Caught in the Middle – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Il tuo battito accelerava quando allungavi la mano e bussavi alla porta di casa, ma non una qualsiasi… era la sua casa. Era pesante e di legno, come ricordi, e la sola vista mi fece perdere le ginocchia; la tua mente tornò alle prime volte che eri qui e al guscio tremante e consumato di una donna che eri ogni volta. Vedi, per la maggior parte era solo una normale porta di una casa normale, ma per te… era la casa del tuo Dominatore, del tuo Proprietario, dell’uomo a cui ti sei inginocchiato e al quale hai dato ogni centimetro di te stesso, anche se era al di là di ciò che pensavi di poter dare. Il suo cervello tornò rapidamente al momento in cui la maniglia della porta fece clic e la porta si aprì silenziosamente, ed eccolo lì.

Un uomo dai capelli scuri e ben fatto sta davanti a te… La sua statura alta un metro e mezzo si ergeva orgogliosamente sulla soglia, retroilluminata dal ventilatore a soffitto che ronzava lentamente in sottofondo. È vestito casualmente con pantaloni scuri e una camicia bianca abbottonata con le maniche arrotolate e i bottoni semisbottonati per esporre il petto e la massa di capelli arruffati. La sua barba tagliata cominciava a mostrare un po’ di grigio, ed era folta e folta, ma la sua mascella affilata era facilmente visibile mentre ti sorrideva e ti guardava da capo a piedi. La tua testa si abbassò istintivamente e i tuoi occhi caddero sui suoi piedi prima ancora che tu iniziassi a parlare.

“Ha ordinato la mia presenza per il fine settimana, signore, sono qui per esaudire tutti i suoi desideri.” la sua voce sembrava risuonare nelle sue orecchie mentre le parole arrivavano facilmente.

“E hai fatto tutto quello che ti ho chiesto, ragazzo? Il tuo ospite si unisce a noi per il fine settimana?” la sua voce profonda ti fece rabbrividire.

“Sì, signore, sarà qui presto. Ci avrete entrambi per tutto il fine settimana.”

“Va bene, entra e metti la tua borsa in sala da pranzo, lo aspetteremo. Nel frattempo, puoi darci da bere a ciascuno, mia cara.”

Si è allontanato e ha chiuso la porta dietro di te quando sei entrato, la testa ancora china finché il dito non gli ha toccato il mento e l’ha sollevato.

“Non ti farà inciampare e inciampare sulle cose, ragazzo.” Tieni la testa alta e orgoglioso di me. La sua voce profonda grondava di premonizioni.

Ti sei seduto e hai alzato la testa al suo comando e sei andato in sala da pranzo con un ulteriore movimento sui fianchi e hai messo la borsa del fine settimana sul bancone. Potevi sentire i suoi occhi su ogni curva del tuo corpo nel top aderente e nei jeans che ti aveva chiesto di indossare e sapevi che si era fermato a fissarti avidamente il culo mentre te ne andavi. Un momento dopo eri nell’armadietto dei liquori, mescolando accuratamente il tuo cocktail preferito alla perfezione e versandoti una bevanda leggermente miscelata in modo da non ubriacarti troppo prima ancora dell’inizio della notte. Stringendo entrambe le mani, fai un passo indietro con cautela e ti fermi per inginocchiarti davanti a lui, con le ginocchia divaricate, la schiena dritta con i seni sodi mostrati con orgoglio e la testa china mentre gli offri il bicchiere da cocktail con entrambe le mani. Sorseggiò dal bicchiere mentre le sue mani scivolavano attorno alle sue e il suo tocco mandava scintille attraverso di te… potevi sentire lo scricchiolio del ghiaccio mentre beveva un sorso e sospirava profondamente.

“Perfetto, come sempre, piccola mia. Brava ragazza.” La sua voce profonda suonava come una canzone. “Puoi alzarti ora, unisciti a me sul divano e possiamo parlare mentre aspettiamo il tuo ospite.”

Ti sei inginocchiata, languidamente, come un ballerino aggraziato e ti sei chinato a raccogliere il tuo drink dal pavimento dove l’avevi messo, poi ti sei spostato sul divano e ti sei seduto ad incrociare le gambe come lui voleva che tu facessi. La guardi e arrossisci rapidamente pensando al corpo che i tuoi vestiti nascondevano che sarebbe stato tutto tuo questo fine settimana, anche il tuo ospite non aveva idea di cosa stesse facendo. Proprio in quel momento, si udì un leggero, quasi esitante bussare alla porta.

“Deve essere nostra ospite, piccola mia, per favore mostrale che posso salutarla come si deve. E assicurati che anche lei saluti bene te.” disse con calma.

“Sì signore, come desidera.” la sua voce grondava di eccitazione.

Ti sei alzato e sei corso verso la porta, i talloni che sbattevano forte sul pavimento di legno duro, i fianchi che ondeggiavano ancora di più ora mentre cercavi di calmarti. Questa sarebbe la prima volta che porti il ​​tuo amato gattino a vederti e speri che non sia l’ultima. La porta si aprì al minimo tocco e davanti a te c’era una visione angelica di una rossa minuta… sulla trentina, con seni sodi, quasi 60 libbre e occhi verde infinitamente profondi. L’abito floreale che hai scelto per lei abbraccia ogni curva e danza dolcemente nella brezza. Il tuo respiro si è fermato in gola quando hai visto i suoi capelli ondulati, naturalmente ramati, danzare con grazia sulle sue clavicole e mostrare la delicata collana che indossava, dicendo al mondo che apparteneva… a te. Aveva la testa alta con orgoglio, gli occhi bassi in segno di rispetto, e parlava piano:

“Signora, ha ordinato al suo gattino di essere qui per il fine settimana, e io sono qui per soddisfare ogni sua esigenza. Può entrare per favore?” Il suo morbido accento del sud scivolò facilmente dalle sue labbra carnose.

“Una volta che il mio gattino mi ha fatto sentire il benvenuto, sì. C’è qualcuno che voglio che tu incontri, mia bella ragazza.”

Si sciolse in ginocchio senza sforzo alla vista di chiunque potesse osservarla e gli prese la mano tra le sue due piccole mani, portandosela alle labbra carnose. Gli baciò il dorso della mano profondamente e lentamente e aspettò che il battito del suo cuore rallentasse prima di rilasciarlo. Le sue dita si curvarono dolcemente sotto il suo mento e la sollevò.

“Entra, mio ​​adorabile gattino, è ora di incontrare il mio Signore.” la tua voce è forte e dominante.

Ti è passata accanto ed è entrata, 3 passi avanti come le hai insegnato, i suoi passi misurati per corrispondere ai tuoi quando sei entrato nella stanza in cui era seduto, guardandovi entrambi con una luce che danzava nei loro occhi. Si fermò a pochi passi di distanza e i suoi occhi caddero sui suoi piedi, come farebbero per te. Stavi orgogliosamente dietro di lei e le hai messo la mano sulla parte bassa della schiena facendola rabbrividire un po’ al tuo tocco… era passato così tanto tempo dall’ultima volta che stavate insieme.

“Signore, posso presentarvi la mia bellissima gattina, è qui su mia richiesta e su vostra richiesta per tutto il fine settimana.” l’orgoglio evidente nella sua voce.

“Sono onorato di conoscerti ragazzo, grazie per averti condiviso con me questo fine settimana! Gattino, giusto?” sorrise mentre parlava con entrambi.

“Sì, signore, se posso chiamarla così, signore.” la sua voce era dolce e riservata.

“Sì Kitten, puoi sicuramente chiamarmi signore, mi piacerebbe. La tua padrona mi ha parlato molto di te e sono felice di dire che non si sbagliava su una sola cosa, ha un gusto davvero straordinario.”

“Grazie Signore.” arrossì alle sue parole.

“La tua padrona ti mostrerà dove mettere le tue cose, per favore preparati a bere e mettiti comodo, ho alcune cose da preparare prima di iniziare.” disse alzandosi ed entrando nella stanza accanto.

Siete entrati entrambi nella sala da pranzo e la vostra splendida rossa ha messo la vostra borsa accanto alla sua e poi vi ha seguito fino all’armadietto dei liquori. Ha seguito il tuo esempio e ha sorseggiato il drink che le hai preparato, i suoi occhi non hanno mai lasciato le tue mani. Nella stanza accanto si sentivano armadi e porte che si aprivano e alcune cose che frusciavano mentre si preparava per gli eventi di quella sera. In pochi istanti potevi sentire l’odore dell’incenso che stava accendendo, era il suo preferito, e ti stava dicendo che avresti passato una notte selvaggia e che i tuoi limiti sarebbero stati messi alla prova prima della fine del fine settimana… non sapevi quando o come.

