His Loving Wife – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Mi sono seduto sul divano, aspettando che mia moglie tornasse a casa. Avevo passato la giornata ad aspettarlo, era il mio giorno libero, e le vacanze si stavano avvicinando, dandomi sempre più voglia di trascorrere del tempo solo noi due. È stata impegnata ultimamente con il suo nuovo lavoro e potevo vedere lo stress nei suoi occhi tutto il tempo, il che mi ha fatto preoccupare per lei.

Erano quasi le sette quando ho sentito la porta aprirsi e lei è entrata, ancora sorridendo, anche se potevo vedere la tensione nei suoi occhi. Ann aveva recentemente iniziato il suo lavoro in una nuova società di modelle e le stavano facendo pressioni per completare un servizio fotografico per una rivista prima della fine della stagione. Ciò significava lunghe ore che non le piacevano particolarmente. Sembrava più radiosa che mai, con i capelli ondulati biondo platino pettinati in spesse trecce con frangia laterale divisa sul lato destro del viso. Indossava sempre un unico fermaglio per capelli giallo, oltre a piccoli orecchini circolari in entrambe le orecchie. Avevamo entrambi luminosi occhi azzurri, ed era qualcosa che mi aveva sempre attratto da lei. Era 1/4 americana e 3/4 giapponese, un affascinante mix che l’ha aiutata a comprendere molte culture. Era molto alta, il che si adattava molto bene alla sua carriera di modella. Indossava un blazer nero sopra una felpa con cappuccio bianca, insieme a collant rossi e stivali marroni. Non sapevo perché indossasse sempre dei collant rossi, ma pensavo che le stessero bene, quindi non gliel’ho mai chiesto.

“Sei finalmente a casa.” dico guardandola. “Ero così preoccupato.”

Sorrise e posò la borsa sul pavimento. Stavo per alzarmi e abbracciarla quando è corsa verso il divano e mi ha avvolto le gambe intorno, inchiodandomi a terra. Mi guardò con un enorme sorriso, i capelli che le ricadevano sul viso. “Mi sei mancato così tanto, Will.”

Le spazzolai i capelli dietro l’orecchio e la esaminai. “Qualcosa è sbagliato?” Riuscivo sempre a capire se c’era qualcosa che non andava in lei… Scosse la testa, ma non disse nulla. “Dai, dimmelo.”

Lei annuì. “Sto bene, sono solo stressato. Sono stato a malapena in grado di mangiare per tutta la settimana perché continuano a truccarmi e cambiarmi i vestiti come se fossi la loro bambola”.

Sospirai: “Se è troppo stressante per te, dovresti smettere. Posso gestirlo con il mio stipendio per un po’.”

Scosse la testa: “No, non lo è. Adoro fare la modella, è solo un po’ stancante a volte”.

Scuoto la mia testa. “E sono sicuro che andrà meglio dopo che la tua libertà vigilata sarà finita.” Lei mi fece un cenno d’accordo. Le mie mani si avvolsero intorno alla sua vita e l’ho tirata contro di me, lasciandola appoggiare il suo corpo contro di me. Potevo respirare il suo profumo e mi ha subito confortato.

Quando finalmente si è calmata, mi ha guardato e ha detto: “Allora cosa vuoi fare stasera?” Sento che non abbiamo passato del tempo insieme per sempre.

Ci ho pensato per un secondo e ho detto: “Vuoi… vuoi fare sesso? Aiuta sempre a rilassarti”.

Sorrise subito all’offerta. “Pensavo che non l’avresti mai chiesto!” Sono passati alcuni giorni e stavo diventando un po’ disperato.

Risi. “Baby, tutto quello che dovevi fare era chiedere. Ho pensato che fossi troppo stanco ultimamente per volerlo.”

Scosse la testa con enfasi. “Voglio sempre con te.” lei sussurrò.

Scese dalle mie ginocchia e mi prese la mano, conducendomi con impazienza in camera da letto. Ero un po’ preoccupato per la tua fretta. Ogni volta che Ann si eccitava, diventava più dura con me e sapevo che non mi avrebbe dato sui nervi oggi. Mi ha fatto sedere sul letto e mi ha sorriso prima di andarsene, dicendomi di stare fermo. Ho ascoltato, perché quando eravamo nei nostri ruoli, ero il suo schiavo e niente di più. L’ho sempre ascoltata su ogni ordine, perché quello era il rapporto che avevamo stabilito dall’inizio, ed eravamo entrambi molto, molto coinvolti. Tornò con delle bende e una scatola piena di giocattoli che aveva scelto. Deglutii a fatica, ma lasciai che lei arricciasse obbedientemente le pieghe intorno ai miei occhi. Mi sono seduto lì ad aspettare che lei facesse quello che voleva con me. Stavo già diventando duro, il mio cazzo si tendeva nei miei pantaloni mentre immaginavo tutto ciò che avrebbe potuto fare durante questa sessione.

La sentii avvolgere una corda intorno ai miei polsi. Era così brava, aveva studiato molto il gioco con la corda e sapeva esattamente quanto fosse stretto ogni anello per dimostrare che era la mia maestra, ma non era mai troppo stretto per farmi davvero male. Ho sentito le mie mani essere tirate verso la parte anteriore del letto e l’ho sentito stringersi attorno ai pali. Ero sdraiato sulla schiena ora, e lei aveva tutto il potere su di me. Mi ha immediatamente abbassato i pantaloni con i boxer, facendo esplodere il mio cazzo semiduro in aria. “Sei un buon animale domestico.” disse guardando il mio corpo. “Mi aspetto la piena conformità oggi.”

Annuii ansiosamente, aspettando la sua prossima mossa. Mi ha trasformato con la forza che può essere raggiunta solo allenandomi costantemente e sapevo che andava costantemente in palestra per la sua carriera di modella. Gemetti quando le mie ginocchia si posarono sul letto. L’ho sentita dietro di me, poi ho sentito lo spruzzo di quello che poteva essere solo lubrificante. Sembrava che avesse intenzione di scoparmi oggi, tenendo un dildo o scopandomi lei stessa. Gemevo forte mentre sentivo le sue dita scivolare dentro di me, allungandomi. Le sue dita si muovevano dentro e fuori di me ancora e ancora, ricoprendomi di lubrificante freddo mentre si appoggiava al mio corpo, facendomi sentire i suoi seni contro la mia schiena. Sembrava che fosse già nuda lei stessa, anche se non avevo idea di quando fosse successo.

“Ann…” gemetti, disperata di sentire qualcosa sul mio culo. Oggi è stata gentile e si è conformata, e ho praticamente urlato quando ho sentito questo, un enorme vibratore che mi ha allungato più del solito. Non voleva lasciarmi rilassare, spingeva, veloce, forte e non potevo fare a meno di gemere il suo nome ancora e ancora. Ha iniziato a scoparmi, forte. Potevo sentire il suo cazzo contro la mia prostata, pulsare ripetutamente mentre spingeva con abbandono selvaggio. Gemevo nel cuscino che era contro la mia faccia, la mia voce attutita mentre lo mordevo con l’immenso piacere che provavo. Ha spostato la mano intorno al mio corpo fino al mio cazzo, che era duro come una roccia e grondante di precum. Ha iniziato ad accarezzarmi mentre scopavo, e potevo già sentire le mie palle stringersi, un’indicazione che ero così vicino a venire.

Ha lavorato la punta, stringendola mentre gemevo forte, incapace di pensare a nient’altro che al suo corpo contro il mio. Ero così vicino… così vicino a essere a letto dopo il suo attacco. Mi sono sentito nervoso… e poi… ha fermato tutto. Gemevo e mi muovevo contro di lei, incapace di contenermi. “Che ragazzo cattivo sei.” Tubò, “disperatamente venire, non è vero?”

Annuii, sapendo che aveva bisogno di una mia risposta. “Quindi avresti dovuto pensarci prima di rifiutarmi il sesso per quasi una settimana.” Ha perso la testa. Sperma! Non avevo idea che fosse arrabbiata con me perché volevo darle una pausa. Sarebbe stato… brutto.

“Per piecere.” mi sono lamentato. “Per favore Ann. Devo venire.” Mi sono mosso di nuovo contro di lei.

“Osi andare contro la decisione del tuo padrone?” Ha detto, e prima che potessi rispondere mi ha dato una grande sculacciata contro il mio culo. gemo forte. Ero così eccitato che il dolore che produceva si traduceva direttamente in piacere, e dannazione era così tanto dolore. Mi ha sculacciato di nuovo e non ho potuto fare a meno di gemere il suo nome in risposta.

Si fermò per accarezzarmi un paio di volte, lasciandomi rannicchiare contro di lei prima di sculacciarmi una terza volta. “Mi piace quando le tue guance sono rosse e calde per me.” ha detto, poi mi ha schiaffeggiato di nuovo, questa volta più forte. Mi sentivo così eccitato che potevo praticamente sentire le sensazioni di lei che mi schiaffeggiava. Ero disperata, disperata nel sentire che lei mi toccasse di più.

“Per favore…” gemetti, avendone un disperato bisogno. È scivolata fuori da me e io gemevo per il vuoto nel mio culo. Come può farmi questo? Mi ha girato di nuovo sulla schiena e l’ho sentita strisciare intorno alla mia vita mentre si appoggiava al mio viso, così vicino che potevo quasi baciarla.

“Più implori, meno incline a farti venire, puttana.” La sua voce era più cupa di quanto non l’avessi mai sentita prima. Rabbrividii al suono di esso. La sentii avvolgere le sue mani intorno al mio collo e mi strinse forte, togliendomi il respiro. Potevo solo sopportarlo, prendere qualunque trattamento avesse deciso di darmi, perché la verità era che ogni secondo mi eccitava ancora di più. L’ho sentita allineare la figa contro il mio cazzo e l’ho sentita scivolare giù. Era l’unica a gemere questa volta, e ho imitato i suoi rumori, amando la sensazione della sua figa bagnata e gonfia che mi stringe il cazzo. Era chiaramente troppo eccitata per scoparmi e ho adorato quanto fosse bagnata facendomi da padrone. Mi montò in groppa e mi ordinò di non muovermi di un centimetro. Era dura, volevo disperatamente muovermi contro di lei, incontrarla ad ogni spinta con la mia. Sapevo che se l’avessi fatto, sarei stato severamente punito, quindi ho lasciato che mi usasse come fonte di piacere.

“Devo venire.” Gemetti dopo qualche minuto, incapace di trattenermi.

Lei tské e disse: “Non osi venire. Sei una vescica per il mio piacere, capisci?” Annuii in risposta, anche se dovevo mordermi il labbro per trattenere il mio piacere, era semplicemente troppo difficile.

Quando finalmente è venuta, stringendosi intorno a me come se stesse mungendo il mio cazzo, non ho potuto trattenermi. Anch’io sono venuta, gemendo mentre sparavo giorni di sperma immagazzinato dentro di lei, inzuppandola. “Come osi?” Disse, e mi tolse la benda mentre mi guardava, completamente e completamente infastidita. “Ora che ho il tuo disgustoso sperma nella mia figa, cosa dovremmo fare al riguardo, eh?” Mi strattonò rudemente i capelli, facendomi guardare.

“Scusa…” borbottai, chiaramente sconvolto.

Mi ha rilasciato per un secondo e mi ha accarezzato dolcemente. “Baby, è troppo per te?” chiese, la sua rabbia trasformata in preoccupazione. Scossi la testa, amando quando lei smise per un secondo della sua personalità dominante per assicurarsi che stessi bene. Lo faceva regolarmente e mi sono sempre sentito al sicuro con lei. “Bravo ragazzo.” Ha concluso, poi ha detto: “Voglio che mi lecchi ogni goccia del tuo schifoso sperma”. Annuii e lei mi slegò, lasciandomi piegare sulla sua figa gonfia, sentendo i miei fluidi mescolarsi contro i suoi. Era dolce e salato allo stesso tempo, e l’ho leccato via, prima lentamente, poi più velocemente quando ha ricominciato a gemere.

L’ho leccata come un cane, cercando di ottenere il massimo dal mio sperma mentre mi strofinava la faccia rendendomi difficile respirare di nuovo. “Oh… Volontà.” Geme il mio nome, rendendomi più desideroso di servirla. Ho alzato le dita e le ho infilate nella sua figa. Avevo paura che mi colpisse più forte per aver fatto qualcosa che non mi aveva chiesto di fare, ma si limitò a gemere e si mosse contro le mie dita, salendo sempre più in alto.

È stata una leccata particolarmente ruvida contro la sua figa che l’ha fatta venire di nuovo, e mi ha stretto forte i capelli mentre cavalcava il suo orgasmo, godendosi ogni spinta insistente delle mie due dita nella sua figa. Quando tutto finì, si sdraiò sul letto, respirando affannosamente mentre si rilassava dal suo secondo orgasmo. Mi sdraiai timidamente su di lei e lei mi avvolse tra le braccia, tirandomi avanti. “Spero di non essere stato troppo duro con te oggi.” sussurrò contro i miei capelli sudati.

Scuoto la mia testa. “L’ho fatto anch’io.” Ho detto.

“Ti amo così tanto, Will.” Lo ripeté e cominciò ad accarezzarmi, i miei capelli e il mio corpo, lasciandomi rabbrividire alle sue dolci carezze.

“Anch’io ti amo.” Ho sussurrato. Amavo quella parte della nostra relazione a volte anche più della parte sessuale, amavo quanto potesse essere dolce subito dopo, e questo rendeva utile per me ogni trattamento duro. Stavo già diventando duro di nuovo, il mio cazzo era chiaramente desideroso di venire dopo così tanti giorni senza farlo. Sembra che l’abbia notato anche lei, e mi ha spinto indietro sulla schiena, guardandomi con un sorriso feroce.

“Sei uno schiavo così malizioso.” Disse, e prima che potessi rispondere, iniziò ad accarezzarmi con le sue lunghe dita ben curate. Mi sono lamentato e l’ho spinta dentro di lei mentre si muoveva su e giù, facendo esattamente ciò di cui avevo bisogno per venire di nuovo. Era così brava a leggere tutte le mie esigenze. Si muoveva su e giù e in tondo, e dopo un po’ mi sputò sul cazzo, lubrificandolo in modo che scivolasse facilmente contro le sue dita. Ero di nuovo nel mio mondo, la mia mente completamente vuota mentre tutto il mio mondo era centrato attorno alla sua mano avvolta attorno al mio cazzo. Ero così vicino… così vicino a venire.

“Ann… per favore.” L’ho implorato, anche se temevo che mi avrebbe attaccato di nuovo. Un rifiuto adesso mi ucciderebbe completamente, anche se lo accettassi, perché dopotutto ero il suo schiavo veramente obbediente.

“Ti è permesso venire.” Quelle furono le sue ultime parole prima che mi avvolgesse la bocca intorno al sedere e mi scopasse così velocemente con le dita che non potevo fare a meno di spingerla dentro di lei, gemendo il suo nome mentre tornavo dentro di lei. Ha ingoiato ogni goccia come una campionessa e mi ha sorriso mentre arricciava di nuovo il suo corpo contro di me.

“Due per due.” disse, sospirando piano mentre si rannicchiava più vicino.

“Dio Ann, sei completamente e assolutamente perfetto.” sussurrai prima di chiudere gli occhi e addormentarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *