Storia mista: ho tradito mio marito sulla spiaggia

di | 11 de Maggio, 2024

Sono nato a Rio de Janeiro nel novembre 1988 e ho 36 anni. Sono la più giovane delle due figlie di Doña Valéria, Natalia è mia sorella che ha sei anni più di me.

Mia madre era segretaria esecutiva in una grande azienda e ci ha cresciuti da soli, poiché mio padre è morto quando avevo due anni. Grazie a mia madre siamo cresciuti sani.

La mamma ha sempre avuto una mente aperta e quando ha visto che era ora, ci ha insegnato tutto sul sesso, sulle pillole e sui preservativi. In altre parole, per noi il sesso non è mai stato un tabù.

Se ricordo bene, la prima volta che ho sentito il bisogno di toccarmi è stata una notte in cui ho sorpreso mia sorella ad allenarsi con il suo ragazzo in un angolo buio del muro fuori casa. Quella notte mi sono masturbato e ho avuto un orgasmo travolgente.

Sono cresciuto sulle spiagge di Copacabana e Ipanema. Sì, ero una ragazza da spiaggia e vivevo tra i surfisti. Ho perso la verginità a quindici anni con un surfista molto più grande di me. Da allora sono uscita molto e ho goduto dei piaceri del sesso, ma le mie relazioni non sono mai progredite, perché mi sono sempre sentita sessualmente libera e i miei ragazzi non hanno mai accettato quella libertà. Non ho mai veramente capito questa storia di fedeltà coniugale. Ho sempre pensato che fosse possibile amare qualcuno e fare sesso con altri.

Ho dato molto a tutti i surfisti della mia zona e pensavo che non mi sarei mai affezionato a nessuno, ma non è stato così finché non ho incontrato Marcos a Ipanema. Avevo appena diciassette anni ed ero affascinato da questo bellissimo nativo di San Paolo con i capelli preppy.

Marcos aveva allora ventisette anni ed era già ingegnere. Si trovava a Rio per supervisionare i lavori dell’impresa edile per cui lavorava. Ci siamo frequentati e ci siamo sposati un anno dopo, e nove mesi dopo abbiamo avuto Heitorzinho.

Amo moltissimo mio marito, perché rappresenta tutto ciò che di buono mi è successo. È stato lui a insegnarmi che potevo essere qualcosa di più nella vita; Mi ha incoraggiato a studiare e con il suo sostegno ho conseguito la laurea in Storia e, dopo aver insegnato per molti anni in una scuola privata che amavo, ne sono diventata preside. Senza mio marito non so nemmeno come sarebbe la mia vita ed è con lui che ho fatto davvero l’amore. Sembra incredibile, ma gli sono sempre stato fedele.

Viviamo una vita agiata, Marcos lavora ancora nella stessa società di ingegneria, ma ora è uno dei direttori e io continuo a gestire la scuola.

Ebbene, la mia storia inizia in un lungo weekend in cui mio marito era stato a Bahia per una settimana e Heitorzinho era andato in viaggio con la sua ragazza e io non avevo voglia di stare da solo.

” ” Lo sapevate… ? Vado a Guarujá – pensai con decisione quel venerdì pomeriggio.

Abbiamo un appartamento lì, non è un triplex, se capisci cosa intendo, ma è comodo.

Sono arrivato all’appartamento nel pomeriggio. Ero esausto, quindi ho fatto una doccia, ho mangiato qualcosa e ho dormito.

Sabato mattina mi sono alzata molto presto perché volevo godermi la spiaggia. Il caldo era intenso e preannunciava che la giornata sarebbe stata soleggiata. Sono uscito dalla doccia e ho ammirato il mio corpo nudo allo specchio per qualche minuto. Sembrava ben conservato; Seni sodi, glutei rotondi e sodi, cosce grosse e abbronzate. Ho notato un po’ di cellulite sulla parte posteriore della coscia, vicino al sedere, ma sono ancora piuttosto magra. Penso di essere all’altezza del soprannome di magnaccia che gli studenti mi hanno dato fuori dallo schermo.

Soddisfatto di me stesso, mi sono avvicinato alla valigia e ho tirato fuori il mio semplice e tradizionale costume da bagno blu. Ho tirato fuori anche un bellissimo bikini bianco che avevo comprato il mese scorso, ma non avevo ancora avuto il coraggio di indossare; Non è il filo interdentale, ma è piccolo. Fin dalla nascita di mio figlio ho avuto paura perché non mi ritenevo più all’altezza di indossare nuovamente il bikini. Questa è una cosa da ragazze che gli uomini non capiranno mai, ma se una ragazza legge questa storia, so che capirà esattamente di cosa sto parlando.

“FUCK” – ho pensato e mi sono messa il bikini.

Ero emozionato quando ho sentito il tessuto stretto contro la mia pelle, modellando il mio sedere. Beh, la cosa importante è che pensavo che fosse bella e felice. Mi sono fatta un selfie davanti allo specchio e l’ho inviato a Marcos dicendo:

“Sono a Guarujá, amore mio, posso andare al mare così? »

Era già sveglio e ha risposto immediatamente.

“Oh…!” Sei carino…! Puoi farlo in questo modo, ma devi comportarti bene.

– “Prometto di comportarmi bene, amore mio, ti amo.” – L’ho scritto sotto un’altra foto, evidenziando le mie natiche carnose, segnate dal piccolo bikini.

Sono arrivato in spiaggia molto presto e c’erano solo pochi surfisti lì fuori. Ho noleggiato una sedia e un ombrellone e sono andato a nuotare. Al ritorno dal mare, ho notato che guardava i piccoli e ho sentito una bella sensazione di farfalle nello stomaco, come non sentivo da molto tempo.

Tra loro ce n’era uno che non mi era sconosciuto. Bellissimi capelli lunghi e ricci lunghi fino alle spalle; Corpo tonico con addominali scolpiti e abbronzatura. Era un surfista, poiché ho visto la sua tavola incastrata nella sabbia accanto a lui, ma non indossava i tradizionali abiti di gomma, indossava solo pantaloncini neri.

Altre storie erotiche  Ha mangiato mia cognata e mia moglie

Ho preso la crema solare e ho iniziato ad applicarla sul mio corpo. Lo guardai e vidi che mi stava guardando. I nostri occhi si incontrarono e lui sorrise. Gli ho sorriso, non so nemmeno perché, forse d’impulso, so solo che era il segno che aspettavo e, senza indugio, si è diretto verso di me.

“Ehi,” disse.

“Ciao”, risposi quasi sul serio.

“Ti ricordi di me?” chiese.

È stato allora che l’ho guardato ed ero sicuro di conoscerlo, ma non sapevo dove.

“A dire il vero non penso che tu sia strano…” dissi misurandolo da cima a fondo.

– Mi chiamo Marcelo… ho studiato a Jesuíno nove anni fa.

“Ah sì, ora ricordo, eri quel bambino che mandava sempre nel mio ufficio. – dissi stringendogli la mano.

Me lo ricordavo molto bene, era uno di quei ragazzi che mi scopavano con gli occhi, un mucchio di stronzi ovviamente.

– Ti è mai stato detto che assomigli a Luana Piovani? —Disse sorridendo con la sua risata irritante e amichevole.

Ho riso.

“No, non me lo hanno mai detto. – dissi tra due risate.

“Beh, è ​​molto simile. Lo chiamiamo così. Direttore Luana Piovani.

– Magico! Non così tanto. – dissi ridendo ancora di più.

“Sul serio, gli somigli davvero.” Quando ti ho visto uscire dal mare, ho pensato che fosse lei. —Disse con una faccia sfacciata.

“E cosa ti ha fatto capire che non era lei ma un’impostora?” dissi sorridendo.

– Sei molto più carina.

Ammetto che mi ha scoraggiato. Ma lo amavo e sentivo una scintilla dentro di me come non la sentivo da molto tempo.

“Sarà una merda.” Pensavo un po’ spaventata, perché sentivo il cane addormentato che era in me svegliarsi e sorrideva, tutto dispettoso.

Marcelo sembrava un ragazzo amichevole e in breve tempo parlavamo come vecchi amici.

Ci ha invitato a bere una birra e ci ha detto che era laureato in lettere, ma che non insegnava e si manteneva correggendo testi per scrittori ed editori. Ha detto che vive nelle vicinanze e prende le onde ogni giorno. Gli ho raccontato anche un po’ della mia vita, finché non abbiamo deciso di andare a nuotare e correre in acqua. Sembravamo due bambini che giocavano nel mare finché un’onda arrivò di sorpresa e mi gettò tra le sue braccia. Questo ha creato un clima tra noi e, inevitabilmente, abbiamo iniziato a baciarci. Erano baci bagnati e schioccanti che mi facevano impazzire. Mi teneva tra le sue braccia e sentivo il suo membro duro premuto contro il mio corpo. Eravamo nell’acqua quasi fino al petto e lui approfittò della situazione per far scivolare le mani sulle mie natiche, massaggiandomele con piacere. Morivo dalla voglia di darglielo e non mi riconosceva più. La piccola troia appena risvegliata in me ha sorriso e mi ha detto di provarlo.

Ad un certo punto durante gli eventi, Marcelo ha tirato fuori il suo cazzo dai pantaloncini e me lo ha messo tra le cosce. È stato allora che ho potuto percepirne tutta la dimensione e lo spessore. Ero pazzo di desiderio. Rendendosi conto che stavo cedendo, Marcelo mi sollevò la gamba sinistra, se la avvolse intorno alla vita e strofinò il suo cazzo contro la mia figa sopra il bikini. Era delizioso, finché non ha provato a spostare da parte il bikini e a mettermi direttamente nell’acqua. L’ho interrotto perché mi sono ricordato di Marcos e la disperazione mi ha preso. Poi mi sono liberato dalle sue braccia e sono corso verso la spiaggia. È venuto dopo, mi dispiace, ma volevo andarmene da lì. Sentivo che se fossi rimasto avrei finito per darglielo e Marcos non se lo meritava.

Sono arrivato al mio appartamento e mi sono messo sotto la doccia. Le scene mattutine non uscivano dalla mia testa e, inevitabilmente, mi masturbavo come un’adolescente.

Ho passato tutto il pomeriggio a pensare a lui, mentre Claudia puttana e Claudia etero litigavano dentro. Mio.

Alla fine ha vinto la puttanella Claudia. Quindi mi sono preparato. Indossavo un abito di seta gialla molto ampio, con spalline sottili, senza reggiseno e che arrivava a metà coscia; Indossavo un piccolo perizoma bianco che metteva in mostra la mia figa sporgente, un cappellino da scarafaggio come lo chiama mio marito e sandali col tacco alto che mettevano in mostra i miei polpacci. Il vestito aveva una scollatura generosa, lasciando scoperto il mio seno e i miei capelli biondi sciolti. Mi guardai allo specchio e mi ritrovai bellissima e la piccola Claudia sorrise maliziosamente, predicendo la notte di sesso proibito che avremmo fatto.

Ho pensato a Marcos, ma una bella sensazione allo stomaco mi ha spinto a continuare. Ho aperto l’armadio e ho tirato fuori una bottiglia di Bordeaux By Boyd Catenac 2016 che Marcos stava conservando per un’occasione speciale. Non biasimarmi, l’occasione era speciale, solo che per me lo era, ma poi avrei trovato il modo di rimediare. Poi sono andato in farmacia e ho comprato una confezione di tre preservativi Olla. Sono andato in spiaggia e ho chiesto al proprietario del chiosco delle bevande e lui mi ha detto dove viveva Marcelo.

Sono arrivato davanti al palazzo, il suo appartamento, secondo il proprietario del chiosco, era al terzo piano.

Ho chiamato il citofono.

“Chi è questo?” chiede.

“Sono io, Claudia, posso salire?”

Non ho ricevuto risposta, ma il portale è stato immediatamente sbloccato.

Aprì la porta ed era solo in pantaloncini. Rimase a bocca aperta mentre mi ammirava come se fosse ipnotizzato.

“Come va? Mi chiedi di venire da te o rimaniamo qui tutta la notte?” —dissi agitando la bottiglia di vino.

Altre storie erotiche  Avventure in giro per la città - 01

– C… Certo… Entra…

Sono entrato. L’appartamento era piccolo ma molto ordinato e pulito.

Mi sono seduto sul divano mentre lui andava in cucina a prenderci due drink. Ho incrociato le gambe e poiché il vestito era corto la mia coscia era esposta, sensualmente esposta e questa era la mia intenzione.

È venuto con i bicchieri, ci ha servito e si è seduto accanto a me. Marcelo sapeva che ero andato lì per darglielo e potevo vedere l’emozione nei suoi occhi.

“Lo sapevi che tutti i ragazzi a scuola erano pazzi di te?” ” Disse.

“In un certo senso sì… Beh, diciamo che me lo sono immaginato. – risposi bevendo un sorso di vino.

“C’è stata una volta che mi hanno mandato nel tuo ufficio perché avevo fatto qualcosa che non ricordo cosa ed eravamo lì da soli. Stavi parlando al telefono e mi sono seduto sul divano proprio di fronte a te, poi ho potuto vedere le tue gambe divaricate sotto il tavolo e le tue mutandine bianche che spuntavano tra le tue cosce spesse e abbronzate. Hai idea di cosa possa fare questo tipo di scena a un sedicenne? Sono quasi impazzito e ti ho onorato ogni giorno…

Non ho potuto fare a meno di ridere

“Ho immaginato di scoparti in ogni posizione possibile in questa stanza.” “Ho sognato di scoparti sul tavolo, sulla sedia, sul divano, sul pavimento, insomma in ogni angolo di questa stanza. Questa scena mi ha lasciato un ricordo indelebile fino ad oggi.

– Wow, solo perché ho pagato le mutandine… Voi uomini siete davvero stupidi, solo strofinandovi la figa in faccia potete ottenere tutto quello che volete. – dissi ridendo. Mi guardò semplicemente affascinato e silenzioso.

– Cos’era ? Perché mi guardi con quella faccia scioccata? “ho chiesto, osservando il suo sguardo sorpreso.

“È così dannatamente strano vederti qui nel mio soggiorno e parlare di figa… non avrei mai pensato che l’avresti detto…” disse ridendo di se stesso.

Ero già bagnata seduta accanto a lui e non volevo aspettare oltre, così presi il suo bicchiere e il mio, lo posai sul tavolino e gli accarezzai il viso con la mano destra, preparandomi a baciarlo.

“Sei un ragazzo fortunato, lo sai?” Oggi sarò tuo, soltanto tuo. » dissi baciandolo lentamente e con affetto. Il suono dei nostri baci bagnati echeggiò nella stanza mentre la sua mano correva lungo la mia coscia. Ho messo la mano sul suo cazzo attraverso i pantaloncini e ho sentito la sua durezza. Così gli ho messo la gamba sopra, mi sono messo a cavalcioni del suo membro e mi sono strofinato contro di lui con piacere. I miei seni erano davanti al suo viso e lui li tirò fuori velocemente dalla mia scollatura e iniziò a baciarli. Erano duri e taglienti come quelli di un’adolescente che sta per fare l’amore per la prima volta.

— Vuoi infilarmi questo cazzo duro nella figa, vero, bastardo? L’hai sempre sognato, vero…? — Ho detto pazzo di desiderio, ma non era così. Più io che parlavo. E sì, la piccola stronza che c’era in me, era lei al comando.

“Lo voglio, lo voglio davvero…

“Dai, voglio dartelo nel tuo letto. – dissi e mi alzai. Presi dalla borsa il pacchetto dei preservativi e mi portai in camera da letto.

Una volta lì, mi sono tolta il vestito e lui si è tolto i pantaloncini, liberando il suo bellissimo ed enorme cazzo.

– Lascia addosso le mutandine e te le tolgo io. Questo è il mio sogno… – Disse con la faccia da lupo affamato.

Ho riso.

Ci siamo baciati ancora, mi ha preso in braccio e mi ha adagiato dolcemente sul letto matrimoniale dove probabilmente aveva già scopato tante ragazze. Questo mi ha emozionato.

Senza perdere tempo, Marcelo mi ha aperto le gambe e ci ha messo la faccia dentro, mi ha tolto le mutandine e ha iniziato a fare il miglior sesso orale della mia vita. Ho avuto un orgasmo travolgente sulla sua lingua, ma ha continuato a succhiare.

Quando Marcelo non ce la fece più, mi tolse le mutandine e mi fece inginocchiare sul bordo del letto con le gambe spalancate e la faccia premuta contro il materasso. Così ha infilato la faccia lì dentro e ha succhiato ancora un po’, poi si è messo il preservativo e si è messo dietro di me. Ero eccitato e desideroso di sentirlo penetrarmi. Poi ha posizionato la testa all’ingresso della mia figa e ha spinto molto lentamente. Potevo sentire quell’enorme membro aprirsi tra la mia carne bagnata, riempiendomi ovunque. Lo sentivo nel profondo e gemevo come un matto, affondando le unghie nel lenzuolo.

Le sue spinte erano lente e misurate, ma vigorose.

“Allora fallo bene, vai avanti e ficcamelo dentro…” dissi selvaggiamente. “Mangiami la figa, mangiala, sexy figlio di puttana.

Ho gemito forte perché non potevo trattenermi e sono venuto su quel cazzo. Lo sentii accelerare i movimenti e il suono del suo inguine che mi batteva sul culo divenne sempre più frenetico e lui venne come un cavallo che riempiva un preservativo.

Mi sono sdraiato su un fianco e ho dormito bene.

Ad un certo punto della notte mi sono svegliato e ho sentito qualcosa di grasso e duro che mi massaggiava la figa da dietro. Ero sdraiato su un fianco e Marcelo mi spingeva, cercando di penetrarmi.

“Bastardo, stai cercando di mangiarmi di nuovo?” Ho detto.

“Certo! Oggi sei tutto mio, ricordi?

“Usi già il preservativo?” – Ho chiesto

” Sì.

“Quindi vai avanti, vai avanti, fai quello che vuoi. – dissi allungando le gambe.

Altre storie erotiche  Una sposa bisognosa e focosa, aveva tutto ciò che suo marito non poteva darle...

Quella roba densa mi scivolò di nuovo dentro, riempiendomi. Marcelo mi baciò sulla nuca e mi strinse il petto mentre entrava con desiderio. Gemevo e godevo di queste sensazioni magiche come se fosse la mia prima volta. Questo ragazzo era davvero sbocciato in uno stallone fantastico. Sapeva infatti dove e come muoversi dentro una donna.

Ho perso il conto del numero di orgasmi che ho avuto con questo ragazzo sexy. Poi mi ha girato e mi ha scopato in un delizioso mom and pop e ha riempito un altro preservativo con spasmi pazzeschi.

Adesso era lui a dormire profondamente e io andai a farmi una lunga doccia calda.

Sono uscito dalla doccia e mi sono messo le mutandine, ma non volevo un vestito. Non so se capita a tutti, ma dopo il sesso mi piace indossare la maglietta dell’uomo che mi ha scopato. Forse il suo odore è un’estensione del piacere che si prova a letto, non lo so… Così ho aperto l’armadio e ho scelto una camicia bianca con un po’ di trasparenza, l’ho abbottonata e sono andata in cucina, perché avevo fame. Nel frigorifero ho trovato solo surgelati e birra Heineken. Poi ho visto attaccata una calamita che pubblicizzava una pizzeria. Ho chiamato, ho ordinato quattro formaggi e ho apparecchiato la tavola mentre aspettavo.

Suonò il citofono, era arrivata la pizza. Ho mandato il fattorino. Quando ho aperto la porta, il ragazzo è rimasto a bocca aperta, poi ho capito che era perché era mezzo nudo e indossava solo una maglietta bianca trasparente. La piccola troia che è in me rise. Ho deciso di mettermi in mostra un po’ e l’ho fatto aspettare sulla porta mentre io andavo verso la mia borsa e mi chinavo per prendere i soldi, offrendogli forse la migliore visione della sua vita. Gli ho dato i soldi e un bacio sulla guancia. Balbettò un grazie e io chiusi la porta.

“La prossima volta andrò senza mutandine.” » «Ho pensato e riso.

In quel momento, Marcelo entrò in cucina in mutande.

– Pizza? Perché non mi hai chiamato? Volevo pagare… Sei mio ospite.

— Non preoccuparti, la prossima volta pagherai tu. – dissi sorridendo.

Ci siamo serviti pizza e birra e abbiamo avuto una conversazione rilassata. Sembrava sbalorditivo biancheria intima bianca.

Avevo voglia di qualcosa di dolce e mi sono ricordato di aver visto una lattina di latte condensato nel frigorifero e mi è venuta un’idea interessante. Ho preso la lattina e ho fatto stare fermo Marcelo. Poi mi inginocchiai davanti a lui, sedendomi sui talloni. Ho abbassato le sue mutande e ho potuto vedere il gigante addormentato. L’ho tenuto, l’ho accarezzato ed è cresciuto nelle mie mani.

“Il tuo cazzo è molto carino, lo sai?” ho parlato estasiato senza staccare gli occhi da quel membro che cresceva.

“È tutto tuo.” “, rispose.

Così ho iniziato a servirgli i dolci e ho succhiato con entusiasmo quel cazzo che mi entrava a malapena in bocca. Quando già pulsava fortissimo, gli ho passato addosso l’ultimo preservativo con la bocca, gli ho tolto le mutandine e gli ho baciato la bocca affinché potesse assaporare il proprio membro. Poi mi sono messo a cavalcioni di lui e l’ho guidato fino all’ingresso della mia figa. L’ho abbassato lentamente finché non è entrato tutto. Poi mi sono appoggiato allo schienale della sedia e mi sono mosso su e giù, però, quando sono arrivato al punto in cui dentro di me c’era solo la testa, ho letteralmente contratto i muscoli della vagina, masticandoli, poi ho continuato i movimenti. Va su e giù molto lentamente. Ero io al comando, proprio come piace a me. Di tanto in tanto fermavo i miei movimenti in modo che potesse afferrarmi il seno. Marcelo era quasi pazzo e gemeva selvaggiamente.

– Proprio così, amico, così… È bello viaggiare con la tua Luana Piovani? — Ho parlato in delirio, stimolando la sua fantasia. “Pensa a tutti i tuoi colleghi che ti invidiano. – Ho completato.

Eravamo entrambi vicini al climax. Ho accelerato i miei movimenti e l’ho cavalcato come un matto mentre arrivavo deliziosamente. È venuto anche lui e abbiamo trascorso qualche istante uno sopra l’altro godendoci il momento. Ho sentito il suo cazzo avvizzire dentro di me. Poi mi sono vestito per uscire, visto che erano già le due e mezza del mattino.

“Ci rivedremo?” “mi chiese mentre ci salutavamo.

“Forse,” ho detto e ci siamo baciati.

Sono tornato al mio appartamento.

È stata la prima e unica volta che ho tradito mio marito, ma non me ne pento. Sapeva che non poteva dirlo a Marcos perché gli avrebbe fatto male. Non avrebbe capito che era solo sesso e che non significava altro che una notte con un ragazzo che per me non significava niente. Nella mia testa è molto chiaro che tra me e Marcelo non c’era altro sentimento oltre al desiderio.

Mio marito è tornato dal viaggio, ha noleggiato la linea bikini e il nostro letto ha preso fuoco, proprio come ai vecchi tempi.

Se ti è piaciuto non esitare a commentare, soprattutto le donne dicono quello che pensano. La tua opinione è molto importante per me.

claudinha8. barreto@gmail. con

*Pubblicato da claudinha8 sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *