Storia erotica bdsm – UNA RAGAZZA ESEMPLARE.

di | 4 de Luglio, 2024

Il venerdì punisco mia moglie Roberta. Ma martedì quella che aspetta le punizioni è mia figlia Mariangela. Tale madre, tale figlia, due troie a cui piace essere torturate per rispettarmi e darmi anche piacere personale. A diciotto anni Mari imparò presto a comportarsi bene con me.

Quando vado nella sua stanza una volta alla settimana, indossa solo mutandine e reggiseno, pezzi quasi infantili come le piacciono ancora, di cotone con animali o pois… che mi eccitano ancora di più. Con Mari le cose sono diverse, un po’ più leggere rispetto a quanto accade con la madre.

Di solito non lego mia figlia, raramente uso accessori come manette o bavagli. Di solito la tengo sdraiata sulle mie ginocchia con il culo pronto a prendere un sacco di sculacciate. Ho la mano pesante, lei lo sa! A volte le abbasso le mutandine per toccare la morbida pelle bianca del suo sedere appetitoso. Non deve esserci un motivo perché venga punita, ma di solito simulo un interrogatorio mentre somministro la punizione. Gli chiedo se aveva rapporti intimi con i ragazzi, se succhiava tanti cazzi dopo la scuola e anche quanti drink beveva durante la settimana. Lei nega tutto e la picchiano ancora di più, io dico che mentire è brutto e la picchiano!

Geme molto, urla e piange come sua madre, si bagna anche le mutandine, una vera troia, si eccita mentre viene sculacciata. Quando penso che sia abbastanza le ordino di mettersi in ginocchio, di solito mette le sue manine sul suo culo caldo prima di afferrarmi il cazzo e succhiarlo come una professionista. La ragazza lavora bene con la lingua, sa muovere la testa facendo vibrare la lingua in un modo che mi fa impazzire, usa la punta della lingua per entrare nel canale e assapora con piacere la mia lubrificazione naturale, lo adora. È la bava sul mio cazzo… Mari ha delle mani molto abili nel massaggiarmi le palle, lavora sodo e si prende molta cura di dare piacere a mio papà, ma quando si rende conto che ero quasi venuto, la puttanella perversa mi fa promettere. regali e auguri Prendere in prestito una carta di credito per comprare vestiti, tanti vestiti, è uno scambio giusto, non credi?

Altre storie erotiche  Storia puramente erotica - Il mio defloratore mi ha rotto il culo

Quando entro in questa bella boccuccia, lei ingoia sorridendo, mostrando piacere e pulendo il mio cazzo brillantemente, i suoi occhietti brillano e ogni volta che è possibile sono fissi sul mio grosso cazzo. Lei è vergine, la sua figa è riservata ad un futuro marito che troverò presto, sceglierò con cura con chi condividerò la mia principessa per il resto della sua vita. La figa è pulita, ben curata, ma il culo è già mio.

Sto più attento con Mari che con sua madre, le infilo il mio grosso cazzo nel culo ma con molta cautela. Normalmente, dopo avermi fatto un bel pompino, si lubrifica e si mette un plug anale nel culo, una cosa delicata ma sufficiente per prepararmi il culo. Mia figlia non è una ragazza esigente? Quando ho messo il mio cazzo nel culo di Mari lei ha gemito piano, ho notato le lacrime nei suoi occhi ma non mi ha mai chiesto di fermarmi. Lo faccio caldo e lei si gira per aiutarmi. Il culo di mia figlia è così stretto che è difficile per me muovere il cazzo dentro di lei, il che rende tutto molto più piacevole.

Adoro guardare mia figlia a quattro zampe prendere coraggiosamente il mio cazzo, gemere e contorcersi sul cazzo di suo papà, mentre afferro le sue piccole tette e le stringo forte i capezzoli, o infilo le mie dita nella sua figa, accarezzandone la piccola zona o anche in modo malizioso modo. modo stringendo un po’…

Quando arrivo lo tiro fuori subito solo per vedere il mio sperma che le cola sulle gambe mentre crolla sul letto esausta, mia figlia mi fa davvero piacere tantissimo e come sua madre accetta di essere punita semplicemente perché mi piace punirli.

Sto pensando di iniziare a usare la frusta su di lei, sono sicuro che è pronta e può farcela. Gliel’ho detto e lui mi ha sorpreso:

Altre storie erotiche  La sorella di un amico - Racconti erotici

-Puoi fare quello che vuoi con me papà, se la mamma ce la fa, posso farlo anch’io… voglio che tu sappia che posso essere migliore di mamma… dammi solo una possibilità… Puoi lasciare papà . !

Vedo che la mia ragazza ha un futuro, tu cosa ne pensi?

*Pubblicato da thecoach sul sito climaxcontoseroticos.com il 20/10/16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *