Storia erotica di un vecchio – Un vecchio sexy mi ha fatto irruzione nel culo

di | 4 de Luglio, 2024

NOTA DELL’AUTORE N. 1: Questo capitolo è molto speciale poiché è stato pubblicato in occasione del mio settimo anniversario di Climax. Oltre ad essere il mio trentesimo testo pubblicato qui (in effetti è il trentunesimo da quando ho pubblicato un racconto qualche tempo fa, poi l’ho cancellato e ripubblicato). Ad ogni modo, ho pubblicato la mia prima storia qui sul sito il 26 giugno 2017 e da allora la scrittura erotica è diventata la mia passione.

Il mese scorso ho vissuto una situazione molto inquietante che mi ha reso molto triste, ma scrivere mi ha portato un po’ di pace. In un certo senso, riprendere la serie Samara è un modo per vendicarsi di quanto accaduto. Scrivere con un forte sentimento di odio vendicativo nel cuore mi fa molto bene. Il risentimento mi dà la forza. Questa sensazione mi fa venir voglia di fare del mio meglio e di consegnare i miei migliori testi ed è quello che farò!

Sono molto grato a chi ha letto questo e gli altri miei testi in questi sette anni, a chi ha commentato e a chi ha amato le mie storie tanto quanto me. Grazie mille e buona lettura.

[ CAPÍTULO DOIS ]

Mi piace la deliziosa corona

L’altro giorno, dopo un sesso sensazionale con Jéssica, mi sono alzato dal letto molto più voglioso ed emozionato. Ovviamente non ho dormito perché non potevo farlo. Sono rimasta sdraiata accanto al mio amico tutta la notte.

Presi il vestito da terra e lo indossai.

Jessica ha dormito come una roccia. È svenuto dopo aver prosciugato tutta la sua energia sessuale. Di notte cercavo di coprirla adeguatamente e di lasciarla continuare il suo sonno ristoratore. Si meritava questa pausa per avermi dato tanta vitalità in questa meravigliosa scopata.

E parlando di energia sessuale, ho sentito il mio corpo riprendersi. La debolezza ha perso spazio a favore della forza e del benessere. Anche quella fastidiosa tristezza era un po’ diminuita. Solo un po.

Mi sentivo molto meglio.

Mi sono comunque avvicinato alla mia amica per verificare se fosse davvero viva, ma stava bene. Ha semplicemente dormito profondamente.

Attraversai la porta della camera da letto ed entrai nel soggiorno. Mi sono seduto sul divano e ho guardato la televisione gigante. Volevo vedere qualcosa. Presi il telecomando dall’angolo del divano e l’accesi. Ho cercato alcuni canali, ma non c’era niente di interessante da guardare. L’unica cosa che ha attirato la mia attenzione è stato un documentario sugli animali della savana africana.

Mi piacerebbe un giorno vedere di persona i leoni e i rinoceronti dell’Africa. Sarebbe grandioso. Un fantasma va in safari. Forse potrei anche cavalcare un elefante.

Ma sfortunatamente ciò non aveva la minima possibilità che accadesse.

Una volta finito il documentario, ho cambiato canale e mi sono seduto con le braccia incrociate, guardando annoiato il conduttore di un noioso programma che parlava di salute. Ecco una cosa che non mi interessava affatto. Ero morto. Non avevo bisogno di preoccuparmi per la mia salute.

Ho spento la TV e sono rimasto lì per qualche minuto aspettando che succedesse qualcosa, ma tutto era silenzioso.

Mi sono alzato dal divano e sono andato ad esplorare la casa del mio amico. Erano mesi che non ero lì e mi mancava questa casetta accogliente.

Sono entrato dalla porta del bagno e mi sono materializzato davanti allo specchio sopra il lavandino per apprezzare la mia bellezza.

Era ancora così bella. L’essere morta all’età di quindici anni mi ha permesso di mantenere questo bellissimo volto da ninfa pur avendo più di trent’anni.

Guardandomi, mi sono ricordato che mancavano solo pochi mesi al mio compleanno. Se fosse viva, avrebbe trentatré anni.

Il tempo vola molto velocemente.

Era stato un fantasma per diciotto lunghi anni. Un lungo momento.

Ho iniziato a pensare a come sarebbe stata la mia vita se non fossi morto. Dove sarei? Si sarebbe sposato? Avresti figli?

Forse sarei diventata una donna di successo, a capo di una grande azienda, sposata con un brav’uomo che aveva un cazzo grosso e grosso che mi rendeva molto felice.

Pensando a questa vita ipotetica, la mia immagine riflessa nello specchio ha cominciato a cambiare. Il mio viso è invecchiato e sono apparse rughe orribili e occhiaie. I miei capelli sono diventati grigi, i miei occhi si sono stancati e il mio seno sodo si è raggrinzito.

Non riuscivo più a riconoscermi. La quindicenne è stata sostituita da una donna anziana di quasi sessant’anni. Una donna punita a vita. Tanti brutti ricordi di una vita altrettanto brutta.

Forse questa sarebbe la mia vita se fossi ancora vivo.

Una donna povera, disoccupata, sposata con un uomo dal cazzo piccolo e che conduce una vita infelice.

In ogni caso, non lo saprò mai.

Rughe, occhiaie e capelli grigi sono gradualmente scomparsi. Il mio viso ha riacquistato il suo aspetto giovane, bello e pallido. I pensieri malinconici abbandonarono la mia mente e tornai ad essere il bellissimo fantasma adolescente.

Era meglio smettere di immaginare queste cose. Non volevo più essere triste.

Attraversai il muro del bagno ed entrai in cucina. È stato allora che ho avuto una buona idea. Stavo preparando qualcosa da mangiare per il mio amico. Quando si svegliò, sul tavolo lo aspettava una deliziosa colazione.

Dato che Jessica è una vampira, ho pensato subito alla carne. Ma la carne è troppo pesante per la colazione, quindi ho deciso di preparare le uova fritte.

Il problema era che era passato così tanto tempo dall’ultima volta che avevo fritto un uovo che non ricordavo nemmeno come si faceva.

Avevo bisogno di uova, olio e una padella. Ho aperto le ante in alto dell’armadio cercando quella padella e ne ho trovata una.

Ma quando l’ho preso in mano sono rimasto sorpreso da una voce maschile che diceva:

“Cos’è questo disturbo?

Sono rimasto scioccato quando mi sono voltato e ho visto uno strano uomo in cucina e ho finito per far cadere la padella sul pavimento con un forte rumore.

“Puttana!” L’uomo guardò nella mia direzione con gli occhi spalancati.

Era un uomo di circa cinquant’anni. Alto e magro, con capelli grigi e barba ispida. Indossava una polo rossa, pantaloncini di jeans e infradito.

Ho addirittura pensato che fosse un criminale che si era introdotto in casa per rubare qualcosa.

“Cosa è successo?” chiese Jessica entrando in cucina spaventata e completamente nuda. “Cos’è stato quel rumore?

“C’è uno spirito qui!” – disse l’uomo spaventato, indicando nella mia direzione. “Era un fantasma!” Aprì l’armadio e tirò fuori una padella.

Capisci: sono un fantasma, il che significa che sono invisibile alla maggior parte delle persone, incluso questo ragazzo. Poi vide le ante dell’armadio aprirsi da sole e dall’interno fluttuare fuori una padella. Ovviamente rimarrai sorpreso nel vedere qualcosa del genere.

Jessica mi ha guardato e le ho raccontato cosa è successo:

“Mi ha visto frugare nell’armadio e prendere la padella. È stato un incidente. Non sapevo che fosse lì.

La mia amica si mise le mani sui fianchi e sospirò. Avrebbe dovuto inventare una bella storia per toglierla dalla testa del vecchio.

“Non c’è niente di spettrale qui”, disse, raccogliendo la padella dal pavimento. “Penso che tu veda qualcosa.” La padella è caduta dall’armadio, tutto qui.

Altre storie erotiche  Ho dato Yummy ai muratori.

“Ma l’ho visto volare”, ha detto l’uomo. “Lo giuro… penso che questa casa sia infestata.

— Oh, smettila, Geraldo — Il mio amico ha lasciato la padella nel lavandino. “Vedi qualcosa che non va. Non ci sono fantasmi qui. – E ha spinto il ragazzo nella stanza. “Tu resta qui, io mi vesto e torno subito.”

Sono andato dietro ai due e Jessica ha fatto sedere il ragazzo sul divano. Lei è andata in camera da letto e l’ho seguita. Quando è entrata e ha chiuso la porta, ho cominciato a spiegare:

“Mi dispiace. Non era proprio intenzionale. Volevo prepararti qualcosa da mangiare e ho finito per aprire la credenza. È stato allora che mi ha visto… Ma come ha fatto ad arrivare qui?”

“Gli ho dato una copia della chiave”, sussurrò. “Avresti dovuto stare più attento.”

Jessica prese il vestito rosa che giaceva sul letto e cominciò a indossarlo.

“Ma non avevo modo di sapere che si sarebbe presentato qui. E chi è questo ragazzo?

– Mi chiamo Geraldo, l’ho conosciuto tanto tempo fa. qualche giorno… Che ore sono?

” Non lo so.

Jessica prese il cellulare dal comodino e spalancò gli occhi mentre lo guardava.

– Merda! Sono già le otto e diciassette! Sono in ritardo!

Aprì la porta della camera da letto e corse in bagno.

Ritornai nel soggiorno dove si trovava Geraldo e lui guardava verso la cucina come se aspettasse che qualcosa si muovesse da solo. Vedendo che non stava accadendo nulla di soprannaturale, si sedette sul divano e accese la televisione.

Questo ragazzo era chiaramente solo un altro socio di Jessica. Era un uomo bello e affascinante. Sembrava un malvagio conquistatore. Pelle leggermente abbronzata e corpo snello ma forte e definito.

Era seduto al centro del divano con le gambe divaricate e ho potuto notare un notevole rigonfiamento nei suoi pantaloncini.

Era un vero tesoro e stavo iniziando a provare un interesse speciale per lui.

Jéssica è apparsa in sala già vestita con una maglietta grigia con il logo “Ponto da Moda” e leggings neri.

“Geraldo, sono molto in ritardo,” disse, “rimani qui?”

“Sì forse.”

“Tu hai la chiave, quindi chiudi la porta quando esci, okay?” Ciao ciao.

” Molto bene.

Lei mi guardò ancora velocemente come per dire “stai attento, non farai niente di stupido” e scappò a tutta velocità.

Stavo accanto al divano e osservavo Geraldo mentre guardava un programma sportivo in cui il presentatore parlava di calcio.

A un certo punto il vecchio si grattò la borsa e per me fu un segno. Il mio amico se n’è andato, ero a casa da solo con quest’uomo ed ero ancora affamato di energia sessuale.

Mi è venuta una piccola idea davvero birichina. Geraldo sarebbe la mia fonte di cibo.

Quando lo spettacolo raggiunse la pausa pubblicitaria, il vecchio si alzò dal divano e si avviò verso la cucina. L’ho seguito, ovviamente.

Si fermò davanti al tavolo e analizzò per qualche secondo l’ambiente circostante. Doveva aspettare un’altra manifestazione dall’aldilà. Vedendo che non stava succedendo nulla, si avvicinò al lavandino e afferrò quella maledetta padella “galleggiante”.

Dopo aver controllato che si trattasse solo di una semplice padella, la lasciò dov’era e si diresse verso il frigorifero. Geraldo prese dall’armadio una bottiglia d’acqua fresca e un bicchiere.

Dopo essersi idratato, tornò in soggiorno e si sdraiò sul divano. Il vecchio cominciò a cambiare canale televisivo e io ero già deciso a darglielo a cinquant’anni. Era una brutta cosa visto che ero con la mia amica, ma Jessica non aveva nemmeno bisogno di saperlo.

Non ho perso tempo. Tornai nella stanza del vampiro e mi materializzai. Mi sono spogliata e ho lasciato il vestito sul letto. Ho aperto i cassetti dell’armadio e ho tirato fuori i pantaloncini più corti che ho trovato, una camicetta bianca e ho indossato le pantofole del mio amico.

Ma prima di proseguire con il mio progetto, mi sono fermata davanti al murale con le foto di Jessica. Devo davvero farlo? Darlo al mio amico maschio? Erano un sacco di sciocchezze.

Ci ho pensato un attimo, ma dovevo solo chiedere a Geraldo di mantenerlo segreto. Solo lui e io lo sapremmo. Non farei nulla.

Volevo davvero farmi una bella scopata ed è quello che farei. Niente mi fermerebbe.

Uscii dalla stanza e chiusi la porta, facendo rumore per far sapere al vecchio che c’era qualcun altro in casa. Sono tornato in soggiorno, cliccando le pantofole mentre camminavo, e sono apparso con il mio sorriso più amichevole sul viso.

“Ciao,” ho detto.

“Oops,” disse, un po’ sorpreso, alzandosi dal divano. ” Chi sei ?

“Sono amico di Jessica. Mi ha lasciato dormire qui ieri. Mi chiamo Samara.

“Oh sì… non sapevo che fossi lì. Mi sono persino spaventato. » Fece un piccolo sorriso sconcertato mentre abbassava il volume della televisione.

-E cosa stai facendo, Jessica?

“La conosco… la conosco.

Mi sono seduto sul divano e ho incrociato le gambe.

“Oh sì. Mi ha parlato di te. È Geraldo, vero?”

“Ecco.” Si sedette anche lui e vidi che il bastardo mi guardava discretamente le cosce.

“Di’ la verità, Geraldo,” dissi guardando il vecchio con un sorriso malizioso, “tu e Jessica siete innamorati. Lei è la tua amante.

Il bel ragazzo si sentì in imbarazzo nel sentire ciò. Il suo viso divenne addirittura rosso.

– Sì… Più o meno è così, ma lei non è la mia amante… Sono stato sposato e separato qualche tempo fa.

Mi sono scompigliato i capelli e li ho rimessi a posto con l’intenzione di mettere in risalto la scollatura della camicetta e la punta del seno visibile sotto il tessuto.

“Ma, mi dispiace chiedertelo, quanti anni hai?”

“Cinquantanove anni.

“Wow”, dissi, impressionato. “Pensavo che avessi cinquantadue anni, da qualche parte.” Stai bene.

“Grazie.” Era visibilmente imbarazzato dal mio complimento.

– Oh sì, ho capito… A Jessica piacciono molto gli uomini più grandi… E tu? Te ne piace uno nuovo?

Si accigliò.

“Non mi interessa nemmeno l’età. Mi piacciono tutti i tipi di donne.

Ho fatto scorrere delicatamente la mano sulla mia coscia bianca e quando ho notato un altro sguardo del vecchio alle mie gambe, ho capito che sarebbe stato facile ottenere quei cinquanta.

“Sì, mi piacciono anche gli uomini più anziani ed esperti. Soprattutto quando si tratta di un uomo con maggiore esperienza sessuale.

“Ah…, eh? »Alzò le sopracciglia.

“OH.

Restammo in silenzio per qualche secondo e il mio sorriso si allargò solo quando vidi Geraldão grattarsi la barba, imbarazzato dalla nostra conversazione.

– Geraldo, posso chiederti un favore? ” Ho chiesto.

“Ovviamente è?”

– Questo è qualcosa che Jessica non può sapere affatto. È un segreto. Questo dovrà restare tra di noi.

” Quello ?

– Ho un problema molto serio. – Ho messo la mia faccia migliore.

” Che problema ?

– Se te lo dico, prometterai di aiutarmi e di non dirlo a Jessica?

“Certo… non dico niente. Si può dire.

– E’ solo che… il mio problema è… la dipendenza dal sesso.

Gli occhi del vecchio si spalancarono e io mantenni un’espressione seria perché credesse che fosse vero. Beh, era vero.

Altre storie erotiche  Complici - Capitolo 6 - Gli istinti più primordiali

“Dipendenza dal sesso?

“Ecco. Ed è molto forte… ho bisogno di fare l’amore – le metto la mano sulla gamba. “Puoi aiutarmi con questo?”

” Aiutali ?

“Sì. Oggi mi sono anche masturbato, ma è inutile, ho bisogno di un uomo che mi soddisfi e… qui ci sei solo tu.”

Ho fatto scorrere la mano lungo la coscia del vecchio, cercando di raggiungere il suo inguine, ma lui ha respinto la mia mano e si è allontanato da me per evitare il contatto.

“Ah, quindi mi stai rendendo le cose difficili, vero?” “dichiarò.

– Non preoccuparti, non lo dirò a Jessica. Sei sicuro. — Mi sono avvicinato e gli ho messo di nuovo la mano sulla coscia. “Andiamo in camera da letto, per favore. Ho davvero bisogno. Sono emozionato.

“Ma quanti anni hai?

“Ho diciotto anni. Perché?”

” Sei sicuro ?

“Certamente. Tra pochi mesi avrò diciannove anni. Sembro più giovane, ma sono più vecchio.

Ho cercato il rigonfiamento nei pantaloncini del bastardo, ma lui mi ha allontanato di nuovo la mano.

“No, non posso farlo.

—Non dirò niente, rilassati. E’ un segreto tra di noi. Jessica non lo sospetterà nemmeno.

Detto questo mi sono alzata dal divano e mi sono tolta la camicetta, scoprendo i miei seni bianchi a Geraldo e lui non ha potuto fare a meno di guardarli con la bocca aperta.

“Allora andiamo?” Gli ho lanciato la camicetta in faccia e il vecchio l’ha lasciata sul divano, scuotendo la testa per respingere il mio invito.

“Assolutamente no”, ha detto.

“Certo che puoi.” Ho aperto la cerniera dei pantaloncini.

Quando mi sono tolto i pantaloncini e glieli ho lanciati, il ragazzo sexy ha guardato la mia ragazza pelosa con grandi occhi. Continuava a distogliere lo sguardo, ma era troppo tardi. Non c’era modo di non cedere al mio fascino.

“Vieni con me.” Gli presi la mano, ma lui resisteva ancora.

“Sei sicuro di avere diciotto anni?”

“Sì, puoi fidarti di me. Venga con me.

Si alzò dal divano e spense la televisione.

” Quindi andiamo.

Quello! Ne ho un altro! L’ho preso per un braccio e quando siamo arrivati ​​nella stanza del mio amico, mi sono gettato nudo sul letto e ho allargato le gambe con grande piacere di Geraldão che ha detto:

«Non dirgli niente, ok?

L’uomo è tutto lo stesso. Vedono semplicemente una bellissima donna nuda e non possono resistere.

“Togliti i vestiti e vieni qui”, gli ho chiesto.

Quando Geraldo si tolse la maglietta potevo vedere meglio il suo corpo. Era bello, definito. Ma quando si è tolta i pantaloncini e la biancheria intima, ho capito il vero motivo per cui Jessica era con questo bel ragazzo. Il suo cazzo, sebbene non completamente eretto, era lungo e grosso. Era decisamente lungo più di sette pollici. Era rasato, calvo, circonciso e aveva la testa rosa.

Per Jessica, un uomo con un cazzo inferiore a sette pollici non vale più la pena.

Ma qualcos’altro ha attirato la mia attenzione riguardo al corpo sexy di questa donna di 50 anni. C’era un segno rosso di morso sulla spalla destra.

“Cos’era?” ho chiesto, indicando il segno.

“È un morso che Jessica mi ha dato. Mi è quasi uscito del sangue. E’ sua abitudine.

Cos’altro puoi aspettarti da un vampiro?

Il vecchio scosse il grosso sedere e chiese:

“Ci sono preservativi là fuori?”

Si avvicinò al comodino, ma lo fermai.

“Non ce n’è bisogno. Rilassati. Facciamolo senza. Mi piace allo stesso modo.

“Certo che no. Devi usarlo.”

“Oh, Geraldo”, dissi, sedendomi sul letto. “Vuoi scopare o no?”

Si grattò la testa.

“Ma hai davvero diciotto anni?

“Sì, te lo garantisco. Arriverà presto.”

Avevo paura della situazione e dovevo fare qualcosa per farlo sentire più a suo agio.

“Allora lascia che ti accontenti,” dissi.

Mi sono inginocchiato davanti a lui e ho afferrato il suo cazzo quasi completamente duro. Un pompino lo rilasserebbe di più.

“La tua mano è fredda”, disse.

“Quando scopiamo, fa caldo.

Tenevo la base del bastoncino in una mano, il sacchetto nell’altra e afferravo il gallo. L’ho sentito ancora parzialmente molle riempirmi la bocca e l’ho ingoiato tutto.

“Wow”, disse il cinquantenne, stupito dalla mia gola profonda.

Dato che sono un fantasma, non ho voglia di vomitare, quindi posso ingoiare un cazzo intero senza problemi.

Ho succhiato quel cazzo succoso con entusiasmo. Già mi mancava il sapore salato del cazzo in bocca. Dovevo sfruttarlo al meglio.

Ho iniziato a masturbarmi mentre succhiavo e il cazzo è diventato sempre più duro al punto che era difficile deglutire a causa della sua lunghezza.

Ho guardato negli occhi di Geraldão e ho capito che stava delirando con il mio profondo pompino.

“Ecco fatto,” disse, afferrandomi i capelli e spingendomi la testa verso il basso in modo che il suo cazzo potesse raggiungermi la parte posteriore della gola.

Ho sentito l’energia sessuale uscire dal suo corpo e iniziare a riscaldarmi. La parte migliore stava per iniziare.

Ho succhiato forte un’ultima volta e ho tirato fuori il cazzo dalla bocca con un pop. Era ora di scopare.

“Vieni a mangiarmi,” ho ordinato.

Sono salito sul letto, mi sono messo a quattro zampe, con il sedere rivolto al vecchio, e gli ho fatto cenno.

Mi tenne il fianco con una mano e con l’altra strofinò il suo cazzo contro la mia figa preparandosi alla prima spinta.

“Puoi metterci qualsiasi cosa. “Posso gestirlo”, ho detto.

Il bastardo cominciò a penetrarmi la vagina e questa cedette mentre il suo cazzo entrava fino a raggiungere il fondo e riempirmi completamente.

“Anche la fica è un po’ fredda,” disse.

“È così. Inizia a scaldarlo.

Ha iniziato a fare sesso e ho sentito un calore delizioso dentro di me mentre il suo grosso cazzo mi allungava.

Merda! Quanto è bello un uomo nella mia figa. Soprattutto quando è un uomo paffuto.

“Puttana!” disse Geraldo. “È stretto.

Sorrido e mi mordo il labbro.

Mi afferrò i fianchi più forte e iniziò a pompare più forte e più velocemente mentre ero delirante.

Erano passati mesi dall’ultima volta che un uomo mi aveva fatto piacere e stavo già morendo dalla voglia di scopare.

L’energia sessuale di Geraldão emanava da quel corpo maturo e mi ha penetrato con il suo grosso cazzo, lasciandomi in fiamme. Era un calore che si diffondeva attraverso il mio corpo come il fuoco che si diffonde in una foresta.

Mi massaggiai il clitoride mentre il vecchio entrava lentamente e profondamente. Il mio clitoride aveva fame di sesso.

“Vai avanti e fallo”, ho ordinato.

L’uomo di 50 anni ha continuato a spingere il suo cazzo dentro di me mentre la mia vagina si bagnava mentre la spessa asta la spingeva verso l’alto.

“Cazzo,” disse tra i sospiri.

Mentre mi masturbavo, chiudevo gli occhi e semplicemente godevo delle sensazioni che riempivano il mio corpo spettrale.

Merda! Delizioso! Quanto è bello provare il piacere che porta un cazzo.

Quando ho aperto gli occhi, ho finito per guardare le foto del mio amico appese al muro. Era a quattro zampe davanti al muro delle foto di Jessica. Non ho potuto fare a meno di sentirmi male quando ho visto le sue immagini. Darlo al maschio della tua amica è un grosso errore, ma ho cercato di dimenticarlo.

Altre storie erotiche  Diploma di prostituta - Racconti erotici

È stata un’occasione preziosa. Non potevo perderla.

“Figa deliziosa,” disse Geraldo. – Stretto

L’ho guardato da sopra la spalla e ho iniziato a indicarmi il sedere per vedere se se ne sarebbe accorto.

Fu allora che mi afferrò i capelli e tirò.

-Perché sbatti le palpebre? Vuoi dare anche tu il culo?

“Sì”, risposi immediatamente. “Vai adesso. Muoio dalla voglia di rompermi il culo.

Ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa, che già gocciolava, e mi ha schiaffeggiato il culo.

– Caldo… Adesso ti servirà un preservativo. Non puoi prendere a calci in quel modo per niente.

Davvero, scopare un culo senza un po’ di “grasso” non funziona, ma sapevo che Jessica aveva del lubrificante che usava per darle un sedere tonico da qualche parte.

“Ci deve essere del lubrificante qui.” » Mi alzai dal letto e mi avvicinai al comodino. Ho aperto l’ultimo cassetto e c’era il tubetto di lubrificante tra alcuni preservativi.

Glielo porsi e il vecchio applicò il gel sulla testa rossastra del gallo. Tornai a letto e mi misi a quattro zampe con il culo più in alto possibile. Sbattevo le palpebre senza sosta, indicando la mia ansia di prenderlo nel culo.

Il calore del sesso mi stava già travolgendo e l’energia sessuale che fluiva dal giovane mi dava solo più piacere. E volevo di più.

“Posso?” chiese il coro.

“Sì. Sarà presto.

Ha sfiorato la mia furia con il suo cazzo e ho continuato a sbattere le palpebre per dimostrare che lo volevo davvero.

Sentii la sua energia sessuale aumentare il suo flusso verso di me e ordinai:

“Dai, allargami il culo.”

Geraldo cominciò a infilarmi il bastoncino in bocca e io rilassai le pieghe affinché potesse penetrarlo.

Ho un culo piccolo, ma in realtà è piuttosto grande. Tutto quello che dovevo fare era sciogliere le pieghe e sentivo il cazzo entrare a metà.

“Avanti. Metti tutto! Posso farcela.”

Ho anche spalancato gli occhi quando ho sentito il resto del cazzo riempirmi il retto fino a quando l’inguine del vecchio mi ha bloccato il culo.

“Puttana!” dichiarò.

Il vecchio mi afferrò i fianchi e iniziò a spingere lentamente. Ho sentito il bordo del mio anello bruciare. Come il gatto, anche lui è rimasto coinvolto nel fuoco.

“Ditelo ad alta voce!” Puoi presentarmi! – esclamai alzando gli occhi al cielo.

Volevo sentire il mio culo sfruttato da questo grosso cazzo. E poiché sono un fantasma non ho sentito alcun dolore, quindi è riuscito a mettermelo nel buco senza alcun problema.

– Qui ! – disse Geraldo cominciando a pompare più forte.

“Oh, cazzo”, gemetti, afferrando il lenzuolo. – Delizioso!

Ho iniziato a battere ancora più forte mentre Geraldão distruggeva il mio anello di cuoio.

Culo e figa. Raddoppia il divertimento!

Quel figlio di puttana mi ha afferrato per le spalle e ha iniziato a spingere nella direzione che desiderava di più. Mi piace molto. Abbastanza forza da produrre un forte rumore per l’impatto del suo stomaco sul mio sedere.

“Merda!” “dichiarò.

Roteai gli occhi all’indietro mentre sentivo il mio sistema digestivo distruggersi.

Stavo impazzendo dal piacere!

L’energia sessuale di Alexander mi penetrava come il suo cazzo. Con forza, vigore.

Con una delle sue mani mi teneva i capelli come una briglia, avvicinandomi al suo corpo mentre mi pompava il culo ancora e ancora.

Quanto è bello provare piacere nel culo!

Mi sono masturbato ancora più forte. Il mio clitoride era gonfio di desiderio e la mia calda vagina trasudava miele salato. Ho spinto due dita dentro di lei.

Ho sentito il flusso dell’energia sessuale aumentare ancora di più e inondare il mio corpo di calore. Ero in fiamme quando il mio sedere si è trasformato in un sacco da boxe.

– Io sto andando a correre! – avvertì Gerardo.

“Entra nel mio culo”, ho chiesto.

Cominciò a spingermi nel culo ancora più violentemente, facendomi delirare di piacere.

Il suono forte del suo corpo che colpiva il mio sedere echeggiò in tutta la stanza finché un suono più forte non lo sopraffece. Era il ruggito di piacere del cinquantenne.

– Puttana! Aaaah! “gemette ad alta voce.

Mi tenne stretta la vita e mi penetrò con tutta la sua forza mentre impazzivo per l’orgasmo.

Lo sperma schizzò nel mio retto e sentii quella sostanza calda riempirmi.

Tutta l’energia sessuale di Alexander è esplosa e lui è venuto verso di me gemendo forte e spasimando per l’estasi.

L’ho inspirato tutto e tutto il mio corpo tremava.

“Puttana…che diavolo…” cercò di parlare Geraldo dando un’ultima spinta profonda, ma svenne.

Risultato di aver risucchiato tutte le sue energie. Il vecchio mi è caduto addosso con il cazzo ancora nel mio culo scoppiato.

Era premuta contro il materasso, ancora in un delirio orgasmico sotto il suo corpo.

“Puttana! – dissi.

Quando la sensazione di piacere è finita e sono tornato in me, ho provato a toglierlo da sotto la cintura con un piccolo sforzo perché era pesante.

“Oh, che peso”, dissi, liberandomi dal corpo crollato di Geraldo.

Mi sono messo accanto al letto, ho chiuso il culo bagnato e ho sentito lo sperma ancora caldo dentro. Il mio corpo si stava surriscaldando come se avessi una febbre a cinquanta gradi.

“Stai bene?” chiesi, toccando il collo del vecchio.

Sentivo il sangue scorrere velocemente sulla sua pelle calda e sudata. Era vivo, è semplicemente svenuto per la stanchezza.

Si è sdraiato a faccia in giù con la faccia sul materasso e ho deciso di girarlo in modo che potesse respirare facilmente. Il che è stato un po’ difficile perché era pesante, ma ce l’ho fatta.

Dopo averlo fatto, misi le mani sui fianchi e lo guardai sdraiato sul letto disordinato. Il gallo ancora leggermente molle giaceva su un fianco e tutto imbrattato.

Sentivo ancora il mio corpo ribollire e le mie pieghe allentarsi e bruciare.

Avevo appena tradito la mia amica con il suo uomo, ma lei era completamente soddisfatta.

Zero rimpianti.

Continua nel prossimo capitolo…

NOTA DELL’AUTORE N. 2: Questo capitolo è stato molto lungo, ma la verità è che mi piace scrivere articoli più lunghi. Ho scritto il capitolo precedente più breve, ma penso di averlo lasciato un po’ “affrettato” per questo motivo. Non mi è piaciuto. D’ora in poi scriverò storie approfondite che mi permetteranno di sviluppare al meglio la trama, i personaggi e le troie. E tu, cosa preferisci? Testi brevi e diretti o testi lunghi e dettagliati? Commenta qui. La tua opinione è molto importante per me.

Fino al prossimo messaggio.

*Pubblicato da scrittore anonimo sul sito climaxcontoseroticos.com il 26/06/24.