Quando sei tornato in soggiorno, lui era semplicemente seduto sulla sua sedia e ora c’era un vassoio d’argento sul tavolino da caffè, coperto da un lenzuolo di seta rosso scuro. Hai fatto cenno al tuo gattino di sedersi sul divano e ti sei assicurato che avesse un portabicchieri per il suo drink perché sapevi che eri molto appassionato della tua lavorazione del legno. Quando vi siete sistemati e avete bevuto qualche sorso dei vostri cocktail, ha iniziato a chiacchierare; niente di troppo complesso o profondo, solo le basi. Come vi siete conosciuti, per quanto tempo vi ha servito, quali erano le vostre parti del corpo preferite l’una per l’altra? Quando i bicchieri furono quasi vuoti, si raddrizzò e si sporse in avanti, guardando il vassoio d’argento sul tavolo, lo indicò e cominciò a parlare con voce autorevole.

“Signore”, ha esordito, “questo fine settimana parla di due cose molto semplici ma profonde: il piacere e la sottomissione. … puoi rispondermi quando ho finito di parlare: accetti di essere qui e di essere sotto il mio comando per il fine settimana?” Ha continuato: “Tesoro, questo fine settimana è per noi tre quindi mi sono preso la libertà di comprare abiti coordinati per te e il tuo gatto… e vedrai di cosa si tratta?”

Il suo gatto si è fermato per un momento per assicurarsi che avesse finito di parlare e ha tubato la sua risposta: “Sì signore, questo fine settimana sono tuo a fare quello che desideri”. I suoi occhi verdi brillavano per l’attesa e il bisogno mentre le sorrideva con orgoglio.

Guardò il tavolo mentre la sua mano afferrava la tovaglia e la sollevava lentamente, i suoi occhi fissavano attentamente il tavolo e qualunque cosa potesse essere sul vassoio. Su di esso c’erano due butt plug decorati con gioielli abbinati e cerchietti di seta, i gioielli di un rosso intenso… il suo colore preferito. Una rapida inspirazione dal tuo gattino ti ha fatto fissare, l’anale era la tua seconda cosa preferita oltre a leccare la crema che schizzava fuori dalla sua figa quando passava ore a scoparti, e la tua mente era già piena di possibilità.

“Ora, se volete iniziare il divertimento notturno, mie belle ragazze, è ora che vi togliate quei vestiti. Gattino, toglietevi i vestiti della vostra Padrona.” disse strizzando l’occhio mentre si appoggiava allo schienale della sedia e si rilassava.

Quasi saltò in piedi dal suo posto sul divano e gli prese la mano per aiutarlo gentilmente ad alzarsi, i suoi occhi banchettavano sul suo corpo e non si preoccupavano di guardare oltre. Le tue mani scivolarono dolcemente sulla tua cassa toracica mentre tiravi indietro i talloni e ti alzavi per affrontarlo, i tuoi occhi si incontravano in uno sguardo appassionato. Ha giocato con la punta delle dita sotto l’orlo del top e ha lentamente tirato su il corpo, i palmi delle mani premuti saldamente contro la sua pelle… lasciando che lui bramasse il suo tocco più tardi. Quando il suo top le scivolò via dalla testa, premette un morbido bacio sulle sue labbra, poi ripiegò la camicia prima di posarla sul tavolo, un gemito sommesso proveniente dal profondo della sua gola. Quando ha girato le dita e ha trovato il bottone dei suoi jeans attillati e lo ha abilmente aperto con mani esperte, la cerniera è caduta senza sforzo al suo tocco e ha spinto le mani in profondità per afferrare il suo culo stretto con entrambe le mani e stringere forte.

“Mmmm, Kitten, sai esattamente cosa mi piace.” la sua voce arrivò dolcemente.

“Sì signora, il suo gatto lo ricorda sempre.” la sua voce era come miele che fluttua su una brezza gentile.

Si fece scivolare i jeans lungo le gambe, fermandosi a baciarsi lo stomaco mentre si inginocchiava per tirarseli su per i polpacci… era inebriante e doveva concentrarsi e ricordare cosa stava facendo. Niente mutandine, come le era stato detto, quindi si è tolta i jeans dai piedi e si è alzata per piegarli e metterli sul tavolo con la maglietta sopra, poi si è alzata e ti ha aspettato.

Adesso era il suo turno, erano passati secoli dall’ultima volta che era stata nuda di fronte a un uomo e la pelle d’oca sulle sue braccia mostrava che era ansiosa ed eccitata allo stesso tempo. Le sue mani morbide scivolarono dolcemente lungo le sue braccia, lungo i suoi fianchi, lungo le sue cosce e trovarono il fondo del suo vestito estivo, e quando hai iniziato a tirarlo su, le tue unghie le hanno sfiorato la pelle delicata. Linee rosse seguivano le tue mani mentre ti spingevi lentamente nei fianchi, esponendo la tua figa completamente pelata e ora molto bagnata al Suo sguardo. Ti sei chinato e le hai baciato avidamente le labbra carnose, mordendole il labbro inferiore mentre tiravi il vestito verso il cielo, esponendo il suo corpo sempre di più a lei, assaporando l’atto di spogliare il suo gattino. Trattenne il respiro mentre le afferravi il seno, sapendo che presto avresti visto il nuovo reggiseno che aveva comprato ieri e indossato solo questo fine settimana… era di seta e pizzo molto delicati che non trattenevano quasi nulla ma coprivano solo la parte superiore. sa che lo stava indossando.

Le sue braccia si alzarono lentamente mentre le tiravi il vestito sopra la testa, i suoi capelli infuocati che cadevano a ondate dalla sua scollatura e stuzzicavano delicatamente il colletto che indossava per te. Il bralette ti ha fatto sospirare e riprendere fiato quando lo hai visto, sapendo che era nuovo.

“Sì, signora. Solo per questo fine settimana, e solo per te.” disse timidamente.

In pochi secondi l’hai liberata e i suoi bei seni erano liberi, i piccoli capezzoli già duri come gomma prima ancora che tu potessi toccarli. La sua mano scivolò tra le sue gambe e dritta sulla sua figa bagnata, già desiderosa di essere usata da te. Hai fatto scivolare un dito lungo le pieghe delle sue labbra e le hai stuzzicato il buco stretto, solo per tirare indietro la sua mano e leccarle il dito mentre guardava.

Nonostante tutto il trambusto di spogliarvi entrambi, posò una piccola bottiglia di lubrificante sul tavolo e ora vi interruppe gentilmente.

“Okay ragazze, ci sarà tutto il tempo per giocare più tardi. Ora, se lo desiderate, è il momento di indossare il costume.” indicò il vassoio sul tavolo. “Aiutatevi a vicenda e possiamo iniziare. Kitten, credo che prima sia il turno delle tue ragazze. »

“Sarebbe un piacere, signore. Signora, per favore, si giri così posso allungare il culo con questo bellissimo plug anale.” disse con un sorriso malizioso.

Le hai fatto l’occhiolino e ti sei girato, mettendoti a quattro zampe sul divano, inarcando la schiena con le ginocchia ben aperte in modo che lei avesse pieno accesso alla tua figa e al tuo culo. In un istante, le sue dita si sono sfiorate contro di te, stuzzicandoti la figa e facendo gocciolare il tuo sperma lungo le cosce, assicurandosi che fossi pronto per quel grosso tappo con cui stava per riempirti il ​​culo. Quando il lubrificante ti ha colpito il culo, non avevi idea che fosse lubrificante caldo, o che avrebbe formicolato così deliziosamente, ma ti sei lamentato proprio mentre lo metteva sul suo culo volenteroso. Poi ha lentamente infilato un dito dentro di te, prima uno per stuzzicarti, poi due per iniziare ad aprirti, muovendoli dentro e fuori mentre ti toccava il culo come una brava cagnolina.

L’acciaio lucido era freddo quando ha toccato la sua pelle, ma è scivolato a metà facilmente, grazie al lubrificante e al suo abile dito della figa. Qui è dove è davvero esploso, era largo almeno 3 dita e forse di più, ma ha continuato a lavorare e dopo un po’… con uno schiocco… è affondato fino praticamente nel culo. Ti sentivi così pieno, era come se il suo cazzo fosse dentro di te e si muovesse perfettamente con te, non importa come ti muovessi. Ti sei alzato lentamente dal divano e ti sei abituato alle sue dimensioni e profondità dentro di te, quasi 5 pollici! E poi è stato il suo turno…

Il tuo gattino si è inginocchiato sul divano e ti ha presentato il suo culo incredibilmente stretto e si è guardato indietro con un sorriso. Aveva visto come quella spina ti riempiva e sapeva che la sua era così grande. Non hai perso tempo a palpare la sua figa bagnata fradicia e strofinarle il clitoride finché non hai sentito il suo sperma iniziare a gocciolare sulla tua mano e l’hai sentita iniziare a gemere, solo allora hai capito che era ora di sorprenderla con il lubrificante caldo; e che sorpresa! Le ci vollero solo pochi secondi per gemere per lo shock quando il lubrificante iniziò a formicolare nel suo culo e le sue dita scivolarono dolcemente dentro di lei, due spinte facilmente. Strofinavi più lubrificante nel tappo e spingi lentamente dentro, il tuo culo cedeva facilmente mentre il tappo andava in profondità. Senza nemmeno pensarci, l’hai schiaffeggiata forte sul culo lasciando un’impronta rossa della mano e le hai detto che era una brava ragazza per tenersi così bene. tappo.

Ha riso dall’altra parte della stanza e li ha ringraziati per lo spettacolo e ha detto: “Signore, è l’ora dell’evento principale della notte. Se entrambi vi mettete le bende, possiamo andare nella stanza successiva e iniziare”.

Non ti ha aspettato, ma si è alzato e si è diretto verso la porta di una stanza che conoscevi troppo bene. Conoscevi questa casa abbastanza bene da attraversarla con gli occhi bendati, e in alcune occasioni… grazie al cielo, perché ora stavi portando la tua bellissima figlia in quella che sarebbe stata la tua nuova stanza preferita del pianeta! Quando le bende erano a posto, le hai preso la mano e le hai detto di seguirti, immancabilmente hai esaminato tutti i mobili e hai incontrato il tuo Signore alla porta. Potevi sentire la porta aprirsi e lui ti ha preso la mano, guidandoti dentro. Quello che non si vedeva di diverso era che ordinò una panca imbottita personalizzata con accessori ovunque, come il tavolo di un chiropratico, ma con tonnellate di punti di ancoraggio per il bondage.

Ti ha fermato nel momento in cui sei entrato nella stanza e ti ha chiuso la porta alle spalle. Ha preso la mano della sua Kitty e le ha detto che era lei la prima e l’ha portata via da te, dicendole di rimanere completamente immobile, qualunque cosa accada, così non avrebbe rovinato la sorpresa per te. Potevi sentire la corda trascinata sul pavimento e legata al telaio di qualcosa, non avevi idea di cosa stesse succedendo ma il tuo gatto era legato in qualche modo e il pensiero ti faceva girare la testa. Suo padre le parlava a bassa voce, dicendole esattamente dove la voleva e quando si era messa nella giusta posizione per lui. Dopo quello che sembrava un’eternità ti ha toccato la mano e ha detto che era il tuo turno… ha camminato con te e ti ha detto di inginocchiarti in panchina in punti specifici e di mantenere quella posizione in modo da poterti legare in quel modo e tenerti fermo. In pochi istanti ti ha legato le gambe e si è assicurato che le corde non fossero troppo strette e si è spostato su per il tuo corpo, allungandoti così tanto da poter sentire lo sperma dalla figa bagnata del tuo gattino senza nemmeno muovere la testa. .. Vi stava legando entrambi!

A questo punto potevi dire che le sue gambe erano divaricate e la sua figa gocciolante era a pochi centimetri dal tuo ragazzo, eri così vicino che potevi sentire il calore del suo corpo. I suoi seni erano premuti contro il suo stomaco e ora le sue braccia erano legate insieme per tenerla in quella posizione… il suo culo in alto e il nuovo plug anale che brillava come un rubino per lui. Quando ha finito di proteggerti, ha fatto un passo indietro e ha detto qualcosa che non dimenticherai mai nella tua vita:

“Beh, eccoci qui, due cagne bagnate legate insieme e tutte mie, ed è solo la prima notte di un lungo weekend.”

In quel momento, una frusta sottile e leggera è atterrata sul tuo culo e tu sapevi che era ora di scaldarti il ​​culo… e guardarti venire per lui. Stanotte, d’altra parte, non saresti venuto a farti sborrare… stanotte, il tuo gattino avrebbe avuto la sua bocca golosa chiusa dentro la figa e succhiare l’anima fuori dal suo corpo! Improvvisamente i cuscini su cui eri inginocchiato si sono spostati, sono scivolati in avanti e verso l’esterno, inarcando la schiena e abbassando i fianchi, esponendoti ancora di più a lui e allargandoti ancora di più al tuo gatto. Per tutto il tempo ha continuato con le frustate leggere.

“Ora piccola”, ha detto, “il tuo lavoro è far venire il tuo amante. Se vedo la tua bocca lasciare la tua figa deliziosamente gocciolante, cambieremo posizione e ricominciamo, quindi non importa cosa faccio o cosa faccio indossa , non osi far uscire la figa dalla tua bocca … Capito, vai a mangiarti la figa qui come se la sua figa fosse il tuo ultimo pasto e lo sperma che puoi ottenere dal suo corpo è la salsa che rende la vita degna di essere vissuta. essere vissuta Se capisci cosa intendo, annuisci con la testa e assumi la posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *