realizzare le nostre fantasie

di | 8 de Dicembre, 2022

da Cesare

Mi chiamo Chiara. Ho 45 anni e sono sposato da diversi anni. Fin da piccola sono sempre stata una combattente, civettuola e ho dormito con tutti i fidanzati che ho avuto. Nel corso del tempo, è naturale che il matrimonio raffreddi il sesso, e per me non è stato diverso. Mio marito ed io abbiamo sempre avuto una vita sessuale molto attiva, quindi quando le cose hanno iniziato a calmarsi, ci siamo seduti a parlare. Io ero sempre più audace e siccome dovevamo parlare di desideri e fantasie, ho subito detto:

– Non pensare che io abbia smesso di amarti, ma la mia fantasia è di stare con due uomini e tu devi essere uno di loro.

Dopo aver parlato senza pensarci troppo ho pensato: adesso sono fottuto, che ne penserà. Rimase in silenzio per un momento, poi mi guardò con un sorriso sul volto e disse:

– Cazzo, è da tanto che covo la voglia di vederti scopare con un altro, ma non sapevo come dirlo, visto che vuoi, perché no.

Non riuscivo a trattenermi dalla gioia e l’ho baciato sulla bocca. Ci sdraiamo e scopiamo come non facevamo da molto tempo. Quando ho avuto il suo cazzo in bocca, deliziandomi con una deliziosa tetta, mi ha chiesto:

– Amore, dì che succhi il cazzo a un’altra persona… Parla.

Sentire questo è stato il fattore scatenante per il rilascio della mia erezione una volta per tutte:

– Hmmmm si arrotola bene per succhiare… Una delizia… Molto meglio del cazzo di mio marito… Fottiti in bocca la tua puttana birichina.

Ho parlato guardando mio marito che vibrava di desiderio. Ho sentito il suo cazzo diventare ancora più duro. Ero felice della sua adesione alla mia fantasia e se avessi saputo meglio, sarei stato liberato molto prima. Sono passati diversi giorni di seguito che il nostro sesso ha riacquistato la forza dell’inizio del matrimonio. Così abbiamo deciso di mettere in pratica le nostre fantasie nella realtà. Vaghiamo per le chat room, dove entrano persone liberali. Anche se non abbiamo trovato nessuno che soddisfacesse le nostre aspettative, solo parlando con altre persone e talvolta lamentandosi molto, la mia figa è diventata appiccicosa e il cazzo di mio marito è diventato davvero duro. Di tanto in tanto mi passava la mano sulle cosce, mi infilava un dito nella fica da cui trasudava un succo sciropposo, poi la leccava e diceva:

– Mi piace il sapore della tua figa.

Le ho baciato la bocca e ho assaggiato la mia figa lì. Quando non si è presentato nessuno, ho parlato di lasciarlo e andare a dormire, ma mio marito voleva impegnarsi un po’ di più e ha detto che voleva vedermi gemere sul cazzo di un altro uomo. Abbiamo surfato ancora un po’ ma senza fortuna, quindi abbiamo deciso di andare a letto e scaricare la nostra erezione. Già a letto e con il suo cazzo infilato nella mia figa, in basica mamma e papà, mi ha detto:

– Muori dalla voglia di mettermi un cornuto in testa, vero, puttanella?

– Ammetto che non l’avevo visto attraverso questo prisma, ma visto che l’hai detto, voglio decorare la tua testa e farti diventare il mio cornuto, mostrandoti come se la cava la tua puttanella a scopare con un altro maschio ben dotato.

Non ho nemmeno finito di parlare e lui è esploso in uno sperma fenomenale, riempiendo la mia figa con il suo sperma caldo. I giorni seguenti continuammo a curiosare tra le stanze fino al giorno in cui trovammo Sandro. Anche maturo, liberale, aveva già esperienza con altre coppie, e dalla conversazione si è rivelato piuttosto cattivo. Dopo alcune conversazioni nella stanza, siamo passati a Skype. Poco dopo eravamo tutti e tre nudi, io e mio marito stavamo scopando mentre lui si masturbava. Ancora qualche giorno di scrittura e abbiamo deciso di incontrarci di persona. Ci diamo appuntamento per sabato, in un piccolo e discreto bar che conosciamo. Inutile dire che fino a sabato il calvario per noi era completo, soprattutto per mio marito. Quando è arrivato il giorno, ho fatto una lunga doccia, strofinando la lozione profumata su tutto il corpo, ancora sostenuta dal mio piccolo corno. Indossava un vestito molto malizioso che aveva comprato solo per quel giorno. Era un minuscolo perizoma, tutto infilato nel mio sedere con la parte anteriore che copriva a malapena lo spacco. Il reggiseno era demi, che mi sollevava il seno lasciandomi con un aspetto adorabile, soprattutto perché avevo scelto un abito di seta scollato, che lasciava intravedere gran parte del décolleté. Ai piedi sandali con tacchi altissimi e fini. Il mio cornuto, già vestito, adorava vedermi prepararmi per quello che, forse, sarebbe stato il primo uomo che avrei scopato dopo il mio matrimonio, realizzando la nostra fantasia. Mi sono messo un profumo forte e siamo andati al bar. Durante il viaggio abbiamo parlato delle nostre aspettative, che già alimentavano la nostra eccitazione. Il mio piccolo cornuto, quando ho cominciato a chiamarlo, ha passato la mano sulle mie gambe, sulle mie cosce e ha raggiunto la mia figa, che già mi stava bagnando le mutandine. Sentiva e diceva:

– È oggi eh amore, finalmente vedrò la mia mogliettina sguazzare nel cazzo di un altro maschio.

Ho sorriso e ho detto:

– Penso che tu sia più ansioso di me, mio ​​cornuto, ma mi piace l’idea di giocare con un altro di fronte a te.

Siamo arrivati ​​al bar. Il posto è molto discreto, tranquillo, musica soft, cioè adattato a quello che stavamo cercando. Entriamo nella sala di osservazione e presto Sandro si alza, mostrando il tavolo dove era già seduto. Andammo incontro a lui, che ci salutò abbracciandomi e abbracciando il suo corpo al mio, per poi baciarmi sulla bocca dicendo:

– Ancora più bella di persona.

Poi ha salutato mio marito e ci ha invitato a sederci. Ammetto che la prima impressione è stata molto positiva. Profumato, l’ho sentito appena mi ha baciato, molto affascinante e accattivante. Quando ci siamo seduti, ha chiesto cosa avremmo bevuto, ma ha fatto un suggerimento:

– Se me lo permetti, ecco un vino delizioso, cosa ne pensi?

Abbiamo accettato e ha ordinato. Iniziamo una conversazione sulla nostra quotidianità, la nostra famiglia, perché anche lui è sposato, ma alla donna eterosessuale non piace niente oltre il convenzionale e quando lo fa, lo fa notare. Il vino è arrivato, è stato servito e abbiamo brindato all’incontro. Lo abbiamo bevuto ed era davvero delizioso, come ho osservato:

– Wow Sandro, spero che tu sia bravo in altre cose oltre a indicare il vino.

Lui sorride e dice:

– Puoi dirmelo dopo.

Così iniziò la notte desiderata. Abbiamo sorseggiato, mangiato leggero e l’effetto della vinificazione stessa ci ha fatto sentire più a nostro agio. Ero euforica, accompagnata da due uomini, che presto avrebbero potuto essere i miei due maschi. Ho notato che c’era anche un’ottima empatia tra Sandro e mio marito, perché la conversazione è passata in modo piacevole. Prima di uscire di casa, io e mio marito ci salutiamo. Se Sandro fosse “approvato” strizzeremmo l’occhio a destra. Altrimenti lasciato. È stato quando a un certo punto mio marito mi ha fatto l’occhiolino giusto, che ho ricambiato. Stava andando tutto alla grande. Nel piccolo bar c’era una piccola pista da ballo, dove ballavano alcune coppie. Sandro si rivolge a mio marito e chiede:

– Ti dispiace se ballo con Clara?

Mio marito sorride e dice:

– Certo che no, gli piace la musica lenta, divertiti.

Già sulla pista da ballo, sento Sandro che mi tira per la vita, mettendo il suo corpo completamente sopra il mio. Rimaniamo così, dondolando i nostri corpi al ritmo della musica lenta. Aveva un odore gradevole ed eccitante che mi faceva immaginare cose deliziose. Eravamo così vicini l’uno all’altro che potevo sentire il suo cuore battere forte contro il mio petto. Nel calore della musica e dei nostri corpi uniti, preme la sua pancia contro la mia, facendomi sentire ancora meglio la durezza del suo cazzo nella mia figa. Nella mia audacia non mi sono tirato indietro, anzi, ho anche premuto il mio corpo contro il suo. Fu allora che disse:

– Con il tuo atteggiamento, penso di essere stato approvato.

A cui ho risposto:

– Assolutamente no, approverò solo quando lo sentirò fuori da quei pantaloni e dentro di me.

Mi abbracciò più forte e restammo lì come due bastardi, mentre le nostre bocche cominciavano un delizioso bacio. Ero talmente coinvolta che non ricordavo nemmeno mio marito, ma dal tavolo dove ero seduta vedevo tutto il pezzo e, quindi, la nostra esibizione. L’ho guardato lentamente e ho visto che era paralizzato a guardarci. Gli ho fatto un sorriso e lui ha salutato per continuare. Sandro ha poi iniziato a congratularsi con me dicendo che stavo benissimo, avevo un corpo fantastico, era bello abbracciarmi, aveva un buon profumo e non vedevo l’ora di sentire tutto questo senza vestiti. . Per testare la cagna che mi sono mostrato in rete. Che era davvero sexy per me. Dopodiché, ballare è diventato impossibile. Ho chiesto di tornare al tavolo e risolvere presto il destino di quella notte. Ci avviciniamo al tavolo e mio marito chiede:

– ET Ehi, com’è andato il ballo?

– Meraviglioso Paulo (mio marito) – disse Sandro – tua moglie balla molto bene, oltre ad essere molto sexy.

– Ho capito che l’accordo era buono e quindi amore, cosa vuoi fare adesso?

Senza pensarci due volte ho risposto:

– Voglio andarci in un motel.

Quindi abbiamo pagato il conto e siamo partiti. Siamo andati con la nostra macchina. Paulo al volante, io sul sedile laterale e Sandro sul sedile posteriore. La conversazione era rilassata, parlavamo già apertamente della lussuria che regnava tra noi tre. Io ero seduto di lato e Sandro nel sedile posteriore al centro. Audace, ho cominciato a passare la mano tra le gambe di Sandro e l’ho seguito fino a toccargli il cazzo duro dentro i pantaloni. Ho detto a mio marito:

– Piccola, passo la mano sul cazzo di Sandro, è duro, è delizioso.

Mio marito ha detto:

– Spoglialo, senti che è già lì in macchina.

Sandro allora mi aiutò, allentando la cintura e tirando giù la cerniera, togliendo quel muscolo carnoso e lasciandomelo tenere con la mano. Che delizia, una mazza diversa nelle mie mani, com’era bello masturbarsi quel cazzo delizioso. Non ho resistito a commentare:

– Oh amore mio, Sandro ha un bel culo, è tutto bagnato, muore dalla voglia di entrare nella figa della tua puttana, non è quello che vuoi vedere?

– Certo amore mio, voglio vedere Sandro baciarti con gusto.

Siamo arrivati ​​al motel. Entriamo nella suite. Stava già suonando una canzone e poi mio marito ha detto che ora voleva ballare con me. Abbiamo iniziato una danza lenta, che era più simile a un bacio molto caldo, con le nostre mani che scorrevano lungo i nostri corpi. Sandro si sedette su una sedia e rimase a guardare, lisciandosi il cazzo sui pantaloni. Mio marito ha chiamato Sandro per unirsi a noi e lui ha risposto prontamente venendo ad abbracciarmi da dietro, il delizioso panino era pronto e io ero il ripieno. È stato meraviglioso sentire due uomini caldi premere contro di me e sentire i loro cazzi duri per me. Sandro mi mise il suo cazzo nel culo e ne sentii il volume che essendo così duro mi entrava a malapena nei pantaloni. Mi voltai e mi strusciai contro Sandro, desiderando sempre di più dimostrargli che in quel momento ero tutta sua. Mio marito ha trovato una scusa ed è andato a bere qualcosa. Appena se ne fu andato, il mio sguardo avido chiese un bacio, al quale rispose questo meraviglioso maschio. La sua bocca esperta mi ha lasciato senza parole, completamente arreso alla sua volontà. Audacemente mi bacia dappertutto e le sue mani forti accarezzano il mio corpo in modo indescrivibile, spogliandomi a poco a poco di tutti i miei vestiti e strappandomi dalle labbra sospiri e parole sconnesse. In pochi minuti, era nuda tra le sue braccia. Comincia un bagno di lingua davvero delizioso, baciandomi i seni, la pancia, l’inguine e le cosce, fino a raggiungere la mia figa, che in quel momento era bagnata. Nel primo bacio che ha dato alla mia figa, ha infilato la lingua nella mia grelinha, facendomi impazzire e in poco tempo ho avuto il mio primo orgasmo, una delizia. Sandro ha continuato a succhiarmi deliziosamente, spingendo la sua lingua in profondità nella mia fica. Questa tua azione mi ha fatto venire altre due volte, ma volevo essere posseduta, avevo bisogno di sentire qualcosa di duro dentro di me. Volevo essere la troia di questo delizioso stallone, quindi quando gli ho chiesto di scoparmi, si è tolto velocemente i vestiti e, bastone in mano, si è posizionato tra le mie gambe. Quando ho visto il tuo cazzo sono impazzito. Non era un grosso piccione, ma piuttosto grosso, ma bello, davvero meraviglioso. Non ho resistito mentre scivolavo giù e afferravo il suo delizioso cazzo, succhiandolo come se fosse un lecca-lecca offerto a un bambino goloso. Ho succhiato molto, coprendomi il viso con la mia stessa saliva mescolata al miele che il suo cazzo espelleva. Ho abbassato la bocca sulla sua borsa e gli ho leccato le palle. Un maschio profumato e molto attento, perché i suoi capelli erano tagliati e le sue palle erano tutte lisce, senza peli, che delizia da leccare così. Non volevo più far cadere quel bastoncino o togliermelo dalla bocca. Dopo una lunga sessione di pompini dice che ha voglia della mia figa. Mi mette a quattro zampe sul divano, mi allarga le gambe e comincia lentamente e con vigore a penetrarmi, facendomi gemere, in un misto di dolore e piacere. Dopo essermi abituata al volume che riempiva tutta la mia figa, ha iniziato ad andare e venire, il che mi ha fatto ancora più arrapare. Ho costretto il mio corpo a incontrare il suo e ho sentito le sue palle martellare dentro di me, che sensazione deliziosa è sentirsi completamente riempiti. Ce n’est qu’à ce moment-là que j’ai remarqué mon mari debout à côté de moi, regardant tout et se masturbant, j’ai adoré le regarder faire et je l’ai appelé pour participer et mettre sa bite dans la mia bocca. Adesso aveva un bastoncino nella figa e un altro in bocca, era molto buono. Mio marito è riuscito a leccarmi il culo, mentre Sandro mi ha fottuto. Infatti, voleva vedere il cazzo avvicinarsi alla fica della moglie troia. Per aumentare il tuo piacere, ho detto:

– Che meraviglioso marito cornuto ho.

So che voleva di più, quindi gli ho chiesto di scopare. Ho detto a mio marito di sdraiarsi e mi sono posizionata per fare un 69 con lui lasciando il culo all’aria perché Sandro lo usasse e lui non ha esitato, mi ha subito rimesso il tronco nella figa. Adesso ero in paradiso, mio ​​marito mi succhiava il cazzo e Sando mi scopava, quale donna migliore potevo chiedere, stavo impazzendo. Siamo stati in questa posizione per molto tempo, sono venuta deliziosamente sul cazzo di Sandro e nella bocca di mio marito, che poi mi ha confessato che gli piaceva vedere da vicino un cazzo che entrava e usciva dalla mia figa. Stavo già perdendo le forze quando mi accorsi che Sandro mi tirava forte sui fianchi con le sue forti mani, sbattendo il mio sedere contro il suo corpo, annunciando che stava per venire. Mi sono mosso più che potevo finché non ho sentito questo stallone schizzare il suo sperma caldo nella mia figa. Sandro è rimasto un attimo dentro di me, godendosi il suo sperma e Paulo che mi baciava. Quando il membro del maschio si è ammorbidito, si è ritirato da me. Sentendomi totalmente inzuppato di sperma, ho chiesto a mio marito:

– Vieni qui mio cornuto, mettilo in questa figa appiccicosa di un altro maschio, divertiti anche tu.

Subito mio marito mi ha spinto dentro il suo cazzo duro e in poche spinte è venuto anche lui, rendendomi ancora più ossessionata, inondata di sperma. Noi tre giacevamo lì a goderci la deliziosa sensazione della suite e io, tra i due maschi, mi sentivo la più compiuta delle puttane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *