Femdom Between Friends Ch. 03 – BDSM

di | 5 de Agosto, 2022

Trascorse le settimane successive al nostro ritorno da una fiera a Las Vegas trasferendosi a casa di Karen. È stato un momento di sollievo ed eccitazione quando ho finalmente tirato fuori l’ultima scatola di cose dal mio vecchio appartamento, poiché ero piena di anticipazione per la nuova vita che mi aspettava.

Ero sicuro che andare a vivere con Karen avrebbe funzionato bene, ma avevo un po’ paura di tornare nell’ufficio dove lavoravamo io e lei; Mi chiedevo in che modo le nostre vite professionali sarebbero state diverse dalla mia confessione a Las Vegas che sognavo di sottomettermi a una donna che provava piacere sessuale dall’uso e dall’abuso di un uomo, e la sua confessione a me in cambio di ciò su cui fantasticava da tempo. fare così. molte cose.

I nostri tre giorni a Las Vegas sono sembrati un sogno poiché non solo ci siamo rivelati i nostri segreti più oscuri l’uno all’altro, ma abbiamo agito di conseguenza. Di giorno lavoravamo allo stand aziendale al Convention Center e di notte esploravamo le reciproche fantasie dalla sicurezza delle nostre camere d’albergo. Karen è diventata gradualmente più audace nel suo uso di me mentre è diventata più sicura che l’avrei accolta, e durante la nostra ultima notte a Las Vegas ha felicemente fatto tutte le cose indescrivibili che desideravo per me. E altro ancora.

Bene, non dovevo preoccuparmi del nostro ritorno in ufficio perché eravamo entrambi professionisti e il nostro rapporto di lavoro è tornato immediatamente a quello di prima. L’unica novità era il modo in cui ci guardavamo di tanto in tanto e lei mi regalava quel sorriso storto che tanto amavo. Ho ricambiato il sorriso e ho sentito una piccola carica elettrica di conoscenza condivisa passare tra di noi.

Karen non si adattava all’immagine che molte persone avrebbero di una dominatrice, ma si adattava di più allo stereotipo della “ragazza della porta accanto” con le sue lentiggini, i capelli biondo fragola e la sua calda personalità. Condividiamo una totale mancanza di interesse per la pelle nera e le punte che vedi così spesso nei temi erotici BDSM, e le teatralità dei dominanti che insultano con rabbia i loro sottomarini non hanno fatto nulla nemmeno per noi. La cosa più erotica per noi era semplicemente essere le persone che eravamo veramente, innamorati l’uno dell’altro e accettare il fatto che lei era entusiasta di dominarmi e io ero entusiasta di lasciarla. .

A volte, durante una riunione, la guardavo mentre parlava dall’altra parte della stanza e ricordavo come questa giovane donna in posa, vestita in modo conservativo si divertiva così tanto a farmi piangere e costringermi a servire i suoi posti più bui, più intimi; Prima che me ne rendessi conto, avrei avuto un’erezione enorme e avrei dovuto cambiare rapidamente i miei pensieri su qualcosa di simile al baseball prima di essere chiamato ad alzarmi e parlare.

Abbiamo fatto sesso spesso durante quelle prime settimane di vita insieme, ma era pura vaniglia, dolce e affettuoso, che veniva in modo molto naturale dal nostro profondo affetto reciproco. Nessuno di noi aveva alcun interesse per uno stile di vita 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ma sapevamo entrambi che ci aspettavano tempi più “speciali” quando eravamo dell’umore giusto per esplorare quei desideri.

Un sabato, quando Karen doveva andare in ufficio per finire un rapporto importante, decisi di fare un piccolo lavoro di preparazione per quando sarebbe arrivato il momento. L’ex marito di Karen aveva costruito una tana insonorizzata nel seminterrato, che era il posto più ovvio per quello che avevo in mente, e di recente avevo visitato un negozio di ferramenta per acquistare le forniture di cui avevo bisogno. .

La stanza aveva travi in ​​legno sospese molto robuste che erano l’ideale per i miei progetti. Salii la scaletta che avevo portato dal piano di sopra e praticai due fori a circa un metro e mezzo di distanza al centro della trave centrale, quindi installai un grande anello di tenuta in acciaio cromato in ciascuno. Ho attaccato piccoli pezzi di catena agli occhielli del bullone e le catene sospese a maglia rapida erano ora pronte per essere attaccate ai polsi.

Sarebbero solo robusti supporti per piante per l’osservatore occasionale; meno innocui sarebbero gli occhielli a vite che ho inserito nei battiscopa su entrambi i lati della stanza, ma questi potrebbero essere facilmente nascosti fino a quando non servono. Avevo lunghezze extra di catena a portata di mano, già misurate alla lunghezza corretta, con maglie rapide pronte per essere attaccate ai pioli. Li ho appuntati, li ho arrotolati sul pavimento e li ho nascosti ciascuno con un piccolo armadietto d’accento e una pianta in vaso.

Ero consapevole della necessità di un camuffamento adeguato ma facilmente accessibile poiché sapevo che Sarah, la sorella maggiore di Karen, sarebbe venuta a trovarci il fine settimana successivo. Era anche solo questione di tempo prima che arrivassero i nostri genitori, per non parlare dei nostri amici e conoscenti professionali. Avevo già portato la nostra “cassa dei giocattoli” dalla camera da letto e l’avevo lasciata in un angolo della camera da letto; potrebbe dover essere nascosto nell’armadio, ma speravo che l’avremmo usato stasera.

Quando ebbi finito, rimasi lì ad ammirare il mio lavoro quando Karen mi mandò un messaggio, dicendo che aveva problemi a finire il suo rapporto e chiedendomi se mi dispiaceva iniziare la cena. Certo che no, risposi, e dopo aver riposto la scala ei miei attrezzi, ho spento le luci e sono salito in cucina a preparare il pollo arrosto che avevamo programmato di mangiare quella sera.

Altre storie erotiche  Platonic Chastity Ch. 04 - BDSM

Dopo averlo condito e messo in una pentola con delle patate fingerling, l’ho messo in forno e ho fatto una bella insalata di orto. Ho sempre amato cucinare, ma questa volta è venuto con un po’ di fretta a pensare a quello che stavo facendo nel seminterrato e a chiedermi quando potrebbe essere usato per la prima volta.

Karen arrivò a casa circa un’ora dopo, in orario, poiché la cena era quasi pronta. “Dannazione”, ha detto mentre entrava in cucina, “è stato doloroso, nessuno si è preso la briga di darmi i dati che chiedevo, quindi ho dovuto tirare fuori tutto da sola- Non ho idea di come passare un sabato .”

“Bene,” dissi, “la cena è pronta e prevedo che il tuo sabato sera sarà migliore della tua giornata.”

“Mmm, ha un buon odore Jack, penso che ora sia meglio.”

La cena è stata accompagnata da un buon vino bianco e ci siamo seduti in soggiorno per un secondo bicchiere ciascuno. “Mi sento meglio ora?” Ho chiesto.

“Molto meglio, ma sono ancora frustrata per non poter ottenere aiuto con questo rapporto”, ha detto.

Mi sono fermato per qualche secondo, poi le ho preso la mano nella mia. “Karen,” le ho chiesto, “vuoi sfogare un po’ di quella frustrazione?”

Mi guardò e, capendo subito cosa stavo suggerendo, mi fece quel sorriso storto e mi strinse la mano. “Sai una cosa, mi hai letto nel pensiero… pensavo davvero di tornare a casa e… ha iniziato a bagnarmi,” disse, arrossendo leggermente. “E’ passato un po’ di tempo… penso che tu volessi, uh, lavorare?”

Invece di rispondere, ho spostato la sua mano sul mio inguine in modo che potesse sentire il gonfiore sotto i miei jeans.

“Sei pronto, vero?” Lo disse con un sorriso. «Mi piacerebbe, Jack. Forse dovremmo fare un salto nell’ufficio al piano di sotto.

“Speravo che lo dicessi.”

“Dobbiamo portare la nostra scatola dei giocattoli fuori dalla camera da letto?” lei chiese.

«È già lì» dissi.

“Sembra che tu l’abbia pianificato.”

“Oh sì, più di quanto tu possa immaginare.”

Mi alzai, tenendola ancora per mano, e la condussi al piano di sotto. Sulla porta del soggiorno, le ho detto di chiudere gli occhi, quindi l’ho portata dentro e ho acceso le luci.

“Ok, puoi aprirli.”

“Oh mio Dio,” esclamò, guardando le catene appese alla trave del soffitto. “Hai trasformato la mia bellissima tana in una camera di tortura!”

“Ho già menzionato le mie capacità di miglioramento domestico?”

“No, non ricordo cosa hai fatto.”

“Sei d’accordo?”

“Oh sì, approvo decisamente”, disse, e si voltò per abbracciarmi. Ci siamo baciati profondamente e mi sono chinato per tirarle contro i fianchi in modo che possa sentire la mia durezza. “Mmm,” sussurrò, strofinandosi lentamente contro di me, “sabato notte sta migliorando sempre di più.”

Si liberò lentamente dal nostro abbraccio e andò a sedersi sul piccolo divano di pelle che usavamo per guardare la TV. “Ti togli tutti i vestiti mentre ti guardo, Jack?”

“Prima devo mostrarti una cosa”, dissi, e mi diressi verso entrambi i lati della stanza per spostare l’armadietto degli accenti e la pianta in vaso da parte, rivelando le catene arrotolate.

“Oh mio Dio,” disse Karen, “sto diventando davvero sexy in questo momento.” Ho preso le catene e le ho stese sul pavimento di quercia per quanto necessario.

Senza un’altra parola, ho cominciato a spogliarmi, piegando i miei vestiti ordinatamente su una sedia vicina. Era il nostro rituale stabilito e ho sempre trovato un po’ umiliante spogliarsi mentre lei guardava. Certo, sapeva di avere quell’effetto su di me e ci ha eccitato entrambi. Anche se stavo per lo più guardando in basso, l’ho visto toccare il cavallo dei suoi jeans.

Alla fine mi sono trovata davanti a lei completamente nuda, il mio cazzo duro in piena attenzione. “Per favore, mettiti in ginocchio, Jack,” disse, e dopo che l’avevo fatto, si alzò e si avvicinò a me, mettendomi a cavalcioni con le gambe e afferrandomi la nuca per premere il mio viso contro il suo. corpo.

“Sono così eccitata,” disse dolcemente, accarezzandomi i capelli. «Non vedo l’ora di vederti incatenato e frustato in quel modo. Inizierò lentamente, ma voglio frustarti forte. Va bene ? »

“Sì Karen,” dissi, “sai che puoi fare quello che vuoi con me.”

“Mmm, grazie piccola, sei così gentile con me. Dai, dov’è la nostra scatola dei giocattoli? »

Ho indicato la scatola di cartone nell’angolo. È andata lì e ha preso le manette di pelle che abbiamo comprato a Las Vegas, è tornata da me e ha detto: “Per favore, alzati”.

Mi sono alzato in piedi e, senza aggiungere altro, ha cominciato ad attaccarmi le manette ai polsi e alle caviglie, fissandole saldamente in posizione. “Ecco,” disse, e mi condusse alle catene che pendevano sopra la mia testa.

“Hmm, non riesco ad accedere a quelle clip”, ha detto.

“C’è una scala nell’armadio”, gli dissi.

“Hai pensato a tutto, tesoro.”

Tirò fuori la scala dall’armadio, la posò accanto a me alla mia destra e la salì, ora facilmente a portata di mano dell’anello rapido all’estremità della catena. «Dammi la mano», disse, e io alzai il braccio destro. Mentre attaccava il collegamento rapido all’anello al mio polso, mi sono meravigliato ancora una volta di quanto sono stato fortunato a trovare questa simpatica ragazza che poteva essere così entusiasta di punirmi.

Dopo alcuni minuti, entrambe le mie braccia sono state sollevate e i miei polsi sono stati legati alle catene sospese. Karen mise via la scala e si chinò per aggiustarmi le caviglie.

Altre storie erotiche  Dust and Piper Ch. 02 - BDSM

“Allarga le gambe, Jack,” disse.

Ho allargato le gambe e presto i miei polsi e le caviglie sono stati legati insieme, i miei arti si sono allungati e il mio corpo ha preso la forma a X che mi aspettavo. Karen si alzò e si sedette di fronte a me, facendo qualche passo indietro per ammirare il panorama.

“Oh mio Dio, sei così sexy”, ha detto, “mi piace vederti in catene”. Si è avvicinata a me e si è allungata per toccare il mio braccio sinistro sollevato, facendo scorrere le dita lungo le mie costole e fino al mio fianco. “Così caldo,” disse di nuovo. Poi le sue dita hanno trovato il mio cazzo duro, che ha accarezzato prima di scendere per afferrarmi le palle.

“Sono così eccitato da Jack, voglio colpirti così forte. Mi dispiace piccola.”

“Lo so Karen… va tutto bene.

Tornò alla scatola dei giocattoli di cartone e sapevo cosa ne avrebbe ricavato… il bellissimo tawse scozzese che avevamo comprato a Las Vegas. Abbastanza sicuro, un minuto dopo, era in piedi di fronte a me, tenendolo di nuovo tra le mani. Lo esaminò, poi mi guardò con un’espressione curiosa sul viso prima di guardarlo di nuovo.

“Qualcosa è sbagliato?” Ho chiesto.

“No… sto solo pensando a una cosa,” disse.

“Cosa ne pensi?”

“Beh… ho comprato qualcosa la scorsa settimana, un po’ per capriccio, e poi ho deciso di restituirlo… ma, uh, non l’ho ancora fatto.”

“Perché dovresti restituirlo?” »

“Beh, pensavo che forse fosse troppo… sai, andare un po’ troppo oltre… ma vederti così…”

“Vedermi così ti fa venire voglia di stare con lui?” E magari provare?

Si fermò per un minuto. “Uhm, sì… vederti così mi fa venire voglia di provare.”

Ho esitato per alcuni secondi e poi, non sapendo in cosa mi stavo cacciando, ho detto: “Perché non vai a prenderlo e me lo fai vedere?”

“VA BENE.”

Lasciò la stanza e salì al piano di sopra per recuperare questo oggetto misterioso. In piedi nuda, i polsi e le caviglie ben formati, il mio corpo completamente esposto e aperto a qualsiasi cosa volesse farmi, ero abbastanza sicuro che tutto ciò che aveva comprato fosse allo scopo di infliggere dolore. Ero anche sicuro che alla fine l’avrei lasciato usare su di me.

Era andata via solo per un minuto, ma sembrava che fosse passata un’ora prima che tornasse e si ergesse di nuovo davanti a me, nascondendo il suo nuovo giocattolo dietro la schiena.

“Ricordi quando da bambino parlavo di guardare film sui cowboy e di essere ossessionato dalle scene di ragazzi legati e frustati?” lei chiese.

“Oh sì, mi ricordo”, risposi.

“Beh, non è che indossassero un tawse… era più così.”

Tirò fuori la mano sinistra da dietro la schiena per mostrare il suo acquisto. Era una frusta di pelle nera a coda singola.

Rimasi senza parole per alcuni secondi. “Uh, è come una frusta in miniatura?” Alla fine ho chiesto.

“Si chiama frusta del segnale”, ha risposto. “In realtà ho pensato di acquistare una frusta, ma il ragazzo del negozio l’ha consigliata ai principianti, è lunga solo 4 piedi e ha detto che sarebbe stata più facile da controllare e più sicura da usare”.

“Beh,” dissi, “sembra più sicuro… bene.”

Srotolò la frusta, lasciò cadere la punta sul mio cazzo e lo avvolse lentamente attorno all’asta.

“Farebbe più male del tawse, forse molto di più. Ma mi sono esercitato con esso, su un cuscino, e sono abbastanza sicuro di poterlo usare senza rompere la pelle. È più facile colpire quel tipo di frusta che il più grande.”

Ero un po’ debole alle ginocchia a sentirlo dire “bersaglio”, sapendo che significava punti sul mio corpo. Luoghi che probabilmente avrebbero presto sentito la fine degli affari di questa nuova frusta.

“Vuoi usarlo su di me, Karen?”

Mi guardò con occhi leggermente tristi e tese la mano destra per accarezzarmi il viso. “Sì Jack, voglio… vederti incatenato così e tenere quella frusta in mano mi fa venire voglia di usarla… il mio stomaco sta facendo le capriole, sono così eccitato.”

“Se usarlo su di me ti eccita, allora… voglio che tu lo faccia.”

“Intendevi davvero questo?” Lei mi ha chiesto. “Non potrei sopportare se pensassi che sono troppo strano per te. Sei sicuro di volere una ragazza pazza a cui piace frustarti?”

«Penso che tu sappia già la risposta», dissi. “Guarda la tua frusta.

Ha guardato la frusta avvolta intorno al mio cazzo e ha visto che ero duro come una roccia.

“Oh piccola,” disse avvolgendomi tra le braccia, “ti amo.” Si chinò e mi baciò, e si chinò per accarezzare di nuovo il mio cazzo duro. Lui pulsava al suo tocco. “Ti amo anch’io,” dissi.

“Anche tu sei eccitato, vero?” ha detto spremendo un po’ di pre-sborra sul mio cazzo. Mi avvicinò con la punta delle dita alle mie labbra e le allargò su di esse, poi iniziò a stringere di nuovo. “Apri la bocca”, ha detto, e ha spinto le sue dita bagnate dentro di me in modo che potessi leccarle.

“Ricordi le tue parole sicure, vero?” ” lei chiese.

“Sì, e ti ricordi che posso pregarti di smetterla, ma non devi farlo a meno che io non usi una parola sicura, vero?”

“Oh sì…sai quando l’ho comprato mi passava per la testa quanto ti avrebbe fatto desiderare per favore… so che è strano ma mi piace sentirti implorare.

Altre storie erotiche  Anna and Arin: Sheer Submission - BDSM

“Non è strano Karen, è divertente anche per me.”

“Va bene amore.” Ha rilasciato la frusta dal mio cazzo e me l’ha portata in faccia.

“Se lo uso su di te, sarà sulla tua schiena, sul culo e sulle cosce. All’inizio me la prenderò comoda con te, ma voglio davvero frustarti finché non piangi e implori di fermarti”. .”

“Capisco.”

“Ma sai che non fermerò Jack, e la tua supplica mi farà solo colpirti più forte.”

“Dico.”

“Allora bacia la frusta se vuoi che cominci.

Mi avvicinò la frusta del segnale alle mie labbra e io baciai la pelle intrecciata, poi Karen si mosse dietro di me. Fece schioccare la frusta in aria un paio di volte e il suono mi fece sobbalzare in catene.

“Sembra spaventoso, vero?” ” lei chiese.

“Sì,” risposi, con un crepitio nella voce.

“Sei spaventato?”

“Sì.”

“Non ti biasimo. Beh, non sarai spaventato per molto, solo molto dolore.”

Teneva l’estremità della frusta, toccandomi la schiena per misurarla, e all’improvviso mi resi conto che tremavo di paura.

Senza preavviso, fece oscillare la frusta, schiaffeggiandomi la schiena in diagonale sulle spalle. Non ho sentito niente per una frazione di secondo, poi una sensazione di bruciore si è diffusa lungo la schiena. Si fermò, sembrava conoscere istintivamente l’arco del mio dolore mentre si alzava e si abbassava, poi mi colpì di nuovo, questa volta un po’ più in basso di prima.

“Oh”, ha detto, “vorrei che tu potessi vedere le strisce rosse che fa. È come se potessi dipingerti la schiena con esso”.

Il terzo colpo fu più forte e gemetti a denti stretti.

“Fa più male, vero?”

“Sì ha fatto.”

Il quarto colpo è stato ancora più duro, facendomi inarcare il corpo e tirando le catene. “Dio, questo fa davvero male a Karen.”

“Oh piccola, adoro vederti muovere il tuo corpo in quel modo”, ha detto. Ha oscillato di nuovo e mi ha colpito nello stesso punto, ma questa volta la punta della frusta si è avvolta intorno a me e ha catturato la punta del mio capezzolo destro. “Dannazione,” gridai, distorcendo i miei legami, “sei davvero bravo in quelle cose!”

“Ho detto che mi stavo esercitando”, ha detto con una risatina.

Poi iniziò a punirmi sul serio, frustandomi ancora e ancora a un ritmo incessante, abbassando gradualmente la mira ogni volta fino a raggiungere la mia parte bassa della schiena. Ero in fiamme.

Sentivo che si stava concentrando attentamente sul fare graffi paralleli uniformemente distanziati su di me e, per quanto mi facesse male, il pensiero che fosse così lontana dal mio dolore era esotico.

Poi mi ha frustato di lato in cima al mio culo. “Ahhh, non so se posso sopportare molto di più”, dissi.

“Mi dispiace, tesoro, ma temo che tu ne abbia bisogno,” disse, e mi frustò di nuovo il culo, mettendo un’altra cintura appena sotto l’ultima. “Dio, fa davvero male,” dissi di nuovo, ma questa volta con una punta di panico nella voce.

Agitò la frusta altre tre volte senza fermarsi e le lacrime ora mi rigavano il viso. “Per favore, ferma Karen, è troppo!” Gridare.

“So che è troppo, Jack. Voglio che sia troppo”, ha detto, “voglio che tu ti senta come se non ce la facessi più”, e mi ha detto di nuovo di colpirle il culo più forte che poteva , questa volta per farmi urlare.

“Meno male che il mio ex ha insonorizzato questa stanza,” rise.

Abbassò la frusta e per un attimo pensai che si sarebbe fermata, ma poi dai rumori che udii capii che aveva cominciato a spogliarsi.

“Sono così bagnato piccola che devo spogliarmi prima di immergere questi jeans.” Non era la prima volta che si spogliava dietro di me durante un colpo di frusta, aggiungendo al mio dolore la frustrazione di non poter vedere il suo corpo nudo.

“Ora finirò di raderti il ​​culo Jack, e anche la parte posteriore delle tue cosce. E mi farò venire mentre lo faccio.” Sapevo che il peggio era davanti a me una volta iniziato il suo viaggio verso l’orgasmo.

Potevo sentirla iniziare a respirare più forte mentre agitava la frusta e sapevo che si stava divertendo con la mano sinistra allo stesso tempo. La mia erezione era sparita da tempo, ma immaginare cosa stesse facendo dietro di me quasi me l’ha fatta tornare. Quasi.

Mentre si muoveva lungo il mio culo, iniziò a grugnire ad ogni colpo di frusta, ogni grugnito ora seguito da un mio pianto pietoso. “Per favore, Karen non più, oh mio Dio, proprio non ce la faccio. Farò qualsiasi cosa per te se smetti!”

“Jack, farai comunque qualsiasi cosa per me,” e la frusta colpì appena sotto il fondo del mio culo, quel punto morbido dove finivano le mie cosce. Ho pianto un sanguinoso omicidio.

Poi si è messa a lavorare sulle mie cosce, e con un colpo particolarmente brutale la frusta si è curvata ed è riuscita ad afferrarmi il lato delle palle. Ho urlato di dolore e mentre l’ho fatto, Karen ha urlato: “Sto arrivando, Oh mio Dio, OHH DIO, AHH AHHH AHHHH!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *