ingoiare abbastanza velocemente le stavano ricoprendo e imbrattando il viso. Non le importava affatto. Ha anche succhiato delicatamente il clitoride di Kelly, facendo piegare i bulbi oculari di sua figlia nelle orbite mentre l’orgasmo si intensificava e indugiava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *