Mio marito mi ha chiamato nel momento sbagliato!

di | 9 de Dicembre, 2022

Una volta ogni due mesi le ragazze si incontrano. E sono quasi sempre presenti: Bruna e Renata che sono mie amiche dai tempi dell’università, Ana che lavora con me. E ho preso Flávia, la moglie di Alcides, te la ricordi? È diventata una delle mie migliori amiche dopo questa vacanza a Péroube.

Di solito ci riuniamo solo per bere, ridere e parlare male dei mariti kkkk. Di solito compaiono altre ragazze, amiche dell’una o dell’altra, ma c’erano regole molto chiare per andare. Loro erano: che sono solo donne, è vietato portare fidanzato, marito e così via e quello che è successo o è stato detto in riunione, è morto in riunione. È così che è nato il nostro Clube da Lulu ahahah.

All’ultimo incontro, Bruna, che si era appena separata, ci ha proposto di andare in una pagoda e ovviamente non sarebbe finita “bene”, ma credo che in fondo fosse quello che volevano tutti Kkk Quel giorno, tutti ma proprio tutti! Almeno bacio sulla bocca, si baciarono. E guarda, tranne Bruna, tutti gli altri erano sposati o avevano una relazione seria.

Mi sono fatto un ottimo affare! Si chiamava Adriano e lì aveva molto successo, le donne lo guardavano sempre. Guardando i bambini giocare nella pagoda, siamo rimasti lì. Dando le spalle ad Adriano, ho ballato in punta di piedi, facendo scivolare il culo sul volume del suo cazzo e lui ha sorriso alla mia provocazione. Tenendomi per la vita, Adriano mi baciò e strofinò il suo volume molto forte sulle mie natiche, il che mi fece salire il vestito, lasciandomi a volte un po’ scoperta.

Ho indossato un abito corto con stampa floreale, molto ampio, e sandali con tacco alto. Ad un certo punto sento squillare il cellulare, lo tiro fuori dalla borsa e aff… è Rodrigo e ho già due chiamate perse da parte sua. Chiudo la chiamata, pensando: “Sa che la regola è di non disturbarmi nei giorni degli appuntamenti con le ragazze”. Appena ho messo via il cellulare, ho sentito che Adriano mi mordicchiava l’orecchio, il collo, e un attimo dopo stava baciando quella bocca deliziosa.

Altre storie erotiche  Ho portato mia moglie a dare la figa al muratore

La pagoda è stata fatta improvvisare in un autolavaggio, era proprio di periferia e buonissima! Prendendomi per mano, Adriano mi condusse fuori da questo posto e attraversammo la strada. Ha aperto la portiera di una Corsa blu e mi ha detto di salire, ho fatto in fretta.

Appena siamo saliti in macchina, ho messo la mia borsa sul sedile posteriore e ho subito succhiato il tuo delizioso cazzo. E non devo nemmeno dire che questa fottuta cosa è stata enorme, giusto? Mentre lo succhiavo l’ho sentito chiamarmi puttana, puttana e altre cose. Fuori, la gente passava davanti alla macchina e addirittura guardava, ma la loro mancanza di espressione mi ha fatto credere che la pellicola scura sui finestrini stesse oscurando completamente il nostro momento.

Ha completamente abbassato il mio sedile e anche il suo. Mi sono tolto il vestito, i sandali e le mutandine. Peladinha mi avvicinò a lui e tenendo quel cazzo su cui era seduto molto lentamente, godendosi senza fretta quella cosa deliziosa che mi stava riempiendo.

Ho iniziato a cavalcare e ricordo vividamente di aver visto donne e uomini, tutti ben vestiti, camminare per strada. Probabilmente stavano andando in una chiesa. Hanno notato i movimenti peccaminosi della macchina e le loro espressioni mi hanno reso ancora più cattivo. E così ha continuato a rimbalzare ancora più forte su quel cazzo.

Finché il mio cellulare non squillò di nuovo, non mi importava e continuai a cavalcare il cazzo di Adriano ea baciarlo. Dopo un po’ il cellulare squillò di nuovo, poi Adriano si arrabbiò, prese il cellulare dalla mia borsa e me lo porse. Ops, era di nuovo Rodrigo! Ma ora mi ha eccitato… hmmm. Con un dito in bocca ho chiesto ad Adriano di stare zitto e ho risposto.

– Ciao amore mio… – dissi affettuosamente.

– Ciao Tai, ti chiamo solo per chiederti se hai visto il mio portafogli, non lo trovo,

Uffa Rodrigo, non posso credere che mi chiami solo per questo…

E mi sono rotolato sul cazzo di Adriano ridendo maliziosamente e lui mi ha stretto il culo con entusiasmo. Adriano ha tirato fuori dalla tasca il cellulare e ha iniziato a filmare la situazione! Safado, sono contento che non sia diventato virale. E ho messo la mano sul cellulare che copre la fotocamera, facendo un incantesimo, come se gli stessi chiedendo di non farlo, ma in fondo lo amavo.

Altre storie erotiche  Non mi arrenderò, 9

Adriano ha iniziato a spingermi più forte nel becco, facendomi impazzire! Era difficile contenere i miei gemiti. Mi morsi persino il braccio sentendo quel cazzo caldo che mi fotteva e anche quelle mani che mi stringevano allegramente i seni. Rodrigo continuava a non trovare il portafogli e continuava a parlare e borbottare e io non riuscivo nemmeno a prestare attenzione.

Finché non vengo! Ho messo a tacere il cellulare ed ho emesso un gemito buono, ma molto gustoso e insieme ho sentito lo sperma di Adriano inondarmi la figa.

– Ecco qua… credo sia sullo scaffale in salotto… – dissi sdraiandomi sul corpo di Adriano e baciandogli il petto fino a raggiungere la sua bocca. Si sentiva persino la voce di Rodrigo echeggiare in macchina.

– Ho trovato l’amore! Wow mi hai salvato amore, eri lì, non so cosa farei senza di te nella mia vita.

– Idiota… – risposi sentendo il cazzo di Adriano prendere vita.

Rodrigo sbottò all’improvviso parlando di una pipa scoppiata in cucina. E stavo già iniziando a diventare impaziente. In quel momento Adriano mi ha sussurrato all’orecchio “Voglio fotterti il ​​culo”, wow mi sono sfinito quando l’ho sentito. Tenendo in mano il cellulare, scesi da Adriano e mi sdraiai sull’altra panca.

– Chiama Seu Francisco, amore mio, sta confondendo queste cose… – dissi a Rodrigo mentre sentivo Adriano sputarmi nel culo e metterci dentro due dita, facendomi a pezzi.

Ho cercato di non emettere un gemito. All’improvviso quel cazzo entra e mi lacera le guance costringendomi a silenziare di nuovo il cellulare, poi mi aggrappo alla porta gemendo intensamente.

– Tesoro, devo riattaccare, le ragazze mi stanno aspettando lì – dissi, mostrando un po’ di disperazione nella mia voce e la zittii di nuovo e continuai a gemere con Adriano che mi pompava il culo.

Altre storie erotiche  la nuova normalità, 2

Il mio corpo a volte sbatteva contro il freno della madre, il che mi faceva un po’ male, ma ero così eccitato che non mi importava nemmeno, volevo farmi scopare per bene con questo gustoso rifiuto. “Dille che la ami…” mi sussurrò all’orecchio Adriano con una risata maliziosa nella voce.

E io non sapevo nemmeno di cosa stesse parlando Rodrigo, so solo che dal nulla ho detto – Amore… amore… ti amo tanto… – C’era silenzio durante la chiamata e forse il rumore le banche stavano facendo avrebbero potuto denunciare il fatto. O la mia dichiarazione improvvisa suonava un po’ strana o sbagliata. Il cuore mi è balzato in bocca in quel momento – Rodrigo? – dissi cercando di controllare i miei gemiti.

Poi Adriano è venuto a riempirmi il culo di sperma.

-Rodrigue??!! – Restless, je l’ai rappelé jusqu’à ce qu’il réponde enfin – Désolé mon amour, j’étais en train de verrouiller le portail, je vais acheter de quoi réparer ce tuyau de cuisine donc je te laisse seul avec tes amis , Prenditi cura di te…

Siamo rimasti lì in macchina per un po’, abbracciati, poi siamo tornati alla pagoda. Alcune ragazze erano già andate via, ho visto Flávia e Bruna, entrambe colpire e prendere in giro un maschio. Sono rimasto ancora un po’, ho chiamato un Uber e me ne sono andato. Adriano voleva anche portarmi, ma io non gliel’ho permesso. Immagina se Rodrigo o uno qualsiasi dei pettegoli per strada mi vedesse uscire dall’auto di un altro uomo.

E indovina chi c’era alla porta con Rodrigo? Oh bastardo del mio vicino! Il tuo Francisco Rodrigo ha seguito il mio consiglio ed è andato a chiedere il suo aiuto, ci siamo solo salutati e sono andato a farmi una doccia.

Fare sesso in macchina su strade pubbliche è molto piacevole, vero? Qualcuno ce l’ha fatta?

taianefantasia@gmail. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *