Storia erotica eterosessuale – Minhas Rolas Queridas

di | 4 de Luglio, 2024

Come Clarice Lispector, che diceva che “il bisogno di scrivere è uguale al bisogno di respirare”, anch’io provo la stessa cosa quando vengo qui a raccontare le mie avventure sessuali. Intendo scrivere in ordine cronologico, quanto più fedelmente possibile alla realtà. Dopo aver letto diverse storie, ho scoperto il valore di raccontare un po’ della mia vita, per questo ti consiglio di leggere le altre mie storie, sono tutte storie vere.

Eccoci qui per un’altra avventura sessuale della mia vita.

Nel 2010 sono andata all’università a Salvador, una ragazza di 18 anni dell’interno di Bahia, che cercava la libertà, la felicità ed era ancora vergine. A Salvador ho iniziato a bere e ho perso anche la verginità. In effetti, tutti coloro che leggono le mie storie sanno che Telmo, l’uomo che mi ha aperto la vagina, ha aperto me.

Quando vivevo in campagna avevo già avuto esperienze sessuali con i miei fidanzati; compagne di classe; vicinato; Mio cugino è il fidanzato che ho avuto. Ha fatto sesso orale e anale, tra gli altri.

Il mio ragazzo è stato il primo a mangiarmi il culo. Prima di dargli il culo avevo già succhiato parecchi cazzi, è una cosa che mi piace molto, è il cazzo. Adoro succhiare e bere il latte. La mia reputazione di idiota si stava già diffondendo, penso che sia per questo che il mio ex ragazzo si è interessato a me.

Quando ho rotto con il mio ragazzo, dopo che mi ha tradito, ho iniziato a baciare i suoi amici, a succhiarli, a lasciarli venire in bocca e cose del genere, ma non dormivano con me e non lo sapevano nemmeno. che il mio ex ragazzo mi dava per il culo.

Proprio quando ho rotto con il mio ex ragazzo, mio ​​cugino mi ha mangiato il culo e anche 5 dei miei vicini mi hanno mangiato. Erano i fratelli Alan e Airton; Marcelo e gli altri fratelli Thiago e Luan.

Ero stato con tutti i miei vicini prima del mio primo ragazzo. Marcelo abitava sotto casa mia. Thiago e Luan, che erano fratelli, vivevano sul lato destro della mia casa. Thiago aveva 2 anni più di me e Luan aveva 6 anni più di me. Airton e Alan, che erano anche fratelli, vivevano dall’altra parte della mia casa. Alan era mio amico da anni, quindi aveva la mia stessa età e Airton, suo fratello, aveva 2 anni in più. Vivevamo in una strada principale della mia città natale.

Il primo con cui sono uscito è stato Alan, dato che era più vicino, aveva la stessa età ed era il secondo cazzo che succhiavo in vita mia. Lui “con la bocca grande” ha detto a suo fratello Airton che sono rimasto con lui e gli ho fatto un pompino.

Quando Airton ha sentito la storia, mi ha chiamato a casa sua e mi ha mostrato che grosso cazzo aveva (era il cazzo più grande dei ragazzi di cui ho parlato lì). L’ho baciato e poi gli ho fatto un pompino, ma lui è stato cattivo e me lo ha spinto forte in gola finché non mi è entrato in bocca. È stato il terzo ragazzo che ho succhiato.

Altre storie erotiche  Imparare a guidare un camion - Racconti erotici

Thiago, essendo molto legato ad Airton, ha scoperto il pompino e mi ha chiesto di farglielo anche a lui. Qualunque fosse il costo di succhiare un altro cazzo, è stato bello fare l’esperienza.

Luan ha scoperto la pipa di suo fratello Thiago. Luan aveva 6 anni più di me e aveva anche un grosso cazzo. Sono andato a vedere la partita di calcio di Luan, e poi la partita è finita con lui che mi ha chiamato in fondo al campo e mi ha fatto succhiare il suo cazzo sporco e sudato, anche un po’ puzzolente. È stato il primo cazzo sporco che ho succhiato. All’epoca mi faceva star male, ma poi tutto è migliorato. È venuto nella mia bocca e mi ha costretto a bere questo sperma caldo e dall’odore forte e questo cazzo salato. Eco.

Marcelo era più giovane e lo trovavo carino, sembrava un giovane inglese, sempre ben vestito e molto educato. Un giorno sua madre mi chiese di tenergli compagnia perché non restasse solo in casa mentre lei era al mercato.

Sono andata a casa sua e poi mi ha detto che mi trovava molto bella, che era innamorato di me. Gli ho mostrato la mia figa, il suo cazzo è diventato duro e l’ho succhiato finché non è venuto. È venuto velocemente, tremava tutto e mi ha detto che mi amava. Tadinho, è vero, innocente e innamorato.

Dopo di loro ho succhiato i miei amici e il mio ex fidanzato che apparivano in altre storie. Quando il mio ex ragazzo mi ha lasciato gli ho detto che avevo fatto sesso anale, e proprio come quello era il “cordless” del pompino, la cosa del culo era la stessa.

Fondamentalmente l’ordine dei pompini era lo stesso così potevano leccarmi il culo. L’unica differenza è che mio cugino mi ha mangiato il culo prima di loro e anche mio cugino è stato il primo a succhiarlo e il secondo a mangiarmelo.

Un’altra differenza è che Alan e Marcelo sono quelli a cui ho dato di più. L’ho dato agli altri solo una volta e Alan e Marcelo l’hanno mangiato 5 volte ciascuno.

Come sai, ho lasciato la mia città ancora vergine, con l’imene intatto, ma a Salvador la mia figa era molto usata. Quando lasciai l’università in vacanza e ritornai nella mia città in vacanza, incontrai i ragazzi e dissi loro che non ero più vergine. Tutti volevano mangiarmi, ma non avevamo nessun posto dove farlo.

Un giorno ero a casa da sola, ho mandato un messaggio ad Alan, lui è subito corso per stare con me. Sono rimasta sola con lui tutto il pomeriggio e abbiamo fatto l’amore, del buon sesso, come se fossimo una coppia. Siamo stati così per 3 giorni di seguito. Si sentiva già come il mio ragazzo. E mi ha chiesto di non darlo a suo fratello o ad altri. Voleva che fosse solo suo.

Ma ho detto che non eravamo amanti. Si è arrabbiato e non mi ha parlato per 2 giorni. Durante questi 2 giorni in cui non abbiamo parlato, ne ho approfittato e sono andata a letto con Marcelo. Le ho preso la verginità. Aveva un’eiaculazione precoce. Gliel’ho dato per 2 giorni di fila, e se mai avesse detto che mi amava solo per il pompino, immagina dopo che glielo avrei dato, eh?

Altre storie erotiche  ultimo giorno da cani

Alan mi parlò di nuovo e mi chiese se avevo incontrato qualcuno. Ho detto che non l’avrei tenuto, ma l’ho dato a Marcelinho 2X. Chi ti ha detto di farmi i capricci, vero? Non sarei andato lì senza fare l’amore.

Anche se era sconvolto, come me, non voleva restare senza sesso, giusto? Poi mi ha scopato con rabbia, colpendomi forte, chiamandomi puttana, puttana e prostituta. Mi è piaciuto molto, se lui pensa di avermi maltrattato, invece, è stato più piacevole.

Avrei voluto regalarlo agli altri vicini, ma non ne ho avuto la possibilità. Un giorno mia madre mi chiese se volevo passare qualche giorno lì a riposarmi. Dato che avevo già la patente e sapevo guidare molto bene, ho accettato l’offerta, ma non sono andato da solo. Ho portato con me Airton, Alan, Thiago e Luan per non essere solo.

Alan si è subito lasciato prendere dall’idea che avrebbe vissuto la più grande orgia del posto. Mi ha persino proibito di stare con gli altri. Suo fratello Luan e Thiago mi accompagnavano in macchina, semplicemente non capivo perché Alan fosse andato da solo davanti alla moto, visto che voleva stare da solo con me. Dopo un po’ ho capito perché era partito da solo in moto, alla fine del racconto ne parlo.

Il giorno in cui saremmo andati a Sítio dissi a mia madre che Alan sarebbe venuto con me per farmi compagnia, così non sarei rimasta sola lì. Ma sarebbe andato in moto. Era carina, sapeva che flirtavo con lui dai tempi della scuola e mi ha semplicemente detto di non rimanere incinta, in tono serio e scherzoso.

Ho incontrato i ragazzi per andarli a prendere all’angolo dell’altro isolato, per non iniziare una conversazione. Airton salì sulla sua moto e mi stava già aspettando sulla strada sterrata che portava al cantiere. Quando i ragazzi salirono in macchina scoppiò una rissa. Luan voleva guidare, io ero il copilota con lui e Thiago e Airton erano dietro.

Questi bastardi avevano già tutto pianificato, ecco perché Luan ha guidato, perché la puttana avrebbe dovuto impazzire durante il viaggio di 25 miglia dalla città al luogo dell’evento. Che uomini sgradevoli.

Quando Luan si è seduto al posto di guida, si è immediatamente abbassato i pantaloncini e mi ha detto di succhiargli il cazzo. Mentre succhiavo Luan, gli altri 2 che erano sul sedile posteriore hanno iniziato a toccarmi, mettendomi le mani sul seno; Mi hanno sollevato il vestito, mi hanno tolto le mutandine e mi hanno lasciato nudo in macchina. Luan guida e io faccio schifo…

Poi mi sono diretto ai sedili posteriori dell’auto, mettendomi a quattro zampe, succhiando Airton e Thiago succhiandomi la figa. Poi hanno invertito la situazione, io ho succhiato Thiago e Airton mi ha succhiato il culo.

Altre storie erotiche  Nella biblioteca pubblica - Racconti erotici

A metà strada mi sono seduto sulle ginocchia di Airton e ho iniziato a cavalcargli il cazzo. Ricordando che suo fratello era su una motocicletta davanti alla macchina, non sognava nemmeno cosa stesse succedendo all’interno. Ho solo detto ai miei amici di non venirmi addosso, di non sporcarmi e di non venire sui sedili dell’auto.

Poi è stato il turno di Thiago di mangiarmi. Mi sono seduto allo stesso modo e ho iniziato a guidarlo bene. Senti solo la differenza di calibro, giusto? Airton aveva un cazzo molto più grande di Thiago.

Luan, vedendo il disordine nello specchietto centrale dell’auto, mi ha detto che anche lui voleva essere coinvolto prima del nostro arrivo. Alan aveva fatto molta strada moto, così Luan fermò l’auto in una strada laterale, mi mise a quattro zampe sul sedile del passeggero anteriore con il sedere rivolto fuori dall’auto, aprì la portiera e cominciò a mangiare lì. È durato circa 2 minuti e mi ha reso felice.

Mi sono arrabbiato con lui e gli ho detto che non doveva correre lì per non sporcare la macchina. Ho chiesto ai ragazzi di non dire niente ad Alan perché era un po’ sentimentale e poteva offendersi. Mi sono messa il vestito e mi sono asciugata con le mutandine. Ho buttato le mie mutandine lì sulla strada laterale e siamo tornati sulla strada principale e siamo tornati al posto.

Quando siamo arrivati ​​sul posto, Alan era impaziente per il ritardo dato che doveva essere un viaggio di 40 minuti, che è durato quasi 1 ora: 20 minuti. Sono sceso dall’auto, ho aperto la portiera di legno e ho detto alla macchina di salire, e avrei guidato la moto con Alan sul posto.

Mi ha chiesto se ero stato bravo e, ovviamente, ha mentito dicendomi che durante il viaggio non era successo nulla. Mi chiedeva ancora perché il viaggio fosse durato così tanto tempo. Ho inventato una scusa e lui non ci ha creduto.

Quando ho chiuso il cancello del posto e sono andato a salire sulla sua moto, mi ha afferrato, mi ha detto che ero la donna della sua vita e mi ha baciato in modo appassionato ed eccitante e ho sentito il sapore del suo cazzo nella mia bocca.

Mi fermo qui per non trascinare troppo la storia. Scriverò di più nella prossima storia. Spero che ti sia piaciuto, voglio la tua valutazione, valutazione, commenti e tutto il resto. Lascia commenti, mi piace rispondere ai tuoi commenti.

Baci cattivi e ragazze cattive come me.

Alla prossima storia…

*Pubblicato da Baiana_Morena sul sito climaxcontoseroticos.com il 23/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *