Office Boy Pt. 02 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Kelly si raddrizzò il vestito allo specchio all’interno della porta dell’armadio dell’ufficio. Tornata alla sedia dove aveva lasciato la sua comoda giacca da lavoro, osservò il suo giovane impiegato, ancora mezzo accasciato sul pavimento, le mutandine intorno alle ginocchia, che aveva appena pulito con la lingua e la bocca lo sporco delle piastrelle.

“Dovresti vestirti e metterti al lavoro”, ordinò Kelly mentre si infilava la giacca, “c’è ancora il rapporto da correggere e consegnare ai clienti”.

“Sì signora.” Brian ha risposto alzandosi lentamente infilandosi i boxer come faceva. Il suo cazzo era ancora tenero mentre si tirava i pantaloni, e la sensazione di Mrs. Smith sul culo è rimasto. Finì di vestirsi e lasciò l’ufficio del suo capo per tornare al lavoro.

“Aspetta un secondo”, disse Kelly mentre iniziava ad andarsene. Attraversò la scrivania e afferrò le sue mutandine, ancora bagnate e macchiate, dalla scrivania. Piegali ordinatamente in modo che l’inguine profumato sia ancora esposto, quindi infilali nella tasca della camicia di Brian.

“Una piccola cosa per ricordare per cosa stai lavorando ora”, ha detto.

“Sì signora.” Brian rispose, incapace di trattenere lo sguardo dei suoi occhi azzurri, guardò per terra ai piedi di Kelly. L’odore delle sue mutandine nella sua tasca gli colpì il naso ancora una volta, anche se il suo cazzo si stava ancora riprendendo dalle precedenti manipolazioni del suo capo, il respiro di Brian si fermò nel suo petto solo per un momento all’odore.

Kelly allungò la mano sinistra e strinse forte il mento di Brian; Lentamente, sollevò la testa finché lui non la guardò negli occhi ancora una volta. La sua mano destra si abbassò dal taschino della camicia, sullo stomaco e iniziò a massaggiare delicatamente il suo cazzo nella parte anteriore del suo cachi.

Gemette piano mentre lei stava per strofinargli il cazzo; il debole profumo del suo profumo che si mescolava al calore delle sue mutandine in tasca. Brian ha cercato di spingere il suo cazzo a rispondere al suo tocco, ma sapeva che aveva bisogno di più tempo.

Anche Kelly lo sapeva, ma tormentò per un momento il suo nuovo giocattolo prima di parlare: “Ho bisogno che il rapporto sia fissato sulla mia scrivania in questo momento, ragazzo”, il suo tono si indurì.

“Sì, signorina,” rispose Brian.

Prese un respiro profondo mentre lei muoveva la mano lungo il suo cazzo, afferrandogli le palle ancora una volta, attraverso i pantaloni, e stringendolo forte. “Niente più errori… vero?” lei chiese.

“No, signorina,” ansimò, mentre cercava di alzarsi in punta di piedi nel tentativo di alleviare la pressione.

“Bene,” disse Kelly con fermezza, abbassando le palle e il mento.

Brian recuperò rapidamente la sua copia del rapporto difettoso da dove l’aveva lasciata sulla sua scrivania; prima di sottomettersi al suo nuovo ruolo. Guardò il pavimento mentre oltrepassava Kelly verso la porta, uscendo dal suo ufficio e tornando nel suo ufficio.

Kelly gli diede uno schiaffo felicemente, ancora dolorante per la precedente punizione, poi guardò, rilassandosi a una scrivania, mentre lasciava l’ufficio. Alta e in forma, anche se un po’ magra, adorava l’aspetto infantile del suo nuovo giocattolo. Il suo culo starebbe benissimo con un paio di pantaloni color cachi, pensò. Poi si è seduta dietro la sua scrivania, notando un leggero formicolio tra le sue gambe mentre il suo stesso sperma si asciugava sotto il suo vestito, sulle sue cosce e nella sua figa pelata.

Brian tornò nel suo ufficio, dando una rapida occhiata all’ufficio sul campo dove i suoi colleghi avrebbero potuto sentire o notato qualcosa che stava succedendo nell’ufficio del capo quella mattina. Con suo sollievo, nessuno che poteva vedere ha reagito al suo ritorno. Per un momento si lasciò cadere sulla sedia; l’incredulità in ciò che era accaduto crollò completamente.

Il sapore del suo stesso sperma indugiava nella sua bocca, e poteva ancora immaginare il sapore della figa del suo capo nella sua mente mentre il suo calore si asciugava ancora sulle sue guance e sul suo mento. Non è mai venuto forte come lui; il dito del suo capo nel culo mentre gli accarezzava il cazzo; i tuoi sforzi orali per compiacerlo, abbastanza per meritare questa ricompensa. Ha cercato di dimenticare quali altre responsabilità la signora Jones avrebbe posto su di lui mentre si preparava a correggere gli errori nel rapporto che lo mettevano in questa posizione.

Dopo aver apportato le modifiche rapide al rapporto, Brian lo ha inviato via email al suo capo per esaminarlo e passare ad altre attività della giornata. Cercò di concentrarsi sui suoi compiti solo per dimenticare quello che era successo prima. Con il progredire della mattinata, il suo cazzo iniziò a riprendersi e lui rispose nei pantaloni mentre la sua mente vagava verso i nuovi “compiti” che il suo lavoro poteva ora comportare.

Kelly ha rapidamente esaminato il nuovo rapporto e lo ha presentato; correggere l’errore commesso da Brian. Di tanto in tanto anche la sua mente vagava un po’. Sognava da tempo di avere il controllo delle sue relazioni e il suo nuovo ragazzo dell’ufficio le avrebbe finalmente dato lo sfogo adeguato ai suoi desideri.

La mattinata trascorse senza incidenti per Brian e verso mezzogiorno lasciò il suo ufficio e si prese una pausa per il pranzo. Quando tornò, c’era una nota sulla sua tastiera: “Il mio ufficio, IMMEDIATAMENTE!”

Oh merda, pensò, l’enfasi sul biglietto lo preoccupava. Brian corse nell’ufficio di Kelly il più velocemente possibile. Al suo arrivo, ha notato che c’era una nuova scrivania vicino alla porta del suo ufficio. Imbarazzato, bussò allo stipite della porta aperta e guardò dietro l’angolo. “Signorina, voleva vedermi?

Senza distogliere lo sguardo dal lavoro sulla scrivania, Kelly ha risposto: “Sì, Brian, entra”.

La sua voce era professionale, ma più morbida di quanto Brian si aspettasse, secondo la nota. Si rilassò un po’ quando entrò in Mrs. Jones e si fermò davanti alla sua scrivania. Probabilmente non sarebbe stata così irriverente se lui fosse stato nei guai seri; ma dopo quella mattina non era sicuro di cosa sarebbe successo dopo.

Kelly lo lasciò innervosire per alcuni istanti mentre finiva quello su cui stava lavorando. Alla fine alzò lo sguardo, si allontanò dalla scrivania sulla sedia, incrociò le gambe e guardò Brian, valutandolo lentamente ancora una volta davanti a sé.

Si mosse a disagio in piedi mentre aspettava le istruzioni. Per un secondo poté guardare il suo capo e apprezzare come la giacca e il vestito accentuassero il seno modesto e la vita stretta, il polpaccio e lo stinco pallidi e ben tonici che ondeggiavano leggermente mentre la gamba pendeva dal ginocchio opposto. Brian guardò di nuovo la signora Jones, improvvisamente consapevole che aveva notato quanto profondamente i suoi occhi fossero penetrati nel suo corpo. Incapace di trattenere di nuovo il suo sguardo, distolse rapidamente lo sguardo verso il tavolo tra loro.

“Mani dietro la schiena”, chiese Kelly; il suo tono improvvisamente autoritario.

Brian ha immediatamente risposto incrociando le mani dietro la schiena. La signora Jones aprì lentamente le gambe e si alzò, piegandosi leggermente in vita per raccogliere le carte sulla scrivania. Mentre si sporgeva leggermente, Brian alzò lo sguardo e poté vedere la parte superiore del suo vestito. Si inumidì leggermente le labbra mentre osservava la sua scollatura stretta e le deboli lentiggini che spiccavano sulla sua pelle pallida.

Anche se pensava che non stesse prestando attenzione, Kelly ha notato la reazione di Brian e sapeva esattamente cosa stava facendo. Si voltò per mettere il giornale nell’armadietto basso dietro la sua scrivania, sporgendosi in vita su un palazzo leggermente esagerato, spingendo il culo su e verso il suo giovane impiegato.

Il respiro di Brian si fermò mentre guardava il suo capo mettere da parte il suo lavoro, guardando il suo culo sodo puntato dritto verso di lui. Il suo cazzo ora stava cominciando a indurirsi mentre l’odore delle sue mutandine nel taschino della camicia le ricordava che la sua figa pelata era in mostra, appena sotto la signora. Jones.

Kelly si guardò alle spalle e notò quanto fosse affascinato il suo giocattolo, fissando il suo culo.

Il suo cazzo si indurì ancora di più e ora stava cominciando ad accarezzare i suoi cachi a disagio. Brian fece un breve movimento con il braccio per allungare la mano e sistemarsi, ma cambiò immediatamente idea e lasciò cadere le mani dietro la schiena, come da istruzioni.

“Ti piace quello che vedi, ragazzo?” chiese Kelly, riportando Brian sull’attenzione. Guardò velocemente il tavolo di fronte a lui.

“Io… uh… sì, signorina,” balbettò. in definitiva.

Kelly si sporse indietro, facendo scivolare la mano su per il culo, afferrando leggermente il tessuto del vestito sulla parte posteriore della coscia. Fece un piccolo passo, allargando la sua posizione, e Lui si piegò ancora di più finché la sua schiena non fu parallela al pavimento. I suoi muscoli posteriori della coscia erano tesi mentre si tirava su lentamente il vestito, esponendo più completamente la parte posteriore delle gambe.

“Scommetto che ti piacerebbe aiutarmi a indossare questo vestito e far scivolare il tuo cazzo nella mia figa stretta e bagnata. Ti piacerebbe farlo, vero, ragazzo”, ha preso in giro Kelly.

Il cazzo di Brian si tese ancora di più contro la sua patta dei pantaloni, e per un momento considerò l’idea di muoversi intorno al tavolo e di afferrare Mrs. Jones per i fianchi come aveva fatto quella mattina. Ricordò la sua reazione, tuttavia, e rimase dov’era, a guardare, il battito cardiaco accelerato.

“Sì, signorina”, ha risposto.

Kelly si alzò, lasciando che il suo vestito andasse a posto. Si voltò e fece rapidamente il giro della sua scrivania per affrontare Brian. I suoi occhi si abbassarono e la sua vista si fermò sul suo petto pallido e lentigginoso. Kelly ha raggiunto il suo fianco e ha afferrato il culo di Brian con una mano. Tenendolo stretto, la sua mano opposta iniziò ad accarezzare delicatamente il suo cazzo attraverso i suoi pantaloni.

“Pensi di esserti guadagnato questo privilegio, ragazzo?” chiese Kelly.

“Mmmmmmm… non lo so, signorina.” Brian gemette mentre cercava di spingere il suo cazzo più forte nella mano del suo capo, chiudendo gli occhi.

Kelly non gli ha permesso di creare ulteriori pressioni, ma ha continuato a prenderlo in giro.

“Non hai fatto abbastanza per meritarti questo, ragazzo.” Kelly lo rimproverò, allontanando entrambe le mani e allontanandosi da lui.

Gli occhi di Brian si spalancarono con un sospiro, i suoi fianchi si spinsero in avanti diverse volte alla ricerca della pressione che aveva appena rilasciato dal suo cazzo.

Kelly ha continuato: “Potresti aver notato una nuova scrivania fuori dalla mia porta. Questa sarà la tua nuova postazione di lavoro. In questo modo sarai nelle vicinanze così posso monitorare il tuo lavoro e rispondere alle mie richieste”.

“Sì, signorina”, ha risposto. La delusione si diffuse sul suo viso, anche se il suo cubicolo non era spazioso, ma quell’unico tavolo vicino alla porta del suo capo era una decisa retrocessione. I tuoi colleghi potrebbero anche vederti solo come la segretaria del tuo capo.

“Sono rimasto deluso quando sono venuto a conoscerti prima e sei andato a pranzo.” La sua voce severa di Kelly continuò: “D’ora in poi chiedi il permesso di lasciare il tuo ufficio, se vuoi andare a pranzo chiedi, alzati per un sorso d’acqua o un caffè chiedi, devi usare il bagno. chiedi. Ragazzo?”

“Sì, signorina,” Brian arrossì per l’imbarazzo quando si rese conto di ciò che il suo nuovo ruolo comportava e richiedeva, ma emerse anche una nuova sensazione. Partendo da se stesso, Brian era anche entusiasta del suo nuovo ruolo di subordinato, desideroso di fare tutto il possibile per compiacere il suo capo più sexy e sexy.

Mentre la signora Jones lasciava che il silenzio rimanesse tra loro, Brian fu in grado di alzare lo sguardo per un momento e vedere la sua forma davanti a lui. Cercò di memorizzare rapidamente il suo corpo, agile con seni e fianchi ben proporzionati, la sua pelle bianco pallido con lentiggini deboli, capelli neri raccolti in una coda di cavallo e penetranti occhi blu acciaio.

Non capendo bene da dove provenisse l’impulso, Brian aggiunse: “Farò qualsiasi cosa per farti piacere, signorina”, rompendo il silenzio, inclinando di nuovo la testa per guardare i piedi del capo di fronte a lui.

Kelly si fece avanti di nuovo, prendendo delicatamente a coppa il mento del suo giovane, alto e biondo impiegato nella sua mano, tirando indietro il viso per guardare il suo, controllando facilmente la situazione nonostante la sua bassa statura, “So che te ne vai, sai cosa accadrà se non lo fai.” Continuò, afferrandogli le palle con la mano opposta e stringendo mentre faceva.

Brian trasalì istintivamente, ma il suo capo tenne fermo il viso. Per un momento, le sue mani si allargarono dietro la schiena, muovendosi leggermente inconsciamente per proteggersi le palle, ma si trattenne. Intrecciando rapidamente le mani dietro la schiena.

“Sì, signorina,” strillò.

Sebbene il movimento nelle sue mani e braccia fosse appena percettibile, gli occhi di Kelly si strinsero mentre guardava Brian e applicò un po’ più di pressione ai suoi testicoli nella sua mano. Brian fece un respiro profondo ma resistette. Alla fine, Kelly lo lasciò andare e fece un passo indietro, Brian cadde leggermente mentre riacquistava la calma.

“Bene,” disse.

La signora Jones poi prese una grossa pila di fogli dalla sua scrivania e la porse a Brian. “Ho bisogno che tu esamini questi rapporti e mi fornisca un riassunto prima di partire per la giornata.” Poi ha aggiunto un unico foglio di carta: “Questa è una lista di clienti colpiti dalla tua falsa dichiarazione. Penso che sia meglio chiamarli per spiegare, non sei d’accordo?”

“Sì signora.” Brian ha risposto.

“Bene. Vai avanti e sposta le tue cose nel tuo nuovo ufficio, poi chiama la prima persona in questa lista, quando le avrai in linea, fammi sapere e me le puoi trasferire. Capisci?”

“Sì, signorina,” rispose Brian raccogliendo le carte e lasciando l’ufficio del suo capo, cercando di regolare la sua erezione nei pantaloni mentre camminava; il suo desiderio ancora evidente dalla precedente provocazione. Kelly si guardò di nuovo il culo mentre si allontanava; sorridendo tra sé pensando allo stato di frustrazione che chiaramente lo aveva lasciato.

Raccolse rapidamente le sue poche cose dalla sua vecchia scrivania e tornò nella sua nuova posizione fuori dall’ufficio del suo capo. Brian si lasciò cadere sulla sedia per un momento. I suoi colleghi non lo vedevano solo come un semplice segretario, ma ora stava assumendo alcuni di quei compiti. Tuttavia, non volendo deludere il suo capo, compose rapidamente il numero della prima persona da chiamare nell’elenco dei clienti.

Dopo aver messo in fila il primo cliente, Brian lo ha messo in attesa e ha chiamato il suo capo attraverso il campanello: “Signora Jones, ho il signor Anderson per lei”.

“Grazie Brian, lascialo passare”, ha risposto.

Solo quel piccolo cenno del capo, un “grazie” casuale, fece gonfiare un po’ Brian di orgoglio. Dopo gli eventi della mattinata, era felice di accontentare il suo capo in ogni modo possibile. Frugò tra il cliente e iniziò a frugare nella pila di rapporti sulla sua scrivania.

Sentì la signora Jones rispondere al telefono nel suo ufficio: “Signor Anderson, sono Kelly Jones… Sì, Jim, sto bene… beh, ha ricevuto la mia email stamattina…” Kelly era adesso in piedi sulla soglia… il suo ufficio guardando Brian. Alzò brevemente lo sguardo e la vide lì, di nuovo ipnotizzato dalla sua presenza, il suo umore aumentava solo per vederla e aspettarsi un po’ di approvazione.

“Beh, Jim, il mio impiegato ha commesso alcuni errori…” La conversazione si fermò per Brian quando Kelly tornò nel suo ufficio e chiuse la porta. Affondò nella sua sedia. Potrebbe dire che la sig. Jones era ancora deluso dal suo errore. Sebbene non avesse incontrato molti clienti, ora lo stava riducendo anche per ognuno di loro.

Brian ha immediatamente raddoppiato i suoi sforzi per vagliare la pila di rapporti e avere un riassunto per il suo capo entro la fine della giornata. Sebbene il lavoro tenesse lontani dalla mente i pensieri sulla figa rasata e sulla signora Jones, veniva costantemente interrotto per chiamare il cliente successivo ed era difficile ottenere slancio per leggere i rapporti.

Si stava facendo tardi quando è stata effettuata l’ultima chiamata dei clienti. “Finalmente”, pensò Brian, “ora posso concentrarmi sul lavoro da svolgere”. Guardò l’orologio, erano ancora solo le 4:00, di sicuro sarebbe stato in grado di finire e consegnare alla signora Jones il riassunto che aveva richiesto alla fine della giornata.

Kelly si appoggiò allo schienale della sedia e appoggiò i piedi sul tavolo mentre riattaccava l’ultima chiamata ai clienti della giornata. Come sospettava, tutti andavano d’accordo ed è stato bello parlare con molti di loro perché avevano nuove idee imprenditoriali per la sua azienda. Naturalmente, non l’avrebbe fatto sapere a Brian.

Ha anche controllato il tempo e ha pensato a cosa sperava compi questo pomeriggio prima che il giorno cambi. Kelly ha ripensato alla mattina e ha ricordato la sensazione del cazzo del suo nuovo ragazzo dell’ufficio nella sua mano e la sensazione della sua faccia sepolta nella sua figa.

La porta del suo ufficio era ancora chiusa, il che le dava privacy, per un momento la sua mano sinistra raggiunse il suo seno e la strinse, poi tirò un capezzolo attraverso la sua vestaglia. Per solo un secondo, l’altra mano di Kelly ha iniziato a salire dall’interno della coscia fino alla figa nuda e pelata, e ha pensato di chiamare il suo ragazzo e usare il suo cazzo o la sua lingua. “No”, pensò mentre si sedeva e si aggiustava il vestito, “ha ancora molto da imparare”.

Kelly guardò di nuovo l’orologio. per quella taglia, non avrebbe ottenuto molto; iniziò a prepararsi per uscire per la giornata.

Brian stava scrivendo il suo curriculum per la signora Jones quando la porta del suo ufficio si aprì; ed è uscita portando la borsa e il cappotto, pronta per partire.

“Hai quel riassunto per me?” chiese Kelly.

Ancora mezzo assorbito da quello che stava facendo, l’improvvisa severità sconvolse Brian, “Umm…io…ah…sto solo scrivendo.” balbettò Brian.

“Quello che ti ho detto quando hai lasciato il mio ufficio presto, ragazzo.” chiese Kelly.

“Uh… io… lei ha detto di fare un riassunto entro la fine della giornata, signorina,” rispose, inciampando nelle sue parole.

“Davvero? Non credo sia quello che ho detto.” Lo guardò con uno sguardo deluso.

Brian era confuso, pensava di aver fatto bene quel pomeriggio e stava per finire gli ultimi compiti della giornata. Perché era delusa. “Io…uh…penso…mi hai dato i rapporti e volevi quel promemoria entro la fine di…”

Kelly lo interruppe: “So cosa ho detto”. Si accigliò. Brian non poteva più rivolgersi a Mrs. Jones dritto, gli occhi che cadevano sulla sua vita mentre era in piedi proprio dietro il suo tavolino. Improvvisamente si ricordò di come gli aveva messo le mutandine sporche nel taschino della camicia.

“Mi dispiace signorina…” Cominciò a implorare, la sua delusione evidente.

Ancora una volta è stato tagliato, Kelly ha continuato: “Ti ho detto di farmi un riepilogo prima di partire per la giornata, e me ne vado per la giornata”.

Brian non aveva capito la distinzione nelle istruzioni, ma come avrebbe fatto a sapere quando lei se n’era andata. Si è persino opposto al fatto che il suo capo facesse del suo meglio per esprimere sottomissione: “Mi dispiace signorina, ho quasi finito”.

Kelly poteva vedere l’espressione di sgomento diffondersi sul viso di Brian. Sapeva che stava prendendo il controllo e che lui voleva davvero fare il possibile per compiacerla. Posò la borsa e il cappotto sulla scrivania e allungò una mano, tenendogli il mento a coppa nella mano, sollevando il viso per guardarlo negli occhi.

Si addolcisce un po’ mentre si avvicina un po’, “Sai cosa ho detto sul seguire le indicazioni.”

“Sì, signorina. Mi dispiace, signorina.”

Kelly lasciò andare il mento di Brian e si chinò ancora più in basso in vita. Con la sua faccia ora vicino al suo orecchio, Brian guardò oltre la sua spalla e poté vedere la curva del suo culo. Il suo cazzo iniziò a indurirsi pensando a come appariva il suo corpo nudo quella mattina. La mano di Kelly scivolò lungo il suo petto, sopra il suo stomaco, e iniziò a strofinare il cazzo di Brian attraverso i suoi pantaloni.

Adesso praticamente tubò, respirando nel suo orecchio, “Volevo così tanto darti una ricompensa questo pomeriggio.”

Brian gemette solo per un secondo quando il suo cazzo iniziò ad avvicinarsi alla sua dimensione massima sotto le manipolazioni del suo capo. “Mmmmmmm…” la sua testa si piegò all’indietro ei suoi occhi iniziarono a chiudersi.

Improvvisamente la signora Jones si alzò a sedere. Anche Brian si alzò a sedere, i fianchi sporgenti in avanti mentre cercava la mano che era appena stata al suo inguine, intravide solo brevemente il suo petto lentigginoso mentre il suo vestito si slacciava prima che lei gli afferrasse di nuovo il mento.

Questa volta, con molta meno tenerezza, riportò gli occhi sui suoi. “Termina questo rapporto. È meglio che tu sia alla mia scrivania quando arrivo domani mattina”, ha chiesto Kelly.

“Sì, signorina,” rispose Brian, mentre la sig. Jones lasciò la presa sul mento e raccolse le sue cose dalla scrivania.

“Penso di volere anche una tazza di caffè fresca domani mattina, assicurati di fare un salto al negozio all’angolo e di prenderla anche per me.”

La portata dei loro rispettosi doveri era ancora una volta chiara a Brian: “Sì, signorina”.

Kelly si voltò e si diresse verso la porta esterna dell’ufficio. Brian vide il suo culo dimenarsi nel suo vestito attillato, e il suo cazzo pulsava di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *