Trained Ep. 08 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Sab

Sam finisce di premere l’asciugamano contro il suo braccio, spazzolandole lentamente il resto dei capelli dal corpo. Si guardò allo specchio, era completamente calvo tranne che per i capelli e le sopracciglia. Un brivido improvviso lo circondò con le braccia, cercando un modo per coprirlo.

“Oh, vieni qui,” disse Mia con un sorriso. Si asciugò i lunghi capelli e posò la spazzola per abbracciare Sam. Il suo tocco era diverso su braccia, gambe, ovunque, la sua veste di seta marrone era paradisiaca, ma il suo tocco era anche migliore. Mia si sentì più vicina. Sentì la spazzola scorrergli tra i capelli.

“Sai che i tuoi capelli stanno diventando lunghi, se ti lusingassi potresti quasi passare per una ragazza.”

“Non so se mi sentirei a mio agio con le persone che mi vedono così”, ha continuato, arrossendo.

“Non preoccuparti, sarebbe una cosa ‘solo per i miei occhi’. E se non lo vuoi, non è necessario.”

“Ti amo.”

Erano passate alcune settimane da quando Sam aveva iniziato a vivere con Mia. È stato un inizio difficile, ma si sentiva al sicuro. Stabile. Sicuro. Si concentrò su ciò che era così sicuro. Racchiuso nella plastica rossa c’era il suo cazzo, il suo guinzaglio messo nel lavandino, e non si sentiva completo senza di esso. Mia era una dolce amante; prima un amante, poi un pervertito pervertito. E eccitato da morire, quindi la gabbia veniva spenta almeno una volta al giorno, di solito di più. Mia incontrò il suo sguardo e prese il guinzaglio, sorridendo e lo inchiodò sostenendolo ancora una volta come suo.

Un brivido percorse la schiena di Sam, rabbrividì e si rannicchiò in Mia. Presto le stava baciando su e giù per il petto e il collo. Non poteva farne a meno.

“Sei solo insaziabile, lo sapevi?” chiese Mia con evidente piacere ai baci. Sam si limitò ad annuire e continuò. Mia si tirò leggermente i capelli, li spostò in alcuni punti, poi con un movimento deciso li tirò indietro. “Vuoi provare qualcosa di nuovo?

***

Sam si sedette davanti al giocattolo. Era un plug anale interessante. Sam non sapeva perché avere delle cose dentro di lui lo eccitasse, ma poteva dire che funzionava davvero a meraviglia. Non era neanche male, la pienezza era un po’ strana e spostarla senza lubrificante era orribile, ma a parte questo poteva descriverla come una bella sensazione di calore. E non poteva negare che aveva fatto qualcosa anche per lui.

Mia si alzò sopra di lui e lo guidò, prima spinse dentro di lui le sue dita ricoperte di lubrificante, massaggiando il punto che lo faceva formicolare. Dopo essere arrivata in un posto dove avrebbe potuto facilmente penetrarlo, si tirò indietro. Sam smise di gemere e gemette quando se ne andò. Si sentiva vuoto, ma le cose cambiarono presto quando sentì che la punta colpiva il suo ingresso. Lo abbracciò, la testa poggiò sui suoi seni e lui riprese a gemere. Spinse un po’, poi rilasciò un po’, poi spinse più forte. Presto scivolò dentro, lasciando solo il grosso tappo piatto sul culo. Mia lo aiutò a sedersi e lui cercò di rilassarsi e concentrarsi. Poi ha preso il telefono.

“Cosa stai facendo-” Le parole e il cervello di Sam furono interrotti da un brusio. Un gemito incontrollabile lasciò le sue labbra e cadde in avanti afferrando Mia. Non appena iniziò, si fermò e Sam si chiese cosa fosse successo.

“Era la caratteristica del vibratore, ha molte impostazioni e la sua forma dovrebbe colpire la tua prostata nel modo giusto.” La mano di Mia si spostò sul suo petto e toccò la gabbia rossa. “Il mio bambino sta bene? Mi sento un po’ imbarazzato? »

Sam se n’era andato da tempo. Niente sembrava così bello.

“Di più,” gemette Sam. “Per favore.”

Il viso di Mia è cambiato da giocoso a sorpreso, ma molto giocoso; emozionato.

“Dillo ancora piccola, non ti ho sentito.”

Sam rabbrividì contro di lei e tirò il suo vestito più vicino, aprendolo un po’ di più. Si sentiva così bene, ma aveva bisogno della gabbia, il suo cazzo stava lottando per liberarsi. Voleva attenzione, e anche lui. Quindi ha fatto quello per cui era stato addestrato.

“Per favore signora, per favore riaccendilo. Per favore, toccami, per favore gioca con me”, implorò Sam.

Mia

Il dito di Mia si posò sul bottone. Il formicolio del bisogno era come una ragnatela nel suo corpo. Aveva già sovraccaricato il lavoro del suo animale domestico, ma aveva ancora alcune cose in programma prima di potersi liberare e metterlo sul letto.

Prima la gabbia. Sapeva che renderlo duro non sarebbe stato carino, le piaceva che si sciogliesse in una pozzanghera di piacere, non di dolore. Ma per farlo, avrebbe dovuto trattenerlo. A Sam non era più permesso toccarsi, ma per qualche motivo malizioso, Mia adorava tenerlo tra le mani quando veniva. Era diventata un po’ possessiva nei confronti del suo corpo e adorava guardare il suo viso mentre gli legava le mani con un nastro.

Prima che potesse perdersi in fantasticherie, frugò nel cassetto del comodino e afferrò la chiave. Non ha speso tempo a farlo diventare duro, il suo cazzo si è presto alzato per lei, contorcendosi nel bisogno. Mia diede una gomitata a Sam da dietro, sentendolo gemere in attesa. Si mise a cavalcioni su di lui, premendo la testa contro la sua fessura, ma non dentro.

Lentamente, si chinò su di lui, portandolo a sé. Ora che prendeva la pillola, poteva prenderla nuda. Con un sorriso malvagio, non si mosse, ma premette il pulsante.

Immediatamente, Sam lo colpì con un gemito di accompagnamento. Il suo culo vibrava mentre tremava e tremava, ogni movimento gli dava piacere. Sentendo il suo cazzo vibrare dentro di lei, si sedette semplicemente sopra di lui, guardandolo contorcersi sotto di lei. È caduto a pezzi, non sapeva cosa fare del suo corpo ed era carino da morire per questo. Si spinse impotente dentro di lei, incapace di trovare un ritmo mentre mormorava suppliche.

“Va tutto bene piccola, perditi nel divertimento. Mi siederò qui e aspetterò che tu venga.”

Ha iniziato a giocare con se stessa mentre si sedeva sulla sua nuova Sybian. Sam tremava e balbettava, i suoi occhi vitrei per il piacere e la sua mente che correva con il suo pre-sborra. Mia si sentì scappare via con lui. Il suo respiro divenne pesante, eguagliando il respiro di Sam. Osservò i suoi piccoli gemiti e gemiti, le mani legate al colletto. Il rosso del nastro corrispondeva al rosso delle sue guance, il suo viso era così carino quando veniva preso in giro.

Mia ha iniziato a perdere la pazienza, il suo piano di farlo venire solo attraverso il vibratore si è spostato su di lui che lo assorbe. Ora ha detto cazzate e ha iniziato a muoversi. Camminava avanti e indietro, ora con entrambe le mani sul petto. Mia era bisognosa quanto Sam, ma era da un po’ che prendeva in giro Sam e lui non sarebbe durato a lungo. Era arrapata da morire solo a guardarlo, ma la sua bocca era sempre pronta ad andare quando il suo cazzo non lo era.

Mia ha iniziato a spingere più velocemente, scopando Sam e lasciandolo estasiato. L’aria era piena dei suoi gemiti e vibrazioni. Il suo esperimento fallito ha portato a una semplice festa del cazzo. Mia inarcò la schiena e lasciò entrare San, spingendolo dentro e fuori, sentendolo solleticare il suo ingresso e poi di nuovo dentro di lei. Mia ha assaporato l’estasi, ma è stata interrotta quando Sam ha iniziato a fare i rumori che ora le erano familiari. Era sull’orlo dell’orgasmo. Si è concentrata maggiormente sul viso man mano che il rossore e il bisogno crescevano, così come a volte la sua corsa. Sam crebbe di volume mentre le sue rapide spinte crescevano dentro di lei.

Conosceva il suo cazzo così bene, aveva passato così tante notti a scoparlo senza motivo, e pomeriggi e mattine. Così tanti preservativi, così tanto divertimento, così tanto divertimento. Come un orologio, lo sentiva teso, quindi è venuto. Si alzò in piedi mentre lui veniva, allungando una mano e facendo atterrare la sua figa bagnata fradicia sul suo viso, soffocando i suoi gemiti pieni di sperma. Ha cavalcato la sua faccia duramente cercando di recuperare la magia che il suo cazzo stava facendo mentre era impegnata a spruzzare nell’aria, e la spina nel suo culo che vibrava incessantemente.

La lingua di Sam ha fatto del suo meglio, ma la corsa di Mia l’ha avvicinata. Le sue mani affondarono nei suoi capelli e le sue cosce gli girarono intorno mentre la sua testimonianza cresceva. Mia ha iniziato a mormorare affermazioni incoerenti, ondeggiando sulla faccia del suo animale domestico mentre il suo orgasmo è arrivato subito dopo che il cazzo di Sam ha smesso di spruzzare.

***

“Adesso prova quello con il corsetto e le calze a rete.”

Sam indossava una camicia a rete con sopra una larga camicia nera e jeans attillati impreziositi da catene mentre Mia sedeva sul letto a godersi il panorama. È venuto a prendere ciò che Mia voleva dalle scatole degli ordini. Aveva chiesto molto, non solo strani, ma come quello che indossava adesso, una sorta di look gotico. Dopo un po’ tornò.

Sam indossava un corsetto che gli arrivava appena sotto i capezzoli, il sedere era arruffato, lasciando solo una piccola macchia di pelle tra le balze nere e rosse e le mutandine nere che indossava. Proseguendo, c’erano calze a rete collegate a reggicalze attaccate alle mutandine.

Arrossendo di nuovo, Sam guardò Mia mentre lo prendeva.

“Non hai ancora detto perché hai scelto tutti quei vestiti, solo per tenere aperto il mio sabato.”

“Non finché non avrò trovato un buon vestito per questo,” disse Mia mentre guardava l’apertura, si tirò un po’ le mutandine.

“Ne uso uno?” Sam ha detto incredulo, ha guardato il suo vestito precedente desiderando i pantaloni.

“Non questo, mostra troppo. Voglio mostrarti, ma solo al tuo livello di comfort.” Si schiaffeggiò il culo, facendo abbaiare Sam: “Ma devi comunque sembrare fottuta, così posso far ingelosire tutti che sei mia”.

Ha lasciato la sua impronta su di lui mentre scrutava attraverso gli altri suoi vestiti. Sono atterrati su di lui indossando la maglia a rete con una tuta intera e i jeans goth. Erano meno rivelatori ma mostravano comunque il suo culo grosso. L’abito copriva a malapena la sua gabbia, i lati si inarcavano sui fianchi, lasciando spazio per una linea di mutandine sui fianchi. Mia sentì un fuoco dentro di lei mentre pensava di prenderlo, lui era ricettivo alla spina e sembrava avere lo stesso sapore. Su quella nota, dovrebbe fargli usare la spina laggiù. Lo mise davanti allo specchio a figura intera, le sue mani sulle sue spalle e la sua testa sulla sua.

“Ti sta bene? Perché mi piace davvero infilare quel cazzo in quei pantaloni e-“

“Mia! esclamò Sam, arrossendo ancora di più.

“Oh! questo mi ricorda che dovremo completare il look con unghie, eyeliner e mascara per metterti a tuo agio. Puoi ottenere un po’ di anonimato con uno e mi assicurerò che tu stia bene. Forse posso .” uno con linee di fard o rossetto.”

“Miaaaaaa” disse Sam con il suo rossore onnipervadente. Ma Mia lo vide ammirarsi. I suoi occhi indugiarono sull’apertura dei suoi fianchi. Gli afferrò delicatamente le mani e lo aiutò ad alzarsi. Ha guidato le sue mani lungo il tessuto morbido e sulla sua pelle più morbida, poi su mentre incrociava le braccia sul petto, finendo con un abbraccio e un bacio sulla sua guancia.

“Grazie per la piccola sfilata, un giorno ti metterò in tutte le combinazioni di questi outfit.”

“Solo se me lo chiedi gentilmente,” disse Sam con un sorriso, continuando ad ammirarsi.

“Okay Narciso. Ora devo partecipare a una riunione online, quindi tieni il tuo dolce culo fuori dalla telecamera.”

” Per quanto ? Devo cucinarti il ​​pranzo? disse Sam, distogliendo finalmente gli occhi da se stesso.

“Non dovrebbe volerci molto tempo, solo un incontro post-lancio”. disse Mia andando in giro per controllare il suo aspetto. Indossava una camicetta abbottonata con una gonna lunga e ampia. Qualcosa di semplice e non sexy. Ha lasciato la stanza, lasciando Sam con un bacio.

******

Sab

Il vestito era molto divertente, adorava vedere Mia così felice di come appariva e anche lui l’amava. Sam non ha mai avuto il senso dello stile, ha imparato a vestirsi meglio, ma non così. Si guardò di nuovo, godendosi ciò che vedeva.

Mia aveva già iniziato la sua riunione in ufficio e Sam si è seduto per esercitarsi con il pianoforte.

Poi ha passato del tempo a guardare video sul suo computer.

Ascolta la musica mentre leggi un libro.

Poi il suo stomaco iniziò a ringhiare. Sam controllò l’ora; Erano passate 2 ore ed era passata l’ora di pranzo.

A quel punto si era cambiato con abiti più comodi, contento di salvare il look gotico per dopo. È sceso per dar loro da mangiare. Forse sarebbe stata pronta quando lui avesse finito.

C’era un pollo nel frigorifero che doveva marinare più tardi, lo mise da parte e afferrò della carne, del formaggio e altri panini. Poteva sentire i suoni attutiti del suo incontro. Finì i panini e li portò nel suo ufficio.

Aprendo lentamente la porta il più silenziosamente possibile, la vide nel suo “ufficio”. Per facilitare le riunioni e altri lavori sulla schiena e sul sedere, ha sostituito la sedia con un morbido pouf che avrebbe dovuto essere terapeutico per la sua schiena e il suo tavolo con uno che poteva alzare e abbassare quando ne aveva voglia. o per allungare le gambe. Era nella borsa e lo vide entrare con in mano due piatti. Lei gli sorrise con gratitudine e lui entrò e fece scivolare con calma il suo verso di lei. Mia trascorse i pochi minuti a rubare morsi quando poteva, Sam finiva molto più velocemente e si sedeva lì con lei dall’altra parte del tavolo.

Alla fine Mia aveva finito e Sam ha ammucchiato i piatti per portarli giù, ma ha pensato a qualcosa di meglio da fare. È strisciato sotto il tavolo evitando la telecamera e si è sdraiato in ginocchio. La sua mano gli andò immediatamente al viso confermando che era stato approvato dal suo amore. Gli accarezzò i capelli, mandando i brividi su tutto il corpo e lui si sciolse in lei. Ha giocato con i suoi capelli, e Sam si è semplicemente sdraiato lì e si è divertito, dovendo attivamente non fare le fusa al suo tocco. Mia bombardava sempre il suo corpo di stimoli, tanto da essere sensibile a tutto. I suoi baci potrebbero portarla sull’orlo dell’orgasmo, con abbastanza gemiti e gemiti lungo la strada. I suoi massaggi potevano metterlo in uno slipspace, fluttuando lì in uno stato in cui non poteva nemmeno muoversi. Il suo corpo era il suo e ne amava ogni secondo.

Giaceva nei suoi abiti comodi, morbidi pantaloni della tuta che, ad altri, non avrebbero fatto piacere a nessuno tranne lui. Tutto ciò che voleva era essere assorbito dalla sua dolcezza, circondato da lei. Si avvolse leggermente le braccia intorno alla vita e si raggomitolò ancora più forte, le gambe che si avvolgevano intorno a lui facendo sentire Sam abbracciato.

Le dita di Mia presto cullarono la sua mente e si addormentò come un cucciolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *