Working Late Ch. 02 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Claudia ha avuto un Natale molto movimentato, tra impegni familiari e sociali, dedicando ad alcuni tutto il tempo che potevano e ad altri quel tanto che bastava per apparire educati. Di notte, passava il tempo a leggere. Non le importava della letteratura femminista da quando aveva letto Il secondo sesso al college. La sua discussione con Jay a Petra le diceva che aveva molto da fare.

Ha ignorato il femminismo della seconda ondata, trovando ben poco che risuonasse con lei. Ha passato un po’ di tempo sulla teoria del POV dopo essere tornata a casa il giorno dopo Natale / Ha subito capito che aveva molto più da leggere.

La lettura gli ha fornito almeno una distrazione da Linda. Era troppo imbarazzante mettere le lenzuola in lavatrice dopo che se ne era andato, il ronzio della macchina cancellava rapidamente la maggior parte delle prove fisiche della sua notte. Ma sapeva che Linda sarebbe stata lì, ad aspettarla alle otto e mezza del mattino del 27.

In effetti, aveva preso in considerazione l’idea di arrivare con quindici minuti di anticipo solo per sorprendere il suo assistente personale. Ma era sicura che se l’avesse fatto, Linda l’avrebbe previsto.

Non è rimasta delusa. Quando le porte dell’ascensore che conducevano all’ufficio si aprirono, vide Linda seduta lì, intenta a scrivere alla scrivania. Era stranamente alleviante vedere che era vestita esattamente come al solito, un maglione modesto e una gonna lunga.

Linda si è svegliata quando ha visto Claudia. “Salve, signorina Braddock.” lo disse in un modo che potrebbe essere descritto solo come “scheggiatura”. “La tua colazione è sulla tua scrivania e prima è arrivato un messaggero con la prova del conto Stetilia. L’ho messa nel tuo ufficio.”

“Grazie Linda.” Claudia annuì. Per un momento esitò, chiedendosi se ci fosse altro da dire. Ma poi si è costretta a entrare nel suo ufficio. È meglio che le cose tornino alla normalità il prima possibile.

Mentre Claudia si godeva il suo bagel per la colazione, studiò le impronte che Linda aveva messo. La tipografia aveva fatto un buon lavoro con loro, anche se Claudia trovava i poster incredibilmente pacchiani.

La campagna era per una sorta di applicazione di cloud computing. Il dirigente incaricato del progetto aveva spiegato l’idea con un’eccitazione senza fiato. Claudia ha annotato alcune parole chiave, ma non si è preoccupata di cercare di capire i principi alla base di tutto. Non aveva bisogno di conoscere i dettagli per poter vendere il prodotto.

Tutti i manifesti mostravano persone più o meno nude, sebbene ritoccate con androginia asessuata. Linee nere nitide attraversavano la pelle delle figure per creare l’illusione che fosse composta da lastre di plastica segmentate e una varietà di pose aveva una caratteristica in comune: le braccia estese verso l’alto, dissolvendosi in segmenti poligonali attorno al gomito per scomparire sullo sfondo.

Claudia sospirò mentre beveva un sorso del suo caffè. Il lavoro era tecnicamente competente e l’artista aveva fatto un ottimo lavoro nel dare alle persone dietro l’azienda ciò che pensavano di volere. Non ha cambiato il fatto che avrebbero potuto fare molto di più se avessero avuto il permesso di lavorare al di fuori di tali restrizioni. Almeno le aziende tecnologiche non hanno mai chiesto di usare Papyrus o altri caratteri scadenti.

Ma non importava. Non molto, comunque. Il progetto era stato delegato interamente al suo team, con Claudia che faceva poco più che essere il volto della sua azienda. Al giorno d’oggi è raramente coinvolta personalmente nella progettazione della campagna.

Claudia ha finito la colazione e il caffè guardando i disegni, cercando di mettersi nei panni di qualcuno che li vede come un poster in metropolitana o una pubblicità patinata a tutta pagina su una rivista. Era abbastanza vicino a quanto richiesto dal cliente da poter essere approvato.

Il suo sguardo passò dalle incisioni dell’ufficio oltre la parete di vetro. Lentamente è arrivata la sua squadra. Avrebbero operato a un terzo della loro normale capacità per la settimana successiva, con la maggior parte del loro personale che avrebbe scelto di riempire i giorni tra Natale e Capodanno con giorni di vacanza. Naturalmente, non ha mai dubitato che Linda non sarebbe stata una di loro.

Solo a metà mattinata Claudia è entrata nel suo bagno privato. Quando lo fece, notò immediatamente lo zaino. Era piccolo, in tela blu scuro. Ha notato un post-it allegato. Lo prese e lo lesse.

— Signorina Braddock. Avevo bisogno di portare delle cose per la prossima volta che lavoriamo fino a tardi. Preferirei che non guardassi dentro.

Claudia si accigliò. Avere una borsa misteriosa nel suo bagno personale era un’invasione del suo spazio. Eppure sapeva già che non si sarebbe guardata dentro. La richiesta poteva provenire da Linda, ma Claudia sentiva che l’unico motivo per cui non era stata firmata da “Miss Linda” era la minima possibilità che qualcun altro oltre a Claudia avesse trovato il biglietto per primo. . L’unica concessione che fece alla sua curiosità fu di spingere la borsa con il piede per testarne il peso. Sembrava contenesse dei vestiti, ma senza infrangere la fiducia di Linda, non c’era modo per lei di saperlo.

Altre storie erotiche  Sylvia's Boy Toy Ch. 01-02 - BDSM

Cercò di scacciarlo dalla mente, ma ogni volta che la sua attenzione si allontanava dal lavoro, tornava inevitabilmente alla borsa del mistero. Di tanto in tanto guardava Linda seduta alla sua scrivania. Senza lavoro da fare, la sua assistente personale ha lavorato su una specie di puzzle, un insieme di triangoli di plastica collegati che ha attorcigliato in varie forme geometriche. Lo chiamava il suo involucro di bolle mentale.

Sabato è stata un’altra giornata tranquilla e senza incidenti, con meno dipendenti che sono venuti al lavoro. La domenica è stata una giornata impegnativa per Claudia. L’associazione dei proprietari del suo condominio ha organizzato la festa annuale di Capodanno e quest’anno era nel comitato organizzatore. Ciò significava molte discussioni su stringhe di testo di gruppo vuote sul colore delle tovaglie e simili.

In effetti, lunedì aveva dimenticato la borsa fino a quando non ci è quasi inciampata mentre andava in bagno. Lo guardò, come se l’avesse personalmente offesa. Ma resistette comunque alla tentazione di indagare. Ha chiamato Linda nel suo ufficio.

“Sì, signorina Braddock?” chiese la sua sempre allegra assistente personale mentre era in piedi davanti alla scrivania del suo capo.

“Meravigliosa… la tua borsa. Claudia sospirò. “Non puoi tenerlo da qualche altra parte?”

Claudia guardò più da vicino la sua assistente personale, in attesa di qualsiasi reazione alla sua domanda. Linda si limitò a sorridere. “Potrebbe mancarmi Braddock, ma penso che sarebbe meglio se lo tenessi in giro…”

Claudia annuì. Linda voleva che pensasse alla borsa. Lei l’ha immaginato. “Quanto tempo ti servirà?”

“Fino alla prossima volta che lavoreremo fino a tardi, ovviamente.” venne la tranquilla risposta.

Claudia espirò lentamente attraverso le narici. Era esteriormente passiva, ma Linda poteva vedere chiaramente la frustrazione in quel gesto sottile. “E quando pensi che dovremo lavorare fino a tardi?”

“Probabilmente ci vorranno un’altra settimana o due”. Linda scrollò le spalle. “Festività e tutto… a meno che tu non senta il bisogno di lavorare fino a tardi oggi o domani?”

Ha davvero fatto smettere Claudia. Era la prima volta che aveva la possibilità di iniziare a lavorare fino a tardi. Si è sempre fidata che Linda prendesse quella decisione per lei. È cambiato qualcosa? Gli ultimi giorni erano stati più o meno normali tra loro due, come si era ripromessa dopo una notte. Ora Linda ha improvvisamente gettato qualcosa di nuovo in grembo. Sospirò e si pizzicò il ponte del naso. “Mi stai davvero dicendo che posso scegliere l’ora della nostra prossima mossa?”

Linda annuì. “Sì, signorina Braddock.” disse piano. Sembrava completamente calma. Forse era solo desiderosa di essere coinvolta in questo pezzo particolare? Ad ogni modo, guardò il suo capo in attesa.

Claudia ha considerato le sue opzioni. Oggi o domani… Domani era definitivamente fuori. Non aveva intenzione di andare alla festa di Capodanno dell’edificio con segni di corda o segni sulla pelle. Loro potrebbe più tardi, ma questo significherebbe incertezza… che non poteva davvero gestire in quel momento. Alla fine ha deciso. “Va bene Linda, vorrei lavorare fino a tardi stasera.”

Linda si limitò a sorridere e ad annuire. “Molto bene, signorina Braddock, farò in modo di ordinare la cena a domicilio.”

“Grazie Linda.” Claudia sospirò. Si accigliò leggermente mentre guardava il suo assistente personale andarsene. Potrebbe essere davvero così semplice?

La cena proveniva da un luogo vagamente mediterraneo, senza accontentarsi di una cucina particolare. Ma il cous cous di fagioli e formaggio di capra e le foglie d’uva ripiene erano eccellenti, quindi Claudia non si lamenterebbe dell’esperienza meno che autentica.

Quando è andata in bagno per lavarsi le mani dopo aver finito di cenare, si è trovata di nuovo di fronte alla misteriosa borsa. Sospirò piano, ma si costrinse a non pensarci. Avrebbe saputo abbastanza presto cosa c’era dentro.

Tornò al suo tavolo per vedere Linda rimuovere il resto della sua cena dal contenitore di polistirolo con una forchetta di plastica. Non poteva fare a meno di chiedersi quanto tempo Linda avesse aspettato per scoprirne il contenuto. Non pensava che Linda fosse abbastanza manipolatrice da lasciare la borsa come distrazione, ma non riusciva comunque a scrollarsi di dosso la sensazione che fosse in qualche modo una prova – e che probabilmente aveva fallito.

Tornò alla sua scrivania e riportò la sua attenzione sul monitor. A quel punto, tutti i suoi dipendenti erano tornati a casa, tranne Linda, ovviamente. Probabilmente avrebbe fatto lo stesso se non fosse stato per il fatto che Linda aveva accettato che avrebbero lavorato fino a tardi quella sera.

Quindi ora tutto ciò che poteva fare era aspettare. La sua attenzione vagò tra la lettura delle informazioni sullo schermo e il guardare Linda al di là di lei. Ha notato che Linda aveva tirato fuori un Chromebook, digitandoci sopra. Probabilmente per mancanza di lavoro correlato da fare. Claudia si accigliò. Non poteva fare a meno di chiedersi se il suo assistente personale stesse deliberatamente disegnando cose.

Erano quasi le sette e mezza quando Linda finalmente si alzò dalla scrivania. Tuttavia, Claudia sentì una breve scarica di adrenalina dietro lo sterno. Guardò Linda rimettere via il suo Chromebook, infilandolo nella custodia di un laptop con movimenti lenti, quasi deliberati, il che fece chiedere a Claudia se Linda stesse deliberatamente prolungando il momento. Si è ripromessa che se Linda fosse andata in bagno invece di andare in ufficio, sarebbe tornata a casa.

Altre storie erotiche  Learning to Let Go - BDSM

Fortunatamente, Linda non l’ha chiamata sul bluff che non sapeva nemmeno che Claudia le avesse organizzato. Invece, si raddrizzò la gonna ed entrò nell’ufficio di Claudia. Stava sorridendo. “Penso che sia ora per noi di prenderci una pausa dal lavoro Claudia…” disse con la sua solita voce dolce ma sicura.

Claudia annuì mentre si alzava. “Vado a prepararmi.” lei annuì.

“Puoi tenere i tuoi vestiti. Linda sorride. “Vorrei toglierli stasera.”

Claudia sbatté le palpebre. Non riusciva a ricordare l’ultima volta che aveva iniziato a recitare in abiti completi. Quando hanno iniziato a esplorare il particolare tipo di sollievo dallo stress di Linda, gran parte della sua recitazione era stata eseguita completamente vestita. Fu solo dopo alcune settimane con la lenta introduzione di elementi più sessuali che divenne sempre più nuda. Iniziare con la sua camicetta di seta, gonna a tubino e calzini sembrava quasi un passo indietro, soprattutto considerando come avevano passato la notte dopo la festa di Natale.

Linda sembrava avvertire il disagio di Claudia. Fece un passo avanti, mettendo la mano in quella della donna più anziana e dandole una leggera e rassicurante stretta. “Non preoccuparti Claudia…” sorrise. “Capirai quando cambio.

Quasi immediatamente, l’attenzione di Claudia è tornata sulla misteriosa borsa. I suoi occhi si volsero al bagno. Linda si è limitata a ridere.

“Penso che dovrai metterti nello stato d’animo giusto… ecco.” sorrise mentre si chinava e apriva il vassoio della carta della stampante per estrarre un unico foglio. “Da questa parte, per favore…” aggiunse, dirigendosi verso la finestra.

Claudia si accigliò, profondamente confusa. Ma una delle prime cose che Linda… la signora Linda… le ha insegnato è che non ha fatto niente senza una buona ragione. Doveva fidarsi di Linda.

Poi osservò Linda appoggiare il foglio di carta contro il muro all’altezza del viso. La sua confusione cresceva ogni momento che passava, finché Linda non fece la sua prima richiesta. “Metti il ​​naso contro Claudia e le mani dietro la testa. Aspetterai qui mentre mi cambio.”

Claudia deglutì e annuì, avanzando fino ad appoggiarsi alla finestra. Si sentiva incredibilmente stupida sentendo il suo naso premuto contro il vetro freddo, solo la carta li separava dal contatto diretto. Linda si limitò a sorridere. “Tieni il foglio così Claudia, torno presto.”

“E… ehm… se lo lascio cadere?” chiese Claudia incerta, per mancanza di altro da chiedere.

“Allora la tua signora sarà molto delusa…” Linda sorrise. Claudia poteva sentire le sue dita sulla nuca, mentre apriva dolcemente il ciondolo che conteneva la chiave dell’armadio dei giocattoli. Claudia fece una smorfia mentre lui veniva tirato tra i suoi seni, e nonostante si sentisse incredibilmente stupida tenendo la carta contro la finestra con il naso, si chinò un po’ di più per assicurarsi che non lo lasciasse cadere.

Con il modo in cui Linda aveva posizionato il foglio, Claudia guardò il riflesso dei suoi occhi nello specchio. Espirò lentamente, e poté immediatamente sentire il calore umido del suo respiro passare sulla metà inferiore del suo viso. La sensazione inaspettata la fece quasi indietreggiare. Si accigliò per aver quasi fallito prima ancora che Linda lasciasse la stanza.

“So che ce la puoi fare Claudia.” Linda sorride. C’era una breve mano sulla sua spalla, il breve tocco delle labbra di Linda contro la sua guancia. Poi tutto ciò che Claudia riuscì a sentire furono i passi della giovane donna che si allontanava, seguiti dalla porta del suo bagno privato che si apriva e si chiudeva.

Claudia si costrinse a rilassarsi. Non volendo sentire il suo respiro sfiorarle di nuovo la bocca, si concentrò sull’inalazione e l’espirazione attraverso il naso. Per quanto riguarda le posizioni stressanti, questa non era così male come alcune delle altre che Linda le aveva imposto negli ultimi mesi.

Ma lo stress non era fisico. Era psicologico. In piedi contro il vetro com’era, non poteva vedere altro che i suoi stessi occhi, che finì per chiudere. Questo l’ha lasciata senza niente che la distraesse dai suoi pensieri su Linda, usando il suo bagno personale, lavorando con qualunque cosa ci fosse in quella dannata borsa di lei.

È stata lasciata sola nel suo ufficio senza il senso del tempo che passava. Almeno non aveva un orologio appeso al muro per esaurire la sua sanità mentale con il suo continuo ticchettio. Ascoltò qualche indizio su cosa stesse facendo Linda a pochi metri di distanza, ma non riuscì a sentire nulla oltre la porta del bagno chiusa.

Con gli occhi chiusi, si concentrò sul mantenere il respiro costante, inspirando ed espirando. Era solo un’altra posizione di stress. Un non convenzionale, ma non troppo estenuante. L’unico suono che gli teneva compagnia era il respiro.

Dato che Claudia aveva il naso contro la finestra, cercava di non pensare a quanto fosse sciocco essere lasciata così nel suo stesso ufficio. Il suo amante sarebbe presto partito. E poi sarebbe andata a prendere la collana. E poi avrebbe potuto darsi totalmente a qualunque amante Linda avesse programmato per lei.

Altre storie erotiche  The VFW Hall - BDSM

C’era una netta sensazione del tempo che passava, anche se non aveva nulla da dirgli quanto tempo stesse effettivamente passando, a parte il suo respiro regolare. Era grata per le sue lezioni di yoga e il programma di fitness. L’hanno servita così bene ogni volta che si è trovata in una posizione del genere.

Sapeva che Linda lo stava facendo per una ragione. Sapeva che la sua padrona voleva che la sua mente vagasse. Cercò di distrarsi pensando a qualcos’altro, ma la pressione costante contro la punta del naso le ricordava costantemente l’attesa e attirava sempre la sua attenzione sul suo stato attuale.

Lei non aveva idea di quanto tempo fosse passato quando sentì di nuovo la porta del suo bagno privato. I suoi occhi si aprirono immediatamente, ma non riusciva ancora a vedere nulla oltre la metà superiore della sua stessa faccia. Poteva sentire dei passi sul pavimento che suggerivano che Linda non indossava le scarpe che indossava quando lui l’ha lasciata, ma non poteva esserne sicura, non senza far cadere il foglio.

Stare sola con i suoi pensieri era stata dura per lei, ma ora, dovendo ascoltare la sua padrona che si preparava, era ancora più difficile. Poteva sentire il bip della serratura elettrica, il cassetto aperto, le cose sulla sua scrivania…

E poi la sua padrona era dietro di lei. Claudia poteva sentire la sua mano sulla sua spalla. Si irrigidì e fu solo sporgendosi in avanti in risposta che fermò la caduta del foglio. Questo fece davvero ridere Linda. “Va bene Claudia… non mi aspettavo che l’avresti presa.”

Claudia sentì un leggero rossore correre lungo le sue guance. con le lodi della sua padrona. “Grazie…” disse, la sua voce morbida, vulnerabile.

“So che vuoi guardare. Ma non puoi. Non ancora. Ancora un po’, te lo prometto…”

Claudia deglutì e annuì meglio che poteva senza far cadere il foglio. “Sì Linda…” annuì. Un attimo dopo, ci fu la sensazione fin troppo familiare della seta nera che le scivolava sugli occhi, le mani della sua padrona sulla nuca, per poi prenderla per un braccio.

“Ti farò girare e ti condurrò al centro dell’ufficio. Poi ti inginocchierai mentre io do gli ultimi ritocchi a questo.” Arrivarono le istruzioni di Linda.

Claudia sospirò e annuì. Lasciò che Linda la guidasse al comando di inginocchiarsi. Per tutto il tempo, non ha tolto le mani dalla schiena, cosa che Linda ha davvero apprezzato. Vide Claudia cadere lentamente in ginocchio.

Dal canto suo, Claudia era accigliata, era ovvio, anche con la benda sugli occhi. La negazione della possibilità di vedere cosa c’era nella borsa misteriosa lo faceva incazzare sempre di più.

Adesso poteva sentire Linda dietro di sé, le mani del suo padrone sugli avambracci, che le guidavano insieme finché le loro spalle non si toccavano. Espirò, desiderando che le sue spalle si rilassassero. Fortunatamente, non doveva preoccuparsi di mantenere quella posizione in suo potere. Una spessa cinghia di cuoio gli strinse le braccia, appena sotto i gomiti. Si costrinse a rilassarsi nel raccoglitore mentre Linda finiva il suo lavoro alle sue spalle. Seguirono due cinghie di cuoio più larghe, una sotto l’altra, finché i suoi avambracci furono legati strettamente ai polsi. Intrecciò automaticamente le dita.

Sentì i passi di Linda mentre si muovevano di nuovo intorno a lei. Poteva sentire qualcosa sfiorare la superficie della sua scrivania. Poi è stato premuto contro le sue labbra. Ha riconosciuto l’interno della sua collana nel momento in cui ha sfiorato la sua pelle sensibile, e lo ha baciato per puro riflesso. Un attimo dopo, sentì uno scatto dietro il collo e poté sentire il familiare e confortante peso della morbida pelle intorno al collo.

“Andiamo Claudia…” Linda sorrise. La donna più anziana poteva sentire le labbra della sua padrona sfiorarle il collo, appena sopra il colletto. “Ora ti tolgo la benda, ok?” Apri gli occhi lentamente.

Claudia annuì, sentendosi un po’ stordita per l’avvertimento ridondante. Era stata bendata diverse volte prima. Ma sapeva anche che non appena apriva gli occhi, poteva vedere cosa c’era nella borsa.

Ha notato che le sue labbra erano un po’ secche. La sua lingua schizzò fuori brevemente per leccarli. Non voleva sembrare troppo ansiosa. Eppure, diversi secondi dopo che Linda ha smesso di muoversi per stare di fronte a lei, ha aperto gli occhi.

Tenendo la testa bassa, la prima cosa che vide fu un paio di scarpe nere con la punta delle ali, di certo non qualcosa che si aspettava che Linda indossasse. Nel momento in cui i suoi occhi si spostarono abbastanza in alto da vedere i pantaloni gessati ben stirati che coprivano le gambe del suo datore di lavoro, capì cosa Linda stava cercando di ottenere con il suo look. I suoi occhi si spalancarono all’improvviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *