Si lamenta di suo marito, ho mangiato a Curitib

di | 8 de Dicembre, 2022

Ho ricevuto un’e-mail da Joyce (non è il suo vero nome), che mi ha detto di aver letto uno dei miei racconti e, pensando al segreto, ha deciso di scrivermi.

Joyce, 24 anni, sposata da 4 anni, con un marito a cui non frega niente della sessualità. Ha riferito che il sesso è stato prima un’avventura e poi alla fine un papà-mamma di 15 minuti solo per mantenerlo soddisfatto. Joyce mi ha detto che suo marito non l’aveva mai nemmeno schiaffeggiata sul didietro, figuriamoci l’aveva presa per i capelli e l’aveva presa a pugni, anzi l’aveva rivendicato da lui, a cui non importava, non ci faceva molta attenzione. .

È in momenti come questo che sono qui per aiutare Joyce aveva paura dei segreti, e anche paura di farlo, perché non pensava di tradire suo marito, ma era curiosa di essere picchiata. Le ho detto di non pensarlo come un tradimento, ma come una giusta soddisfazione, un’avventura, qualcosa di buono che suo marito non voleva darle e che nessuno avrebbe saputo, solo io e lei.

Dopo molte conversazioni, Joyce accettò di incontrarmi a condizione che fosse in un luogo pubblico ma tranquillo e che portasse con noi un’amica per la nostra conversazione. Ho accettato e mi è venuta l’idea di andare al parcheggio di un centro commerciale a Curitiba. Sarei in macchina e anche loro, sarebbe silenzioso e ci sarebbero telecamere di sicurezza nel parcheggio;

Nous sommes donc allés au commercial center Palladium à Curitiba, je suis arrivé le premier, je leur ai dit où j’étais, Joyce et son amie sont arrivées, elles se garées à côté de moi et seule Joyce est sortie, est venue vers My macchina. Fu allora che vidi il corpo migliore di Joyce, bionda, bianca e vestita di pantaloni con un perizoma molto basso, e il suo profumo aleggiava nell’aria. Joyce è molto carina, occhi azzurri, viso da bambola, non riusciva a credere che un ragazzo non l’avrebbe scopata come si deve.

Ci siamo salutati, e abbiamo iniziato una conversazione rilassata, per calmarla, a poco a poco si è lasciata trasportare e aveva già smesso di tremare, mi ha detto quello che voleva, che prima “aveva dormito solo con due” ragazzi suo marito, ma quello era quando era un’adolescente, vale a dire, si sarebbero semplicemente messi tra le sue gambe e l’avrebbero mangiata, senza preoccuparsi del suo piacere.

Era passata più di un’ora quando la sua amica è scesa dall’auto per chiamarla. Che bella mora, busto impressionante, vita sottile e capelli lunghi e lisci, indossava leggings, molto bella, si chiamava Dani, l’ho scoperto dopo.

Joyce è scesa dall’auto e mi ha presentato, Dani con un bel sorriso ha detto che ero bellissima e che Joyce avrebbe dovuto godersela, abbiamo sorriso e salutato sperando che Joyce fosse davvero motivata a trarne profitto.

Prima che tornassi a casa, un watt mi ha chiesto se poteva uscire il giorno dopo. Ero tutto bagnato. Mi ha mandato una foto della sua figa. voleva darmi Volevo aiutare

Nel giorno e all’ora stabiliti, ho preso Joyce, indossava pantaloncini di jeans molto corti, una camicetta senza reggiseno e tacchi, faceva molto caldo quel giorno a Curitiba, ci siamo salutati con un lungo bacio, dove Joyce l’ha portata consegnare il mio bastone e ho visto che era già duro. Stavamo andando in un motel vicino lungo la strada dove è venuta a parlarmi della sua amica Dani, mi ha detto che era felicissima di me, che aveva rotto con lei circa due mesi fa e che aveva solo 17 anni Anni. Ho scherzato dicendo che è un peccato che non abbia 18 anni. Potremmo fare una bella battuta. Joyce rise e disse che non le piacevano le donne, ma se voleva poteva parlare con Dani dopo, dato che erano due mesi che non aveva un cazzo e lo aveva dato solo a questo ex fidanzato. Non ho prestato molta attenzione a Dani, perché il giorno in cui sono andato a prendere Joyce, il mio cazzo era dentro di lei.

Siamo arrivati ​​al motel, appena siamo entrati e Joyce si è avvicinata per baciarmi, era davvero in fiamme, sono andato a toglierle i vestiti e ho notato che non indossava biancheria intima, mi ha detto che guardava lei e ha detto che voleva. per rendere le cose più facili, e non si è mai vestita così male come prima, ma aveva un’erezione a riguardo. Le ho passato la mano sulla figa, era molto bagnata, tutta rasata. Joyce si è messa in ginocchio e mi ha tolto i pantaloni e sono saltati fuori i miei 19 cm, senza dire una parola ha iniziato a succhiare, sembrava non avesse mai visto un cazzo prima, leccando, sbavando, masturbandosi mentre mi succhiava le palle, leccandomi il cazzo e guardandomi negli occhi per vedere la sua faccia birichina, si alzò, si voltò, si strofinò quel culo rotondo e disse mangiami, rendilo molto gustoso, ho bisogno di sentire il tuo cazzo. Come potevo negarlo, le ho baciato il collo, lei si è contorta cercando il mio cazzo, è stato allora che è scivolato dentro di lei senza sforzo, era così bagnata che non poteva. Non ci sono state difficoltà, ho sentito solo il suo primo gemito, è entrata fino in fondo, ha fatto dei rullini e mi ha chiesto di scoparla.

Ho avvolto la mia mano tra i suoi capelli e ho detto, voglio essere una stronza quindi oggi è il tuo giorno, e ho iniziato a camminare avanti e indietro, tutto quello che potevo sentire era il suono della sua figa bagnata con il mio cazzo dentro e fuori mentre colpivo più forte . Gemevo più forte, con una mano le fasciavo i capelli e con l’altra le toccavo il culo bianco, che era già rosso, mi disegnavo le impronte, più gemevo e più la colpivo, voltavo la faccia, mio ​​Dio , un bacio avido, ho alzato una gamba e l’ho lasciata scivolare di nuovo, ora le prendo il culo con entrambe le mani e la tiro contro di me, mentre le bacio l’orecchio, la chiamo puttana, birichina, troia, che mangerò sempre questa figa , e lei diventa sempre più bagnata.

L’ho portata a letto, l’ho messa a quattro zampe, che erezione meravigliosa, quel culo tondo, non troppo grande, ma perfetto per me, ho abbassato la testa e l’ho lasciato scivolare nella sua figa, Joyce ha abbracciato un cuscino offrendole un pugno le abbracciò la vita e iniziò i colpi. Avevo solo bisogno delle mie palle per entrare. Ho colpito così forte che sono stato ricompensato con un meraviglioso sperma da lei, ho sentito il mio cazzo essere morso dalla sua figa, Joyce sdraiata sulla schiena sul letto, dicendo che lo sperma è finito con lei, ancora sulla schiena, l’ho baciata sul collo , le sue spalle e il mio cazzo che le accarezzava la figa, mi sono avvicinato al suo orecchio e le ho detto che era una piccola troia molto calda, che aveva una figa calda da scopare e che sarebbe stata sempre la mia cagna, dicendo che aveva detto sì, sarebbe stata la mia cagna, ma che avrebbe dovuto sempre mangiare con quel pugno, che adorava. Quando ho capito che ero di nuovo nella figa di Joyce, lei ha messo un cuscino sullo stomaco per facilitarmi l’ingresso, così ho ricominciato a scopare, che figa meravigliosa, l’ho colpita e l’ho colpita, chiamandola. una troia, questa volta siamo venuti insieme, mi ha morso il cazzo e io le ho riempito la figa di sperma.

Siamo andati in bagno, mi ha lavato il corpo, poi è stato il mio turno di lavarla, lei le ha voltato le spalle e ho iniziato a passarle la mano sul sedere, le ho toccato leggermente il sedere, lei gemeva ma mi guardava e ha detto che non c’è mai stato, le ho detto che se me ne avrebbe dato un po’, mi ha detto che se mi prendevo cura di lei, era calma e paziente che potevamo fare un tentativo. Joyce era così eccitata che ci siamo sdraiati tutti bagnati, Joyce mi ha spinto, sono caduto sulla schiena, lei mi è venuta addosso, le ho messo il cazzo nella figa e ho cominciato a rotolare finché non sono penetrato tutto, afferrandole il culo ho cominciato a montone, con la lubrificazione della sua figa continuava a toccarsi il culo, Joyce mi guardò e disse che ero un bastardo che voleva mangiare il suo culo vergine. Più parlavo e più il mio dito osava, a poco a poco inserivo la punta del dito, non spingevo tutto, perché non volevo farle male, ma più muovevo il dito e più sentiva la sua figa bagnarsi, le ho detto, pensavi che uno ti avrebbe mangiato il culo e l’altro la tua figa, in quel momento ha forzato il suo culo in modo che potessi inserire il mio dito più a fondo, gliel’ho permesso, perché era molto eccitato Con il mio dito già molto a suo agio nel suo culo, le ho detto che era tempo per me di mangiare quel delizioso culo, Joyce si è sdraiata su un fianco, ho preso il lubrificante, di nuovo Una volta ho giocato con il mio dito nel suo culo e ho messo il lubrificante direttamente su di lei.

Ho preso il mio pene e ho cominciato a strofinare la testina, Joyce mi ha chiesto di nuovo se non potevo sopportare che avessi smesso, ovviamente ho accettato, volevo solo dare piacere, il dolore non arriva, no, devi sapere come rispettarlo. Le accarezzava la testolina, a volte la faceva entrare e sfilargliela, voleva che si sentisse a suo agio, le metteva e toglieva la testina, lo faceva ripetutamente, al punto che il suo culetto cominciava ad allungarsi, a abituati, ho chiesto se andava tutto bene, Joyce ha detto di sì, mi ha chiesto di abbassare la testa e andarmene, così ho fatto, il mio cazzo era molto duro, Joyce ha iniziato a rotolare, ho sentito il mio cazzo entrare un po ‘ di più, quando meno me l’aspettavo emetteva un forte rumore gemeva e si sforzava di infilare tutto, io non mi muovevo, lasciavo che si abituasse e lei voleva muoversi, così, si muoveva a poco a poco , si mosse, dimenandosi, lentamente, ma cominciava a piacerle, il mio pane era sulla sua clitoride per aumentare le sciocchezze, quando disse, ora fanculo. Ho iniziato a inserirmi lentamente, ho sentito solo gemiti e il suono del lubrificante, il suo La sua figa gocciolava per tanta eccitazione, ho aumentato i movimenti, e Joyce geme, quando ce la siamo cavata meno ce ne siamo accorti, la stavo scopando a fondo. culo, ha detto solo che era molto gustoso, che era bello darle il culo. Senza lasciare Joyce, è venuta sopra, rotolando sul mio cazzo, ha cominciato a masturbarsi, potevo vedere solo quel culo bianco caldo, con alcuni segni dei miei schiaffi, davanti a me, e con il mio dentro e fuori, Joyce è aumentato. masturbazione e sciolto nel mio cazzo, venendo. Si è sdraiato sulla schiena sopra di me dicendo che era il miglior sperma della sua vita da dare al culo.

Le ho detto di mettersi a quattro zampe, volevo vedere come stava, le ho fatto delle foto, così poteva vedere il suo culo rotto, ho applicato più lubrificante, ho appoggiato la testa contro di lei ed è stato facile entrare esso. Culo, ho detto ora che toccava a me venire, che avrei riempito quel culo di sperma per la prima volta, le ho stretto la vita e premuto contro di me, ho iniziato ad accarezzarla, sembrava che le stessi mangiando la figa, è stato così facile, ho colpito e ho colpito bene, finché non abbiamo inaugurato quel fottuto culo. Siamo tornati insieme e siamo andati a fare un’altra doccia, Joyce mi ha ringraziato molto per la mia pazienza, mi ha detto un giorno che il suo ragazzo voleva mangiare ed è entrato comunque, mi ha detto che non le dispiaceva che non Mi viene in mente che lei non aveva ancora lasciato il suo tocco lì, che aveva paura e apprensione, che gli uomini non sono sempre pazienti con questo. Ma lei ha detto che me lo meritavo, che era gentile, rispettato e che non forzava niente, e siccome era molto arrapata, ha aiutato che tutto andasse bene.

Abbiamo lasciato il motel, l’ho lasciata nella sua macchina, il sorriso sul suo viso era visibile, l’ha ringraziata molto per l’amore e il rispetto, e mi ha chiesto se potevamo continuare a parlare, ho detto di sì, dopotutto stavamo bene gli amici. adesso.

È passata una settimana, Joyce mi ha mandato un messaggio, dicendo che ha mostrato le foto alla sua amica Dani, quella che ha scattato all’appuntamento al centro commerciale, ed era pazza a dargliela. Ho detto a Joyce che non potevo, che ero minorenne, che non volevo problemi, Joyce mi ha detto che la prossima settimana avrebbe compiuto 18 anni, e se poteva essere il suo regalo di compleanno. Certo che ho accettato, sto aspettando che arrivi quel giorno, mancano pochi giorni, dopo che accadrà, lo posterò se lei lo consente..

sposati, single, coppie, che hanno una fantasia e vogliono qualcosa senza impegno, con segretezza, educazione e descrizione, contattare dimostrari@hotmail. Con , sono marrone chiaro, 1,90 m 93 kg 19 cm e 36 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *